Vero come la finzione

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Stranger Than Fiction
Anno: 2006
Genere: commedia (colore)
Numero commenti presenti: 15
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/05/07 DAL BENEMERITO G.GODARDI POI DAVINOTTATO IL GIORNO 17/07/14
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

G.Godardi 19/05/07 17:32 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Commedia surreale e metanarrativa da un regista che già ci aveva dato un film simile (Stay) e altre pellicole interessanti (Monster ball, Nerverland). Qui si narra di una persona comune che d'un tratto sente una voce fuori campo che commenta ogni sua azione: scopre così di essere il protagonista di un romanzo in costruzione. Problema: l'eroe deve morire! Inizia una corsa contro il tempo per scoprire chi è l'autrice e farle cambiare idea. Delizioso e intelligentissimo film, vera chicca per chi si interessa di semiotica e toria narrativa. Bel poker di attori.
MEMORABILE: Sono davvero tanti i momenti e le frasi da ricordare in questo film. Segnalo solo il primo bacio tra i due protagonisti. Incantevole la Gyllenhaal.

Galbo 2/07/07 15:44 - 11348 commenti

I gusti di Galbo

Film che (come raramente capita) riesce a coniugare il divertimento con l'intelligenza e l'impegno; partendo da una premessa assurda (il romanzo che imita la vita o viceversa?) il regista costruisce una storia che diventa sempre più credibile grazie a una buona sceneggiatura e ad ottime interpretazioni a partire dall'ingiustamente poco noto in Italia Will Ferrell, alla Gyllenhaal attrice sempre più versatile e ai due comprimari di lusso, Dustin Hoffman ed Emma Thompson.

Armandyno 24/07/07 22:08 - 25 commenti

I gusti di Armandyno

Spesso esulando dalle regole temporali e della logica, questo romanzo/film metafisico approfitta della sua posizione ambigua per inserire i più banali clichè delle commedie tipiche americane e donarle un significato diverso, particolare, che funziona solo in parte. Togliendo la cornice narrativa originale rimane ben poco da ricordare, a parte il colosso Dustin Hoffman nei panni di un erudito professore di letteratura.

Puppigallo 21/03/08 09:46 - 4499 commenti

I gusti di Puppigallo

L’idea è notevole (un tizio che si ritrova a essere il protagonista del romanzo di una scrittrice, sentendo addirittura la sua voce narrante). Ma purtroppo, si ha la sensazione che l’intuizione non sia stata sfruttata fino in fondo, nonostante un bravo protagonista (Will Ferrell), Un Hoffman passabile, anche se un po’ sopra le righe e una scrittrice (nevrotica, al limite della follia; immagina vari tipi di morte) piuttosto convincente. Non tutto funziona e ogni tanto si arena, ma ha buoni guizzi. Per il finale serviva più coraggio. Non male.
MEMORABILE: Ferrell chiede alla segretaria di essere ricevuto dalla scrittrice, aggiungendo, già dopo due assurde scuse: “Sono uno dei suoi personaggi”.

Scarlett 31/07/08 23:42 - 307 commenti

I gusti di Scarlett

Interessante rappresentazione surreale di una commedia intelligente e piuttosto fuori dalle righe. Ottima la trovata di base del film: il protagonista scopre di essere in realtà un personaggio narrato in tempo reale da una voce fuori campo. Meno scontato il finale di quanto si poteva immaginare. Grandi interpretazioni degli attori, veramente realistici e dotati (come era ovvio per la coppia di mostri sacri, Hoffman - Thompson).
MEMORABILE: "Se solo avesse saputo..."

Schramm 2/09/08 15:34 - 2412 commenti

I gusti di Schramm

Il giochino metanarrativo dello scrittore demiurgo tout-court malgré-soi che entra in rotta di collisione con quanto ha literaliter creato, con conseguente ribaltamento dei ruoli e scompiglio nella zona che unisce e divide reale e immaginazione è stato più volte un espediente caro a King (si vedano almeno Secret window, La metà oscura, Il word processor degli dei e L'ultimo caso di Umney su tutti). Malgrado l'assenza di originalità,e una certa prevedibilità vettoriale di variabili e costanti interscambiabili,la commediola scivola comunque a modo.

Supercruel 8/10/08 23:45 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Film a tratti notevole ma sovente affossato da personaggi troppo sopra le righe e caricaturali. In particolar modo la scrittrice risulta davvero irritante, imbevuta dei più stupidi clichè da artistoide dei poveri: roba da ispirare sani ceffoni in più di una scena. Tolto questo brutto neo rimane però una bella commedia, diversa dal solito, che si ricorda per un Ferrel dannatamente bravo, un alone di dolcezza che pervade l'intero arco narrativo e un gustoso senso del ritmo che evita momenti di noia.

