Una canzone per Bobby Long

Media utenti
Titolo originale: A Love Song for Bobby Long
Anno: 2004
Genere: drammatico (colore)
Numero commenti presenti: 9

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/04/08 DAL BENEMERITO GALBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 13/04/08 11:57 - 11314 commenti

I gusti di Galbo

A New Orleans una strana convivenza tra Bobby Long, ex professore universitario alcolizzato, uno scrittore fallito e la figlia di una vecchia fiamma di Bobby. Uno strano film totalmente impregnato delle atmosfere (anche musicali in chiave ovviamente blues) del sud degli Stati Uniti. Il film che ha dalla sua una buona sceneggiatura che riserva particolare attenzione alla caratterizzazione psicologica dei personaggi e dà scarso rilievo alla storia in sè. Molto buono il terzetto di attori protagonisti.

Herrkinski 24/07/08 18:25 - 4969 commenti

I gusti di Herrkinski

Buona commedia che si tinge di dramma nel finale, senza mai scadere nel patetico. Un Travolta inedito, nel ruolo di una specie di Bukowski burbero, affiancato dal discreto Gabriel Macht e dall'iperattiva Scarlet Johansson. Bellissime le ambientazioni "sudiste" di una sonnolenta New Orleans pre-Katrina, così come le musiche. Un film agrodolce che si lascia vedere volentieri, forse privo della verve necessaria per ottenere un giudizio migliore, ma comunque sicuramente valido.

Pigro 25/09/08 09:48 - 7705 commenti

I gusti di Pigro

Ragazzina torna a casa dopo la morte della madre e vi trova due alcolizzati nullafacenti, con i quali inizia una burrascosa convivenza ripensando alla madre. Classica storia di grande intensità con personaggi che scoprono sé stessi attraverso il conflitto con lo straniero e la rievocazione del passato. Ma qui i personaggi sono troppo schematici, la storia è troppo poco verosimile e si rischia così di scadere negli stereotipi. Generosa interpretazione di Travolta. Finale insopportabilmente mieloso.

Homesick 6/11/08 17:56 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

La regista Shainee Gabel debutta con una commedia drammatica sulla vita, ambientata in una Louisiana sonnacchiosa e blueseggiante, quasi sospesa nel tempo. Dialoghi infarciti di citazioni letterarie e una sensibilità in crescendo uniscono il trio protagonista: svetta un Travolta ingrigito e malandato, sornione e paterno, seguito da una delicata ma accalorata Johansson e da un compito Macht. Il barman è Sonny Shroyer, il vicesceriffo Enos di Hazzard.

Stefania 26/05/10 16:26 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

New Orleans, "the big easy", è sempre un piacere rivederla, vischiosa e sonnolenta! C'è molta atmosfera, in questo film, e non molto altro, però al di là degli stereotipi "intellettuale disilluso e alcolista", "adolescente ribelle ma fragile", "giovane scrittore in cerca di un mentore", c'è la commovente autenticità dei sentimenti di questi tre strani coinquilini, una voglia di "immediatezza", ancor più che di tenerezza, nascosta a fatica dalle citazioni letterarie di Bobby, dalla spigolosità di Purcy, dalla timida spocchiosità di Lawson.

Nando 11/04/11 10:02 - 3454 commenti

I gusti di Nando

Nelle umide atmosfere di New Orleans si narrano le vicende di due uomini ed una ragazza legati tutti nel nome della defunta madre di lei. L'introspezione psicologica dei personaggi è discretamente delineata e si evidenziano gli irreparabili danni che causa l'abuso alcolico. Travolta si mostra sovente dimesso ed intimista ma merita una menzione.

Myvincent 18/06/11 12:17 - 2502 commenti

I gusti di Myvincent

Un bravissimo John Travolta nei panni di una professore maledetto ed alcolizzato, affiancato da un altrettanto capace cast di attori, per questo racconto cinematografico dagli scenari luminosi e assolati ma dagli stati d'animo drammatici, come solo la vita e i suoi difficili risvolti possono suggerire. Alcune differenze narrative rispetto al libro "Off magazine street", da cui è tratto, ma lo spirito c'è.

Il Dandi 19/06/11 19:03 - 1732 commenti

I gusti di Il Dandi

Bobby è un Travolta alcolizzato, canuto, che zoppica e piscia sangue citando a raffica classici della letteratura anglo-americana; il suo passato di brillante professore e il ricordo di Lorainne (la defunta mamma di Scarlet Johansson che tutta New Orleans adorava) sono fantasmi che non vengono temuti, ma anzi accarezzati: anche il (mancato) futuro del suo assistente Lawson è già passato; solo il cammino della giovane Johansson è veramente "futuribile", una redenzione che trova il suo futuro solo dalla riconciliazione col passato. Commovente.
MEMORABILE: Non so cos'è successo... forse abbiamo letto troppi libri.

Giùan 27/03/12 17:01 - 2880 commenti

I gusti di Giùan

Va detto dell'opera prima della Gabel che mantiene quelle promesse da "old ballad" a cui il titolo in qualche modo allude. Per lunghi tratti ineluttabilmente letterario e comunque troppo tediosamente zavorrato da uno script impossibilitato a librarsi, il film si fa ammirare essenzialmente per l'ambientazione attenta a mantenersi un passo aldiquà del baratro decadente (New Orleans aiuta) e per una convinta interpretazione del trio di protagonisti, bravi a restituire sincerità laddove era facile scadere nella calligrafia. In breve un tenero polpettone.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Mco • 18/07/13 19:22
    Scrivano - 9631 interventi
    Dal 22 Luglio 2013 in DVD (+ CD) per Lucky Red.