LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Commediaccia storica, che puntando decisamente al doppio senso fin dal titolo (che ha fatto epoca) imbastisce poi una storia assolutamente pretestuosa utile solo a dare una vaga organizzazione a una serie di scenette d'impronta barzellettistica a sfondo prevalentemente erotico. Il soggetto prevede l'arrivo a Roma della veneta Lory Del Santo, assunta come infermiera dal dottor Patacchiola (Bombolo), il quale la ospita a casa facendole fare la cameriera. Sposato con moglie ninfomane (Dagmar Lassander), padre di una figlia svampita (Michela Miti) e di un figlio ritardato (Fabio Grossi) con nonno porcellone a carico (Riccardo Billi), Patacchiola passa la sua giornata tra casa e studio medico, dove visita le pazienti facendole regolarmente spogliare....Leggi tutto Cicero non lesina in nudi (anche se mai integrali): la stessa Del Santo si spoglia in continuazione facendoci apprezzare la sua splendida figura sinuosa, mostrando abbondantemente tette e culo. Ritmo vivace, spiritosaggini da caserma, un cattivo gusto che lambisce il surreale e una trafila impressionante di caratteristi: tra i più noti Enzo Andronico (fa l'esibizionista), Martufello (usato addirittura per una doppia parte "mascherata"), Ennio Antoneli (controllore sul treno che approfitta delle grazie di Moana Pozzi priva di biglietto), Sergio Di Pinto (al bar), Giovanni Attanasio (il portiere), Franco Bracardi (il barbone in treno). Tutti insieme per infilare doppi sensi erotici (spesso con inediti riferimenti alla sodomia) e siparietti che di frequente s'inseriscono a forza tradendo l'origine barzellettistica dell'operazione. La foca c'è davvero e la Del Santo se la porta in giro in carrozzina (celeberrima la gag del cieco che le incontra al parco: "Hai visto che foca?", e il suo cane: "che Dio la benedoca!").
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Deepred89 22/04/07 13:02 - 3294 commenti

I gusti di Deepred89

Un cult della commedia erotica italiana, anche se in fin dei conti come film non è un granché. La storia non è altro che una serie di scenette piuttosto volgari ma spesso abbastanza divertenti; gli attori funzionano abbastanza e le musiche sono discrete. Peccato che la totale assenza di una trama che possa considerarsi tale si faccia spesso sentire. Da vedere solo per la sua fama.

Il Gobbo 27/07/07 08:55 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Capolavoro di Nando Cicero, che sotto le mentite spoglie del barzelletta-movie celebra il funerale di un'epoca irripetibile del nostro cinema, di cui ormai si profilava la fine, con un macigno di volgarità, dadaismo (l'idea stessa del film, lo sketch di Cavallo, la scena dei piatti da lavare) e sovversione dei clichè (Bombolo dottore e sposato con la Lassander!). Battute epiche, come la risposta della Pozzi alla Del Santo circa le possibilità di raggiungere Reggio Calabria senza biglietto. Radicale e definitivo.

G.Godardi 31/07/07 17:20 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Lory del Santo nel paese delle barzellette. Apoteosi, nonché epitaffio del barzelletta movie (e non solo). Colpisce più che altro per la sua ottima resa filmica (i soldi per farlo c'erano, essendoci Juso alla produzione), per lo straordinario cast che ruota al suo interno e soprattutto per la deriva surreale e iconoclasta delle gag. Finalmente un ruolo da protagonista per Bombolo, qui davvero impagabile. Debitore a suo modo del dittico pierinesco di Vitali/Girolami. Chissà, con la regìa, di Cicero che avrebbe combinato Alvaro Vitali...

Undying 1/08/07 17:48 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Il film di Nando Cicero, realizzato nel 1982 (quindi alla fine della stagione delle commedie sexy), è andato incontro a censura e sequestro. E' stato presentato nel 2004 al Festival di Venezia (e Tarantino ne ha tessuto le lodi!) dopo ben 22 anni di oblìo assoluto. Il film si avvale della presenza di personaggi eterogenei (anche Moana Pozzi), con un Bracardi che scherza su Maurizio Costanzo (prima di diventare il suo "galoppino"). La Del Santo è un bel vedere e Bombolo -come sempre- uno spasso; ma la foca non ci incastra proprio niente!

