The story of film: An odissey (15 episodi)

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/06/13 DAL BENEMERITO NANCY
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Nancy 15/06/13 15:36 - 774 commenti

I gusti di Nancy

Gigantesca impresa quella del critico e storico del cinema Mark Cousins, che si propone di raccontare l'intera storia del cinema in una serie di episodi, divisi per epoca, della durata di un'ora ciascuno. Tante sono le lacune ma tanti anche gli aspetti interessanti; l'opera infatti dà visibilità anche al cinema meno noto, quello dei Paesi del Terzo Mondo (ampie le parti sull'Africa o sul Medio Oriente) in un riassunto che, per quanto poco imparziale, risulta in ogni caso assai pertinente. Interessanti le interviste ai registi, piccole chicche.

Mickes2 28/10/13 00:22 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Bellissimo documentario fiume sulla storia del Cinema e la sua evoluzione tecnico-artistica. Un magniloquente atto d’amore per la Settima Arte impreziosito da un’adeguata completezza (mancanze tante, però...) e un commovente afflato intimista, nostalgico e romantico nel Raccontare da lasciare ammirati. Gli inventori, le epoche, le correnti, lo sperimentalismo: l’abilità nel narrare la realtà con un trucco, nel catturarla, rivive in questa pantagruelica carrellata di immagini e suoni, voci e pensieri. Da diffondere e preservare. Emozionante.
MEMORABILE: L’apertura; John Ford intervistato da Bogdanovich; I rimandi visivi; L’attenzione maniacale nel descrivere scelte d’inquadratura, stili e metafore.

Tarabas 2/12/13 12:09 - 1805 commenti

I gusti di Tarabas

Difficile sintetizzare un'opinione su 15 ore di materiale. I 4 pallini sono per l'originalità della realizzazione, curatissima e per il punto di vista (le innovazioni come punti di attenzione). Le scelte sono personalissime, molte mi lasciano perplesso (poco Kubrick, poco Welles, molta India: per carità). Molto spazio al "world cinema" (con spunti non banali, per me che ne so poco), forse troppa enfasi sugli aspetti tecnici, troppo poca sulla scrittura (per me importantissima, non essendo un tecnico). Comunque, un appassionato dovrebbe almeno dargli un'occhiata.

Rebis 20/07/14 13:08 - 2148 commenti

I gusti di Rebis

Cronostoria della Settima arte con la quale Mark Cousins si prefigge di rompere con la visione etnocentrica che domina lo spettatore medio, facendo luce sulla cinematografia di mezzo mondo. Ne ricava un'opera monumentale che raccoglie testimonianze da ogni dove, cattura sguardi, sequenze, paesaggi di bellezza impareggiabile, contestualizzando film ed autori nel loro clima culturale. Didattico e illuminante quando illustra il progresso della tecnica e della sintassi attraverso le opere fondanti, non rinuncia ad attimi di poesia. Manca molto, certo, ma non tanto da vanificarne lo sforzo.

Paulaster 9/10/15 09:54 - 3302 commenti

I gusti di Paulaster

Sorta di compendio per avere una traccia sull’evoluzione dell’arte cinematografica, sia di costume che a livello tecnico. Interessante per cogliere i collegamenti e le influenze attraverso i decenni e per sottolineare il ruolo di testimone nei mutamenti sociali e storici. L’enfasi del narrato si sposa bene nella prima parte come a illustrarne la magìa, mentre diviene critica verso gli ultimi anni dove l’avvento dei computer ha spoetizzato la visione.

Galbo 1/02/16 05:52 - 11694 commenti

I gusti di Galbo

Monumentale ricostruzione della storia del cinema attraverso quindici corposi documentari. La serie, molto ricca dal punto di vista iconografico, ha il pregio, a costo di qualche illustre assenza, di approfondire i temi trattati, rifuggendo da una modalità meramente illustrativa. Con l’ausilio di interventi di personaggi entrati a pieno titolo nella storia della settima arte, si analizzano singoli film e correnti cinematografiche che consentono di arricchire e completare il proprio punto di vista sul tema. Imprescindibile.

Ryo 10/05/16 09:46 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Interessantissima serie documentaristica che realizza un excursus sul cinema mondiale senza escludere nessun continente. È veramente un must per gli appassionati della settima arte e verrebbe solo voglia di vedere il doppio delle puntate per avere maggiori approfondimenti. Si sente purtroppo la mancanza di grandi nomi, c'è poca considerazione (o nulla) per generi come l'horror, il fantasy e la fantascienza. Non vengono nominati film importantissimi, a discapito di interi capitoli su registi "minori" o cinema "minore".

