Una vacanza bestiale

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1981
Genere: commedia (colore)
Note: Nel film Abatantuono è doppiato da Teo Teocoli.
Numero commenti presenti: 29
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

A guardarlo dal lato comico, è un film veramente deficitario: questo per via del tipo di umorismo adottato dai Gatti di Vicolo Miracoli, protagonisti indiscussi. Di sicuro la sceneggiatura non li ha aiutati, densa com’è di gag stravecchie e di timidi agganci (malriusciti) con il mondo giovanile dominato dalle televisioni, ma il gruppo veronese (al secondo film da protagonista dopo il curioso e più riuscito ARRIVANO I GATTI) ci mette del suo. Calà, dei quattro, è sicuramente il più vivo e artisticamente dotato e spesso riesce a valorizzare le gag, Smaila è il solito allegro complessato (per via della pancia), Salerno quello che più più lega le battute a citazioni culturali...Leggi tutto e Oppini il più surreale, capace di far ridere con frasi e freddure degne di un bambino di sei anni. Qualcuno, alla vista di un film così, potrebbe chiedersi: ma questi sono veramente convinti di farci ridere con battute tanto terribili? Il problema è l’umorismo dei Gatti, allo stesso spiazzante, buffo e a suo modo originale. Non per tutti, di certo, ma simpatico. I fratelli Vanzina (Carlo regista, Enrico sceneggiatore) fanno intanto le prove generali per il futuro: il sapore esotico e vacanziero dei loro film (presente fin dal loro esordio con Pozzetto, LUNA DI MIELE IN TRE) comincia a diventare un trademark e si conferma l'affiatamento con la nuova generazione di comici. Oltre ai Gatti troviamo ad esempio anche Diego Abatantuono alla sua prima apparizione importante: recitò la parte in italiano (“Il personaggio del meridionale è già bruciato”, gli dissero i Vanzina con poca lungimiranza), poi si decise di ridoppiarlo usando il tipico accento pugliese ma, dal momento che Diego aveva problemi di voce, lo si fece doppiare da Teo Teocoli, tra l'altro già presente nel cast nella parte del marocchino. Nel finale eccellente apparizione di Guido Nicheli. La scena in aereo sarà ripresa da Villaggio in PAPPA E CICCIA.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pstarvaggi 20/03/08 01:37 - 80 commenti

I gusti di Pstarvaggi

Non è poi così "bestiale" come scrisse Morandini. Anzi, tra i demenziali all’italiana è certamente il più riuscito: trama esile ma presente (in film del genere non è così scontato), gag comprensibili (e non cervellotiche come in altri prodotti simili), personaggi dalla caratterizzazione abbastanza definita e gran ritmo. Purtroppo il doppiaggio di Teocoli brucia il personaggio di Abatantuono: ma era proprio necessario farlo parlare in terrunciello?

Puppigallo 24/07/08 16:42 - 4583 commenti

I gusti di Puppigallo

Più che la vacanza, è il film a essere bestiale. Qui gli attori (i Gatti, Abatantuono, Teocoli e altri) sembrano sfidarsi a chi fa la scemenza più grossa, o spara la battuta più di basso livello (il corridore più veloce delle auto, il conte con sudorazione ai piedi, Calà che parla col taxi, che gli risponde, la salameteca clandestina, il tunnel che sbuca nel deserto…). E c’è anche dello spionaggio… Eppure, ci troviamo al cospetto di un autentico trash movie, che i veri trashomani non possono non vedere. Gli altri si astengano.
MEMORABILE: Annuncio all’aeroporto: “I passeggeri uomini in transito nelle toilettes sono pregati di non pisciare nei lavandini”.

Cangaceiro 14/08/08 19:32 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Vanzinata ante litteram molto diversa dalle successive. Sembra di vedere un film di Parenti o di Castellano e Pipolo tanto è pieno di ingenue quanto spesso divertenti gag visive e demenziali. I Gatti si trovano a loro agio in questa sgangherata vacanza araba e riescono bene ad intrattenere, soprattutto Calà e Salerno. Abatantuono (che si vede poco) è adatto come cinico capocomitiva. Più che guardabile.
MEMORABILE: La creazione della "Grandissima libidine viaggi"

Markus 11/02/09 13:36 - 3390 commenti

I gusti di Markus

Secondo e ultimo film costruito in funzione delle velleità comiche dei “Gatti di Vicolo Miracoli”, prossimi allo scioglimento (con conseguenti carriere individuali e la nota ascesa professionale di Calà). In “Una vacanza bestiale” ci si avvale di un cast ricco e di una ambientazione esotica piuttosto efficace, in ogni caso anticipatrice di certi stilemi degli odierni “cinepanettoni”. Scene godibili e battute esilaranti accompagnano tutto il film (che comunque, nel complesso, risulta inferiore ad Arrivano i gatti).

