Torneranno i prati

Media utenti
Anno: 2014
Genere: drammatico (colore)
Note: Girato in pellicola, con un b/n che in realtà deriva da un colore scaricato che enfatizza l'incarnato.
Numero commenti presenti: 16
Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/11/14 DAL BENEMERITO FABIOROSSI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Paulaster 10/11/14 10:23 - 3156 commenti

I gusti di Paulaster

Prosaico come un racconto di soldati consapevoli di finir male. I bombardamenti, le inquadrature esterne, fan precipitare la mente nella guerra come fenomeno abnorme rispetto alle formiche umane. Oltre ciò, la disperazione è resa piatta dai dialoghi impostati di Santamaria (una scelta migliore sarebbe stata il dialetto per tutti) e dalla fotografia asciutta in trincea. Le immagini di repertorio acuiscono le differenze e toccano le coscienze. Un buon documento, impreciso come un ricordo lontano.
MEMORABILE: Le esplosioni; Il rumore delle bombe in sottofondo; Il suicidio; La confessione cristiana data prima di uscire dalla trincea.

Puppigallo 8/11/14 00:06 - 4613 commenti

I gusti di Puppigallo

Per descrivere la guerra in trincea e le terribili conseguenze sui soldati non basterebbero cinque ore di pellicola; e l'orrore sarebbe indescrivibile. Dove non arrivavano i mortai, o i proiettili, ci pensava il lento logorio mentale, che portava alla pazzia, alla perdita delle facoltà psicomotorie, della coordinazione. Olmi ci presenta una ricostruzione a grandi linee di un tremendo passato, quasi un'opera teatrale, dove ognuno dice la sua, istruito, o non (la saggezza popolare è quella che più di tutti arriva all'orecchio e al cuore di chi ascolta). Un buon ristretto dall'amaro contenuto.
MEMORABILE: "Chi sopravvive è costretto a morire due volte"; Nelle immagini di repertorio i soldati della trincea sembrano tutti uguali (perdita di identità).

Fabiorossi 6/11/14 01:05 - 67 commenti

I gusti di Fabiorossi

Definirlo film drammatico è riduttivo: si tratta di un'immersione nella grande paura che ha attanagliato una generazione. Contro ogni retorica celebrativa, l'ultima fatica di Olmi leva il suo assordante silenzio contro l'assurdità della guerra. Non c'è commento musicale, se non i dissonanti e affascinanti accordi di Paolo Fresu sulle sequenze finali. Grande l'intervento fotografico di Fabio Olmi. Sceneggiatura e regia impeccabili; quando si dice un film d'autore.
MEMORABILE: Il tenente quando si degrada: "Mi levo i gradi per riprendere la mia dignità".

Cotola 9/11/14 22:44 - 7872 commenti

I gusti di Cotola

La guerra (del 1915-18) è "assente" eppure fortemente presente col suo carico di dolore, morte ed assurdità. A tratti Olmi non dice nulla di nuovo (l'attesa snervante e logorante; gli ordini surreali e suicidi dei superiori che non rischiano nulla...), ma lo fa magnificamente, costruendo una pellicola dai toni quasi "metafisici" e "surreali". Ma al regista bergamasco sta molto a cuore quello che forse è il "vero" cuore pulsante del film: il ricordo. E' importante che quanto accaduto non cada nell'oblio. Sia che si parli di Storia che di Arte è un messaggio altissimo e di estrema importanza.
MEMORABILE: Il titolo che esprime perfettamente il senso del film ed il messaggio che Olmi vuole veicolare col film.

Matalo! 29/11/14 20:39 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Olmi paga il debito con la grande guerra da par suo: atmosfere imprigionate (neve, luce lunare, postazione claustrofobica), la natura incantata e indifferente, un'antibuzzatismo (il nemico non si vede e non si aspetta, solo qualche voce amica) e ovviamente il disprezzo per la guerra, sacra Prima compresa. Tutto bene, tutto altissimo, talvolta siamo ai massimi livelli del genere ma questa passione per il "crudismo" recitativo mi trova contrario perchè non è realismo ma cattiva recitazione (come sentire Paolini al cubo e non è bello). Da vedere, comunque.
MEMORABILE: La fotografia, eccezionale; Il soldato napoletano che canta, magia allo stato puro.