Ishiwara 10/07/11 20:26 - 214 commenti

I gusti di Ishiwara

Ricorda un po' le commedie con premessa surreale che andavano molto negli anni Ottanta, ma mentre allora quasi sempre si scadeva nel banale, qui la sceneggiatura coglie spunti molto interessanti. Un cast che funziona benissimo senza eccezioni ed effetti speciali gradevoli e funzionali. Hoffman e la Thompson soprattutto utilizzati per gli scambi di battute più riusciti. Effettivamente il finale prima delle modifiche sarebbe stato migliore, ma vivano pure i buonisti affamati di lieto fine. Decisamente piacevole.
MEMORABILE: Le 23 domande; "Non è felice di non essere un golem? "; le morti immaginate; "Ho deciso che se dovevo migliorare il mondo l'avrei fatto coi biscotti".

Belfagor 3/09/12 15:52 - 2621 commenti

I gusti di Belfagor

Commedia surreale che vede il meticoloso Harold Crick al centro, suo malgrado, di un romanzo che sembra destinato a concludersi con la sua morte. Sono molti gli elementi che contribuiscono al successo della pellicola: l'ottima interpretazione del cast, soprattutto di Ferrell, la cura ormai rara per le scenografie, i riferimenti artistici più o meno impliciti, una salubre dose di ironia nell'affrontare e sbeffeggiare il postmodernismo e l'egocentrismo nel mondo della scrittura. Anche il lato romantico è affrontato bene e senza sbavature.
MEMORABILE: "Non è felice di non essere un golem?"; La rassegna delle chitarre.

Zio bacco 5/10/14 23:05 - 240 commenti

I gusti di Zio bacco

Harold, grigio e insulso ispettore fiscale, all'improvviso vede il proprio destino appeso alla penna di una scrittrice nevrotica. Film davvero piacevole e ben architettato, che fa della contrapposizione fra commedia e tragedia il proprio filo conduttore. Gli interventi metanarrativi dettano lo sviluppo della vicenda che, seppur surreale, si fa apprezzare per i continui sviluppi e colpi di scena. Molto ben curata la scenografia, un po' insipido il finale. Ottima la prova di Ferrel, a suo agio nel ruolo, al pari del resto di un eccellente cast.

Saintgifts 5/04/15 12:02 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Il soggetto non sarà originalissimo (per quanto nemmeno molto frequentato), ma le due coppie di protagonisti (e di attori) bastano a rendere questa commedia, profondamente leggera, una vera chicca dal sapore dolce ma non dolciastro. La coppia di protagonisti (Ferrell e la Gyllenhaal, molto, molto bravi) ci ricorda i migliori aspetti della vita, quelli che meritano d'essere vissuti (per questo approvo il finale, solo ok, anche se non speciale); fa molto bene rivedere cosa sia l'amore tra un uomo e una donna senza un ti amo ma con un ti voglio.

Daniela 15/04/16 22:09 - 9232 commenti

I gusti di Daniela

Funzionario del fisco, scrupoloso e metodico, scopre di essere il protagonista del romanzo che una scrittrice, in crisi causa blocco creativo, sta faticosamente cercando di portare a termine. Il guaio maggiore è che tutte le sue opere finiscono male... Paradossalmente, è la consapevolezza di essere personaggio di finzione che spinge il bravo Ferrell a vivere davvero, una volta fuori dai binari della sua esistenza programmatacome. Divagazione pirandelliana ben sceneggiata e bene interpretata, questo delizioso film è ad oggi la migliore regia di F., in altre occasioni molto meno convincente.

Capannelle 19/03/16 00:48 - 3702 commenti

I gusti di Capannelle

Film sicuramente gradevole che cerca di coniugare un minimo di freschezza narrativa con gli elementi classici delle commedie agrodolci. La regia è appropriata e Ferrel offre una buona prova, ma non tutti i passaggi e le stranezze della trama convincono. Qua e là affiora qualche rallentamento, ma manca poco per farne un buon film.

Xamini 18/09/17 01:05 - 1000 commenti

I gusti di Xamini

Calviniana questa commedia leggera, giocata sulla relazione tra il racconto e il proprio autore, e sulla riflessione latente sul senso di una vita condotta ai limiti del manuale senza passare dalla casella degli imprevisti. Non ha pretese di relazione profonda, qualche passaggio è stucchevole, ma tutto sommato rimane un divertissement piacevole, con un Hoffman a sostenere da solo tutte le eventuali risate. Gyllenhaal in parte.

Redeyes 6/08/18 16:39 - 2131 commenti

I gusti di Redeyes

Fresca commedia che se da una parte sacrifica l'estro di Ferrel, dall'altro coniuga sorrisi, sentimenti e una buona sceneggiatura. Molto in parte tutto il cast con la coppia Ferrell/Gyllenhaal graziosissima, un Hoffman meno stanco rispetto ai suoi ultimi lavori e una bravissima Thompson. Interessante il parallelo fra il bilanciamento del protagonista e della pellicola stessa, che non privilegia un aspetto rispetto agli altri.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Gestarsh99 • 6/01/12 00:07
    Scrivano - 14098 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc per Sony Pictures:



    DATI TECNICI

    * Formato video 1,85:1 Letter Box 1080p
    * Formato audio 5.1 Dolby Digital: Italiano Inglese
    * Sottotitoli Inglese Italiano Olandese Spagnolo Tedesco