Tarabas 15/05/09 21:30 - 1762 commenti

I gusti di Tarabas

Gruppo di sciamannati in Arabia, effettivamente un'anticipazione dei futuri Vacanze in... Il cast avrebbe permesso di fare molto meglio, i Gatti al cinema non hanno mai reso, Teocoli e Abatantuono hanno relativamente poco spazio. Alcune gag non sono male e i Viaggi Grandissima Libidine sono un'idea mica male. Ma ritmo non ce n'è e la fusione tra il cabaret "cerebrale" dei Gatti e la comicità più facile (a cui si dedica lo stesso Calà, qui già "in libera uscita" dal gruppo) non riesce. Occasione sprecata?

Herrkinski 3/03/10 23:31 - 5622 commenti

I gusti di Herrkinski

Ultima apparizione ufficiale dei "Gatti di Vicolo Miracoli" al completo. Il quartetto sembra sempre che sia al cabaret, con scambi di battute ormai rodate e gag non propriamente innovative; ma nell'enormità di scenette (pseudo)comiche sicuramente riescono ad imbroccarne qualcuna strappando qualche risata (specialmente quando è Calà ad intervenire). Abatantuono farà di meglio in seguito, Teocoli che fa il marocchino invece è abbastanza divertente. Nel complesso molto datato, seppur storicamente interessante per chi ama la comicità all'italiana.
MEMORABILE: La parte finale con Guido Nicheli; i "Viaggi Grandissima Libidine".

Fabbiu 8/10/10 13:56 - 2003 commenti

I gusti di Fabbiu

Direi che per lo spunto delle vacanze organizzate malissimo (da Abatantuono, praticamente il migliore di tutti) e per una buona parte iniziale, sarebbe meglio di Arrivano i gatti; ma dal "Marocco" in poi le gag, se pur inserite in una interessante concezione nonsense, ci mostrano un tipo di umorismo che più volte tocca il fondo e lascia allibiti. Talvolta sembra tutto un'esagerata bambinata. Però tutto sommato è fluido e dinamico grazie anche alla bravura di alcuni (Diego, Calà e, strano a dirsi, Antonelli nei suoi pochi minuti).

Zender 1/10/10 00:27 - 290 commenti

I gusti di Zender

Ci vuol coraggio a girare un film così. Ma il bello è anche questo, è vedere i Gatti che insieme azzardano la via della comicità surreale (era la loro cifra stilistica, in fondo, soprattutto di Salerno e Oppini) con gag che a molti appariranno rabbrividenti, nella loro ingenuità. Ripetitivo e tedioso per lunghi tratti (nell'harem, interminabile), sfrutta male Abatantuono (doppiato da Teocoli) ma esalta nel finale la verve di Guido Nicheli. Reperto storico di un gruppo comico per molti versi indecifrabile e unico, ma Verona beat è già distante.
MEMORABILE: All'oasi di Omar il fikissimo. Anche qui, ci vuole coraggio...

Belfagor 12/12/10 11:14 - 2634 commenti

I gusti di Belfagor

Qui ad essere bestiale è il film, anzichenò! Un'ora e mezza di gag che farebbero impallidire il Bagaglino per la loro demenza (non demenzialità), portate in scena con una dabbenaggine sconcertante. Calà e Teocoli sono ad un minimo storico, si salva solo Abatantuono nel solito ruolo del terrunciello. Benvenuti nel paradiso del trash, signore e signori, abbiamo le tessere!

Blutarsky 13/12/10 19:45 - 353 commenti

I gusti di Blutarsky

Ultimo film dei Gatti di Vicolo Miracoli, che dimostra l'inefficacia della loro comicità cabarettistica su grande schermo. La parte più godibile è la prima, con i nostri spalleggiati da comprimari alle prese con una vacanza truffa e un Abatantuono mattatore (ottimo seppur doppiato). Quando i Gatti si trovano da soli sulla scena il film cala in ritmo ed interesse, non aiutati da una sceneggiatura improbabile e confusa, povera di spunti comici validi. Qualche gag riuscita e alcuni ruoli minori interessanti (Nicheli, Teocoli...), comunque troppo poco.
MEMORABILE: La hostess dello sgangheratissimo volo; Abatantuono "camera riservata settentriunale cento pe' cento"; Nicheli sull'isola deserta.