Vat69 1/12/14 09:21 - 17 commenti

I gusti di Vat69

Imbarazzante. Come testo teatrale sarebbe stato anche accettabile, perfetto nella sala buia di un museo come contributo audiovisivo, ma al cinema quest'ultimo sforzo di Olmi è impresentabile. Si salva solo la fotografia, aiutata dalla bellezza dei luoghi dove l'Italia andò a martirizzare i suoi soldati un secolo fa. Il resto - dialoghi, recitazione, regia - è intriso di tale retorica che persino lo spettatore più ben disposto viene portato alla frustrazione. Scappate.
MEMORABILE: I baffi hipster di un, al solito, scialbo Santamaria.

Myvincent 14/09/15 08:14 - 2838 commenti

I gusti di Myvincent

La I guerra mondiale descritta in un perimetro ristretto temporale e fisico, come quella di una trincea come tante. L'intento è proporre come eroi personaggi di varia estrazione, cultura e grado, attraverso le palpitazioni dei loro dubbi umani. A parte i dialoghi talvolta fastidiosamente sussurrati (e un Claudio Santamaria "mascherato"), la poesia dell'opera è perfettamente riproposta e arriva dove deve arrivare.

Galbo 18/09/15 07:13 - 11613 commenti

I gusti di Galbo

Olmi gira un film sulla grande guerra quasi senza mostrarla; eppure, il conflitto bellico è sempre presente ed intacca le anime e gli spiriti di un manipolo di gente semplice mandata a combattere e morire sulle trincee. L'orrore è così forte che si preferisce togliersi la vita piuttosto che affrontarlo, in una delle sequenze più toccanti del film. Girato con pochi mezzi ma estremamente efficace nell'ambientazione e nella fotografia, questo è un potente film di denuncia il cui messaggio, a dispetto dei tempi, è estremamente attuale.

Lou 11/10/15 23:23 - 1036 commenti

I gusti di Lou

Olmi ci lascia una testimonianza d'autore sull'assurdità della grande guerra di trincea, dove tanti nostri giovani trovarono la morte senza sapere perché, concentrandosi su un avamposto sommerso nella neve a ridosso del nemico dall'alto valore simbolico. L'alienazione dei soldati è avvolta in una fotografia spettacolare e struggente. Il risultato è indubbiamente poetico ed evocativo, ma lascia la sensazione che manchi qualcosa, che la denuncia sia troppo sussurrata e la scena troppo immobile.

Vitgar 12/11/15 10:40 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Film sull grande guerra ne sono stati fatti tanti. Il pregio di questa produzione di Olmi sta nel non aver fatto "un film sulla guerra" quanto sull'attesa, della guerra. Girato con un colore filtrato in bianco e nero, si avvale di un'ottima fotografia che spesso sfocia nel metafisico e nel magico e conferisce ai volti una consistenza quasi pittorica. Un film volutamente lento e meditativo accompagnato dalle musiche di Paolo Fresu. Più che un buon film, per non dimenticare.

Ermanno Olmi HA DIRETTO ANCHE...

Nando 16/11/15 17:18 - 3554 commenti

I gusti di Nando

Una rarefatta ma lucida condanna della guerra in un film di breve durata che colpisce per durezza nonostante non si assista a immagini di battaglie. La denuncia viene dalla paura dei militi trascinati in un ostile ambiente innevato e costretti a lunghissime attese e a sperare in una sospirata licenza che talvolta non porta nemmeno buoni frutti. Buono il cast e perfetta la colonna sonora.

Tarabas 5/05/16 09:51 - 1773 commenti

I gusti di Tarabas

“Ghe riverem a baita?” chiedevano i soldati al Sergente Rigoni Stern durante la ritirata di Russia. I poveri soldati di Olmi a baita ci sono già, una trincea sul fronte italo-austriaco della guerra precedente, filmata quasi in bianco e nero mentre fuori la natura sfolgora, bellissima e impassibile nelle sequenze all'aperto. Secco e conciso nella durata, visivamente prezioso e originale (per innovare non serve un giovane, basta una testa giovane), forse un po' retorico in alcuni momenti, forse inevitabilmente. Olmi dichiara guerra all'ovvio e vince.

Saintgifts 11/12/16 12:23 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Come manifesto contro la guerra, ma anche semplicemente antimilitare, pur se utopico, è accettabile e condivisibile. La patina altamente poetica è classica del regista e qui accentuata da immagini e suoni che scaldano e gelano allo stesso tempo. L'atteggiamento troppo vittimista (in una guerra comunque vinta) affligge e porta a pensare cosa stia succedendo nella trincea opposta. Il nemico è comodamente al caldo e ben pasciuto, attento a sparare a tutto ciò che appare davanti al suo mirino? E noi solo a eseguire ordini assurdi e suicidi?