Il ferrini 12/10/17 18:46 - 1899 commenti

I gusti di Il ferrini

Un'opera monumentale: 15 ore di sequenze, dall'uscita dalla fabbrica del 1895 passando per Chaplin, Ejzenstejn, Mizoguchi, non dimenticando il cinema nostrano (soprattutto il neorealismo ma anche Fellini, Pasolini, Antonioni). Apprezzabile l'idea di non concentrarsi su Hollywood ma fare largo spazio a India, Cina, Giappone, Africa tenendo come punti fermi gli autori e le idee più rivoluzionarie. S'impara, si ottengono molti spunti per la visione, spesso ci si sorprende. Consigliato a chiunque sia innamorato del cinema come l'autore.

Daniela 28/10/17 03:25 - 10749 commenti

I gusti di Daniela

Opera ambiziosissima: nonostante la durata considerevole, il proposito di compendiare oltre un secolo di storia del cinema non può non tradursi in una selezione molto ridotta e, come tale, certo opinabile. Ma, anche se ognuno potrà lamentare lo scarso spazio o addirittura l'assenza di questo o quel cineasta amato, è apprezzabile lo sforzo di offrire un quadro il più ampio possibile, esteso alle cinematografie meno note, cogliendo nel contempo in ogni epoca i filoni portanti senza però trascurare le voci "fuori dal coro", così che ogni cinefilo potrà ricavarne stimoli e non solo informazioni.

Magi94 21/11/17 20:32 - 770 commenti

I gusti di Magi94

Una vera e propria odissea lunga 15 ore che parte dagli albori del cinema e arriva ai giorni nostri. Il regista ha il grandissimo merito di relegare Hollywood a personaggio principale ma non attore unico, facendo conoscere anche sprazzi di cinema internazionale semisconosciuti (come l'interessante cinema africano). Molti grandi assenti: il cinema di genere fa solo un paio di comparse data la predilizione per i film artistici o iperautoriali, Kubrick viene nominato di striscio. Comunque illuminante soprattutto nel percorso storico e di pensiero.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Caesars 11/01/18 15:35 - 3036 commenti

I gusti di Caesars

Il progetto di Cousins è molto ambizioso: un documentario sulla storia del cinema. Il prodotto finale può solo fornire una visione parziale di più di un secolo di vita della settima arte. Il regista è obbligato a fare delle scelte molto personali, ragione per cui la maggior parte di quanto proposto appartiene a paesi con una cinematografia non conosciuta ai più. Personalmente rimango perplesso davanti a certe assenze (registi che hanno fatto la storia del cinema sono poco o niente rappresentati), ma non sarebbe stato possibile inserire tutto.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Graf • 28/12/15 02:28
    Call center Davinotti - 915 interventi
    E' morto a 93 anni il grande direttore della fotografia Haskell Wexler.
    Nella sua carriera ha vinto due Oscar alla migliore fotografia per il film Chi ha paura di Virginia Woolf? (1967) diretto da Mike Nichols e per Questa terra è la mia terra (1976) diretto da Hal Ashby.
    Una prece.
    Ultima modifica: 28/12/15 11:23 da Graf
  • Discussione Buiomega71 • 28/12/15 09:30
    Pianificazione e progetti - 23166 interventi
    Un maestro assoluto dell'immagine, un immenso mago della luce. Voglio ricordarlo anche come regista (America, America, dove vai?)
  • Discussione Galbo • 12/01/16 10:27
    Consigliere massimo - 3863 interventi
    Sto vedendo questi documentari: un'opera monumentale e imperdibile a mio giudizio....
  • Discussione Didda23 • 12/01/16 10:37
    Comunicazione esterna - 5754 interventi
    concordo. mi ha permesso di recuperare e di vedere con occhi diversi certi film..
  • Discussione Buiomega71 • 23/02/19 15:37
    Pianificazione e progetti - 23166 interventi
    E' mancato il grande Stanley Donen
    Ultima modifica: 23/02/19 16:09 da Buiomega71
  • Discussione Daniela • 23/02/19 18:31
    Gran Burattinaio - 5642 interventi
    E'morto Stanley Donen, aveva 94 anni e ha diretto quello che molti considerano il musical più bello di tutti i tempi: Cantando sotto la pioggia.

    Grazie Stankey!

    I'm singin' in the rain
    Just singin' in the rain
    What a glorious feeling
    And I'm happy again
  • Discussione Caesars • 25/02/19 09:06
    Scrivano - 13754 interventi
    Sicuramente un grande del cinema. R.I.P.