TomasMilia 23/11/07 13:53 - 157 commenti

I gusti di TomasMilia

Commistione tra commedia sexy e barzelletta movie che celebra la morte di entrambi i generi (siamo nel 1982!). Lory Del Santo sensuale e svampita copia Carmen Russo. Grandissimo il cast di contorno ma Bombolo, protagonista maschile della storia in un ruolo a lui inusuale, è grandissimo come sempre. Molti i “riferimenti” al sesso anale e alla masturbazione femminile (con tanto di dita), cosa piuttosto rara per questo genere di film. Apoteosi di doppi sensi. Gag trivial-sessuali spassosissime.
MEMORABILE: “Eh no, i piatti li lavo io ma non dateje la vasselina a questo che se no ce se 'nchiappetta a tutti e due”.

Fabbiu 16/02/08 20:32 - 1950 commenti

I gusti di Fabbiu

Piacere a vederlo sinceramente ne ho avuto, ma solo ed esclusivamente per le espressioni spassosissime di Bombolo e per una sterminata dose di bravi caratteristi conosciuti tra famosi e minori (c'è addirittura Martufello). Come film sinceramente scade pietosamente: un barzellettistico erotico, con un alto grado di squallore che non percepivo dall'ultima volta che vidi Arrapaho. Molte gag fanno cascare le braccia, ma certe particolarità meritano, come il tipo al cinema, devastato dai tic (sembra voler copiare Alfonso Tomas). Povera foca...
MEMORABILE: La comparsata di Jimmy il fenomeno; il commento del cieco al cane.

Homesick 19/04/08 17:53 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Infimo e trashissimo film barzelletta tutto giocato su allusioni e doppi sensi sempre a sfondo sessuale, con forte predilezione per le sodomie. C’è qualche gag divertente (specie quella del cinema, con “Pasquale!” e i i tic di Vagliante, e quella con Adami cornuto), una presenza felicemente straripante di Bombolo e un ricco cast di caratteristi che garantiscono alcuni attimi divertenti in mezzo allo squallore totale. Resta comunque una testimonianza storica per una commedia all’italiana che non c’è più.

B. Legnani 4/10/09 01:57 - 4752 commenti

I gusti di B. Legnani

Incredibile film, fatto di barzellette infilate una dietro l'altra, con qualche pesante volgarità, ma che ha dalla sua, almeno, un tono surreale (Mereghetti), il coraggio del suono in presa diretta e, in mezzo a situazioni non troppo funzionanti, alcune trovate irresistibili (la bici da donna, l'eco...). La Del Santo non sa granché recitare, ma ha volto e corpo perfetti per il ruolo, mentre Bombolo qui è grandissimo. Apparizioni dei francociccieschi Enzo Andronico e Alfredo Adami. Fra i non accreditati, ruoli vistosissimi per Lina Franchi e per tre Luciano: Foti, Zanussi e Bonanni!

Enricottta 5/12/09 16:27 - 507 commenti

I gusti di Enricottta

Le banalità, il pecoreccio, il non sense per un film che riesce a reggere questo ed altro, forte di un potere assolutamente occulto che nessuno negli anni ha scalfito: misteri della "foca". Cicero rimette ai posteri il giudizio del suo operato, tanto è vero che, già durante la programmazione, la distribuzione secondo me avrebbe dovuto ringraziare l'ufficio stampa: si creò un caso costruito sul nulla.

Ciavazzaro 23/12/09 10:56 - 4764 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Non proprio un capolavoro, anzo persino un po' sopravvalutato. Protagonista l'acerba Lory Del Santo e un bel cast di caratteristi e di bellezze del nostro cinema (la Lassander), però la storia non funziona benissimo, tra un doppiosenso e l'altro. Sopravvalutato.

Stefania 8/07/10 04:17 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

L'idea della foca come animale da compagnia è geniale: se ho continuato a guardare il film è stato per via di quel "gancio"! E' la materializzazione di un doppio senso, è l'incarnazione dell'assurdo. Le dive del muto giravano con un leopardo al guinzaglio, la Del Santo gira con una foca in carrozzina! Film quasi completamento disarticolato, sfrenatamente greve, non fa quasi mai ridere, piuttosto lascia increduli, storditi, tutto sommato ammirati se non altro per il suo sfrontato estremismo.
MEMORABILE: Che dire... la Lassander col negro, le disavventure della Del Santo dopo che ha rubato la pelliccia... la foca "curata" da Bombolo!

