Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 3/03/08 DAL BENEMERITO HOMESICK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 3/03/08 18:04 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Da un romanzo postumo di Guido Morselli, la storia del ritrovo di un padre vedovo e della figlia adolescente, che assume presto connotati torbidi e morbosi precipitando verso la tragedia. Vancini sa proporre un’atmosfera immobile e malata, anche in forza della location luganese, ma non riesce ad infondere adeguato spessore psicologico ai suoi personaggi, benché affidati ad un corretto Nero e alla lolitesca Wendel. Insomma, un “dramma borghese” come tanti altri …

Stefania 19/09/11 14:21 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Più che dramma borghese... dramma medicale! La malattia (psicosomatica) del padre vedovo (bancario con ambizioni letterarie) e della figlia orfana (collegiale smarrita, più che vogliosa) è la cifra tangibile di un malessere emotivo più che di un disfacimento morale: c'è ben poco di pruriginoso nel loro rapporto, è una specie di febbre fredda. Gli esterni lacustri e uggiosi, gli interni lussuosi ma anonimi dell'hotel svizzero, i primi piani sui volti contratti o affranti: tutto coerente, ma tutto meccanico, perciò neppure il finale -tragico- ci scuote. Malinconico e corretto.
MEMORABILE: La sensualità vitale, aggressiva ma salubre della Di Lazzaro, una macchia di colore nel grigio.

Lucius 18/04/12 11:38 - 2979 commenti

I gusti di Lucius

Una storia audace di quelle che pochi coraggiosi autori saprebbero trattare: un rapporto malato tra una figlia e un padre, trasferitisi in una misteriosa e vecchia villa di Lugano. L'ambientazione già di per sè affascina, il cast è ispirato e la Di Lazzaro da sola buca lo schermo con le sue doti di bellezza e classe innata. Non è il padre il vero ammalato, ma la figlia dalla sessualità patologica che cerca di sedurlo in ogni modo. Claustrofobico e morboso.

Daidae 14/04/12 02:15 - 2987 commenti

I gusti di Daidae

Buon film di Vancini che riprende un romanzo di Guido Morselli. La Wendel si dimostra attrice discreta, Franco Nero è una garanzia, la Di Lazzaro è sempre bella da vedere. Il film non è il solito pasticcio fatto di scene erotiche forti, ma un buon dramma psicologico.

Gaussiana 10/05/12 23:47 - 121 commenti

I gusti di Gaussiana

Le manifestazioni morbose della figlia che il padre non riesce ad arginare disgregano e lentamente devastano ogni appiglio affettivo di quest'uomo rappresentante della medio-piccola borghesia, coi suoi agi ma anche coi suoi obblighi lavorativi. Dramma dunque della solitudine dell'uomo e della famiglia, fragile e corruttibile, depressa e instabile. Malato e inerte di fronte a una così imprevedibile situazione, rimane confinato su questo lago svizzero, in una vacanza usurante e interminabile. Forse un po' pretenzioso, colpisce solo in parte.

Alex75 20/01/16 09:24 - 801 commenti

I gusti di Alex75

Trasponendo il romanzo di Morselli, Vancini rifugge da facili e morbosi sensazionalismi per concentrarsi sugli aspetti psicologici (sia pure non del tutto approfonditi) di un rapporto padre-figlia che l’ambientazione ristretta rende opprimente e in cui la malattia fisica è riflesso di un male più profondo. L’approccio austero ed ellittico esalta, per contrasto, il sensuale dualismo Wendel/Di Lazzaro. Buoni anche Nero e Bagno. Unico limite del film è che il finale è facilmente intuibile.
MEMORABILE: Mimmina al padre: "Ti amo". Guido a Mimmina: "A un padre si dice: «ti voglio bene»". Thérèse a Guido: "Mi piace la tua dolce ipocrisia".

Zampanò 24/09/21 16:23 - 375 commenti

I gusti di Zampanò

Era una bell'impresa ridurre i labirinti di Morselli in pellicola e Vancini in parte vi riesce con sufficiente equilibrio. Godibile lo scandaglio delle sequenze iniziali in cui s'accumula l'attrazione padre-figlia, mutua e non accordabile al solo complesso di Elettra. Qualcosa si rompe nel dettato con la bella Dalila Di Lazzaro: un ruolo di scompiglio che però spegne anziché fomentare l'elettricità nell'aria. Bene Nero, scrupoloso nelle turbe e negli imbarazzi, ma la star è Lara Wendel, travolgente adolescente in fiore (e camicia da notte).
MEMORABILE: La masturbazione di Mimmina, semicosciente, nella luce dell'alba sul letto accanto al padre.

Lara Wendel HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Buiomega71 • 14/01/14 11:07
    Pianificazione e progetti - 24418 interventi
    Direttamente dalla collezione privata di Buiomega 71, la vhs Domovideo

    Durata effettiva: 1h, 33m e 12s

    Ultima modifica: 14/01/14 18:11 da Zender
  • Curiosità Buiomega71 • 2/10/18 18:59
    Pianificazione e progetti - 24418 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (giovedì 29 ottobre 1987) di Un dramma borghese:

  • Curiosità Lucius • 4/05/19 11:46
    Scrivano - 8991 interventi
    Vincitore nel 1980 dell'Efebo d'oro.