Diego Abatantuono HA RECITATO ANCHE IN...

Rambo90 13/05/11 00:43 - 6670 commenti

I gusti di Rambo90

Credo sia il peggior film che ho visto dei fratelli Vanzina (che personalmente amo molto). La comicità un po' surreale dei Gatti è poco divertente, se non addirittura stupida; loro sono simpatici (soprattutto il mitico Calà) ma in questo film sono lasciati troppo a loro stessi. La trama è completamente inesistente, le particine di Abatantuono (pessimamente doppiato) e di Teocoli (anche doppiatore dell'altro!) sono solo di contorno. Unica parte divertente è quella finale con Nicheli sull'isola, nonchè il nome dell'agenzia "Libidine Tour".

Nando 29/06/11 14:15 - 3534 commenti

I gusti di Nando

Film ultra trash che vede il gruppo dei Gatti uniti al cinema per l'ultima volta. Trama scombiccherata con battute demenziali oltrechè inutili. Abatantuono è pessimamente doppiato. Le situazioni sono arcirisapute e non destano il briciolo di un sorriso. Da evitare totalmente.

John trent 19/08/11 12:19 - 326 commenti

I gusti di John trent

Dopo il bellissimo Arrivano i Gatti il gruppo di cabarettisti di Verona ci riprova ma l'esito è disastroso. Non si ride MAI, l'idea dello scambio di valigie (da cui prende il via tutto il resto) è stravecchia come il cucco e le gag sono di una tristezza indicibile. Indifendibile sotto ogni punto di vista. La cosa migliore sono le musiche di Smaila, il che è tutto dire...
MEMORABILE: "I russi, i russi, gli americani..."

Hackett 6/11/11 16:23 - 1799 commenti

I gusti di Hackett

Commedia dalla comicità surreale, semplice e a tratti boccaccesca. Ci sono buoni motivi però per vedere questo piccolo film: i Gatti insieme (la separazione giovò solo a Calà), ritrovare più di un ospite vanziniano (Teocoli, Abatantuono etc.) e ricordarsi che c'è stato un tempo in cui la commedia italiana d'evasione sapeva essere anche un po' becera senza scadere mai nel troppo.

Galbo 8/11/11 07:06 - 11574 commenti

I gusti di Galbo

Terzo film da regista per Carlo Vanzina, vede riuniti per l'ultima volta sul grande schermo I Gatti di Vicolo Miracoli. Come molti gruppi cabarettistici, anche Calà & co. dimostrano ampiamente (e lo faranno anche da "solisti") di funzionare al cinema poco e niente specie se mal serviti da una sceneggiatura che dire lacunosa è poco e che lascia piena libertà di improvvisazione con risultati disastrosi. Nè fanno meglio gli altri componenti del cast. Da evitare.

Cloack 77 14/09/12 20:48 - 547 commenti

I gusti di Cloack 77

I Vanzina si aggrappano alla comicità dei Gatti di Vicolo Miracoli lasciando naturalmente campo libero e briglia sciolta ai protagonisti, abbandonati nel deserto di sceneggiatura e dialoghi. I Gatti poi ci mettono del loro, con una comicità che vorrebbe ambire al surreale o al demenziale ma che non arriva nemmeno alla comicità. La faccenda si allunga all'infinito e non si capisce dove voglia andare a parare, se intraprendere la strada della parodia o il cammino dell'anarchia.

Dusso 20/02/13 07:05 - 1548 commenti

I gusti di Dusso

I Gatti al loro secondo film si ritrovano in una vacanza con gag continue (la maggior parte delle quali va a segno). Fantastico il dialogo con l'ambasciatore Faà di Bruno ("I ragazzi di La marmora") e saggio uso dei caratteristi (divertente anche la parte inziale di Ennio Antonelli). Peccato per il risaputo problema di doppiaggio di Abatantuono, che ha fatto perdere "molto" al film. Cinema italiano 80 senza pretese, di puro divertimento.

Daidae 15/07/13 20:14 - 2829 commenti

I gusti di Daidae

Brutta commedia, promette bene ma dopo 15 minuti ha già stufato. La scena dell'aereo scassato anticipa quella di Pappa e ciccia, le gag sono banali, le scene tediose per la maggior parte. Alcuni attori sono qui evanescenti, come Abatantuono (sfruttato male) e Ghiani (decisamente sottotono). Gli altri, a parte Calà, non ci fanno una bella figura, in particolare Teocoli.