Rambo90 20/05/10 23:55 - 6402 commenti

I gusti di Rambo90

L'intera sceneggiatura sembra costruita su una serie di barzellette (nemmeno tanto originali) ma qualche risata la si fa grazie ad un folto cast di caratteristi capitanato da Bombolo (in gran forma). La sua fama è sicuramente spropositata perché si tratta comunque di un filmetto comico non riuscitissimo, ma i vari sketch presi singolarmente possono risultare gradevoli. La Del Santo è bella quanto incapace di recitare.
MEMORABILE: La foca che ruba la parte di sotto del costume a Lory Del Santo.

Cangaceiro 13/08/10 20:22 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Trattandosi di un collage di barzellette e trivialità assortite il valore è diseguale. Nel complesso comunque non c'è male. Il dazio da pagare è sorbirsi la Del Santo che cerca di recitare in presa diretta: quando c'è solo lei in scena il film precipita. Poi, a livello estetico, la Miti è molto più "foca" dell'impacciata protagonista. Lo sterminato stuolo di caratteristi non può non tirar fuori qualcosa di buono anche solo improvvisando così come viene. Parecchie le scene che rimangono impresse scatenando la risata, ricorrendo a volte a volgarità spinte.
MEMORABILE: Bombolo che visita una ragazza sordomuta; i tic di Vagliante al cinema.

Manowar79 28/09/10 19:24 - 309 commenti

I gusti di Manowar79

Laurenti gira La sai l'ultima sui matti, Cicero risponde basandosi sullo stesso prototipo, quello dell' "antologia" di barzellette all'epoca forse ancora poco inflazionate. Ma oggi? Dalle due dita che fischiano al "oh Dio, vengo!", ogni gag è ormai risaputa, pertanto inefficace. Laurenti, almeno, era riuscito ad avere la Rizzoli nel cast, mentre a Cicero tocca la Del Santo. Persino Bombolo sembra svogliato, il che la dice lunga. Il titolo è una furbata, così come il mettere in evidenza il nome di Michela Miti, in piena Pierino-era. Evitabile.

Disorder 18/12/10 10:52 - 1408 commenti

I gusti di Disorder

Non certo un capolavoro, ma con un titolo così mi aspettavo di peggio! Ovviamente si tratta della solita commediaccia sexy-trash; però, anche se siamo al crepuscolo del genere, qui si ride ancora. La girandola di caratteristi, capeggiata da Bombolo, funziona e strappa il sorriso anche in gag volgari e tritissime. Nota di merito anche a Lory Del Santo, che con la sua aria perennemente straniata dona un tocco surreale alla produzione (e poi è sempre un bel vedere!). In qualche modo, promosso.
MEMORABILE: Il buzzurro col panino, sul treno; la partita a tennis Bombolo-Del Santo.

Giùan 28/04/11 18:57 - 3019 commenti

I gusti di Giùan

Difficile parlare di un film il cui stesso titolo è diventato l'epigrafe iperbolica di un'epoca del cinema italiano. La verità è forse che pochi han davvero guardato l'Opera (che di questo si tratta) di Nando Cicero, il quale semina il film di bordate surrealiste e dadaiste senza soluzione di continuità tenendo come modello evidente Il fantasma della libertà (sessuale?) Bunueliano. Canovaccio barzelletistico? Forse, ma ogni quadro del film è al contempo compiuto eppure carico di esplosiva forza anarchica. Dirompente Bombolo, funzionale Lory.
MEMORABILE: L'incipit in treno con Bracardi barbone e Moana che si concede a Ennio Antonelli. Le gag di Bombolo nello studio medico: da schiantarsi.

Tarabas 19/02/12 20:38 - 1706 commenti

I gusti di Tarabas

Come per l'Ubalda, più un titolo che un film. Incredibilmente per me, ebbe l'onore di una dotta dissertazione (da parte del critico Sergio Grmek Germani) e di un passaggio alla Mostra di Venezia in retrospettiva. Del resto, anche la protagonista è spessissimo ripresa retrospettivamente, non avendo molto altro da offrire quanto a recitazione. Il film è in sostanza un catalogo di barzellette cucite insieme a malapena, con tocchi di bizzarro humour surreale non si sa quanto voluto. Clamoroso al Cibali, strappa due stelle al Mereghetti. A me, no.

