Una intima convinzione

Media utenti
Titolo originale: Une intime conviction
Anno: 2018
Genere: drammatico (colore)
Note: Aka "Un'intima convinzione". Ispirato a un caso giudiziario che ha avuto molta risonanza mediatica in Francia: il processo di appello a Jacques Viguier, assolto in primo grado dal sospetto di aver assassinato la moglie Suzanne Blanch, scomparsa nel 2000 a Tolosa.
Numero commenti presenti: 6

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/11/20 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 1/11/20 23:09 - 10497 commenti

I gusti di Daniela

Convinta dell'innocenza di un uomo già assolto dieci anni prima dall'accusa di aver assassinato la moglie ed ora sottoposto al giudizio in appello, la protagonista convince un avvocato di fama ad assumerne la difesa... Si tratta di un personaggio di fantasia, ma all'interno della ricostruzione puntigliosa di un caso giudiziario di grande risonanza mediatica. Nonostante si svolga quasi interamente nelle aule di un tribunale e non parli quasi mai di fatti ma di opinioni, il film riesce ad appassionare grazie alla buona gestione dei tempi e alle prove convincenti di Fois e Gourmet.
MEMORABILE: L'arringa finale dell'avvocato difensore.

Nicola81 9/11/20 15:22 - 2151 commenti

I gusti di Nicola81

Ispirato a un fatto di cronaca, un dramma giudiziario assai distante dagli analoghi prodotti americani, perché se è vero che la maggior parte delle scene si svolgono in aula di tribunale, più dei botta/risposta tra le parti conta l'ossessione della protagonista, ossessionata da una vicenda che in fondo la riguarderebbe solo marginalmente al punto da trascurare vita privata e lavoro. Il ritmo è comunque buono, Marina Fois è bravissima, Gourmet avvocato difensore non è da meno, mentre Lucas, nei panni dell'imputato, ti fa venire voglia di prenderlo a schiaffi per la sua apatia.
MEMORABILE: Le deposizioni della babysitter e del commissario.

Galbo 15/11/20 06:53 - 11646 commenti

I gusti di Galbo

Un dramma giudiziario che è anche il resoconto di un ossessione che coinvolge la protagonista della storia fino a minarne l’equilibrio mentale. A partire da un eccellente gruppo di attori, il regista realizza un film convincente, che tiene sempre alta l’asticella della tensione focalizzandosi sul doppio binario della storia (la vicenda peraltro ispirata ad una storia vera e il dramma umano e familiare del personaggio principale). Un film che non fornisce risposte ma invita ad una seria riflessione. 

Myvincent 22/12/20 10:21 - 2880 commenti

I gusti di Myvincent

Tratto da un fatto di cronaca, il film è la ricostruzione giudiziaria del caso di un uomo accusato della scomparsa della moglie e condannato più dalla società che altro. Ma l'andamento è troppo pedissequamente sviluppato, con tanto di quello stile francese "fighetto", che è più di facciata che di sostanza. Freddo e indigeribile, si scioglie appena nel finale catartico che vivacizza un po' il tutto.

Paulaster 7/02/21 07:50 - 3212 commenti

I gusti di Paulaster

Un caso giudiziario di scomparsa viene sviscerato come monito di un possibile errore giudiziario. Sceneggiatura che cerca di mescolare i tecnicismi del diritto e la cocciutaggine della protagonista. Qui non si è in Codice d'onore, con la rivelazione a sorpresa e in poche udienze i particolari esposti son troppo pochi per appassionarsi alla storia. Gourmet ha presenza come avvocato e la Foïs sembra la nuova Erin Brockovich; il resto del cast è anonimo sia nelle deposizioni che tra i banchi del tribunale. La regia cerca di fare qualcosa nel ritmo.
MEMORABILE: L'intercettazione al David sbagliato; L'investimento fuori dal tribunale; L'arringa finale.

Kinodrop 20/07/21 19:18 - 1919 commenti

I gusti di Kinodrop

Un caso giudiziario basato su un evento reale che resta però solo come cornice, poiché si concentra fondamentalmente su un personaggio di fantasia, la fin troppo intraprendente Nora (l'intensa Foïs) che da cuoca si improvvisa detective di supporto all'avvocato ingaggiato per difendere un uomo dall'accusa di omicidio. Questo fatto segna pesantemente l'andamento della narrazione, con una prima parte molto didascalica e poco verosimile (lo sbobinamento casalingo delle intercettazioni) che si risolleva per la presenza di Gourmet nei panni del difensore e dell'arringa finale risolutrice.

Jean Benguigui HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.