Three from hell

Media utenti
Titolo originale: Three from Hell
Anno: 2019
Genere: horror (colore)
Regia: Rob Zombie
Note: Aka "3 from Hell". Sequel di "La casa dei 1000 corpi" e "La casa del diavolo".
Numero commenti presenti: 4

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/10/19 DAL BENEMERITO HERRKINSKI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Herrkinski 6/10/19 03:31 - 6167 commenti

I gusti di Herrkinski

14 anni dopo La casa del diavolo Zombie riprende la sua saga più nota; Haig compare brevemente ed è sostituito dal buon Brake ad affiancare la Moon e Moseley in un sequel che vede una prima parte simile al precedente e una seconda in Messico che ricorda da vicino i film di Rodriguez ed è solo marginalmente horror. Nel complesso potrebbe deludere qualche fan ma la realizzazione è stilosa quanto basta, lo splatter abbonda (pur con qualche momento in CGI evitabile), la ost ben scelta. Si poteva editare (dura quasi due ore) ma resta un buon lavoro.

Pesten 2/05/20 09:44 - 679 commenti

I gusti di Pesten

Difficile e rischioso riprendere una saga di tale livello, soprattutto dopo il finale iconico del secondo capitolo. Zombie ci prova e il risultato è più che dignitoso. Non avevo grandi aspettative, soprattutto perché non si possono sostituire Sid Haig e il personaggio di Captain Spaulding; ma nonostante tutto siamo in presenza di un buon film, in cui il tocco di Rob è ben evidente nell'impianto visivo, con quel suo solito sentore psichedelico. Si sofferma molto su come il carcere abbia cambiato i personaggi, ma non si disdegna la solita violenza.
MEMORABILE: La solita grandiosa colonna sonora.

Lupus73 23/03/20 02:51 - 1065 commenti

I gusti di Lupus73

Il sequel del debut si era rivelato un'ottima operazione con gran chiusura della saga. Il nuovo sequel mostra la volontà di resuscitare a forza i protagonisti trasformando la pellicola in "zombie", una creatura senz'anima. Quella che era un'interessante dicotomia eroi-antieroi ricca di sfumature, diviene tentativo sterile di mitizzare tre profili da killer psicopatici con la scusa della controcultura. Il piano rimane fumettistico, le idee scarseggiano e Rob dovrebbe cambiar musica visto che dopo 31 questo è il secondo passo falso. Vuoto e riciclo.
MEMORABILE: La festa messicana dei morti con face painting da teschio che si incastra con la filosofia cine-horror-rock del regista; Gli Iron Butterfly in OST.

Jena 24/10/21 14:45 - 1352 commenti

I gusti di Jena

Zombie è  uno dei pochi talenti horror in circolazione, peccato che le sue notevoli capacità sul piano visivo e della messa in scena si scontrino con la pochezza delle sceneggiature. La prima parte intriga, in puro stile grindhouse anni 70 (con musiche e atmosfera tipicamente seventies, si veda il baffuto direttore del carcere). Bene soprattutto la fase sulle sevizie carcerarie della folle Firefly. Seconda parte con trasferta messicana in stile Peckinpah che poco aggiunge al precedente capitolo, con un finale deludente nello scontro con i presunti killer "terribili" Black Satans.
MEMORABILE: Sheri Moon scatenata che fa a pezzi i suoi violentatori e poi provoca le pulsioni lesbo della guardia carceraria; Il massacro nella villa.

Sheri Moon Zombie HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.