Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

(ULTRA BABY VINTAGE COLLECTION) Marco Risi, figlio del noto Dino e destinato al successo grazie a film come MERY PER SEMPRE e RAGAZZI FUORI, ci presenta una commedia assai divertente, scritta su misura per un Jerry Calà che in questo periodo sembra aver raggiunto l'apice della sua popolarità destinata purtroppo a una rapida discesa (anche se molti suoi film successivi meriterebbero una riscoperta). Le battute sono fulminee e di sicuro effetto, il ritmo narrativo spigliato e convincente. Tra gli attori di secondo piano spicca un ottimo Lando Buzzanca che una volta di più interpreta la parte del vitellone...Leggi tutto mancato. La sua esuberante personalità, unita alla conseguente invadenza, sveglia fuori anche Giacomino/Calà che sembrava fino a quel momento non troppo convinto del suo ruolo. Da notare la presenza di Francesco Salvi, al solito preda di tic nervosi e risoluto a sfruttare il suo lavoro (parla al telefono coi disperati che si rivolgono al “telefono amico”) per conoscere belle ragazze. Il film fila via come un treno descrivendo bene quasi tutti i personaggi: da Giacomino ai suoi genitori, dall'amico alla ragazza in cerca di se stessa... Piace soprattuttoil  poter spiare come potrebbe essere la vita di un ragazzo che tenta di farsi una vita da solo senza averne l'esperienza.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

G.Godardi 17/03/07 20:04 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Il primo film di Calà da protagonista assoluto è una gradevole commedia che col tempo diverrà un vero cult. Battute a raffica e un bel cast di supporto, tra cui un grande Buzzanca (anche se in declino commerciale) che spesso ruba la scena al protagonista, Salvi, Di Pinto e la bella Audray. Bellissime le scenografie che reinventano l'arredamento del loft di Calà con un sottile gusto Pop-Dadaista. Non certo un capolavoro, ma ad avercene film del genere al giorno d'oggi! Uno degli ultimi film di genere.

Il Gobbo 9/11/07 17:53 - 3013 commenti

I gusti di Il Gobbo

Classico Calà, all'epoca (lo vidi al cinema... ) divertentissimo, oggi passato di cottura. Alcune cose non si possono più guardare, altre invece (l'arredamento, specie quello del bagno... ) resistono. Calà non è un grande attore, ma gli va dato atto che solo lui poteva essere convincente nel pronunciare frasi tipo "letto a quattro piazze modello maiale in calore"! Da qualche parte - vergogna! - devo avere il 45 giri: vado a ridere da solo.

Dusso 2/11/07 17:03 - 1548 commenti

I gusti di Dusso

E' un film che risulta gradevole con un Calà misurato rispetto ai suoi film successivi. Nel complesso funziona anche se molte cose, se prese singolarmente (la coppia Buzzanca-Calà e la storia in sè cosi come qualcosa d'altro), funzionano poco. Uno dei film di Calà più famosi ma, secondo me, non tra i migliori.

Deepred89 7/11/07 16:45 - 3517 commenti

I gusti di Deepred89

Passabile commedia. La storia non subisce mai particolari evoluzioni e si presenta lineare e semplicissima. Ritmo elevato, battute a raffica (anche se non tutte riuscite) moltissime ideuzze alcune delle quali simpaticissime. Risi si dimostra già un regista capace: memorabile il modo in cui è rappresentato l'appartamento del protagonista. Notevole il cast: Calà non sarà bravissimo ma è di una simpatia unica; Buzzanca, il migliore, è memorabile; la Audray fa quello che deve fare e anche Francesco Salvi funziona. Musiche deludenti.

Galbo 9/11/07 07:21 - 11904 commenti

I gusti di Galbo

Jerry Calà ha il "dono" di suscitare in alcuni spettatori un'istintiva antipatia (limite non da poco per un attore). Detto ciò, bisogna riconoscere che questo suo primo film da protagonista è tutto sommato gradevole. Prendendo spunto da una mania post-adolescenziale (la ricerca della vita indipendente) Marco Risi (regista di indubbio talento) confeziona una garbata commedia con alcuni spunti simpatici impreziosita da un Buzzanca in gran forma. Certo non un capolavoro ma vedibile.

