Un tassinaro a New York

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1987
Genere: commedia (colore)
Note: Sequel ideale di "Il tassinaro" (stessi protagonisti).
Papiro: elettronico
Lo trovi su

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Torna Alberto Sordi/Pietro Marchetti, tassista romano già protagonista del TASSINARO quattro anni prima insieme alla moglie impersonata sempre da Anna Longhi. Se lì però si trattava di seguire Sordi nei suoi viaggi in taxi coi vari Andreotti, Fellini, Pampanini, qui l’attività di Marchetti è quasi secondaria. Dopo aver assistito a un omicidio, Marchetti fugge con la moglie a New York (raggiungendo quindi la città del TAXI DRIVER di Scorsese), braccato dalla mafia. Il commissario italo americano Favretto (Dom DeLuise, divertente nel suo idioma mezzo napoletano e mezzo inglese) lo prende...Leggi tutto sotto la sua ala protettiva, gli cambia nome e lo trasforma in perfetto (per modo di dire) tassista newyorkese. Ma dura poco, perché la mafia lo scova e Marchetti dovrà fuggire a Miami, dove continuerà il proprio lavoro fino al prevedibile finale. Rispetto al primo TASSINARO Sordi appare meno serioso, conciliante, e ancora qualche momento divertente c’è (soprattutto nei duetti alla centrale con DeLuise). Purtroppo l’intreccio poliziesco è risibile, ingenuo ancor più di quelli con Bud Spencer e Terence Hill e la parabola del tassista itinerante tende a ripetersi senza troppe novità da una città all'altra. Rimarchevole lo sforzo di recitare e far recitare in americano alcuni protagonisti, così da conservare almeno una parvenza di credibilità. Comunque la sceneggiatura (scritta in collaborazione col fido Rodolfo Sonego) è scialba quanto la maschera del Sordi attore, ormai lontano dalle acute caratterizzazioni dei giorni migliori. Quando Sordi si sceglie come compagna la classica "buzzicona" (si chiami Anna Longhi o Rossana Di Lorenzo cambia poco o nulla) recita sempre allo stesso modo: dimesso, spesso rassegnato, stanco. Eppure a volte non possiamo che solidarizzare con lui, specchio fedele dell’italiano dal cuore d’oro che in effetti esiste.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pol 20/11/07 18:51 - 589 commenti

I gusti di Pol

L'abbandono della struttura ad episodi in favore di una vera trama è stata una scelta suicida, considerando che il soggetto non offre molti spunti. Lo scenario americano non offre appigli ad un Sordi che si barcamena come può in un pasticciaccio giallo dove l'interesse scema minuto dopo minuto fino a sperare in una rapida conclusione. Nel Tassinaro gli sketch meno riusciti duravano 10 minuti, non 103. Un pallino e mezzo, giusto per Sordi che in fondo qualche sorriso lo strappa.

Cangaceiro 7/05/08 15:35 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Stavolta Pietro Marchetti, in vacanza a New York, viene messo sotto protezione dalla polizia americana perché scomodo testimone di un omicidio. Scarno questo sequel de Il tassinaro, che palesa una preoccupante mediocrità generale di regia (dello stesso Sordi), sceneggiatura e musiche. Fortunatamente Albertone, sebbene appaia veramente stanco e impigrito, alla fin fine tiene botta grazie al suo mestiere, soprattutto nei siparietti con il divertente Dom De Luise.

Galbo 9/05/08 05:51 - 11927 commenti

I gusti di Galbo

Mediocre sequel di un film di per sè non memorabile, prevede la trasferta oltreoceano del personaggio principale (e della sua famiglia) ma priva l'opera della romanità bonaria ma almeno simpatica del precedente. La trama "gialla" è praticamente inesistente e le poche gag presenti vengono pesantemente diluite così che il film risulta quantomai noioso e inutilmente prolisso.

Il Dandi 8/05/11 18:28 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Il peggior film in assoluto di Sordi regista. Sceneggiatura inesistente, prolissità cartolinesche che ci potevano stare negli anni '60 (Fumo di Londra), ma non nel 1987! Lo stile sembra quello delle trasferte USA di Nico Giraldi, con uno spunto giallo a far da pretesto ad esili gag basate sui fraintendimenti linguistici tra inglese e romanesco. Un pallino e mezzo, perché Albertone è sempre simpatico, ma il film nel complesso è brutto, a tratti addirittura faticoso.
MEMORABILE: Sordi alla moglie (Anna Longhi), dandole una pacca sul sedere: "Let's go, buzzico'!"

