LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/06/08 DAL BENEMERITO B. LEGNANI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 17/06/08 01:10 - 4717 commenti

I gusti di B. Legnani

Turgori etnei. Ambientazione e fotografia (Nannuzzi) da sole varrebbero la visione. Ma il film è bello, con Turco bravo, la Lollo perfetta nella parte della zia un po’ zoccola (ma anche la Savona, in veste di giovanetta, conturba mica male) e comprimari cospicui (Gàipa, Ferzetti, la Lozano…). Zàgare e sesso (c’è pure la c.s.c. Rìgano, qui servetta trombabile per tutti), noia della vita di campagna e continuità dell’arcaica famiglia. Stupefacente identità (nel “chi va a Londra?”) col finale di American graffiti! Da vedere.

Homesick 31/01/09 17:40 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

La relazione zia-nipote - unico argomento dell’ardente romanzo di Patti, che peraltro si concludeva in modo drammatico e sanguinoso – viene complicata da Bolognini aggiungendovi personaggi superflui e risapute notazioni sul contesto sociale e familiare siciliano, scavalcando l’idealismo romantico dello scrittore. Tolti gli sguardi della Lozano e la severità di Gaipa, gli altri pur validi interpreti attendono invano il “la” registico; inadatta la Lollobrigida, statica e priva della giocosa freschezza della Cettina pattiana. Fotografia ottima.

Dusso 10/06/11 11:54 - 1535 commenti

I gusti di Dusso

Niente da dire, Bolognini dirige egregiamente supportato da una fotografia di Armando Nannuzzi che definire stupenda è poco... Cast all'altezza, ma il film dura un po' troppo poco per una vicenda cosi, ed inoltre il finale voluto dal regista mi ha decisamente deluso.

Lucius 31/08/11 19:44 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Desidera la zia più di ogni altra donna da sempre, affascinato non solo dalla di lei bellezza, ma anche dallo stile di vita. In una splendida cornice siciliana si apre questa appassionata pellicola di Bolognini che, se non fosse per qualche lungaggine nel montato, sarebbe ai livelli di un'opera viscontiana. Un amore proibito che si tramuterà in ossessione, un'ossessione che sfocerà in perdizione. La vita di provincia da un lato, i turbamenti del nipote dall'altro. Cosa scegliere? E a che prezzo?

Giùan 16/03/15 22:02 - 2983 commenti

I gusti di Giùan

L'impressione è che la sensibilità estetizzante di Bolognini non fosse la più adeguata a restituire sullo schermo gli umori torbidi, i viscosi afrori, la gattopardesca refrattarietà a ogni cambiamento del romanzo di Ercole Patti. Nuoce peraltro al film la sua stessa collocazione "storica": in pieno clima sessantottino infatti, giocar la carta controcorrente del conformismo poteva esser lungimirante, sta di fatto però che la scelta di Nino (ok Turco) di rientrare nei ranghi è tirata via senza convinzione psico sociologica. La Lollo "zucculeggia" ineccepibilmente.
MEMORABILE: Il doppiaggio di Rita Savagnone, qui impegnata sia con la Lollobrigida che con la Godet (la madre di Nino).

Faggi 23/03/18 18:20 - 1502 commenti

I gusti di Faggi

I turbamenti, gli incendi, le follie e le gelosie adolescenziali sotto il microscopio figurativo (ora ambiguo ora esplicito, sensibile, emotivo con cognizione di causa) di Bolognini; nella luce siciliana di un Novembre psichicamente afoso come se fosse piena estate (il tuffo in mare del giovane protagonista: simbolo di una meteorologia interiore). La zia (una Lollo capace di piromania erotica) è desiderata con abbandono panico (sotto possessione del demone caprino); e la macchina da presa pedina e scruta: fremiti, espressioni; andamento, esito.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Lucius • 14/01/15 00:45
    Scrivano - 8326 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, due giri originali:



    Il secondo, apribile:




    Questo l'interno:

    Ultima modifica: 22/12/18 10:58 da Zender
  • Discussione Raremirko • 26/07/18 00:25
    Addetto riparazione hardware - 3474 interventi
    Tecnicamente notevole, invecchiato bene, si lascia vedere ma poteva dire qualcosina di più almeno a livello sociologico (ed è qui che Bolognini di sicuro fece di meglio).

    Lollo molto bona, musiche di Morricone indicatissime, fotografia maestosa, solita cornice meridionale per certi versi opprimente o, perlomeno, immobilizzante.

    Più che discreto, ma con cotanto cast/crew poteva venire fuori un altro capolavoro made in Bolognini.
  • Musiche Zender • 22/12/18 10:59
    Consigliere - 43495 interventi
    Ok, questo ti vale anche per domani, Lucius.
  • Musiche Fauno • 22/12/18 15:32
    Compilatore d’emergenza - 2533 interventi
    Cavolaccio, davvero bello e decorativo.