Vi presento Joe Black

Media utenti
Titolo originale: Meet Joe Black
Anno: 1998
Genere: sentimentale (colore)
Note: Remake di "La morte in vacanza (Death Takes a Holiday)" del 1934, già rifatto per la tv nel 1971.
Numero commenti presenti: 21

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/03/07 DAL BENEMERITO MAGNETTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Magnetti 1/03/07 15:36 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Che dire di questo film... L'idea è buona: la morte che si materializza sotto forma di agente del fisco (la battuta "Morte e tasse" è azzeccata) per portare via un infartuando. Cosa rovina il film: un Brad Pitt che se la cava ma che esagera nel crogiolarsi in quell'unica espressione facciale che stufa dopo un minuto. E poi la pettinatura: come se gli si fosse rotto un cocomero in testa. C'è anche il cattivo arrivista visto e stravisto. Si salva Hopkins.

Renato 11/11/07 17:06 - 1619 commenti

I gusti di Renato

Forse non sono riuscito ad "entrare" nel film, ma l'ho trovato francamente noioso. L'inizio era promettente, peccato poi che la trama si ingarbugli un po' troppo e che si sia dato troppo peso all'improbabile storia d'amore tra la Forlani e Pitt, che sarà anche bello e bravo ma qui è talmente fuori parte da rasentare il ridicolo involontario. Lo stesso finale mi è sembrato un po' improvvisato... Insomma, una delusione.

Galbo 13/11/07 05:58 - 11520 commenti

I gusti di Galbo

Film promettente sulla carta grazie all'introduzione della figura di un angelo della morte discretamente interpretato da Pitt che fa da contrappunto alla figura del miliardario Hopkins al quale deve portare via la vita ma con cui nel contempo instaura un rapporto simbiotico (con reminiscenze della sindrome di Stoccolma vittima-carnefice). Il limite del film è una sceneggiatura troppo articolata con parecchi tempi morti che si riflettono in una durata eccessiva di un film che, benchè curato nei particolari, non riesce ad avvincere.

Gugly 29/01/08 21:17 - 1017 commenti

I gusti di Gugly

Brad Pitt sarà anche bello, ma io il film l'ho trovato francamente noioso ed eccessivamente lungo; meglio l'interpretazione di Hopkins; l'unico salto l'ho fatto all'inizio nella nota scena, poi mi sono persa nella trama, abbastanza priva di senso e condita delle immancabili scene d'amore (per contratto Pitt deve mostrare la schiena nuda); ma alla fine Pitt era un agente delle tasse, o no? Tanto ti succhiano la vita...

Lovejoy 27/01/08 18:43 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

I pregi del film: scenografie impeccabili e un Anthony Hopkins che, praticamente da solo, tiene in piedi la baracca. I limiti del film: la lunga, eccessiva durata. Tre ore per un film di questo livello sono francamente troppe e in qualche caso scade nel ridicolo e nella noia. Comunque merita sopratutto per Hopkins, che surclassa facilmente Pitt.

Pigro 19/08/08 09:18 - 8093 commenti

I gusti di Pigro

La morte prende le fattezze di un bell’uomo e si intrattiene per un po’ sulla terra prima di compiere il suo dovere. Trama sul filo del rasoio: stuzzicante paradosso oppure boiata pazzesca. Il regista rimane in bilico, seminando qualche intrigante spunto (il rapporto tra morte e morituro) in mezzo a sublimi banalità (che arrivano al culmine con il ‘signor Morte’ che scopre il sesso). Se togliamo il trucco di Pitt da fotomodello (ma dopo un po’ stanca) e la bravura sovrumana di Hopkins, il resto è routine hollywoodiana di livello medio-basso.

Ciavazzaro 28/09/08 12:27 - 4768 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Inutile. Come sprecare un bravo attore come Anthony Hopkins in una produzione mediocre, con il bamboccio Pitt nel ruolo della morte che si innamora della figlia del suo prossimo cliente. Confezione bruttarella, attori che non convincono, finale penoso. Orrido oltre ogni limite.