124c 8/05/11 19:44 - 2838 commenti

I gusti di 124c

Seguito de Il tassinaro che, secondo me, Alberto Sordi poteva anche evitare di girare, tanto tutto ciò che poteva dire di buono sul taxista Pietro l'aveva già detto nel 1983. Non conta che la faccenda si tinga di giallo e che Pietro scappi in America dal sicario spacciandosi per taxista italo-americano, il film non lievita, non funziona come si deve. I duetti fra Alberto Sordi e Don de Louise non danno emozione, anche perché de Louise dice sempre le stesse cose, a Sordi. Anna Longhi non basta a garantire romanità anche a questa pellicola.

Rambo90 7/03/12 19:41 - 7170 commenti

I gusti di Rambo90

Brutto sequel e uno dei peggiori film di Sordi in assoluto. La storia è troppo banale e stiracchiata per essere seguita con interesse, i momenti divertenti sono pochi e la trasferta americana è incolore, con paesaggi da cartolina ripresi fino alla sfinimento come è solito fare il Sordi regista. Qualche battuta simpatica Albertone riesce a piazzarla e i siparietti con DeLuise sono simpatici, ma rimane l'idea di un film superfluo e tirato troppo per le lunghe. Evitabile.

Nando 9/03/12 18:43 - 3668 commenti

I gusti di Nando

Colossale battuta di arresto di Sordi che confezione un sequel mediocre e banale corredato da una risibile trama. Lo sviluppo narrativo, che presupporrebbe trame gialliste, è deficitario e anche in campo ironico la battuta latita. Sordi appare imbolsito e gli altri interpreti si adeguano.

Samuel1979 14/10/12 17:41 - 522 commenti

I gusti di Samuel1979

Un sequel tremendo, con una sceneggiatura strampalata e un Sordi disorientato che, nonostante tutta la mia immensa stima, boccio senza ripensamenti. Tutto il film non è altro che un copia/incolla di scene già viste nel precendente. Anna Longhi che parla inglese è a dir poco irritante, cosi come la scena in taxi con il malcapitato George Gaynes. Da evitare.

Rigoletto 2/03/14 15:08 - 1737 commenti

I gusti di Rigoletto

Sequel poco riuscito che tende a trascinarsi; a lasciare indifferenti non è il ritmo né il cambio di impostazione generale, quanto il fatto che un conto è fare il tassista romano a Roma, un altro è estrapolarlo dalla capitale e piazzarlo a New York; un po' come prendere un husky e portarlo in mezzo al Sahara. E Sordi, privato del suo ambiente naturale, se la cava con solido mestiere ma non riesce a dare una sferzata, là dove serve, a un film un po' bislacco. Visto per completezza ma non indispensabile. **
MEMORABILE: La faccia di Sordi quando, in Aeroporto a New York, la moglie riesce a spiegare al doganiere che in valigia hanno della pasta.

Markus 17/06/14 16:37 - 3537 commenti

I gusti di Markus

Nell'anno in cui andò in onda la long version del non memorabile capostipite, Sordi ripescò il personaggio del tassinaro per una commedia tinta di spionaggio ambientata negli Usa, ma il risultato è pressoché mediocre in quanto il plot narrativo non funziona né sul versante comico (eccetto la naturale simpatia che Sordi trasmette) né sotto quello dell’intrigo poliziesco (che spesso sfocia in noia). Le regie di Sordi - salvo poche eccezioni - non hanno mai brillato, ma qui subentrano pochezza d’idee e anacronismi che ne decretarono l’insuccesso.

Anna Longhi HA RECITATO ANCHE IN...

Furetto60 11/08/14 08:21 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Purtroppo una dei film peggiori dell'Albertone; non tanto per la sua prova d'attore, quanto per una trama e una regia (la sua) di scarsissimo spessore. Il tutto si traduce in una sorta di manifesto per turisti a favore della Grande Mela e Miami poi, servito su un piatto di banalità sconcertanti. Evitabile.

Deepred89 12/06/16 15:03 - 3533 commenti

I gusti di Deepred89

Sequel fiacco e stiracchiatissimo, che abbandona le smisurate ambizioni del già non esaltante capitolo precedente per un intreccio comico-poliziesco quasi totalmente impersonale, che non appena tenta di riallacciarsi allo schema umoristico del capitolo precedente (gli sketch in tassì) precipita nell'abisso. Il resto sembra una versione spenta delle trasferte americane di Giraldi e della coppia Spencer-Hill, con in aggiunta il solito elogio all'italianità (unico elemento realmente sordiano). Cast e confezione di qualità lo traghettano verso l'*!

