LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

La coppia Jerry Calà/Marina Suma, nata sulle spiagge di SAPORE DI MARE sotto l'egida dei fratelli Vanzina (qui presenti in veste di soggettisti) ha rappresentato negli Anni Ottanta la perfetta incarnazione di un certo tipo di commedia sentimentale. Jerry Calà era forse l'unico attore capace di interpretare al meglio il ragazzetto simpatico e brillante in cui molti avrebbero voluto identificarsi: nessun altro ha saputo essere allo stesso tempo tanto divertente e appassionato e per un certo tipo di film la scelta dei produttori era obbligata. Della coppia Calà/Suma, oltre a SAPORE DI MARE (nel quale...Leggi tutto comunque non erano gli unici protagonisti) e il deludente film tv NON CHIAMATEMI PAPA’ (in cui la Suma è solo in partecipazione straordinaria), ci resta un'unica testimonianza su schermo, ed è proprio questa simpatica commedia diretta da bravo Marco Risi (che già aveva diretto Calà nel cult VADO A VIVERE DA SOLO) e da lui sceneggiata con Furio Scarpelli. E’ la storia di Anna e Calogero, che si lasciano e si rincorrono dall'inizio alla fine del film. Calà e la Suma sono al loro meglio, tant'è che monopolizzano la scena lasciando agli altri (l'unico un po' presente è il sardo Sandro Ghiani, in un ruolo molto triste) le briciole: Serena Grandi fa una comparsata di mezzo minuto, Monica Scattini la vediamo un po' di più ma è poca cosa. La sceneggiatura è intelligente, ben resa dal cast. La colonna sonora infarcita di Dalla e Battisti (sua l'indimenticabile e qui ovvia “Anna”) si inserisce ottimamente sullo sfondo e gli spunti comici non mancano. Regna un pregevole senso della misura e l'affiatamento dei protagonisti è evidente. Risi ha un tocco leggero e raffinato che ci fa amare questo piccolo film.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

G.Godardi 17/03/07 20:10 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Forte del successo ottenuto con Sapore di Mare la coppia Calà-Suma viene reclutata da Risi jr per questa garbata commedia sentimentale anni 80 scritta dai Vanzina. Sceneggiatura curata, buona ambientazione e scelta delle musiche che caratterizzano i vari periodi storici in cui si svolge la vicenda. Pur non rinunciando ai suoi soliti tormentoni, qui Calà dimostra anche di essere più versatile del solito, e affiancato alla Suma funziona alla perfezione. Divertente e mai volgare.

TomasMilia 9/10/07 18:14 - 157 commenti

I gusti di TomasMilia

La coppia Calà-Suma, dopo il successo di Sapore di mare, torna insieme in questa commedia sentimentale ben recitata e misurata. Calà interpreta il suo personaggio degli anni ’80, il ragazzo trentenne eterno-Peter Pan, divertente e brillante; la Suma continua a recitare malamente. Calogero è uno studente fuori corso che si innamora di Anna. Dopo averla conquistata, sorgeranno i problemi di coppia. Si arriverà comunque al lieto fine.

Pstarvaggi 18/03/08 15:47 - 80 commenti

I gusti di Pstarvaggi

Piccolo film quasi dimenticato, che ci offre però un Calà bravo e misurato. Siamo sempre nel territorio della commedia, che tuttavia Marco Risi dirige con garbo e senso della misura. Anche la Suma offre una delle prove migliori della sua carriera. Buona parte delle commedie sentimentali dei giorni nostri (spesso troppo mielose o troppo cupe) dovrebbero prendere esempio.

Galbo 18/04/08 07:25 - 11546 commenti

I gusti di Galbo

Realizzato con la collaborazione dei fratelli Vanzina, è un tentativo di uscire dai canoni dei film giovanilistici realizzati dagli stessi autori (Sapore di mare) per allestire una commedia rosa, non volgare e improntata ad una certa leggerezza di tono. Tentativo solo in parte riuscito, in quanto il film appare alquanto inconsistente e non riesce ad evitare parecchi luoghi comuni narrativi del genere. Anche gli attori principali non danno il massimo.

Straffuori 23/07/08 23:35 - 175 commenti

I gusti di Straffuori

Si rivede sempre volentieri. Coppia Calà/Suma (già rodata in Sapore di Mare) che funziona bene e film sentimentale/commedia scorrevole e divertente con momenti di comicità particolarmente esilaranti tipo "Vito Cucchiarone" e il litigio alla tesi di laurea... Ottime musiche e ambientazioni milanesi sempre incantevoli.
MEMORABILE: "Perchè ci metti il sale?". "Perchè? Porta male?". "Tu non tieni nemmeno l'uso della lingua italiana... La professoressa".

Herrkinski 4/03/10 21:48 - 5507 commenti

I gusti di Herrkinski

Commedia sentimentale diretta con garbo dal talentuoso Marco Risi, che si situa in mezzo al classico Vado a vivere da solo e all'eccellente Colpo di fulmine, creando un'ideale trilogia giovanilistica che trova in Jerry Calà il proprio mentore. Il comico è anche qui perfetto per la parte e dimostra una sensibilità recitativa che difficilmente in futuro riuscirà ad eguagliare. Brava anche la Suma, notevole il feeling tra i due attori, che risultano molto naturali. Il clima agrodolce è garantito, ma non scade nel melenso. Muccino dovrebbe imparare.