Undying 22/08/08 23:12 - 3813 commenti

I gusti di Undying

Lontano dall'essere un esempio di perfezione cinematografica, Vado a Vivere da Solo riesce però a centrare il tema più adatto per un simpatico (e un pò triste) Jerry Calà, posto qua nei panni di Giacomino (nome che rimanda ad un "viziato", dalla società costretto a restare eterno immaturo). La splendida regia e la discreta sceneggiatura (opera congiunta di Risi, Calà e de fratelli Vanzina) riesce a coinvolgere lo spettatore, appassionato di fronte all'esperienza (a tratti pure drammatica) del protagonista. Bravi (e simpatici) anche gli attori di contorno (Buzzanca, Salvi e la Audray).

Redeyes 7/01/09 14:59 - 2297 commenti

I gusti di Redeyes

Sicuramente una gradevolissima commedia che, se vista alla sua uscita (cosa pressochè impossibile per me), avrebbe deliziato ancor più. Purtroppo, poi, Calà negli anni ha continuato con i suoi tormentoni finendo per far risultar mediocri anche i suoi primi film. Al di là di ciò piace molto la storia nella sua semplicità ed attualità, piacciono molto sia Buzzanca, che recita il personaggio più congeniale per lui, ed un silente o quasi Salvi. Le battute sono fresche e veloci e gli ammiccamenti mai volgari. 3 pallette!

Lovejoy 9/02/09 18:17 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Mediocre pellicola a cui da poco si è aggiunto un inutile finto sequel. Scritto malamente e diretto con scarso nerbo da Risi, si affida prevalentemente all'istrionismo di un Calà a tratti insopportabile, nel ruolo del protagonista. Sprecatissimo Buzzanca. Da dimenticare.

Daidae 26/04/09 20:19 - 2949 commenti

I gusti di Daidae

Un buon Calà (ma farà molto meglio nel Ragazzo del pony express) e un Buzzanca sottotono per una tipica commedia "vanziniana" diretta da Risi. A me sinceramente ha fatto ridere davvero poco, ma non è un brutto film. 26 anni dopo Calà ebbe la pessima idea di un "sequel".

Capannelle 20/10/09 16:32 - 4072 commenti

I gusti di Capannelle

Uno dei Calà più iconici, grazie alla sceneggiatura che rende spedita soprattutto la prima parte e alla verve di un Buzzanca che funge da perfetta spalla e compensa col suo mestiere l'esuberanza dell'altro. Non regge al passare degli anni ma rimane una gradevole testimonianza di quella comicità che iniziava a inseguire tempi e battute di stampo televisivo.
MEMORABILE: Il libidinoso cesso-juke box.

Francesco Salvi HA RECITATO ANCHE IN...

Mco 22/07/09 14:45 - 2256 commenti

I gusti di Mco

Altro film cult degli anni ottanta, con Calà in formissima alla ricerca della vita indipendente e scevra da ogni dipendenza. Buzzanca (storico il suo "castigata?") fa il compagno esperto ma sfigato al tempo stesso e Salvi lascia sempre il segno con la sua vena comica mai banale. Da vedere.

Fabbiu 12/09/09 17:53 - 2052 commenti

I gusti di Fabbiu

La prima parte (l'incipit e la narrazione delle prime sequenze, zeppe di trovate funzionanti se pur semplici) è serratissima. Jerry è in gran forma, sia mimica che verbale, e ad accompagnarlo sono una serie di comprimari tutti in stato di grazia, dal migliore che a mio parere è Buzzanca (così intrepido da far ridere in ogni suo movimento) a Salvi che, se anche personaggio minore, lascia il segno e non smentisce mai i suoi modi. Il tutto si indebolisce quando c'è in scena la Audray e si appiattisce sempre piu esaurito il contesto iniziale.