Piero68 13/09/16 10:26 - 2889 commenti

I gusti di Piero68

Inutile sequel di un film che aveva già abbondantemente esaurito le idee nel primo capitolo. Anche in questo caso la sceneggiatura è quasi inesistente e la storia della mafia è unicamente il pretesto per giustificare la permanenza di Sordi in terra d'America. Sembra quasi un mega-spot pubblicitario su New York e le sue caratteristiche vie a Natale nella prima parte e a Miami nella seconda, visti i tanti panorami e le tante carrellate sulle due città. Nemmeno la gag con Gaynes, mitico capitano di Scuola di polizia, dà quel tocco in più sperato.
MEMORABILE: Gaynes/Ammiraglio perdona un maldestro Sordi/tassinaro e gli canta a squarciagola "Arrivederci Roma"; La buzzicona che parla inglese alla dogana.

Alex75 15/06/16 13:34 - 793 commenti

I gusti di Alex75

Pietro Marchetti è come Nico Giraldi: lontano da Roma funziona poco. Lo dimostra ampiamente questo sequel fiacco e inutile di un film non memorabile, in cui la trama sembra un pretesto per mostrare un’America da cartolina. Sordi, che non propone nulla che non abbia fatto molto meglio altrove (l’italiano all’estero e il romano medio con moglie buzzicona al seguito) raggiunge qui il nadir della sua carriera, o comunque ci va molto vicino.

Gabrius79 25/05/20 21:45 - 1334 commenti

I gusti di Gabrius79

Un seguito di cui francamente si poteva fare a meno. Tanto risulta essere incolore da rendere sia Sordi che la Longhi completamente sprecati e penalizzati da una sceneggiatura banale. I momenti divertenti sono veramente pochi e strappano faticosamente un sorriso; c’è un buon paesaggio da cartolina. Ci si sarebbe aspettati di più da Sordi, oramai sul viale del tramonto.

Minitina80 6/11/21 22:40 - 2748 commenti

I gusti di Minitina80

Un seguito non proprio indispensabile che non riesce a dare grande soddisfazione. L’intreccio poliziesco è abbastanza incolore e non pretende nulla di più che riempire la pellicola da un punto di vista quantitativo. Sordi ripete stancamente sé stesso, sia nel personaggio del tassista che come regista, dando l’idea di non riuscire a fare qualcosa di diverso, anche solo nelle intenzioni. Gli intermezzi con i passeggeri del taxi non lasciano niente in mano e lo scollamento arriva presto. Resta una leggera parvenza di simpatia offuscata dai limiti intrinseci che gli gravano addosso.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Rambo90 • 7/03/12 19:43
    Capo scrivano - 372 interventi
    La musica che si sente nella scena dell'acquafun riprende il tema musicale de 'Il presidente del Borgorosso Football Club'
  • Musiche Motorship • 17/01/13 17:33
    Fotocopista - 273 interventi
    Mi pare di aver sentito la musica di "Quelle strane occasioni" esattamente nel punto in cui Sordi precorre uno stradone di Miami subito dopo aver preso servizio (in incognita) li nella capitale floridiana.
  • Discussione Samuel1979 • 14/03/13 14:06
    Capo call center Davinotti - 3662 interventi
    Il Capitano T.Favretto (Dom DeLuise), è doppiato da Carlo Croccolo.
  • Homevideo Cinema97 • 1/08/14 15:41
    Galoppino - 93 interventi
    Uscito in DVD per l'IIF e in VHS per la Domovideo.
    C'è da dire che la VHS è cut di qualche minuto, manca l'intera scena della chiamata nottura tra Sordi e suo figlio mentre Anna Longhi dorme con degli accessori americani.
  • Homevideo Zender • 2/08/14 09:21
    Pianificazione e progetti - 46197 interventi
    Ah interessante questo, non sapevo. Quindi il dvd è integrale, buono a sapersi.
  • Discussione Raremirko • 27/01/19 22:08
    Addetto riparazione hardware - 3825 interventi
    Io l'ho trovato sullo stesso piano dell'originale: non memorabile, ma neanche disprezzabile; bene Gaynes e DeLuise, Sordi regge sempre la scena e la storia tinta di giallo aiuta, così come è buona l'idea del cambio di location.
    Ultima modifica: 4/02/19 19:38 da Zender
  • Curiosità Buiomega71 • 4/02/19 19:14
    Pianificazione e progetti - 24236 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (Lunedifilm, 26 novembre 1990) di Un tassinaro a New York:

  • Curiosità Fedemelis • 31/08/20 06:50
    Fotocopista - 2004 interventi
    Il Messaggero di Roma che i coniugi Marchetti leggono sull'aereo che li porterà a New York è del 30 maggio 1987:

    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images53/messag4.jpg[/img]
    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images53/messag3.jpg[/img]