Trilogia del terrore 2

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Trilogy Of Terror II
Anno: 1996
Genere: horror (colore)
Regia: [3e] Dan Curtis
Note: Sequel di "Trilogia del terrore". Episodi: "The Graveyard rats", "Bobby", "He Who Kills".
Papiro: elettronico

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Il successo del primo TRILOGIA DEL TERRORE, modesto horror a episodi per la TV, fu merito esclusivo del terzo, sorprendente episodio, nel quale Karen Black si trovava in casa a combattere contro un minuscolo feticcio zuni (tribù africana di circa 500 anni fa) armato fino ai denti, veloce e imprevedibile. Era una storia semplice ma terrorizzante, che qualche figlio dei Settanta ancora ricorderà (le TV private all'epoca lo passavano in continuazione). A distanza di molti anni il regista Dan Curtis (di nuovo coadiuvato dagli script di Richard Matheson) ci riprova con tre nuovi episodi, l'ultimo dei quali è prevedibilmente il sequel di quello col feticcio....Leggi tutto La protagonista di ognuno è sempre la brava Lysette Anthony, truccata di volta in volta in maniera differente. Si parte con THE GRAVEYARD RATS, storia poco interessante di mariti ricchissimi, amanti e topi giganteschi che scavano tunnel tra le tombe del cimitero. Al di là di un ottimo finale splatter e claustrofobico, niente da segnalare. Meglio si va con BOBBY (da un’idea di Matheson), in cui il ritorno del figlio annegato richiamato in vita dai riti satanici della madre non è così allegro. Qualche eco di PET SEMATARY, una buona fotografia notturna (con contorno di lampi e tuoni), una certa dose di suspense ma un colpo di scena finale assai ridicolo. Chiusura con HE WHO KILLS, come già detto il ritorno del malefico feticcio zuni (dal racconto di Matheson “Pray”), rigeneratosì dopo essere stato bruciato nel forno al termine del primo film. Una delusione. Intanto per entrare nel vivo dell’assedio passa troppo tempo, poi è evidente che si tratta di una stanca riproposizione della vecchia storia, con molto meno thrilling, pochi inseguimenti, troppa luce, nessun mordente. Dan Curtis resta tra i più validi registi TV (raffinata la scelta delle inquadrature, l'abbinamento con le musiche) ma questo seguito è tra le sue cose sicuramente meno ispirate.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Cotola 20/05/08 23:56 - 8306 commenti

I gusti di Cotola

Mediocre secondo capitolo di un discreto film a episodi di Curtis, che qui pare avere esaurito tutte le idee tanto da riciclare uno degli episodi del film precedente, il quale ancora una volta, nonostante sia arcinoto, si rivela essere il migliore e quello di maggior effetto (merito dello splendido racconto di Matheson da cui è tratto). Per il resto poco o nulla da segnalare. Solo se siete in astinenza o se non conoscete l'episodio del "feticcio".

Lucius 25/08/09 20:25 - 2953 commenti

I gusti di Lucius

Nasce come tentativo di bissare l'enorme successo del primo omonimo film ed in parte ci riesce, soprattutto nel terzo espisodio, che costituisce l'esatta continuazione dell'analogo terzo segmento del primo film. L'ispirazione è più televisiva ma il film, soprattutto per questo ultimo episodio del pupazzetto cannibale merita, eccome se merita...

Buiomega71 19/12/10 21:12 - 2597 commenti

I gusti di Buiomega71

Ritorno del grande maestro Dan Curtis, che riprende in mano uno dei suoi tv-movie di culto. Ma, ahimè, sono passati 20anni e Karen Black non c'è più. Originale il primo episodio dei topazzi mangiatori di cadaveri, anche se debitore della Kinghiana Creatura del cimitero, il secondo è un remake del segmento Bobby di Notte di morte (con il make up del demonio piuttosto convenzionale), il terzo un sequel-remake di Zuni, nemmeno malaccio per la verità. Il filmaccio si lascia vedere, anche se ormai fuori tempo massimo. Brava Lysette Anthony.
MEMORABILE: I toponi, anche se palesemente finti, fanno il loro effetto!

Pinhead80 22/12/10 19:35 - 4279 commenti

I gusti di Pinhead80

Non male questo sequel, che come al solito si vede strutturato in tre succulenti episodi. Mentre i primi due non hanno alcun riferimento al primo capitolo, il terzo vede di nuovo come protagonista il feticcio Zuni che tanto mi aveva terrorizzato da piccolo. Nel complesso si può definire un seguito riuscito, anche se gli effetti speciali sono un po' debulucci (i topi nel primo episodio). Brava la Anthony a interpretare in maniera disinvolta tutte le storie.