Franz 8/11/09 14:40 - 110 commenti

I gusti di Franz

Un Calà in buonissima forma, quello al suo esordio da 'solista', in un film dalla sceneggiatura semplice semplice ma pieno di situazioni divertentissime. Certe battute mi fanno ancora oggi ridere di gusto e mi capita di cogliere anche una vena surreale in alcuni momenti, che non è disprezzabile (alla 'Giancattivi'...). Il comprimario Buzzanca è bravissimo e scatenato, sebbene la sua parte risulti un po' forzata. Francesco Salvi cinicamente spassoso.
MEMORABILE: Calà gioca calciando una lattina vuota, arriva un signore che gliela ruba, Calà: "Uno fa tanta fatica per costruire un'azione...": metafora della vita!

Herrkinski 4/02/10 18:47 - 6823 commenti

I gusti di Herrkinski

Gradevole commedia agrodolce per l'esordio di Calà, qui in gran forma. Le battute riuscite si sprecano, anche grazie a un cast di contorno sicuramente efficace, dal sempre bravo Buzzanca al simpatico Salvi, passando per il mitico Di Pinto; perfetta per la parte anche la Audray e molto brava l'attrice che interpreta la madre di Calà (di cui non mi sovviene il nome). L'arredamento del loft, dal gusto pop, è indimenticabile; buona infine la regia di Risi. Nel complesso una commedia pienamente riuscita, non eccelsa ma di buon livello.

Rambo90 30/11/10 19:52 - 7137 commenti

I gusti di Rambo90

Cult assoluto della carriera di Jerry Calà, non è un capolavoro (ed altri film successivi come Un ragazzo e una ragazza sono migliori) ma i dialoghi sono ricchi di battute divertenti e il ritmo non rallenta mai. Calà inoltre è un protagonista simpatico, divertente senza essere volgare e qui inoltre c'è la partecipazione di un Buzzanca particolarmente sopra le righe ed esilarante. Risi si dimostra già un buon regista e la colonna sonora è piena di canzoni notevoli.

Cotola 1/01/11 13:44 - 8403 commenti

I gusti di Cotola

Esordio in celluloide per Risi jr che dirige una pellicola che pur non brillando per originalità, presenta qualche spunto simpatico e qualche momento azzeccato e riesce ad essere almeno meno volgare della media del genere. Calà conferma che il suo repertorio attoriale avrà al massimo una mezza espressione. Potabile.

Markus 26/01/12 08:26 - 3522 commenti

I gusti di Markus

Esordio alla regia cinematografica di Marco Risi e felice inizio di una collaborazione con Calà (seguiranno altri film sempre di buon livello). Tra farsa, giovanilistico e pochade di stampo classico, Vado a vivere da solo si giova di una vicenda già di per sè divertente, ma è la grande performance di Calà la spina dorsale del film il quale, con la sua spontanea verve un po' maldestra, alleggerisce una pellicola girata per la maggior parte in un claustrofobico loft. Buzzanca un po' troppo sopra le righe.

Trivex 27/06/13 11:39 - 1634 commenti

I gusti di Trivex

Giovanilistico nello stile e nel contenuto, perfettamente adatto al suo protagonista e complessivamente divertente. Non sono molti i film in cui Jerry Calà mi sia piaciuto (è necessario ricordare il mito Vacanze di Natale, però); ma qui, complice una sceneggiatura intrigante e pure minimamente "spregiudicata", che tratta aspetti convenzionali e diffusi della vita dei "ragazzi", alla fine l'insieme funziona bene e il film si prende tre buoni pallini.
MEMORABILE: La mamma che sballa dopo il fumo e il ballo (roba da "R" negli USA!)!

124c 28/06/13 13:09 - 2834 commenti

I gusti di 124c

Aveva fatto le prove con I fichissimi, ma è con questo film che Jerry Calà ingrana la quarta, si distacca del tutto dai Gatti di Vicolo Miracoli e inizia la sua carriera solista di star comica degli anni '80. Il tema del ragazzo che va a vivere da solo è trattato con una certa ironia e Calà ci mette del suo. La partner femminile è molto bella e buona è la partecipazione di Lando Buccanca, che sembra qui sul punto di passare il testimone di homo heroticus a Calà. Simpatiche certe scene, tipo il gabinetto collegato al juke-box, orecchiabile la canzone dell'attore.
MEMORABILE: Giacomo/Calà ai suoi genitori: "Mamma, papà, vado a vivere da solo, ma badate... i soldi me li date voi"!