Franz 2/05/10 11:22 - 110 commenti

I gusti di Franz

Quando gli attori sono convincenti, affiatati e in parte, non serve una storia originalissima per costruire un buon film. È quel che succede qui, nelle tragicomiche vicende di Anna e Calogero, ben disegnati sui volti, i corpi e il temperamento di Calà e della Suma. Certo, perfette le scelte di location (una poetica e coinvolgente Milano) e colonna sonora (brani straordinari di Battisti, Minghi, Dalla...), ma i due protagonisti sono bravissimi, sempre ottimamente in bilico tra malinconia, amore, odio, voglia di normalità. Bello!
MEMORABILE: Gli shampoo di Calà. Il triste Natale in casa di Ghiani. La bellezza naturalissima di Marina Suma!

Markus 3/05/10 10:45 - 3378 commenti

I gusti di Markus

Film assolutamente classificabile come “giovanilistico” facente capo alla deliziosa trilogia cinematografica Risi-Calà non ancora rivalutata, ma che conta molti estimatori tra cui il sottoscritto. In questo caso si è voluta narrare la classica vicenda d’amore di una coppia (Calà-Suma) raccontata in forma storiografica e di ricostruzione temporale tra gli Anni Settanta e gli allora attuali Anni Ottanta, il tutto rafforzato da canzoni scelte ad hoc e location suggestive della Milano che fu.

Nando 11/06/10 10:52 - 3514 commenti

I gusti di Nando

Storiella giovanilistica con poche pretese nonostante l'impegno dei protagonisti. Luoghi comuni a go-go, canzoni d'amore italiane ed un prendersi e lasciarsi veramente irritante. Alcune idee non sono da buttar via, ma rimane un prodotto anni 80 non dei migliori.

Cotola 21/08/10 18:50 - 7749 commenti

I gusti di Cotola

Commedia firmata da Marco Risi e sceneggiata dai fratelli Vanzina che, incredibile ma vero, per una volta hanno il merito di evitare, quasi sempre, la volgarità gratuita pur senza però elevarsi dalla mediocrità. Anche Calà è più misurato e sobrio del solito, mentre la Suma fa quel che può. Per chi ci tiene gli si può dare uno sguardo.

Francesca Ventura HA RECITATO ANCHE IN...

Rambo90 30/11/10 14:59 - 6602 commenti

I gusti di Rambo90

Deliziosa commedia di Marco Risi, dove Jerry Calà dimostra di essere un interprete misurato e dotato di grande simpatia, al di là dei vari cinepanettoni a cui ha preso parte negli anni. Marina Suma è brava e forma con lui una coppia perfetta, il resto del cast non è di grande livello ma del resto il film si sofferma solo sui due protagonisti. Curioso come lo spunto di partenza sia molto simile a quello di Harry ti presento Sally (di 5 anni dopo). Bbuoni il soggetto dei Vanzina e la sceneggiatura piena di dialoghi frizzanti, ricca la colonna sonora.
MEMORABILE: "Guardavo una ragazza che guardava il suo ragazzo, che guardava la mia ragazza che guardava lui... a me non mi guardava nessuno!"

Homesick 19/05/11 18:35 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Ormai lontana dai fasti di un tempo, la commedia italica viene condotta alla deriva proprio dal figlio di uno dei suoi padri fondatori con una sceneggiatura che, semplicistica ed infantile nello snocciolare gli isterismi di coppia più banali, affoga sommersa da chili di melassa e dalle lagne amorose di Battisti, Baglioni, Minghi e De Crescenzo. L’eterno bambino Calà sembra omaggiare “Lo shampoo” di Gaber, ma i suoi approcci al dramma raggiungono picchi di pateticità imbarazzanti, al pari della sessione di laurea con la Suma tra gli esaminatori e il “live-act” con Ghiani alla metropolitana.
MEMORABILE: Il deprimente clima natalizio durante la cena in casa di Ghiani.

Deepred89 20/08/11 13:03 - 3343 commenti

I gusti di Deepred89

Una commedia piacevole, senza pretese, un po' ripetitiva, che da una parte attacca la possibilità di una qualsiasi relazione sentimentale stabile e dall'altra ripropone la Milano da incubo vista a partire da Il belpaese e Ecco noi per esempio (emblematica in questo caso la scena della perquisizione notturna). Funzionano i due protagonisti (Calà in particolare è forse al suo top), un po' meno Ghiani, ma rimane una figura di contorno. Colonna sonora un po' fiacca di Manuel De Sica, risollevata dall'inserimento di una serie di hit.
MEMORABILE: La primissima battuta di Calà, nella quale mette al corrente gli spettatori del suo "bellissimo nome".

