LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Dallo stesso team di TOTO’ SCEICCO (dello stesso anno), e cioè Mattoli alla regia con la doppia coppia Metz/Marchesi e Age/Scarpelli alla sceneggiatura, un Totò-movie in tono minore; con un modello che ben si prestava alla parodia (il selvaggio portato in Europa a contatto con la civiltà) ma viene sfruttato malamente da un copione col fiato corto, che al di là di qualche divertente - e piuttosto prevedibile - trovata rientra quasi subito dalle parti dello scemo contro le convenzioni, che con Tarzan c'entra poco o nulla. Pensiamo alla lunga parentesi tra i paracadutisti (guidati da Galeazzo Benti), all’insopportabile e strascicato finale col treno lanciato a mille all'ora (evidenti...Leggi tutto i modellini). Tarzan insomma appare chiaramente come un esile pretesto, con Totò che non trova nessun problema a esprimersi fluentemente in una lingua che fino a un secondo prima pareva conoscere a malapena. I tormentoni dell'urlo caratteristico e dell'abbraccio a ogni tipo di donna infastidiscono, gli strepiti e le sfuriate delle controparti maschili rivelano la pochezza dei dialoghi, le civettuole parentesi al campo di “tototarzaniste” (con canzoni e danze allegate e una giovane Sophia Loren ad affacciarsi timidamente alla ribalta) sono chiaramente riempitivi. Ma è nel complesso la gran parte delle scene ad apparire sempre più lunga del necessario (e spesso fuori luogo), a indicare quanto TOTOTARZAN pesi quasi per intero sulle spalle del suo protagonista: un Totò esuberante, straripante, eccessivo, ma anche ripetitivo e umoristicamente ancora un po' ingenuo. Per fortuna la regia capace di Mattoli sveltisce il ritmo, perché altrimenti avremmo due/tre buoni sketch persi nel nulla.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 8/09/07 12:03 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Il mito eroico di Tarzan viene rivisto prevalentemente in chiave comica (garanzia data dal solo physique du rôle tototarziano) resa irresistibile per via di situazioni e dialoghi paradossali. Oltre al registro ironico, però, fa la breve comparsa una vena "sociologica" atta a valutare in chiave "seriosa" anomali comportamenti di una popolazione che si vuole umanamente evoluta: l'uomo di "oggi" visto con gli occhi della purezza (l'arcaico Della Buffas). Totò è affiancato da grandi caratteristi (Furia, Giuffrè, Sophia Loren ed il fido Castellani).

Ciavazzaro 26/06/08 12:33 - 4765 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Molto divertente Totò nei panni di Tarzan, che dalla giungla vera e propria si trova ad affrontare la giungla metropolitana (molto più insidiosa). Sicura la regia di Mattoli, ottimo il cast di contorno, le musiche e le scenografie. Buona parodia in sostanza.

R.f.e. 30/06/09 10:47 - 817 commenti

I gusti di R.f.e.

Pur non avendo mai amato il personaggio creato da E. R. Burroughs, non mi dispiace affatto questa parodia, della quale curiosamente ricordo e apprezzo soprattutto certi particolari marginali (l'arrivo di Totò al grande albergo con conseguente fuga sull'autobus e innaffiamento degli inquilini del palazzo; la frenetica fuga in treno - sebbene trattasi di idea non molto originale, poiché ispirata a un'analoga sequenza del film I cowboys del deserto dei fratelli Marx...).

Galbo 2/07/09 07:25 - 11418 commenti

I gusti di Galbo

Diretto dal fido Mario Mattioli, Totò è impegnato in un'operazione farsesca sul personaggio di Tarzan. L'eroe di Burroughs si presta poco ad un operazione del genere per quanto effettuata dal grande attore partenopeo e il film si limita ad un umorismo piuttosto grossolano con battute scontate. Certo si ride come in tutti i film di Totò ma questo rappresenta un episodio decisamente minore della filmografia di De Curtis.