Disorder 11/12/14 17:36 - 1414 commenti

I gusti di Disorder

Il titolo più celebre della filmografia di Calà, ma personalmente gli preferisco di gran lunga Colpo di fulmine o al massimo l'umile Ragazzo del pony express, se parliamo di comicità pura. Non che questo sia brutto intendiamoci, ma dà proprio l'impressione di essere invecchiato male, essendo più legato di altri al proprio periodo storico. Qualche bel momento divertente c'è, ma si alterna purtroppo a parecchie situazioni assurde e un po' scontate. Forse all'epoca era diverso, ma quello che resta oggi è un filmetto appena passabile.

Marco Risi HA DIRETTO ANCHE...

Ultimo 31/08/15 21:46 - 1549 commenti

I gusti di Ultimo

Commedia leggera leggera diventata un piccolo cult grazie alla presenza di un ottimo Jerry Calà alias Giacomino, deciso a vivere da solo a causa di genitori troppo apprensivi. Il film scorre bene, il protagonista spara battute a raffica come nel suo stile. Non mi è piaciuta la parte di Buzzanca, a tratti noiosa e ripetitiva. Bellissima Elvire Audray, ma quando recita... Non male, nel complesso.

Ryo 7/03/17 12:22 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Jerry Calà, in un periodo in cui la sua fama era al massimo livello, interpreta un personaggio che incarnava i problemi e le difficoltà di un giovane alle prese con il distacco dalla famiglia. Non tutte le gag purtroppo funzionano e la forza maggiore del film è data dal personaggio interpretato da Lando Buzzanca, di un livello nettamente superiore rispetto al protagonista.

Pesten 16/08/17 08:36 - 713 commenti

I gusti di Pesten

A mio avviso uno dei migliori, se non il migliore, film del Calà solista. Un ritmo mai domo guidato dalle battute di Calà (molte in presa diretta, senza bisogno di doppiaggio) rendono la visione divertente praticamente per tutta la durata del film. Salvi e Buzzanca vengono utilizzati in modo azzeccato come personaggi di contorno, ma il mattatore è Calà, che senza volgarità riesce a far ridere quasi col nulla, usando una semplice parola e usando quel suo faccione da schiaffi. Film leggerino ma dopo 25 anni ancora regge.
MEMORABILE: Il cameo di Franz Di Cioccio.

Paulaster 13/06/18 10:34 - 3699 commenti

I gusti di Paulaster

26enne decide di lasciare il tetto familiare. Lo spirito tra l'ironico e il tenero di Calà si adatta al ruolo da protagonista nel quale, specie all'inizio, spara tutte le cartucce del repertorio. Con l'entrata dei vari comprimari il film si sgonfia anche per scelte non troppo azzeccate. Buzzanca è pesantino e dalla francese non si può pretendere oltre il colpo d'occhio; meglio il cinismo di Salvi. Finale caotico che passa dalla voglia di libertà alla soluzione della solitudine. Nota per la canzone “Il monolocale” di Battisti.
MEMORABILE: La corrente a cura dell'Anicagis; Indovina chi viene a cena; Il deserto dei Tartari.

Ira72 23/11/19 14:06 - 1199 commenti

I gusti di Ira72

Di decadi ne sono passate diverse e, a distanza di tempo, va ammesso che il film è invecchiato peggio di altri. L’inizio è ritmato e divertente per poi affievolirsi in una comicità un po’ banale, quasi infantile, certamente ingenua. Le risate più spontanee sono grazie alla mamma di Giacomino (Elsa Vazzoler), mentre Calà non si discosta per nulla dalle battute e dal personaggio che lo hanno consacrato in quegli anni. Ancora attualissima l’atmosfera kitsch pop del loft e sempre piacevole la colonna sonora. Audray sexy ma forzata e snervante.