Shannon 18/12/12 09:09 - 72 commenti

I gusti di Shannon

Commediaccia senza capo né coda, ottenuta incollando una dietro l'altra numerose scenette zeppe di doppi sensi. Premesso questo, il film è talmente strampalato e il ritmo tanto incalzante che lo si vede quasi volentieri. Del resto la foca ha sempre il suo fascino.
MEMORABILE: La folgorante battuta di Moana Pozzi; Dagmar Lassander sposata a Bombolo; La partita a tennis fra Bombolo e Lory Del Santo: sospesa!

Ryo 26/08/13 00:11 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Sequela di scenette semi-collegate fra loro da un debolissimo filo conduttore. L'intera operazione è un mero pretesto per mettere in scena un susseguirsi di barzellette più o meno divertenti (tra l'altro neanche fra le più ricercate: la maggio rparte le conoscevo tutte grazie a Gino Bramieri o a Benito Urgu). Bombolo stavolta non prende schiaffi, ma li dà, ma rimane sempre rinchiuso nel suo tipico personaggio. Ricchissimo di camei dei maggiori caratteristi dell'epoca. Lory Del Santo in forma, ma solo per quanto riguarda il fisico.
MEMORABILE: La gara del silenzio.

Herrkinski 25/10/13 03:25 - 5216 commenti

I gusti di Herrkinski

Sul finire della commedia sexy all'italiana si tenta da più parti il barzelletta-movie, ultima e definitiva deriva del genere; tra i pochi ma indimenticati esempi questo rimane uno dei più noti, se non altro per il titolo. Una serie di gag senza un filo conduttore, freddure e battutacce sconce da cesso della stazione, scorregge, culi e tette, ripetuti riferimenti alla sodomia, una vera foca (!) e via delirando. Bombolo protagonista, ma si ride poco o nulla; plauso per i tanti caratteristi, ma il film è tremendo, seppur tecnicamente corretto.
MEMORABILE: L'incipit sul treno; La partita di tennis.

Geppo 4/11/13 21:07 - 288 commenti

I gusti di Geppo

Mitico barzelletta-movie rimasto per secoli invisibile, all'epoca sequestrato e maltrattato. In realtà il film di Nando Cicero non ha una vera e propria trama, semplicemente si passa da una barzelletta all'altra. Cicero era il maestro di questo genere di commedie, inventava personaggi strani e divertenti e qui sa dirigere bene la Del Santo. Troviamo poi un Bombolo abbastanza diverso del solito che interpreta un medico marito della Lassander (cosa abbastanza surreale). Ricco di ottimi e bravi caratteristi. Un mio cult personale!
MEMORABILE: Franco Bracardi incontra Lory Del Santo con la foca nella carrozzina: "Ma chi è questo... il figlio di Costanzo?"; Italo Vegliante al cinema.

Trivex 7/04/14 15:15 - 1498 commenti

I gusti di Trivex

Decisamente meglio del previsto pallino singolo. È un film dalla volgarità senza pudore, aggravata dalla confezione decisamente 80s, un pelo patinata e per questo il risultato fa più impressione rispetto al "tipicamente grezzo" dei 70s. E devo dire che un Bombolo così scatenato ed efficace non mi era mai capitato di vederlo. Il film è pure dotato di un certo ritmo, non annoia (quasi) mai, anche se per guardarlo occore essere assolutamente preparati a situazioni indiscutibilmente per adulti. E per finire la cosa più importante: a volte si ride per davvero!

Markus 26/08/14 12:44 - 3311 commenti

I gusti di Markus

Salvo la fugace uscita nei cinema (prima del sequestro nel 1982), il film è sostanzialmente stato visto dal 2004 in seguito allo sdoganamento e all’uscita del dvd, quindi gran parte della fama acquisita da "W la foca" è data dall’impossibile reperibilità - per due decenni - di un titolo così succoso e promettente. Cicero con grande maestria segue il filone allora in voga dei barzelletta-movie per cucire scenette volgari ma spesso di grande efficacia ridanciana grazie a un Bombolo in stato di grazia. Il lato pruriginoso dell'opera è assicurato dalla Del Santo.