Disorder 22/11/14 09:21 - 1412 commenti

I gusti di Disorder

Noioso. Pur essendo fan di Calà e del genere giovanilistico, qui trovo poco da salvare. Trama stiracchiatissima, sentimentalismo che non c'è, personaggi prevedibili quando non antipatici. Anche la sceneggiatura è inutilmente prolissa. Peccato perché Jerry è in ottima forma e quando prende le redini fa ridere sul serio (vedi l'esame nella cabina!). L'effetto nostalgia è comunque garantito dalle belle riprese di Milano e dai sapienti stacchi musicali.

Redeyes 10/11/15 13:32 - 2231 commenti

I gusti di Redeyes

La coppia Suma/Calà questa volta è assoluta protagonista in una piacevolissima commedia. Al contrario di quel ci si potrebbe aspettare Calà gigioneggia meno del solito e risulta senza dubbio decisamente simpatico, anche grazie a un Ghiani un po' meno macchiettistico e più efficace. La Suma, bellissima, convince a sua volta. La sceneggiatura talvolta arranca un po' e non brilla certo per originalità, ma sicuramente riesce a far sorridere e a non scadere mai nel volgare. Una commedia da riscoprire.

Parsifal68 25/05/16 07:46 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

Tira e molla sentimentale di quasi un decennio di due ragazzi fino allo scontato lieto fine. Commedia misurata e a tratti gradevole con una coppia simpatica e affiatata. Marco Risi dirige su un soggetto dei Vanzina Brothers che sembra tanto anticipare Harry ti presento Sally e riesce nell'obiettivo di tenere a freno Calà (e non è poco) e a far esplodere tutta la bellezza mediterranea della Suma.
MEMORABILE: Calogero (Calà) si lava i capelli a una fontanella pubblica di Piazza Municipio.

Maxx g 17/07/17 17:07 - 509 commenti

I gusti di Maxx g

Lui e lei, Calogero e Anna, che si raccontano. Storia di un amore che sboccia, che muore, che si riprende, che si lascia.. tutto sullo sfondo di una Milano da bere (siamo a cavallo tra la fine dei '70 e l'inizio degli '80). Si ride pochino, ci si appassiona alla vicenda ma null'altro. Ghiani efficace come spalla di Calà, discretamente in parte, anche se lascia da parte i propri tic. La Suma è poco espressiva come (quasi) il suo solito. Piccola parte per Francesca Ventura, futura Tisini dei Ragazzi della 3^ C.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Homesick • 20/05/10 18:07
    Capo scrivano - 1373 interventi
    Dal 22 luglio in dvd per Titanus.
  • Homevideo Zender • 20/05/10 18:51
    Consigliere - 44113 interventi
    WOW! Eccellente!
  • Curiosità Rambo90 • 30/11/10 03:37
    Pianificazione e progetti - 343 interventi
    Il conducente del tram che invita la Suma a salire perchè in strada sparano è Ugo Conti!
  • Musiche Samuel1979 • 30/10/12 09:33
    Call center Davinotti - 3070 interventi
    Ci sono due brani di Battisti:

    1)Anna
    2)Con il nastro rosa
    Ultima modifica: 30/10/12 09:33 da Samuel1979
  • Discussione Zender • 3/06/13 20:01
    Consigliere - 44113 interventi
    Sai che non ho capito Neapolis? Una visita guidata ti ha portato a questa location? E quando sei tornato da lì hai trovato il portone chiuso? Ma se sei tornato da lì di che portone parli? Non credo di aver capito.
  • Discussione Neapolis • 3/06/13 21:27
    Fotocopista - 2155 interventi
    Zender per il Maggio dei monumenti vengono organizzate delle visite guidate nel Centro storico di Napoli per visitare i principali monumenti. Durante il percorso che ho fatto a piedi per andare al punto di incontro ho dato uno sguardo ai palazzi che incontravo man mano ed ecco che l'ho beccato. Al ritorno ripassando per la stessa strada il portone del palazzo della location era chiuso per cui a volte dipende anche dal caso la localizzazione.
  • Discussione Neapolis • 3/06/13 21:37
    Fotocopista - 2155 interventi
    Adesso rimane da scoprire l'androne di No grazie il caffè mi rende nervoso che è difficilissimo pure lui.
  • Curiosità Buiomega71 • 14/09/17 19:30
    Pianificazione e progetti - 22405 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71 il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima visione Tv ( "Superfilm", venerdì 25 aprile 1986) di Un ragazzo e una ragazza:

  • Curiosità Markus • 11/08/20 11:15
    Scrivano - 4807 interventi
    Il film, tra le varie trasmisisoni, è stato presentato dallo stesso protagonista Jerry Calà a "Pronto, Raffaella?" del 24 gennaio 1984. Calà spiega - con un bisticcio di parole - che la pellicola parla di ragazzi suddiviso tra le varie epoche. La Carrà lo guarda tra il divertito e il perplesso:

    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images53/unri1.jpg[/img]

    Calà ci tiene a sottolineare che c'è anche una protagonista (Marina Suma) e che quindi il film è diviso al 50% con lei. Insomma, a suo modo è un film "femminista". La spiegazione non convince troppo la conduttrice. Così Calà si barcamena buttandola come si dice in simpatia. Un bicchiere d'acqua per stemperare la tensione:

    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images53/unri2.jpg[/img]