Un giorno in pretura

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1954
Genere: commedia (bianco e nero)
Note: Il personaggio Nando Moriconi di Sordi (presente qui nell'episodio "America' facce Tarzan") verrà ripreso nel film WUn americano a RomaW e in un episodio di "Di che segno sei"?
Numero commenti presenti: 16
Papiro: cartaceo
APPROFONDIMENTI: Il vero calcio al cinema

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 20/07/07 22:32 - 4785 commenti

I gusti di B. Legnani

Pellicola entrata nella storia del cinema italiano, per la prestazione straordinaria di Alberto Sordi che fa nascere Nando Moriconi, poi esaltato in Un americano a Roma. Grandissimo l’attore quando nuota e gioca nella “maràna”, lèmma che si sente anche in Le belve (per definire il laghetto di Monte Gelato). Il resto del film è un po’ sotto, ma si guarda con piacere.
MEMORABILE: De Filippo ascolta le considerazioni che inchiodano inequivocabilmente la Pampanini come colpevole del reato di adescamento, dopo di che la assolve.

Supervigno 5/05/08 11:38 - 229 commenti

I gusti di Supervigno

Divertente e scanzonato film che segue una giornata in pretura, tra contenziosi di modesta entità, opposizioni a contravvenzioni fatte per principio, avvocati d'ufficio annoiati, avvocati di fiducia pomposi, vecchie glorie del varietà in declino e altro. Il film in sè è sicuramente invecchiato e a volte segna il passo, ma la presenza di attori immensi (su tutti, un giovane Sordi che vuol far l'americano) e un non so che di familiare e di nostalgico lo rendono comunque godibile.

Il Gobbo 5/05/08 00:03 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Titolo ormai proverbiale e simbolico, che certo a distanza di anni è così così, a parte il trionfale episodio sordiano, con la fragorosa apparizione di Nando Moriconi, uno dei più grandi personaggi di Albertone, che da solo basta e avanza per consegnarlo alla posterità, e l'eccellente prova di Peppino. Fra i tanti caratteristi medaglia al merito all'enfatico e strabicissimo avvocato Vincenzo Talarico, giornalista, sceneggiatore e critico, amico di Flaiano e presenza fissa nella Via Veneto dei tempi d'oro, di cui fu acuto cronista.

Matalo! 3/08/08 12:09 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Inevitabile aggiungersi al coro: se non fosse per lo sketch di Sordi questo film (uno dei tanti film a sketch dell'epoca) sarebbe stato uno dei tanti filmetti passatempo (ma con caratteristi eccezionali) persi nei magazzini. Letale l'episodio della Pampanini; puerile quello di Chiari/Loren. La folgore Sordi eleva la pellicola ad altezze di humor e sagacia inarrivabili. Un tipo, "l'amerecanizzato", nel quale milioni di italiani si riconobbero, una selvaggia girandola di battute con la vena un po' surreale del Sordi prima maniera. Geniale. L'avvocato Anastasi è Gualtiero Jacopetti.
MEMORABILE: "In America tutti se fanno il bagno nudi, er ricco, er povero, l'emigrante, er ciambellano de corte".

Pigro 6/01/09 09:11 - 7910 commenti

I gusti di Pigro

Diversi episodi per altrettante cause discusse davanti al pretore, fra ladruncoli, fedifraghi, rissosi e adescatrici. Pur essendo a sketch, il film ha tutto sommato un sua omogeneità, con una cornice ben delineata e originale. Ma purtroppo le storie raccontate non sono particolarmente divertenti e rimangono appiattite su una comicità elementare e obsoleta. A reggere il lavoro sono un bravo Peppino De Filippo, trait d'union del film, e sorpattutto un fulminante Alberto Sordi nell'episodio di cui è protagonista.

Caesars 6/11/09 10:36 - 2765 commenti

I gusti di Caesars

Come non concordare con chi asserisce che la fama di questo film è legata all'episodio con Sordi? Questo è infatti l'unico momento davvero soddisfacente della pellicola, per il resto si naviga all'interno di sketch che poco o nulla hanno da dire, se si esclude la bravura di Peppino De Filippo e Turi Pandolfini. Da Steno ci si poteva aspettare di più.

Cangaceiro 24/02/10 12:01 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Come d'abitudine per i film a episodi il suo valore è altalenante. Il picco qualitativo ovviamente ce lo concede Sordi, un rullo compressore nel suo episodio, già dotato di un carisma e una verve comica ineguagliabili. Tuttavia non c'è solo lui: Chiari è un ottimo pretino moderno ma coscienzioso e Peppino De Filippo pretore si conferma un fuoriclasse. Fa cadere le braccia invece la parentesi con la Pampanini, che c'entra come i cavoli a merenda. Steno dirige con grande ritmo e scioltezza il tutto, lasciando a briglia sciolta lo stratosferico cast.
MEMORABILE: L'ossessivo intercalare di Sordi (nudo) nella villa: "Siòr, siòr!"