Fedemelis 30/10/14 10:07 - 31 commenti

I gusti di Fedemelis

Per metà film volgarità (gratuita) e doppi sensi riescono a dare senso a una trama e al titolo stesso, mentre nella seconda metà il film peggiora sempre di più diventando semplicemente una sequenza di inguardabili scenette, peggiorate dalla pessima interpretazione dei personaggi e della stessa Lory Del Santo. Un film che deve ringraziare la censura per avergli dato un minimo di notorietà, che da solo non avrebbe avuto assolutamente.

Schramm 28/12/14 15:52 - 2418 commenti

I gusti di Schramm

Cicero pro domo sua, alle prese con un vergognoso barzellettiere di incommensurabile squallore, incapace di annoverare un secondo che riesca a predisporre al sorriso manco pagati un tanto a frame e di interrompere per pochi attimi un burino umorismo discount di pessima sottomarca tutto battutacce antidiluviane, che tradiscono una sovrana sfiducia nell’intelligenza e nella preparazione del pubblico, medio o meno che sia. Siamo senz’altro a una delle massime punte ipogeiche della storia della commedia nazional-popolare manco buona per il più bove dei popolini. Se si ghigna è per la facio rictus.

Gabrius79 1/02/15 02:12 - 1199 commenti

I gusti di Gabrius79

Celebrato film ultra trash che con una trama piuttosto insipida lascia spazio a qualche grassa risata per merito di un buon Bombolo. Ci sono le curve di Lory Del Santo a completamento di tutto; per il resto c'è ben poco da dire perchè la sceneggiatura fa decisamente acqua da tutte le parti.

Pinhead80 25/03/15 11:25 - 3970 commenti

I gusti di Pinhead80

Il buon Nando Cicero elabora tutta una serie di barzellette più o meno riuscite e le incolla alla bell'e meglio a una sceneggiatura inesistente. A rendere gradevole il film ci pensano le protagoniste femminili (Del Santo e Miti in eccellente forma) e Bombolo, vero valore aggiunto con le sue smorfie e i suoi schiaffoni. Con gli anni è diventato un vero e proprio scult e confesso che ne comprendo anche il motivo: la nostalgia per un cinema pecoreccio ma divertente che non esiste più.

Taxius 27/03/15 14:53 - 1645 commenti

I gusti di Taxius

Un insieme di barzellette sporche anche molto spinte. Durante la visione le risate non mancano, soprattutto grazie all'immortale Bombolo e alla bellissima Lory Del Santo. Certo non siamo davanti al "grande cinema" ma a una simpatica commedia sexy, molto più divertente e meno volgare degli ultimi cinepanettoni targati Boldi/De Sica. Inquadrato nel suo genere merita la sufficienza.

Azione70 9/11/15 16:00 - 145 commenti

I gusti di Azione70

Strampalato collage di barzellette scollacciate e volgarità varie. Nonostante ciò il film può essere considerato la punta massima del trash italiano e per tale motivo sfiora il capolavoro. Tutti gli ingredienti sono infatti utilizzati al massimo livello, dalle scene di nudo (Del Santo, Miti, Lassander e non solo) all'espressività di Bombolo (impareggiabile), al ruolo delle comparse, ai dialoghi spesso totalmente non-sense. Cicero confeziona un film da italiani medio-mediocri e si dimostra un vero genio. Musiche in parte riciclate. Da vedere!
MEMORABILE: Dialogo tra donne: "Al centro profughi ho conosciuto un ragazzo con 28cm!" "Era Alì?" "Sì, come lo sai?" "Beh, lì di 28 ce n'è uno, tutti gli altri ne han 31!"

Matalo! 26/01/16 19:56 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Ormai siamo inibiti, dopo un decennio stracult, a parlare di questi film in libertà. Comunque: barzellettamovie sgangherato quasi un Che? alla burina. Ma Cicero inserisce momenti impagabili tra le crasi del montaggio. Lory incredibile ma davvero adorabile. Bombolo ad alto livello. Miti decorativa. Un film delle pratiche basse con una sua soavità che giustamente non è sfuggita ai più attenti. Andronico maniaco regala un breve flash del tutto folle.
MEMORABILE: Victor Cavallo stigmatizza il regista che fa la solita battuta che segue il "W la foca"; Lory con la foca in passeggino.

