Lo trovi su

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/11/20 DAL BENEMERITO HERRKINSKI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Herrkinski 19/11/20 15:15 - 7242 commenti

I gusti di Herrkinski

Ambientato negli anni '80 degli yuppies, narra di una famiglia borghese che si trasferisce da NY alla campagna londinese per lavoro, con esiti disastrosi. Caustica riflessione sugli effetti del capitalismo che racconta la rovina di un nucleo familiare con toni quasi da horror; l'isolamento della tetra magione inglese e la progressiva psicosi dei protagonisti - accompagnata da eventi funesti - crea un clima raggelante e deprimente. Il film è però anche lentissimo, con una prima parte davvero troppo lunga e un finale aperto poco soddisfacente; tanta forma ma poco sostanza, un peccato.
MEMORABILE: Il cavallo; L'ultima notte della famiglia.

Daniela 16/05/21 14:25 - 11951 commenti

I gusti di Daniela

Si atteggia a uomo d'affari di successo, ma nella realtà Rory è un bugiardo manipolatore che inganna moglie e colleghi vivendo ben al di sopra delle sue possibilità, fino a quando i nodi vengono al pettine... Nei dorati anni '80, il fallimento lavorativo e familiare di un uomo vittima delle proprie ambizioni di ricchezza e rivalsa sociale, interpretato con l'abituale grinta da Law ben spalleggiato da Coon nei panni della moglie sempre più delusa e esasperata. Funzionale l'ambientazione in una grande villa di campagna nel Sussex, fatiscente nonostante l'apparenza lussuosa.
MEMORABILE: La visiva alla madre con cui non ha contatti da molti anni; Lo sfogo di Rory con il tassista e la conseguente reazione di questi.

Ira72 8/07/21 20:16 - 1236 commenti

I gusti di Ira72

Davvero una piacevole sorpresa Durkin: fotografia elegante e curata per una sceneggiatura semplice ma non sempliciotta. Sebbene la trama sia delle più classiche (apparenza contro realtà, verità contro menzogne), il talento del regista è quello di saper utilizzare al meglio le proprie carte. Le inquadrature distanti e fredde, la regale location austera e decadente, i colori cupi, lo spietato mondo della finanza, la distanza della coppia, le problematiche dei figli vengono narrate in modo arguto, insinuando inquietudine e mantenendo alta l’attenzione. Asso nella manica l’ottimo Law.
MEMORABILE: Il crescendo del malessere della Coon durante le cene; La scena finale col cavallo; L’epilogo aperto.

Kinodrop 6/02/22 18:27 - 2504 commenti

I gusti di Kinodrop

Un giovane uomo d'affari torna insieme alla famiglia in Inghilterra dagli USA reaganiani per completare una escalation finanziaria e dare sfogo alle sue ambizioni da yuppie, puntando più sull'apparenza e la menzogna,che su solide basi, con conseguenze rovinose. Argomento trattato con una certa cura, soprattuto formale, ma dall'andamento piuttosto scontato che non riesce a innescare nessun tipo di empatia, a causa di una freddezza di fondo che si coglie nelle ambientazioni inglesi ma soprattutto nella recitazione frenata di Law, mentre più efficace e sincera è la prova di Coon.

Jude Law HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.