Saintgifts 19/10/10 09:43 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Nella didascalia iniziale vengono citati "i soliti ignoti", personaggi che ogni giorno sono processati nelle Preture italiane; chissà se è servito per il titolo del più famoso film del 1958. Il film non è un grancheé, ma è senz'altro un importante documento di una particolare Italia e di un particolare ambiente. I personaggi ci sono tutti: il pretore, gli avvocati d'ufficio, uno verboso l'altro che legge il giornale, i falsi testimoni, i fessi, i furbi, il mondo del pallone, il prete, le bellocce, il fanatico, i ricchi i poveri e i mangiagatti.
MEMORABILE: Le erudite e fuori luogo, arringhe di Vincenzo Talarico

Rambo90 5/01/12 16:08 - 6435 commenti

I gusti di Rambo90

Simpatico film a episodi tutti ambientati in pretura e tenuti insieme dalla figura del pretore, interpretato da un Peppino De Filippo in forma strepitosa. I suoi discorsi con il busto di Cicerone e l'episodio con Alberto Sordi (per la prima volta nel ruolo di Nando Moriconi) arrestato per oltraggio al pudore, sono davvero irresistibili. Buono anche il resto del cast. Forse un po' moscio l'episodio con Walter Chiari e Sophia Loren, mentre quello con la Pampanini l'ho trovato malinconico ma riuscito. Buono.

Nando 17/08/12 22:43 - 3495 commenti

I gusti di Nando

Pellicola epocale che ha avuto il merito di lanciare il personaggio sordiano di Nando Mericoni. Simpatiche le situazioni davanti al bonario pretore in cui si ammira la classe di Chiari, le valide espressioni di Trieste e la sfolgorante bellezza della Pampanini. Un discreto affresco dell'epoca in cui si sorride con delicatezza.

Graf 30/10/13 01:00 - 700 commenti

I gusti di Graf

Uno dei film italiani più significativi degli anni ’50. Questa commedia giudiziaria a episodi paralleli che finiscono tutti in una modesta pretura è semplicemente il ritratto dell’Italia bonaria e pacioccona di 60 anni fa, quando le aule di giustizia erano luoghi per raccontare un mondo piccolo piccolo frequentato da gente genuina e dagli orizzonti limitati, malviventi all'acqua di rosa che non facevano paura a nessuno. Risse, liti e schiamazzi continui, tipicamente italiani e caoticamente divertenti. Sordi scatenato, Peppino De Filippo crepuscolare.
MEMORABILE: La scena dell'interrogatorio dell'imputato Nando Moriconi (Sordi) da parte del Pretore Lorusso (De Filippo) è da manuale della recitazione: straordinari!

Minitina80 22/10/16 12:50 - 2400 commenti

I gusti di Minitina80

Partendo da una brillante idea di Lucio Fulci, Steno dirige una divertente commedia a episodi in cui incastra personaggi e situazioni che spaziano dal comico al melodramma. L’episodio con Alberto Sordi vale da solo la visione del film e getta ombra sui restanti episodi, che hanno il solo difetto di rientrare nella normalità. Gli regge il passo Peppino De Filippo, un nevrotico e integerrimo pretore, sempre spassoso. Un esperimento sicuramente riuscito.
MEMORABILE: Americà facce Tarzan!

Pessoa 26/06/17 23:51 - 1230 commenti

I gusti di Pessoa

Steno e Fulci scelgono fin dalla location di parlare di un sottobosco pseudocriminale riportando l'attenzione della gente su alcune ferite che la guerra aveva lasciato aperte. Le caratterizzazioni sono magistrali e rendono merito a una sceneggiatura ben scritta. Sordi miliare, per diverse ragioni; Peppino e la Pampanini bravissimi regalano splendidi momenti di poesia; ritmo molto elevato con soluzioni narrative efficaci e credibili. Una delle commedie italiane di quegli anni che rivedo sempre con piacere.
MEMORABILE: L'incontro fra Peppino e Sordi allo stadio; Il coccodrillo; La vecchia miope.

