Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/02/10 DAL BENEMERITO B. LEGNANI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 20/02/10 23:20 - 5321 commenti

I gusti di B. Legnani

La prima cosa che viene in mente è una domanda: se i nemici degli inglesi erano così deficienti, perché la guerra è durata sei anni anziché sei giorni? Il film ha una sua resa spettacolare e certo non è male nell'avvicinamento a Tobruk, ma quando il convoglio entra nel territorio dell'Asse e fa il bello e il cattivo tempo si ha la netta idea che si sia superato di troppo non solo il limite del credibile, ma pure quello dell'accettabile. Buone le recitazioni, ma non basta per alzarsi dalla media.
MEMORABILE: Il personaggio della Hunt, assolutamente superfluo, inserito forse per avere almeno una donna nel cast.

Galbo 11/05/12 19:14 - 11970 commenti

I gusti di Galbo

Il conflitto anglo-tedesco sul territorio libico fa da sfondo ad una vicenda bellica riguardante il furto di una partita di carburante. Film di guerra ben realizzato ma dallo svolgimento routinario e non particolarmente emozionante. Buone l'ambientazione e la resa dei protagonisti ma dello stesso genere si è visto decisamente di meglio.

Jurgen77 30/09/15 12:00 - 630 commenti

I gusti di Jurgen77

Produzione bellica hollywoodiana in linea con i canoni dell'epoca. Bellissime ambientazioni, ottima suspance e dispendio di mezzi bellici. Buoni anche gli attori. A mio avviso spicca George Peppard tra tutti. Un classico del cinema bellico sulla guerra in Africa. Purtroppo non ce ne sono molti, a eccezione dei "B" o "C" war movies italiani. Consigliato agli amanti del film di guerra "old style".
MEMORABILE: La battaglia finale.

Almicione 17/02/16 01:40 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Episodio della campagna del Nordafrica durante la seconda guerra mondiale. Un film strano, in quanto sono presenti gli elementi tipici dei grandi lavori sullo sfondo caratteristico delle pellicole di basso rango. Ambiguo anche il rapporto con lo spettatore, il quale talvolta si entusiasma per sequenze acute, talaltra si annoia fortemente. Green ricorda – almeno esteticamente – il Guinness de Il ponte sul fiume Kwai. Comunque, in generale, la pellicola non è male, sebbene si avverta durante l'intera visione una mancanza di coesione.

Black hole 31/05/17 12:19 - 142 commenti

I gusti di Black hole

Film che non mi esalta. Troppo furbi gli alleati, decisamente tonti quelli dell’Asse (gli italiani poi...). Le inesattezze storiche pullulano ma è un film, ci potrebbe anche stare; però alla fine solo il cast rende potabile il risultato finale. Pensato come un classico del genere, nella sostanza si rivela squilibrato, prevedibile, a tratti poco credibile e decisamente convenzionale. Nota a margine: se gli italiani avessero avuto gli M41 (pure con le insegne post-guerra) sarebbero arrivati ad Alessandria in tre mesi. Stonano davvero.

Nigel Green HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Gestarsh99 • 10/07/11 12:20
    Vice capo scrivano - 21549 interventi
    Disponibile in edizione dvd dal 21/09/2011 per Passworld:

    DATI TECNICI

    * Lingue Italiano
    * Schermo Anamorfico 16:9
    * Audio Dolby Digital 2.0
  • Homevideo Digital • 15/09/12 08:40
    Portaborse - 3651 interventi
    Blu-Ray della Cult Media disponibile dal 14/11/2012.
  • Discussione Black hole • 9/06/17 12:02
    Galoppino - 17 interventi


    Passino tutti i carri e semicingolati tedeschi in realtà della Guardia Nazionale USA rivisti e adattati, ma questo carro è davvero anacronistico (M41 da guerra di Corea).
    Fa un po' a pugni con l'idea degli italiani male armati.
    Se pensiamo agli L6 o M13 italiani forse potevano reperire reperire qualcosa di più leggeri.

    E' un film che secondo me non regge ad esempio
    "La battaglia di El Alamein" di Giorgio Ferroni, dove i mezzi sono pochi ma assai più credibili.
    Ultima modifica: 9/06/17 12:27 da Black hole