The void: il vuoto

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 11/09/17 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 11/09/17 22:56 - 9396 commenti

I gusti di Daniela

Notte dura per un gruppo di persone assediate in un ospedale semideserto: il pericolo non è solo fuori, ma anche dentro l'edificio e, in alcuni casi, dentro di loro... Horror canadese che, pur se girato a basso costo, non è certo minimalista, anzi l'accumulo di rimandi letterari e cinematografici, fra Lovecraft e Carpenter, rischia di costipare la narrazione. Per contro, il look artigianale dei mostri è davvero spaventoso (ovvio il link alla Cosa) ed il ritmo ansiogeno concede poche tregue. In definitiva, un horror più che discreto, anche se manca quel quid per renderlo davvero memorabile.

Puppigallo 6/04/18 12:41 - 4509 commenti

I gusti di Puppigallo

C’è qualcosa di più antico di Dio, viene detto nella pellicola; e se il buon giorno dell’universo si vede dal mattino… Pellicola che ha un certo sentore di Dagon, del Signore del male e, perché no, anche de La cosa. Ma nonostante questo, riesce a ritagliarsi comunque un suo spazio nel vasto panorama horror, grazie a una regia di mestiere, attori decenti e un buon ritmo, con numerose spruzzate splatter. Certo, alcune cose sono un po' buttate lì, senza approfondire, ma nel complesso non è male.
MEMORABILE: Beverly sta "maluccio" "Questa non è la mia faccia. Puoi aiutarmi?"; Il dottore: "E' sorprendente quello che puoi trovare semplicemente cercando".

Taxius 13/04/18 16:07 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Affascinante horror diretto ottimamente da una coppia di registi canadesi e ambientato quasi totalmente in un ospedale isolato e prossimo all'abbandono in cui un manipolo di individui dovrà sopravvivere a un qualcosa di sconosciuto e inquietante. Guardando The Void è impossibile non pensare ai vari La cosa e Il signore del male di Carpenter, regista di cui questo film è ampiamente debitore. Bellissime le atmosfere fredde, buie e malsane. Le scene di sangue e violenza psicologica certo non mancano. Cala un po' nel finale ma poco importa.

Anthonyvm 30/04/18 22:00 - 1935 commenti

I gusti di Anthonyvm

Niente male quest'incubo lovecraftiano ricchissimo di citazioni e suggestioni cinefile più o meno palesi, a partire dall'assedio romero-carpenteriano passando per mutazioni à la Cronenberg e un finale quasi fulciano. Mostri in lattice e tanto buon gore, un pot-pourri godibile e disturbante anche se non particolarmente intrigante per quanto riguarda trama e svolgimento (tante domande restano prive di risposta, certe svolte sanno di cliché o sono un po' superficiali). Il duo di effettisti/registi conosce i fan e sa cosa piace loro. Divertente.
MEMORABILE: L'esercito di incappucciati ferocissimi e silenziosi; La prima mutazione all'interno dell'ospedale; Il finale con la "nascita" della creatura.

Pesten 4/06/18 10:04 - 638 commenti

I gusti di Pesten

Interessante lavoro che si prodiga per portare su schermo la visione mostruosa tipica di Lovecraft. La storia e le atmosfere hanno quel piglio opprimente e malato tipico dei mondi descritti dallo scrittore di Providence e chiari riferimenti anche all'immaginario carpenteriano aiutano a dare vita a un prodotto che tutto sommato, pur nella sua saltuaria lentezza, porterà lo spettatore fino alla conclusione. In qualche punto si nota qualche falla e si capisce che qualche dettaglio poteva essere approfondito (gli incappucciati), ma dategli fiducia.
MEMORABILE: Ottimii i mostri, nonostante si tratti di un low budget; Welsh, sempre a suo agio in ruoli perversi.