Pessoa 18/02/22 02:03 - 2274 commenti

I gusti di Pessoa

Prodotto che porta nel DNA l'inconfondibile marchio degli anni '80, vede l'esordio alla regia di Risi jr. con Calà per la prima volta protagonista. Più che il valore cinematografico, piuttosto modesto, si fa apprezzare dal punto di vista documentale, come testimone di un periodo particolare del nostro Paese. Pochi i momenti davvero divertenti, buono l'apporto dei caratteristi che se la cavano meglio del protagonista, il quale non va oltre le solite gag, tutte abbondantemente già viste. Non un brutto film (Calà farà decisamente di peggio), ma comunque niente di imperdibile.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Schramm • 21/07/19 19:09
    Scrivano - 7332 interventi
    fondamentalmente d'accordo su tutto. a freddo aggiungo che posso capire perché possa lasciare intirizzito, perplesso o deluso chi, come rare, non è cresciuto in quegli anni e non ne ha vissuto in prima persona lo spirito. per le più recenti generazioni la comicità di un film come questo, strettamente interfacciata a stagionali (e a loro modo epocali) tormentoni televisivi di allora (d'altronde un vezzo di calà), rimane quasi incomprensibile. però non c'è dubbio che assieme a sapore di mare questo rimane il film dove calà ha dato il 100%. personalmente, poi, la canzone omonima che accompagnava il trailer (e che nel film si sente solo nei titoli di coda) resta un mio mnemonico punto debole affettivo
    Ultima modifica: 21/07/19 19:22 da Schramm
  • Discussione Kanon • 21/07/19 21:57
    Fotocopista - 824 interventi
    Non ricordo molto la pellicola, però potreste a grandi linee elencare o spiegare il contesto sociale in cui questo film nasce e tenta di farne commedia ? Mi incuriosisce.
  • Discussione Zender • 22/07/19 07:35
    Pianificazione e progetti - 46018 interventi
    Il contesto sociale è quello degli Anni Ottanta, rispecchiati a mio parere molto bene sia dal linguaggio che dai personaggi (che pure hanno ancora certo sapore seventies tipo il Di Cioccio che affitta la casa a Jerry, la stessa disinibita Audrey). L'idea stessa de figlio di papà che per andare a stare da solo dice "Sia chiaro, i soldi... me li date voi". Io l'ho visto sinceramente una vita fa e dovrei rivederlo, ma lo ricordo con grande affetto e non penso sarebbe un film collocabile in altra epoca se non quella.
  • Discussione Schramm • 22/07/19 15:23
    Scrivano - 7332 interventi
    esatto, aggiungici le modalità diciamo così post-moderne del modus citandi di calà, vero e proprio imbuto di birignao pubblicitari, sloganistici e musicali d'epoca (boutades che ascoltate oggi da chi è nato, poniamo, a fine anni 90, l'effetto potrebbe essere "ma dovrei ridere?!") e il film si arrocca vieppiù in quel periodo, perdendo di atemporalità. però sono con zender, chi ha qualche primo peluzzo bianco sul pizzetto se lo rivede con affetto e tenerezza.
  • Discussione Raremirko • 22/07/19 22:29
    Addetto riparazione hardware - 3825 interventi
    Schramm ebbe a dire:
    fondamentalmente d'accordo su tutto. a freddo aggiungo che posso capire perché possa lasciare intirizzito, perplesso o deluso chi, come rare, non è cresciuto in quegli anni e non ne ha vissuto in prima persona lo spirito. per le più recenti generazioni la comicità di un film come questo, strettamente interfacciata a stagionali (e a loro modo epocali) tormentoni televisivi di allora (d'altronde un vezzo di calà), rimane quasi incomprensibile. però non c'è dubbio che assieme a sapore di mare questo rimane il film dove calà ha dato il 100%. personalmente, poi, la canzone omonima che accompagnava il trailer (e che nel film si sente solo nei titoli di coda) resta un mio mnemonico punto debole affettivo


    Grande schramm, proprio così.

