Un dollaro per 7 vigliacchi

Media utenti
Anno: 1968
Genere: commedia
Note: Aka "Un dollaro per sette vigliacchi", “Il testamento di Madigan”, “Agente quasi speciale Frank Putzu 1X7”. Il film è stato rieditato riprendendo il titolo di lavorazione, “Il testamento di Madigan”.
Numero commenti presenti: 3

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/07/12 DAL BENEMERITO DUSSO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Dusso 18/07/12 20:11 - 1534 commenti

I gusti di Dusso

Frank Putzu (Dustin Hoffman) è un agente italoamericano sbarcato anonimamente a Roma per ritrovare un milione di dollari. Folle film girato prima del Laureato, con bassissimo budget purtroppo (basta vedere gli interni...) ma dotato di una vena simpatica fuori dal comune grazie proprio al personaggio di Hoffman. A lungo andare si avverte un calo, anche perché il film si fa ripetitivo. Resta comunque un prodotto curioso, molto divertente specialmente nella parte iniziale.

Homesick 8/04/13 16:34 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

L’antefatto con Cesar Romero ferito a morte farebbe pensare ad un gangster-noir; il proseguo è invece una parodia senza troppe pretese in cui Dustin Hoffman, allora del tutto sconosciuto in Italia e doppiato da Pino Locchi, si sbizzarrisce nelle mimiche del goffo agente speciale “Frank Putzu” fra caricature di malavitosi (Fabrizi, Garrone, Antonelli), poliziotti (Rojo e Hilbeck) e la bella di turno (Martinelli). Fotografia in abbagliante Eastmancolor e pubblicità a iosa per tutti i gusti: elettrodomestici Ignis, Alemagna, Martini, Stock, Guida Monaci…
MEMORABILE: Il prologo con Romero; Hoffman che vanta la propria abilità di tiratore dichiarandosi migliore di… Giuliano Gemma!

B. Legnani 28/07/14 10:03 - 4659 commenti

I gusti di B. Legnani

Girato in Italia e in Spagna nel 1966, ma edito nel 1968 dopo il successo de Il laureato. Si tratta di una vera e propria sciocchezzuola, nella quale Hoffman, pur costretto a scemenze, fa intravedere qua e là i segni del suo talento. La versione italiana è peggiorata dall'uso calcatamente fastidioso delle cadenze dialettali (il commissario, chissà perché, viene fatto parlare in dialetto veneto). Cosa avranno mai pensato Luciano Bonanni (qui fruttivendolo) e Ennio Antonelli (qui gorilla) assistendo poi al boom mondiale del loro recente collega...
MEMORABILE: La sorpresa nel vedere Bonanni interagire con Romero...
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità B. Legnani • 28/07/14 12:58
    Consigliere - 13674 interventi
    Il film, datato 1968, fu però girato nel 1966, prima che Hoffman diventasse celebre grazie a Il laureato (1967).
  • Curiosità Mauro • 17/01/20 11:16
    Disoccupato - 9449 interventi
    TONY O MIKE? Il personaggio interpretato da Cesar Romero si chiama Tony Madigan; è lo stesso gangster a pronunciare così il suo nome nella scena iniziale, mentre si trascina arrancando dopo esser stato accoltellato, e Tony lo chiama anche il commissario della squadra mobile. Ma sul quotidiano che riporta la notizia della sua morte e che lo stesso commissario ha aperto sulla sua scrivania si legge Mike Madigan e non Tony. L’arcano è presto spiegato: nel doppiaggio in italiano Mike fu inspiegabilmente trasformato in Tony e, a conferma, anche su imdb e sulle pagine wikipedia del film (esclusa quella italiana, ovviamente), il personaggio è chiamato Mike Madigan.