Pumpkh75 22/06/18 14:28 - 1314 commenti

I gusti di Pumpkh75

La fornace nella quale i rimandi eccellenti (Carpenter, Barker, Lovecraft e un granello di fantascienza) sono fusi a freddo ribolle d’ignoto, di mistero e d’angoscia: esito eccellente, sublimato da effetti speciali old school e da una regia a fior di pelle che trova nella seconda parte la sua esaltazione. Minime perplessità sulla fotografia e sul fatto che, a conti fatti, l’assoluta originalità che sembrava partorire dà invece l’impressione di nascere da altrove. Comunque, giù il cappello.

Bubobubo 7/09/18 00:10 - 1199 commenti

I gusti di Bubobubo

Minimal in alcune cose, fin troppo maximal in altre, è forse l'horror più esplicitamente lovecraftiano degli ultimi anni, un abisso spalancato su un orrore senza volto e senza nome che viene persino prima di Dio. Stringato nella durata, non nei contenuti: si pesca a destra e a manca (dalla metafisica al body horror, dal sovrannaturale allo zombie movie) e alcune citazioni (come il finale fulciano) sono chiare come il sole, ma la sintesi riesce solo in parte e, alla fine della visione, aleggia una vaga sensazione di irrisolutezza.

Minitina80 1/01/19 09:31 - 2336 commenti

I gusti di Minitina80

Gillespie e Kostanski devono aver assimilato per bene la lezione perché nella loro opera si vedono chiaramente i richiami a Carpenter, Lovercraft e Barker. Non si tratta di copiatura spudorata o di citazionismo portato all’estremo perché riescono a rielaborare in ottica personale quanto appreso, amalgamandolo bene insieme. Sanguinolento al punto giusto e con la descrizione di un assedio che trasmette la giusta apprensione, mentre nei meandri dell’ospedale in dismissione si consuma qualcosa di terribile.

Cotola 23/04/19 23:20 - 7521 commenti

I gusti di Cotola

Tra i tanti film derivativi (qui vengono in mente in primis Carpenter da un punto di vista cinematografico e Lovecraft per quello letterario), questo spicca rispetto a tutti gli altri oltre che per la buona fattura, anche per un ritmo discreto ed un buon senso della tensione. Anche il look dei mostri è di quelli che colpiscono nel segno. E c'è anche il merito di creare un interessante "altrove" che sa essere suggestivo e inquietante al punto giusto. Infine, non certo per importanza, il film sa coinvolgere e divertire. Ideale per chi vuole vedere un buon film di genere.

Belfagor 14/07/19 14:47 - 2623 commenti

I gusti di Belfagor

Un gruppo bloccato in un luogo deserto è garanzia di problemi; se poi si aggiungono delle orribili mutazioni la situazione non può che peggiorare. Di chiara ispirazione lovecraftiana, il film si rifà allo stile carpenteriano, con chiari rimandi a La cosa soprattutto per gli effetti speciali e l'aspetto delle creature, entrambi ben funzionanti. Il difetto principale è la troppa carne al fuoco, che fa ingarbugliare la storia nella seconda parte e spiega poco o nulla di alcuni elementi (i cultisti, in particolare, sono del tutto superflui).

Jdelarge 1/11/19 11:43 - 874 commenti

I gusti di Jdelarge

Riuscita l'atmosfera claustrofobica alla quale la bella fotografia conferisce un tono decisamente interessante. Il film, però, pur rientrando in una categoria horror sicuramente in grado di accontentare una grande schiera di fan del genere, non incide per varie ragioni (tra di esse la trama, che si configura come una sorta di accozzaglia di luoghi comuni). Il montaggio non aiuta a dare organicità al film. Finale quasi ridicolo.

Il ferrini 7/08/20 13:08 - 1685 commenti

I gusti di Il ferrini

Promette molto più di quanto poi mantenga, questo horror canadese che non lesina su sangue, mostri, riti satanici e quant'altro, senza però avere alle spalle una degna sceneggiatura. Peccato, perché di buone idee ce ne sono e tutto il cast è molto credibile, ma inevitabilmente si finisce per perdersi e in più d'un'occasione si fatica a collegare gli eventi mostrati. Molto buona invece la messa in scena, nonostante la povertà dei mezzi. Occasione sprecata.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.