LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/01/20 DAL BENEMERITO FAUNO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fauno 21/01/20 01:07 - 1907 commenti

I gusti di Fauno

Non di facile visione perché potrebbe sembrare un mattone lanciato nel vuoto senza un obiettivo preciso, quando al contrario evidenzia come sia impossibile conciliare la cultura indiana, mistico-religiosa in ogni suo aspetto, con quella dell'avere o dell'ottenere, tipica del mondo occidentale, infarcita di paranoie e autolesionismi creati a regola d'arte. Questo giovane fotografo, pur avendo idee d'avanguardia, non potrà condividere e neanche tenersi per lui quest'esperienza proprio perché tutti, nel loro malstare di fondo, vorranno solo sapere le banalità.
MEMORABILE: Il volo di ritorno; La scena d'amore con Livia; La notizia del suicidio; Il quadro nella scena finale, davvero emblematico per il film.

Pinhead80 28/01/20 19:17 - 3891 commenti

I gusti di Pinhead80

Un fotografo torna a Roma dai suoi vecchi amici dopo un viaggio in India. Qui cercherà di dare un senso a ciò che ha visto e alla propria esistenza. Film impegnativo sotto ogni punto di vista che si prende molto (troppo) sul serio affrontando tematiche esistenziali complesse senza convincere. La vita nella comune viene rappresentata come noiosa e in contrasto con la disperazione della popolazione povera indiana. La recitazione però è ottima ed è ciò che salva il film da risultati ben peggiori.

B. Legnani 26/01/20 13:52 - 4690 commenti

I gusti di B. Legnani

Film complesso, probabilmente con contenuto autobiografico, contaminato dal godardismo imperante nell'epoca di realizzazione (luogo principale della vicenda è una "comune"). Sostanzialmente tedioso, perché cerca di prendere forza da dialoghi "normali", ma troppo normali perché essi possano essere interessanti, risultando logor[ant]i troppo presto. Buon cast, con una Valeria Moriconi che dà l'ennesima prova del suo smisurato talento. Ben fotografato, ben decorato. Boccardo brava e bellissima. Orchidea, già provocante di suo, qui deve leccare un gelato, persino con la lingua dipinta di rosso...
MEMORABILE: I minuti con la Moriconi in autobus.

Markus 27/01/20 08:38 - 3255 commenti

I gusti di Markus

Tormenti esistenziali per un giovane fotografo rientrato a Roma da un viaggio in India. Nell'opera di Enzo Muzii c'è indubbiamente dell'autobiografico; probabilmente anche di compiacimento non troppo supportato dal risultato finale: un bel quadro... con pochi contenuti. La straordinaria bellezza fisica degli interpreti - che riescono anche a fornire una più che lodevole performance attoriale - mal si concilia con una vicenda che in definitiva non decolla mai. Un tedioso vuoto pneumatico che non aiuta alla comprensione del messaggio filmico.

Panza 20/02/20 15:29 - 1488 commenti

I gusti di Panza

Per la maggior parte girata in interni, l'opera di Muzii può vantare una buona estetica nella composizione delle inquadrature (sin dalle prime eteree immagini aeree) e nei molti primi piani. Peccato che, nonostante la bravura degli attori, i travagli sentimentali di Giannini non arrivino allo spettatore, che dunque non si crei un'identificazione e una comprensione con il protagonista. Simpatica la parentesi metacinematografica. Faticoso, nonostante manchino quegli intellettualismi e quei dialoghi ermetici tipici di alcune pellicole del periodo.

Daniela 22/02/20 09:39 - 9217 commenti

I gusti di Daniela

Reduce da un viaggio di lavoro in India, un fotografo stenta a riprendere la vita di tutti i giorni a Roma, tanto scolorita e banale. Un evento tragico lo costringerà a ripensare al significato della sua esperienza in quel paese tanto diverso dal nostro... Pur veicolata dall'espressività del bravo Giannini, è davvero difficile immedesimarsi nella crisi spirituale del protagonista, per cui l'inconcludenza delle sue giornate finisce per somigliare a quella di un film ambizioso ma poco riuscito. Da salvare la fotografia e una certa cura nel comporre le inquadrature ma per il resto la noia impera.

Ronax 29/04/20 00:44 - 898 commenti

I gusti di Ronax

Filtrati da mezzo secolo di storia, i tormenti esistenziali del protagonista ci giungono ormai sbiaditi e scoloriti e anche il tragico avvenimento che verso la fine sconvolge la sua vita appare scontato e prevedibile. Ridondante di stilemi del cinema sessantottino, ma senza la sua aggressività provocatoria, si riduce a un susseguirsi di inquadrature raffinate e splendidamente fotografate ma che non vanno oltre un luccicante involucro. Giannini aderisce senza convinzione al personaggio mentre risaltano per intensità la Moriconi e la Boccardo.
MEMORABILE: La parentesi sul set con Orchidea che lecca voluttuosamente un gelato di fronte a Leopoldo Trieste incatenato.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.