Vito 18/03/16 13:27 - 662 commenti

I gusti di Vito

Sottoposto a sequestro nel 1982 e scomparso dalla circolazione fino al 2004, è un divertente barzelletta-movie con un Bombolo in stato di grazia e sexy-attrici del periodo al loro meglio (la Del Santo, la Miti e la Dagmar Lassander). Ricco di doppi sensi e gag a sfondo sessuale, è ormai un cult assoluto per i fan della cosiddetta commedia scoreggiona italica.
MEMORABILE: La presenza cult di Moana Pozzi sul treno; Bracardi che vedendo la foca esclama "Ma chi è questo? Er figlio de Costanzo?"; Il cameo del regista Cicero.

Faggi 29/06/16 20:02 - 1507 commenti

I gusti di Faggi

Mi ha divertito. Come boiata ha diverse qualità: la presa diretta, per esempio e il cast che fa il suo dovere senza sbavature; la trovata della foca è eccezionale e sarebbe piaciuta ai surrealisti. Siamo nei territori del triviale e dello sguaiato ma l'insieme non è formalmente volgare e c'è sincerità di intenti. Il finale è un finale qualsiasi perché il tutto poteva proseguire "all'infinito". Dopo alterne e curiose vicende si è guadagnato lo status di cult-movie (a mio avviso con merito).

Minitina80 23/06/16 22:02 - 2368 commenti

I gusti di Minitina80

Una trama vera e propria non esiste, ma a differenza di altri suoi pari non si può negare che il film regga discretamente dall’inizio alla fine. Il ritmo è tirato e ogni scena è un pretesto per recitare una battuta boccaccesca dal facile doppio senso. Forse è stato esageratamente sopravvalutato, vuoi anche per le traversie che ha subito, ma non è giusto affossarlo di rimando perché il sorriso, comunque, occasionalmente lo strappa, grazie soprattutto a un Bombolo in palla e ai tanti caratteristi che ne hanno preso parte.
MEMORABILE: Del Santo: “Ma lei dove va?”. Pozzi: “A Reggio Calabria... se mi regge il...”

Pessoa 13/01/17 21:14 - 1183 commenti

I gusti di Pessoa

Una reunion di caratteristi del nostro cinema B che quasi mai colgono i tentativi offroad nel surreale di Cicero, che come sempre fa di necessità virtù e riesce a mettere su un'ora e mezza di pellicola più o meno guardabile con i soliti quattro soldi. Unica eccezione Bombolo, che si prende sul serio nel ruolo del medico famoso e interpreta con ingenua leggerezza il ruolo della vita. Alla fine sembra l'unico davvero in parte. Trovo ingiustificate le rivalutazioni successive, fatte forse solo per recuperare gli incassi che al film erano mancati.
MEMORABILE: Bombolo quando usa termini professionali nell'esercizio della professione medica.

Bruce 14/07/17 17:29 - 1005 commenti

I gusti di Bruce

A distanza di trentacinque anni riesce a risultare, a tratti, ancora moderno, folle e irriverente. In questo senso è da considerare probabilmente l'apice della commedia italiana sexy, non tanto per i nudi che sono tutto sommato casti e limitati, quanto per la pesantezza di alcune battute e l'assurdità delle gag che vedono Bombolo protagonista, Bracardi, Martufello e tanti altri caratteristi maschili quali interpreti minori. Lory Del Santo, Dagmar Lassander, Micheli Miti e persino Moana sono le procaci bellezze femminili. Divertente.

Rufus68 8/04/18 00:17 - 3123 commenti

I gusti di Rufus68

Si vola basso, lo si intuisce subito, ma qui ci si sfracella a ogni scena. Non c'è una trama e si rifugge persino dai caratteri basici della farsaccia: siamo, infatti, a un elementare e deprimente collage di battute e situazioni da caserma (già datato nelle caserme del 1982) senza una minima luce di senso. Penosi tutti gli attori. Graziosa la Del Santo, bella la Pozzi.