Saintgifts 20/05/15 00:30 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Non si può dire che la sceneggiatura sia povera: di spunti ne offre, per dare modo ai quattro Gatti & company di dare sfogo a tutte le risorse comiche in loro possesso, ma ne esce ben poco. Demenziale e surreale sono aggettivi immeritati: a voler essere buoni sembra servano solo per coprire la scarsa resa cinematografica di gag e battute e quel poco che funziona è più che altro merito della professionalità di buoni caratteristi.

Alex75 25/05/15 09:21 - 710 commenti

I gusti di Alex75

Tentativo deludente di ripetere il successo di Arrivano i Gatti. I quattro ragazzi veronesi sono simpatici ma faticano a reggere i tempi cinematografici. Le battute beote e le situazioni demenziali dopo un po’ stancano. Anche con i comprimari (Abatantuono e Teocoli) si ride poco. In sostanza è un film disastroso, come le vacanze che vorrebbe raccontare. L’unico a salvarsi è Nicheli, nel consueto ruolo recitato con grande professionalità.

Carlo Vanzina HA DIRETTO ANCHE...

Gabrius79 12/08/15 13:21 - 1249 commenti

I gusti di Gabrius79

Dopo un inizio apparentemente passabile, il film vira verso una comicità infantile e soprattutto senza nerbo. A nulla possono gli "sforzi" del quartetto dei Gatti di Vicolo Miracoli e nemmeno quelli del resto del cast, con Abatantuono e Teocoli. Le gag sono trite e ritrite e c'è una certa povertà di sottofondo anche come scenografie. Troppo arrabattato.

Homesick 21/10/16 13:53 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Grossolano e spesso volgare e deprimente, conquista a fatica una minima ragion d'essere comica attraverso qualche momento surreale ritagliato su misura per i quattro fumettistici Gatti, quartetto tuttavia molto più idoneo a spettacoli di cabaret. Abatatuono al grado minimo della sua caratterizzazione del Terrunciello e imbarazzante Teocoli nel ruolo del marocchino truffatore; al contrario, insolita parte consistente per la Scagnetti. Sexy la Morlotti nella sua forsennata corsa su per le scale.
MEMORABILE: Calà in versione Travis Bickle; la "multa preventiva"; lo sprint di Oppini;i messaggi di monito sull'aereo scassato.

Vito 18/07/17 09:28 - 686 commenti

I gusti di Vito

Bel film di Vanzina con i Gatti di Vicolo Miracoli. Il quartetto di protagonisti è affiatato e la storiella è simpatica, con qualche episodio demenziale e persino un finale spionistico alla 007. C'è anche Teocoli nella parte del venditore di tappeti marocchino che doppia pure Abatantuono rimasto per un periodo senza voce. Mitico Calà versione Taxi driver.

Luke v.9. 10/08/17 00:35 - 12 commenti

I gusti di Luke v.9.

Se il primo film dei Gatti era simpatico, la seconda prova è decisamente di tutt'altra pasta: stiracchiata, un collage di gag che però alla lunga stancano decisamente. Poco c'è da salvare, una su tutte la piccola partecipazione dell'indimenticabile Guido Nicheli o la scena spassosa tra Calà e Teocoli nelle vesti del venditore di tappeti marocchino.

Il Gobbo 17/05/18 23:04 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Comicità di (tarda) scuola Derby, pesantemente invecchiata e ora di retrogusto naif. I Vanzinas sceneggiano nei ritagli di tempo, e solo qualche gag funziona malgrado la simpatia innegabile dei Gatti: ci sono persino le torte (e vari ortaggi) in faccia! Riscatto però nel finale con l'apparizione santa del Dogui e l'esattissima profezia sulle vacanze degli italiani pirloni nello Yemen con sequestro incluso.
MEMORABILE: "Col cibo indigeno il sunlover si esalta!"

Deepred89 17/07/18 22:45 - 3368 commenti

I gusti di Deepred89

Forse leggermente meno peggio di quel che si legge in giro, una commedia che parte pure discretamente, con un susseguirsi di gag surreali e battute non-sense che sfociano nel 90% dei casi nell'idiozia più sconfinata. Poi il ritmo rallenta e il film si fa spossante, per riprendersi sul finale con il cammeo di Guido Nicheli e l'ideuzza conclusiva. Curioso Abatantuono doppiato e con il look dei suoi futuri personaggi seri. Confezione dignitosa, mentre Calà sovrasta il resto del cast. Dimenticabile ma non inguardabile.