124c 23/06/18 17:59 - 2786 commenti

I gusti di 124c

A un industriale che sta per compiere 65 anni viene a far visita la morte; che però, prima di fargli fare il "grande balzo", si "prende una vacanza" e si presenta in carne e ossa nei panni di un giovane. Film di Martin Brest incompreso in patria ma che ha avuto un discreto successo da noi grazie a un Brad Pitt innamorato di Claire Forlani, sia come ragazzo normale che subisce un incidente mortale, sia in quelli (volutamente?) inespressivi della morte. Apprezzabili le prove di Anthony Hopkins, il co-protagonista e Marcia Gay Harden.

Redeyes 19/05/10 17:28 - 2204 commenti

I gusti di Redeyes

Un film pomicione come pochi altri. Si utilizzano tutti i clichè del caso per questa storiella d'amore e si finisce per renderla banale e fastidiosetta. Hopkins gigioneggia come spesso, d'altra parte, ha fatto negli ultimi anni e Brad finisce per fare la ruota come un pavone. Ancorchè bellissimi gli interpreti non dicon molto. E così il finale s'intuisce già dalla terza scena. Un bel filmone per teen-ager innamorate e nulla più. Perdibile.

Barone75 2/08/10 14:54 - 4 commenti

I gusti di Barone75

Io trovo questo film delizioso e intelligente. Delizioso nel costruire una storia d'amore originale, ben interpretata da Brad Pitt e Claire Forlani e intelligente e di atmosfera nel raccontare come addirittura la morte rimanga affascinata dalla bellezza della vita. Anthony Hopkins che dire; ogni suo sguardo, ogni sua parola è capace di suscitare grandi emozioni. Tutto è splendido, trama, cast e colonna sonora. Un film dove non stona davvero nulla.
MEMORABILE: L'amore è passione, ossessione. Qualcuno senza cui non vivi.

Martin Brest HA DIRETTO ANCHE...

Topspin 7/03/11 04:20 - 12 commenti

I gusti di Topspin

Filmetto tutto sommato godibile. Nucleo del film veramente curioso, quasi simpatico; non convince molto il concetto della "vacanza della morte" o il suo soggiorno tra i comuni mortali. Finale scontato. Brad Pitt forse inadatto per questa parte, bravo Hopkins e bellissima la Forlani.

Mdmaster 9/03/11 18:09 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

L'unica cosa che mi rimase impressa di questo terrificante film, dopo averlo visto a scuola, è la faccia da fessa della Forlani. Costei intrattiene un rapporto amoroso con la morte, impersonata nientepopodimenoche da uno scialbissimo Pitt. Hopkins è l'unico che salva la barca e il punto e mezzo è proprio per lui. Questo tipo di film a Hollywood riusciva bene una sessantina di anni fa, ormai siamo nella mediocrità più assoluta. Il difetto peggiore? Piacque a tutte le mie compagne di classe. Aiuto.

Ryo 27/12/11 04:42 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Splendido. Un ottimo cast che viene ben diretto all'interno di una sceneggiatura di velata filosofia. Amore e morte i temi principali, ma a fronte di varie ingiustizie vien da chiedersi: vale la pena attaccarsi tanto alla vita? Poteva diventare un qualcosa di nichilistico, ma poi vien scelta la strada del buonismo. Forzato e sbrigativo nella conclusione, ma non per questo mal strutturato.
MEMORABILE: La mania del burro d'arachidi.

Elsolina 30/04/15 17:14 - 41 commenti

I gusti di Elsolina

Il terribile Angelo della morte viene interpretato, sfidando le idee dell'immaginario collettivo, da un bellissimo e giovane Brad Pitt, che entra nella vita del miliardario Parrish conquistandosi la fiducia e l'amore di tutti coloro che ne fanno parte (prima fra tutti, sua figlia Susan). Avvincente nella prima parte, diventa quasi noioso nella seconda, in cui i colpi di scena spariscono e il finale dell'amore che vince sulla morte sembra abbastanza scontato.
MEMORABILE: Che male c'è a prendersi cura di una donna? Lei si prende cura di te.

Metuant 28/09/15 10:38 - 455 commenti

I gusti di Metuant

Un cast di prestigio per un film che sulla carta sembrerebbe curioso e anche accattivante e inizialmente parrebbe mantenere la promessa, salvo poi dilungarsi incredibilmente per raggiungere una durata da melodrammone di una volta. Gli attori non se la cavano male, ma la durata eccessiva penalizza non poco, Anthony Hopkins a tratti sembra svogliato e di sicuro la sceneggiatura pesante e a volte forzata non aiuta. Peccato, perché poteva risultare un prodotto dignitoso e godibile.
MEMORABILE: La "rivelazione" dell'identità di Pitt davanti a tutti.