Jurgen77 12/12/16 10:41 - 630 commenti

I gusti di Jurgen77

Dramma bellico sulla tragedia della grande guerra. Olmi tratta con maestria il dramma delle nostre truppe dislocate in trincea durante un rigidissimo inverno della Grande Guerra. Ritmi lenti, dialoghi risicati e glaciali, il più delle volte nei dialetti italici (sempre a cari a Olmi). Paesaggi incantati che fanno da contraltare al dramma della guerra. Come Herzog, Olmi dimostra l'amore per la natura, che rimane eterna di fronte al macello che si compie quotidianamente sui campi di battaglia. Lento e onirico.

Magi94 22/11/17 22:31 - 753 commenti

I gusti di Magi94

Visto successivamente a una conferenza sulla tecnologia della Prima Guerra Mondiale, è riuscito ad affliggermi indicibili pene nonostante l'esigua durata, costringendomi a guardare l'orologio ogni tre secondi nella speranza del termine del supplizio. Olmi affronta un argomento già brillantemente trattato da Kubrick e Rosi con un didascalismo imbarazzante, pochi dialoghi stucchevoli e recitazioni teatrali che sembrano uscite da una testo scolastico. Ottimo per punire gli studenti durante sadiche lezioni di storia al liceo.
MEMORABILE: La bella fotografia dalle tinte blu.

Didda23 17/01/19 14:37 - 2317 commenti

I gusti di Didda23

L'ultima opera del compianto Olmi ha nella straordinaria ricerca fotogafica il suo punto di forza maggiore. Le struggenti immagini delle trincee innevate, le luci dei mortai, la meraviglia del cielo stellato rendono ancora più amaro il conflitto con il nemico (che non si vede mai). La scelta di puntare sul dialetto è veritiera e vincente, meno quella di puntare su Santamaria, che parla solo in italiano. Qualche bel dialogo scandisce un ritmo narrativo non certo travolgente, ma che ben si confà all'infinità attesa di ordini e sviluppi bellici.
MEMORABILE: Il canto del soldato; Il dialogo sul larice; Il suicidio.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Fabiorossi • 6/11/14 20:21
    Galoppino - 15 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Grazie Fabio, sei stato gentilissimo :o)
    Grazie a te, è bello sentirsi fare una domanda e condividere una passione in modo profondo e soprattutto costruttivo
    un abbraccio
  • Discussione Didda23 • 7/11/14 00:20
    Comunicazione esterna - 5754 interventi
    Grazie Fabio della delucidazione. In effetti la nota mi aveva incuriosito. Poi Olmi ha il mio massimo rispetto.
  • Discussione Daniela • 7/11/14 13:55
    Gran Burattinaio - 5511 interventi
    Sapete, ho cercato in rete immagini del film per rendermi conto dell'effetto ottenuto con questa tecnica, ma si trovano quasi tutte a colori... Una delle pochissime che forse può rendere l'idea è questa:
    http://quinlan.it/2014/11/05/torneranno-i-prati/
  • Discussione Zender • 7/11/14 15:28
    Consigliere - 44557 interventi
    Sì è una delucidazione interessante. L'effetto penso si riesca a capire bene solo a cinema, comunque.
  • Discussione Didda23 • 7/11/14 18:48
    Comunicazione esterna - 5754 interventi
    Mi sa che Zender ha ragione...
  • Discussione Buiomega71 • 7/05/18 10:26
    Pianificazione e progetti - 22753 interventi
    Ci lascia anche Ermanno Olmi

    Mai amato il suo modo di fare cinema, anche se L' ALBERO DEGLI ZOCCOLI mi è rimasto marchiato a vita dopo ripetute proiezioni scolastiche
    Ultima modifica: 7/05/18 10:41 da Buiomega71
  • Discussione Daniela • 7/05/18 13:59
    Gran Burattinaio - 5511 interventi
    Anche senza amare particolarmente il suo cinema, che ho visto poco e male, ne ho comunque sempre apprezzato il rigore: mi propongo/impongo una retrospettiva, a partire da quel Il mestiere delle armi che, a differenza di altri titoli, mi colpì molto all'uscita nelle sale.
  • Discussione Caesars • 7/05/18 17:21
    Scrivano - 12965 interventi
    Anche io non ho mai amato molto il suo cinema (che peraltro ammetto di conoscere poco), però sicuramente è stato molto importante per la settima arte. RIP
  • Discussione Graf • 8/05/18 01:38
    Call center Davinotti - 915 interventi
    Un altro grande regista del cinema italiano che passa a miglior vita.
    Una prece.
  • Discussione Neapolis • 8/05/18 09:12
    Fotocopista - 2265 interventi
    R. I. P