Rickblaine 22/07/09 10:48 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

Anche se è sempre il solito Totò che tira la carrozza e la tira molto bene, il film non funziona. Diventa noioso e lento nonostante sia di breve durata. Buone le scene al centro Commando per paracadutisti e dal procuratore, il resto è poca cosa. Se non ci fosse il comico napoletano non avrebbe ragione di esistere. Da vedere... ma solo per fare quattro risate con Antonio De Curtis.

Enzus79 22/07/09 12:19 - 1826 commenti

I gusti di Enzus79

Un irresistibile Totò nei panni di Tarzan, personaggio creato da E. R. Burroughs, naturalmente in salsa ironica. Ci si diverte alla grande con le battute di Totò che ne fa di tutti i colori, facendo perdere la testa a chi lo vuole "usare". Tutto questo si perde nel finale, che risulta mieloso ed un po' noioso. Da vedere.

B. Legnani 10/12/11 00:36 - 4746 commenti

I gusti di B. Legnani

Il peggior Totò che io conosca (*). Tutto pare improvvisato (nel senso deteriore del termine) o rinzaffato a viva forza nella pseudo-trama (la parte militare con Galeazzo Benti è incredibile). Ci sono cose assolutamente illogiche anche se inserite nello spirito di grana grossa: basterà dire che dapprima di punto in bianco il protagonista cambia carattere e capacità espressiva senza uno straccio di spiegazione e che poi, da incapace guidatore di treno, si trasforma misteriosamente in impeccabile pilota che porta il convoglio alla base. Tremendo.

Giùan 1/06/12 10:59 - 3013 commenti

I gusti di Giùan

L'ho sempre associato al più tardo (e riuscito) Totò baby di Alessi. Anche in questa farsa del personaggio di Burroughs infatti il Principe deborda, fino ad esser lasciato quasi alla deriva di sè stesso; più che la follia però emerge la scioccheria. Le corde comiche toccate dal nostro in pelle di leopardo e bombetta son epidermiche ma necessarie. Filmicamente poco da segnalare se non la mano da sarto cinese del grande e sveltissimo Mattoli, mentre la premiata ditta Metz/Marchesi relega ancora in secondo piano i giovani Age/Scarpelli. Bona Isa Barzizza.
MEMORABILE: Il capostazione pugliese di Guglielmo Inglese; L'apparizione della Lazzaro Sofia; "Son uomo di foresta sa: un forestiero".

Graf 30/09/12 18:59 - 698 commenti

I gusti di Graf

Film composto di barzellette sceneggiate legate tra loro da un filo esilissimo e che ci racconta di un uomo bianco (Tototarzan) vissuto lontano dalla civiltà e che si ritrova a disagio con le “comodità” della vita moderna. La comicità scatta quando Totò, a causa della sua innocenza e ingenuità, produce guai e incidenti a non finire. Mattoli firma una pellicola modesta, raffazzonata, girata di fretta e senza curare la verosimiglianza scenica. Totò si limita alle smorfie ai lazzi di una marionetta slegata. Film molto invecchiato.
MEMORABILE: Tra le "Tototarzaniste" si riconosce, oltre a Sophia Loren, anche Giovanna Ralli.

Saintgifts 4/01/16 10:38 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Totò nelle vesti del mitico personaggio di Burroughs è piuttosto improbabile, ma proprio per questo e per le possibilità che ne nascono di lasciare ampio spazio di manovra al grande comico risulta divertente. La predilezione per la bellezza femminile, da parte del Tarzan nostrano, è l'altro punto indovinato che arricchisce il film di giovani ragazze, tra cui si riconoscono future attrici di successo. In una scena, abbastanza spinta per l'epoca (Totò strappa i vestiti alla Serra), la censura lascia passare (o non si accorge) di un seno al vento.

Minitina80 17/09/16 15:27 - 2364 commenti

I gusti di Minitina80

Siamo al di sotto della parodia perché l’affare di Tarzan è solo un pretesto che sparisce dopo qualche decina di minuti. Si tratta di alcuni sketch messi assieme in malo modo a cui gli sceneggiatori non hanno dato una parvenza di decenza. Totò fa quello che può mettendo in funzione il suo istrionismo e la capacità dialettica, ma è difficile anche per lui cavare il sangue dalle rape. Tra le amazzoni si intravede a stento una Sophia Loren appena sedicenne. Tra i peggiori esempi di come venne utilizzato Totò.