Puppigallo 10/03/11 19:49 - 4854 commenti

I gusti di Puppigallo

Il primo episodio parte discretamente, prosegue decentemente e si rovina con la comparsa dei ratti più malfatti che abbia mai visto, risollevandosi solo con un guizzetto finale (confusione di bare). Il secondo invece, è già poco interessante all'inizio, prosegue senza particolari intuizioni (madre, al tempo, poco presente e affettuosa e "figlio" ritornante per punirla) e scivola nel ridicolo. Ed eccoci al terzo, col ritorno del feticcio assassino, che però non aggiunge niente di nuovo, nonostante il legnoso mostriciattolo resti sempre un bel vedere. In poche parole, regna la mediocrità.
MEMORABILE: Il becchino, patito di anelli, che saccheggia le bare; Il feticcio urlante e borbottante, che corre come Carl Lewis e non lesina morsi e coltellate.

Rambo90 27/06/15 20:17 - 7063 commenti

I gusti di Rambo90

In linea con il film precedente, tra alti e bassi ma con un ritmo maggiore e un'impronta più horror. L'episodio che ho gradito di più è il primo, dalla seconda parte piuttosto inaspettata e vivace. Il secondo è inquietante ma un po' ripetitivo e nel terzo torna il fantoccio tanto celebrato del primo capitolo, in un segmento a metà tra il sequel e il remake (alcune scene sono identiche). La Anthony se la cava (anche se la Black era superiore), gli effetti sono discreti e ci scappa più di uno spavento. Gradevole.

Pesten 12/01/19 08:43 - 694 commenti

I gusti di Pesten

Curtis si gira il sequel di uno dei suoi lavori più interessanti fallendo sotto parecchi aspetti. La Anthony (protagonista femminile anche qui presente in tutti gli episodi) è brava ma in alcuni momenti sembra inadatta a certo cinema, perdendo il confronto con la Black, regina del primo episodio. Il problema sono anche le storie, che stavolta non reggono allo stesso modo e sicuramente anche un certo svolgimento, poco personale, che rende l'intero prodotto un po' sterile, a tratti noioso (anche quando torna lo Zuni).

Daniela 4/08/19 12:42 - 11430 commenti

I gusti di Daniela

Altri tre episodi diretti da Dan Curtis con lo zampino di Richard Matheson nella sceneggiatura: banale il primo, oltretutto penalizzato dal pessimo look topesco e dalla prova mediocre dei protagonisti, soltanto dignitoso il secondo interpretato da Lysette Anthony nei panni di una mamma angosciata. Il migliore è il terzo, sequel del di quell'"Amelia" a cui il precedente film deve la sua fama: qui Anthony nel ruolo di una dottoressa deve vedersela con lo stesso orrendo feticcio assassino che terrorizzava Karen Black. Nel complesso, antologia vedibile ma assai modesta.

Anthonyvm 22/01/22 00:32 - 3760 commenti

I gusti di Anthonyvm

Prosecuzione a suo modo dignitosa di un piccolo cult, diretta ancora da Dan Curtis. La struttura a tre episodi resta invariata, mentre Karen Black viene sostituita da Lysette Anthony, bella e brava ma un po' anonima. Sono passati vent'anni e la vena umoristica di prodotti quali I racconti della cripta si fa sentire, anche nell'ultima storia (l'unica direttamente collegata al film originale), col famoso feticcio killer che scimmiotta i gremlin. SFX simpatici per quanto poveri (specie i toponi del primo corto), per un'operazione nostalgica e divertente, confortante nella sua modestia.
MEMORABILE: I pupazzi-sorci nella bara; La scena finale di "Bobby", incomparabile con quella super-creepy di Notte di morte; Il feticcio nell'elmo dell'armatura.

Mco 18/05/22 17:04 - 2247 commenti

I gusti di Mco

Seguito di un'antologia di successo, soprattutto mercé la statuetta animata Zuni, che una volta di più conferma la capacità di Curtis di gestire racconti esili dando loro un certo spessore. Tre storie tra complotti, reviviscenze, vendette e maledizioni ataviche, che hanno il loro acme terrifico nella parte centrale, con il segmento "Bobby". Qui il ritorno d'un bambino dall'aldilà si fa davvero raggelante con il passare dei minuti, sfociando in un epilogo crudele. Bella anche la prima traccia mentre l'episodio dedicato alla bambola è il meno elettrizzante. Nel complesso, un buon film.
MEMORABILE: L'antipatia di Matt Clark.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Anthonyvm • 22/01/22 00:34
    Risorse umane - 639 interventi
    Dalla collezione AnthonyVM, la VHS Cic video/Paramount:

    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images59/trilogia.jpg[/img]
    Ultima modifica: 22/01/22 07:32 da Zender