Tomastich 30/07/18 08:25 - 1218 commenti

I gusti di Tomastich

I Vanzina prima di imboccare la via del successo col dittico Sapore di mare/Vacanze di Natale si erano accollati i Gatti di Vicolo Miracoli. Prima con Arrivano i Gatti, poi con questo film, un delirante ensemble di scenette dei vari Calà, Smaila, Salerno, Oppini alle prese con una vacanza truffaldina in medio Oriente organizzata da Abatantuono. Film politicamente scorretto, anche abbastanza razzista (le scene con i salumi...) ma almeno - rispetto ai Vanzina 1995-2018 - c'erano delle buone maestranze al lavoro e nella messa in scena la cosa si nota.

Azione70 3/02/21 23:38 - 150 commenti

I gusti di Azione70

Piccolo capolavoro, fatto di niente (surreale, no-sense) eppure geniale. Presa in giro delle vacanze organizzate (anche Lucio Dalla lo farà in un suo lavoro della stessa epoca), della guerra fredda, degli italiani quando vanno all’estero. I Gatti e Abantatuono si integrano bene e alcune gag sono irresistibili (Calà tassista che parla al suo idolo De Niro - Taxi driver, le canzoni degli Abba per passare la dogana, l’oasi e Omar il fichissimo). Tra i gregari da segnalare Teo Teocoli e Guido Nicheli, che suggerirà ai nostri “eroi” il finale esilarante della vacanza bestiale. Da scoprire.
MEMORABILE: Tango13 che parla a Taxi driver.

Modo 6/02/21 22:12 - 845 commenti

I gusti di Modo

Film di Carlo Vanzina senza capo né coda. Sconclusionato, con una sceneggiatura inesistente e l’improvvisazione che pare regnare sovrana. Ci sarà pure la cosiddetta “sperimentazione” ma quest’ultimo lavoro dei Gatti di Vicolo Miracoli non ha lasciato sicuramente il segno. Da salvare c’è pochissimo se non qualche battuta “non sense” (ci perdonino Cochi e Renato!).
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Zender • 2/11/10 07:51
    Consigliere - 44331 interventi
    Grazie Buono, purtroppo ieri ero via in coda su ciò che restava dell'A4...
  • Discussione Squash • 10/09/14 19:43
    Galoppino - 189 interventi
    La Voce di rimorchione è di Marco Guadagno. Teo Teocoli doppia Abatantuono con la voce del Terruncello.Sandro Tuminelli doppia il conte Turacciolo. Qualcuno sa il nome degli altri doppiatori ?
    Ultima modifica: 10/09/14 19:57 da Squash
  • Discussione Squash • 10/09/14 19:47
    Galoppino - 189 interventi
    Franco Oppini magrissimo fà l'atletica leggera, una sua espressione ricorda l'epoca : Santisssimo Mennea !
  • Discussione Orsobalzo • 10/09/14 20:42
    Magazziniere - 1072 interventi
    Su Wikipedia trovi un altro paio di doppiatori.
  • Discussione Motorship • 10/09/14 22:54
    Fotocopista - 274 interventi
    Eolo Capritti, ossia il russo è doppiato da Bruno Alessandro voce storica di Derrick, Omar il fichissimo è doppiato da Sergio Gibello e l'avvocato mobiliere è doppiato da Max Turilli.
  • Discussione Lucius • 9/08/19 11:20
    Scrivano - 8447 interventi
    Zender una è IV Orticello, l'altra è I Orticello...
  • Discussione Zender • 9/08/19 18:03
    Consigliere - 44331 interventi
    E non è quello che sta scritto?
    Ultima modifica: 9/08/19 18:04 da Zender
  • Discussione Lucius • 9/08/19 19:14
    Scrivano - 8447 interventi
    Si, ma ho visto che le hai inglobate nello stesso post..
  • Discussione Zender • 10/08/19 07:50
    Consigliere - 44331 interventi
    Sì, perché sono tutte a Sperlonga, alla fine il suq è lì, ma sul radar le ho inserite tutte.
  • Musiche Alex75 • 18/05/20 13:56
    Call center Davinotti - 644 interventi
    Tema dei titoli di testa (U. Smaila).

    https://www.youtube.com/watch?v=q6FL2_7iz7A