Piero68 11/07/17 17:00 - 2781 commenti

I gusti di Piero68

Commedia leggera sulla giustizia italiana non particolarmente riuscita. Cinque episodi scollegati ma comunque uniti da un comune denominatore che è il personaggio di De Filippo qui nelle vesti del Pretore. Non sono particolarmente graffianti le storie né particolarmente ilari le gag; il film si farà ricordare più per la presenza del personaggio di Sordi (Nando Moriconi), ripreso poi in altri film, che non per la cifra totale del prodotto. Alla fine è proprio l'episodio di Sordi il più riuscito, seguito da quello di Walter Chiari.
MEMORABILE: "Americà, facce Tarzan!"; De Filippo/Pretore e la proiezione del filmino.

Alex75 29/10/18 13:39 - 687 commenti

I gusti di Alex75

Ritratto dell’Italia dei primi anni ‘50, puritana e rattoppata, attraverso una serie di casi “bagatellari” affrontati dall’integerrimo Peppino de Filippo, tra ladruncoli, preti di provincia, bulletti di borgata e vedettes decadute. Le storielle (tranne quella – dirompente - che lancia il personaggio di Nando l’Americano) sono poco interessanti e a tratti bolse, ma riscattate da un ottimo cast (Sordi, Peppino e Chiari in testa, senza trascurare Trieste, Talarico e le presenze femminili).
MEMORABILE: I “soliti ignoti” nei titoli di testa; Nando, il “Kansas City” e la “marrana”; Le arringhe di Talarico; “Il tenente se ne va”; Peppino e Cicerone.

Rufus68 27/03/20 22:31 - 3152 commenti

I gusti di Rufus68

Film costruito a piramide: l'inizio e il finale di buon livello grazie al pretino di Chiari e alla vena di De Filippo, assieme popolaresca e patetica. Al centro la vetta, Nando Moriconi, il personaggio con cui Sordi può esplicare al meglio la propria attitudine vittimista, arrogante e cialtrona. L'americano che se ne va nudo di notte uscendo dal fosso di borgata, l'inflessione ciancicata da yankee di Kansas City e la lotta col tronco-coccodrillo sono un punto fermo della comicità italiana.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Don Masino • 27/12/07 16:43
    Galoppino - 282 interventi
    Come già detto e stradetto anche qui, il film è importante per l'episodio di Sordi che lancia Nando Moriconi come "americano di Roma". Nello stesso episodio è però da segnalare la presenza di Lucio Fulci "attore": è l'uomo con gli occhiali nel cui appartamento entra Sordi nudo e che mette la puntina sul giradischi...
  • Curiosità Caesars • 6/11/09 10:41
    Scrivano - 11295 interventi
    Forse non tutti sanno che l'episodio con ptotagonista Sordi ha rischiato di essere tagliato dal montaggio finale, in quanto il produttore De Laurentiis non lo reputava idoneo per il grande pubblico. Fu la moglie dell'epoca, Silvana Mangano, a convincerlo a non levarlo. I fatti le diedero ampiamente ragione.

    Sempre a proposito di tale episodio in un primo tempo fu considerato Walter Chiari per il ruolo di Moriconi (o Mericoni). Direi che la scelta era quantomeno inappropriata, perchè solo Sordi poteva rendere al meglio quel personaggio (che diventò addirittura un'icona).

    Fonte: la trasmissione "La valigia dei sogni"
  • Curiosità Fedemelis • 17/09/13 12:10
    Fotocopista - 1792 interventi
    Le immagini di repertorio del derby Roma-Lazio nel quale si incontreranno il pretore Salomone Lo Russo (Peppino De Filippo) e Nando Mericoni (Alberto Sordi) è il Roma-Lazio del 29 novembre 1953 e finita 1-1. Nelle poche immagini della partita vediamo il gol di Galli che confrontiamo con una immagine di repertorio, del quale ringraziamo il sito lamiaroma.it per la concessione.




    Ma nel film sarà, stranamente, il tifoso laziale (Lo Russo) ad esultare:

  • Discussione Squash • 16/09/14 18:49
    Galoppino - 196 interventi
    Peppino De Filippo si lamenta che sui giornali sportivi campeggiano le foto di certi ciclisti dal naso lungo. Si riferiva a Bartali e Coppi che notoriamente avevano tutti e due il naso lungo.
  • Discussione Mauro • 11/11/15 10:20
    Disoccupato - 9600 interventi
    Questi sono i titoli degli episodi

    1) Il ladro di gatti

    2) I coniugi Ponticelli

    3) Don Michele, Anna e il biliardo

    4) Nando Mericoni, l'americano (inserire il titolo nella location in verificate)

    5) Gloriana
  • Discussione Zender • 11/11/15 17:00
    Consigliere - 43740 interventi
    Però non so dive li hai trovati, Mauro. Nel senso che nel film la gente sfila ma senza che parta alcuno titolo...