Nando 10/01/17 09:10 - 3498 commenti

I gusti di Nando

Una pellicola che trova molti estimatori sia per le citazioni che per il notevole sentimentalismo. Francamente denoto una durata smisurata che offre numerosi tempi morti di cui si poteva fare a meno; al tempo stesso si assiste a un monumentale Hopkins che consente al film di reggere fino alla fine. Pitt, nonostante il fascino scontato, appare troppo patinato mentre la Forlani non buca più di tanto. Sopravvalutato.

Trivex 30/01/17 16:33 - 1520 commenti

I gusti di Trivex

Film adatto a una visione dopo una cena sostanziosa, ma con possibile duplice risultato: o vi godrete un film che consente una digestione serafica oppure vi farete una profonda dormita. Per assorbire una pellicola così corposa occorre forza e perseveranza, oltre a una buona dose di predisposizione per i film molto lenti. Ma, personalmente, ho trovato sufficientemente affascinante trama, svolgimento e credo pure che gli attori siano, tutto sommato, quelli giusti. Di solito guardo altri generi, ma, almeno qualche volta, gradisco "smaltire" in "santa pace".

Didda23 3/08/17 11:40 - 2305 commenti

I gusti di Didda23

Poteva essere davvero una visione faticosa, vuoi per la massiccia durata vuoi per la presenza oggettiva di scene abbastanza inutili; fortunatamente sono entrato nella pellicola soprattutto per la curiosità scaturita dalla gestione del rapporto fra Pitt e Hopkins con dialoghi (davvero niente male) generatori di riflessioni sul senso della vita e sulla gestione del tempo che l'uomo ha a disposizione e su come farlo fruttare. La regia di Brest, nonostante non risulti particolarmente personale, bene si confà al genere. Pitt all'apice della bellezza.
MEMORABILE: L'incontro al locale di colazioni; La festa di compleanno; I fuochi d'artificio.

Rambo90 17/08/17 16:39 - 6520 commenti

I gusti di Rambo90

Partenza promettente e scoppiettante per un film che, dopo una mezz'ora, va in stasi senza mai più decollare. La sceneggiatura è deludente, tra momenti prevedibili, tempi morti e dialoghi eccessivamente irrealistici o melensi. A gravare ancora di più sul risultato la pessima performance di Pitt, fuori parte e imbarazzante, bilanciato per fortuna dall'ottimo Hopkins e dalla sorprendente Forlani. Troppe digressioni sul lavoro di Hopkins, durata eccessiva e fotografia troppo patinata. Nel finale vorrebbe commuovere ma ormai l'interesse è andato.

Anthonyvm 21/06/18 21:59 - 2290 commenti

I gusti di Anthonyvm

Le premesse non erano affatto malvagie, sia a livello di plot sia di cast e di produzione, ma ben presto il film si rivela come il polpettone di tre ore (e novanta minuti buoni sono assolutamente inutili per la storia) che in realtà è. Melenso, sciatto, ricco di sequenze che vorrebbero intenerire o magari spingere a qualche riflessione filosofica, o persino far sorridere e finiscono invece in uno sconfinato piattume. Brad Pitt non convince, la noia impera sovrana e il finale (overdramatic) si accoglie come una vera liberazione. Evitabilissimo.

Claire Forlani HA RECITATO ANCHE IN...

Josephtura 20/04/20 15:07 - 162 commenti

I gusti di Josephtura

L'inizio è sfolgorante, la fine è pure molto azzeccata; tutto il resto è improbabile e improponibile. Peccato perché l'idea non era male, se fosse stata gestita magari con maggiore spavalderia come nell'originale del '34. Tutti invece assumono il comune denominatore di mancanza di carattere e determinazione. Il ruolo meglio gestito e definito alla fine pare essere quello di Jeffrey Tambor.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 2/10/09 12:18
    Scrivano - 5619 interventi
    All'epoca dell'uscita nelle sale il film fu il piu' costoso dell'epoca,senza l'ausilio di effetti speciali (quindi presumo che gli attori si siano fatti pagare molto bene,nonostante il risultato...).