Il ferrini 11/09/18 00:24 - 1704 commenti

I gusti di Il ferrini

Tremendo sotto ogni punto di vista, a partire dall'inesistente sceneggiatura composta da malassortite (e soprattutto stantie) barzellette, passando dalla pessima recitazione per arrivare a regia e montaggio che sbagliano praticamente tutti i tempi comici sottolineando e rimarcando là dove era già sufficiente l'imbarazzo. Lory Del Santo è quasi sempre ignuda e questo, per coloro a cui piace, può costituire l'unico motivo d'interesse. Grande pena per la foca costretta a recitare in questo abominio.

Paulaster 18/03/19 10:02 - 2831 commenti

I gusti di Paulaster

Ragazza andrà da Ivrea a Roma per fare l’assistente di un medico. Sceneggiatura come una sequela di gag in stile barzellette sconce in cui non si risparmiano pacche sul sedere, peti e docce. L’attenzione è sempre al doppio senso con l’inserimento trash di una vera foca. Bombolo è il migliore (e stavolta le sberle le dà) quindi figurarsi la Del Santo, Miti e compagnia (con cameo iniziale di Moana Pozzi). Le stesse musiche sono presenti anche in Asso, dell’anno prima.
MEMORABILE: Il tavolo sollevato; La pelliccia di foca come premio; Il latte fa bene al pelo; Lo spiffero; La foca in carrozzina.

Samuel1979 1/03/20 14:37 - 472 commenti

I gusti di Samuel1979

Fra i film più convincenti del genere che possiamo definire "trash"; una commedia priva di una vera e propria trama, è solo un susseguirsi di varie gag più o meno riuscite il cui tutto viene condito con innumerevoli sequenze di nudo dell'allora splendida Del Santo. Bombolo, a cui viene lasciato ampio sfogo, garantisce una considerevole dose di comicità nei panni di un insolito medico.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Capannelle • 6/11/10 22:38
    Scrivano - 2506 interventi
    Vero Stefania, infatti la Lory ha detto: "tutti mi chiedono di gossip o corna, è la prima volta che in tv mi fanno una domanda sulla politica".
  • Homevideo Gestarsh99 • 26/05/11 01:40
    Scrivano - 14801 interventi
    Disponibile in edizione dvd dall'08/06/2011 per 01 Distribution:



    DATI TECNICI

    * Lingue Italiano
    * Schermo Anamorfico 16:9
    * Audio Dolby Digital 2.0
  • Curiosità Tarabas • 19/02/12 20:41
    Formatore stagisti - 2062 interventi
    Il critico Sergio Grmek Germani scrisse un articolo (il Mereghetti lo definisce "lettura deleuziana") sul film sulla rivista Filmcritica.

    (Fonte: Il Mereghetti 2011)
  • Homevideo Rogerone • 23/12/12 12:55
    Galoppino - 178 interventi
    Confermo l'uncut del Dvd Federal : 88min 27sec.
    Non so il master usato dalla 01 distribution, ma dovrebbe essere lo stesso.
  • Discussione Herrkinski • 25/10/13 02:57
    Vice capo scrivano - 2301 interventi
    Curiosamente, ho notato che a Lucca esiste una piadineria che porta lo stesso titolo del film:

    http://www.facebook.com/WLaFoca
    Ultima modifica: 25/10/13 02:58 da Herrkinski
  • Discussione Kanon • 25/10/13 14:12
    Fotocopista - 813 interventi
    Herrkinski ebbe a dire:
    Curiosamente, ho notato che a Lucca esiste una piadineria che porta lo stesso titolo del film:

    http://www.facebook.com/WLaFoca


    Mai visto. Strano, perché da quella zona ci son passato anche di recente.
  • Discussione Raremirko • 25/10/13 23:42
    Addetto riparazione hardware - 3484 interventi
    Cameo di Maurizio Mattioli (fa il controllore sul treno, all'inizio)
  • Homevideo Trivex • 7/04/14 11:56
    Segretario - 1295 interventi
    La versione RaiMovie ha una durata di poco superiore a 1h24m.
  • Discussione Panza • 29/12/14 17:28
    Contratto a progetto - 4958 interventi
    Schramm all'inizio del suo commento: Cicero pro domo sua...

    Genio puro.
  • Musiche Mauro • 6/05/15 10:40
    Disoccupato - 9554 interventi
    C'è una scena dove mi pare che abbiano riciclato la colonna sonora di Asso (1981): si sente quando la Del Santo si affaccia per la prima volta dalla finestra che da su Via Bernardo Celentano (circa 30 minuti dall'inizio del film)