    Per il resto, ribadisco comunque che trovo l'opera più utile a livello sociologico che filmico.
  • Discussione Markus • 23/07/19 12:02
    Scrivano - 4811 interventi
    Come fatto notare è un film inchiodato a quegli anni: si scorge un po' di edonismo e spensieratezza Anni '80, ma si percepisce da alcuni dettagli il vissuto della giovinezza nel decennio precedente. Complessivamente lo considero un buon film (a patto che piaccia Jerry Calà, se no si parte prevenuti). Bisogna pure far notare che è stato l'esordio alla regia per Marco Risi, quindi come tutte le opere prime ci sono i pregi della freschezza ma anche i limiti di chi, per la prima volta, ha a che fare con attori professionisti (…il loro estro!), le varie problematiche che si possono incontrare e riuscire a tenere alto il tenore di comicità/ritmo per tutta la durata. Il film, infatti, pecca di una regia non propriamente robusta. Calà fa Calà e lo fa bene; qui in versione esordiente da "solista", quindi se vogliamo anche lui era più o meno nelle stesse condizioni del suo regista. Il connubio Risi-Calà (ben tre film insieme) è stato per me una delle cose più interessanti del cinema "commerciale" italiano Anni '80.
  • Discussione Ruber • 17/04/20 16:34
    Contratto a progetto - 9147 interventi
    Rivisto ieri sera e avandone il dvd, devo dire che il film e invecchiato molto bene , anzi dirò di piu, fa probabilmente ancora piu ridere di quando lo vidi diversi anni fa in tv.

    Calà perfettamente a suo agio in un ruolo che gli era cucuto addosso, (d'altronde buona parte della sua filmografia è basata sull eterno studente a caccia di ragazze con situazioni tragicomiche), e poi cè secondo me il vero pprotagonista o quanto meno il cooprotagonista assoluto del film ossia il mitico loft rifatto in stile kitch diventato negli anni un piccolo cult per gli amanti del film. Anche il cast di contorno era veramente ben assortito, con caratteristi e attori perfetti nei loro ruoli come la divertente friulana Vazzoler nel ruolo della mamma con una mimica fantastica (il suo grossolano pianto e la sua spudorata risata), e un Buzzanca superlativo per certi versi, con quel suo "Signoraaaaa" e quel suo divertente sarcasmo che si intrufola in casa del povero Calà rendendogli la vita ancora piu difficile. La prima regia di Risi è da applausi non era facile alla prima incastrare il tutto, certo foirse aiutato anche da Calà stesso che allora (purtroppo ora non più) era pieno di energie e idee, che hanno contribuito alla fortuna dei suoi film in queglli anni.

    Non capisco come si può dire che sia anacronistico? Anacronistico di cosa e perchè? Perchè i giovani d'oggi non sono piu come il protagonista o non ci si vedono piu in lui? Ma questa è storia vecchia, anche negli anni successivi il cinema italiano sfornò protagonisti che negli anni successivi erano gia abbondatemente sorpassati. Magari averlo oggi il Calà di quegli anni o il poter tornare indietro a quegli anni rivivendoli, in quel film e in tanti altri li c'era un energia enorme che poi ahimè si è persa negli anni a venire.
  • Discussione Zender • 18/04/20 18:12
    Pianificazione e progetti - 46018 interventi
    Ma certo, concordo. Anacronistico nel senso appunto che i giovani d'oggi non sono più come il protagonista o non ci si vedono più in lui. Ciò non vuol dire che sia un difetto, rispecchia bene certa "gioventù" di quegli anni ed è un film che adoro.
  • Musiche Ruber • 19/04/20 18:07
    Contratto a progetto - 9147 interventi
    Le canzoni del film:

    Oltre al main theme cantato da Calà: Vado a vivere da solo, troviamo anche.

    Il monolocale di Battisti.
    Una domenica bestiale di Concato
    Soli di Drupi
    Beguine di Jimmy Fontana

    mentre la prima canzone in inglese in apertura del film dovrebbe essere un pezzo di Manuel De Sica che ha curato le musiche del film.
    Ultima modifica: 19/04/20 18:08 da Ruber
  • Homevideo Ruber • 16/05/20 17:44
    Contratto a progetto - 9147 interventi
    Aggiungo al post di Xtron il formato corretto ossia 1.85:1 e l'audio italiano dolby 2.0 e come vano extra l'intervista a Calà, e le classiche schede regista e cast.
    Ultima modifica: 16/05/20 17:45 da Ruber