Pessoa 21/10/16 09:29 - 1176 commenti

I gusti di Pessoa

Uno dei remake comici girati dal Principe in un periodo in cui faceva dieci film all'anno. Come si conviene in questi casi bisogna dimenticare la trama, imbarazzante e godersi Totò in un momento di forma strepitosa, che strappa risate di cuore, di testa e di stomaco, ben alimentato da un poker di sceneggiatori di livello assoluto. Questi film, anche se si facevano per i soldi, sono lo specchio di un'Italia che voleva ridere per dimenticare in fretta quello che era successo. Senza film come Tototarzan oggi saremmo tutti un po' più tristi.
MEMORABILE: La scimmia Bongo; La scena nel treno; La segheria.

Rambo90 1/02/18 16:26 - 6388 commenti

I gusti di Rambo90

Follia comica nella quale Totò impersona un novello Tarzan alle prese con biechi sfruttatori e la tanto decantata civiltà. Si ride veramente molto, per quanto tutta la sceneggiatura sia implausibile e demenziale. La regia di Mattoli sfrutta al meglio la verve del protagonista, che si scatena in gesti e battute di anarchia pura. Bene anche i comprimari, con un fantastico Buazzelli (con i lui i duetti migliori) e un Benti in un ruolo per lui abbastanza anomalo. Da vedere.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Xtron • 1/04/12 17:33
    Servizio caffè - 1831 interventi
    Nel film c'è un nudo fugace di Adriana Serra, evidentemente sfuggito alla censura dell'epoca.

    Lo si può vedere in questo breve filmato:

    http://www.youtube.com/watch?v=hxbymhNFBro
  • Discussione Zender • 1/04/12 19:41
    Consigliere - 43607 interventi
    Xtron ebbe a dire:
    Nel film c'è un nudo fugace di Adriana Serra, evidentemente sfuggito alla censura dell'epoca.

    Lo si può vedere in questo breve filmato:

    http://www.youtube.com/watch?v=hxbymhNFBro

    Beh, ma è proprio fugacissima, giusto un seno che si vede per un microsecondo... a occhio nudo quasi non si coglie...
  • Discussione Gestarsh99 • 1/04/12 19:55
    Scrivano - 14747 interventi
    Scena che ricordo con piacere sin da quando in tenera età visionai per la prima volta il film :D

    Da notare come l'occhio ancora lucidissimo del grande Antonio non si sia fatto sfuggire l'occasione propizia:

    Ultima modifica: 1/04/12 20:38 da Zender
  • Discussione Gestarsh99 • 1/04/12 20:21
    Scrivano - 14747 interventi
    Xtron ebbe a dire:

    Si, è talmente fugace che neanche i censori se ne sono accorti :)


    Fugace non direi proprio, se la va a notare persino un bambino di 6 anni (ogni riferimento al sottoscritto è puramente casuale).
  • Discussione Zender • 1/04/12 20:39
    Consigliere - 43607 interventi
    Beh appunto, a 6 anni son cose che colpiscono indubbiamente :)
  • Discussione Gestarsh99 • 3/04/12 16:31
    Scrivano - 14747 interventi
    Se non vado errato anche ne Le avventure di Giacomo Casanova (1955) c'erano alcuni particolari scollacciati di questo tipo (scollacciati per il 1955, naturalmente).

    Forse Guru ricorda qualcosa.
  • Discussione Guru • 3/04/12 17:59
    Servizio caffè - 472 interventi
    Gestarsh99 ebbe a dire:
    Se non vado errato anche ne Le avventure di Giacomo Casanova (1955) c'erano alcuni particolari scollacciati di questo tipo (scollacciati per il 1955, naturalmente).

    Forse Guru ricorda qualcosa.
    e...si se trovo l'immagine del seno nudo..la posto...;)))
  • Curiosità B. Legnani • 6/03/18 01:09
    Consigliere - 13900 interventi
    Comparsata per Anna Fallarino (poi in Casati Stampa di Soncino), protagonista di uno scandalo nel 1970.