The Limehouse golem - Mistero sul Tamigi

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The Limehouse Golem
Anno: 2016
Genere: thriller (colore)
Note: Da un romanzo di Peter Ackroyd (1994)
Numero commenti presenti: 8
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Da un romanzo di Peter Ackroyd un thriller inglese ambientato nella Londra del 1880, di cui Limehouse è una zona. Vi si aggira una sorta di Jack lo Squartatore chiamato il Golem, che non fa poi molto di diverso rispetto al suo più celebre collega: ammazza prostitute allargando però il raggio anche a studiosi e altri personaggi. Sulle sue tracce l'ispettore Kildare (Nighy), che sul muro della stanza dell'ultimo delitto rinviene una frase contenuta in un'opera di De Quincey. Recatosi in biblioteca scopre che, sulle pagine del libro, proprio il killer ha lasciato una serie di frasi empie e disegni inequivocabilmente ascrivibili al golem! Bisogna risalire a chi, nella data esatta riportata su quelle stesse pagine, era in biblioteca. Si ha così...Leggi tutto il primo gruppo di quattro sospetti, tra i quali figura persino Karl Marx, il filosofo! Contemporaneamente si seguono le disavventure di Lizzie Cree (Cook), teatrante accusata di aver ucciso il marito con un cordiale avvelenato. Sarà un caso che quest'ultimo fosse anche nella lista dei sospettati della biblioteca? Fioccano i flashback della vita di Lizzie, nel frattempo rinviata a processo con l'accusa di omicidio: le sue prime esperienze a teatro assieme al celebre commediante Dan Leno (Booth), i giorni assieme a suo marito... Le due vicende s'incrociano e – anche a causa dei tanti flashback piazzati in mezzo a sorpresa – un po' di confusione la si genera. Il film è comunque condotto da Juan Carlos Medina con apprezzabile accuratezza (poco riflessa da una fotografia talvolta pacchiana nella scelta di luci e chiaroscuri) e la direzione del cast è buona, con un Bill Nighy perfetto nel ruolo dell'ispettore comprensivo nei confronti della donna e meno con gli altri, aiutante incluso. La ricostruzione è discreta, nonostante qualche rigurgito digitale evitabile, la sceneggiatura della quotata Jane Goldman regge le intricate diramazioni da giallo puro cercando di mescolarle con innesti che favoriscano il thriller. Si esagera con le rievocazioni del passato di Lizzie lasciando troppo spazio alle esibizioni sul palcoscenico e ai “dietro le quinte” (laddove l'ocra degli interni si fa ingombrante e artificioso), si fatica nel ricollegarsi a omicidi di settant'anni prima coi quali esistono pretestuosi collegamenti e in questo la regia non sempre trova la capacità di organizzare sensatamente il tutto. Dietro la coltre di fumo in cui si naviga tra un flashback e un interrogatorio si individua il filo che costituisce l'essenza dell'indagine, preparatoria a un valido colpo di scena finale compreso di corsa contro il tempo. Che alla base ci sia un romanzo interessante lo si intuisce, ma la realizzazione tende a perdersi in divagazioni prolisse e andirivieni temporali che finiscono coll'appesantire inutilmente la narrazione.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/10/17 DAL DAVINOTTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 12/12/17 09:00 - 10197 commenti

I gusti di Daniela

Un commissario indaga su una serie di efferati delitti e nello stesso tempo si interessa al caso di una giovane attrice sotto processo con l'accusa di aver avvelenato il marito... Giallo reso piacevole dalla trama complessa che riserva un buon colpo di scena nel finale e dalla prova del cast guidato da Nighy perfetto per il ruolo. Per contro, la narrazione indulge troppo negli andirivieni temporali e nelle ricostruzioni alternative, risultando talvolta farraginosa, e la fotografia piuttosto manierata non rende sempre un buon servizio alla gustosa ambientazione nella Londra vittoriana.
MEMORABILE: Un sospettato illustre: Karl Marx

Myvincent 13/12/17 09:00 - 2781 commenti

I gusti di Myvincent

Un assassino si muove indisturbato nella Londra d'altri tempi, scegliendo le sue vittime apparentemente a caso e smobilitando l'ingegno di Scotland Yard. Ad una buona, ricca ricostruzione dell'epoca e degli ambienti teatrali, non corrisponde un prodotto sufficientemente intrigante, annegato in una trama contorta e un forsennato montaggio. Così alla fine, anziché catturare l'attenzione, la fa disperdere in mille rivoli e il suo disvelamento fa solo sbadigliare.

Cotola 2/01/18 00:17 - 7826 commenti

I gusti di Cotola

Thriller che si avvale di una buona ricostruzione dell'Inghilterra di fine Ottocento, ma che, narrativamente parlando, paga lo scotto di una sceneggiatura un po' confusionaria per colpa dei troppi andirivieni temporali. La tensione poi è smorzata dal troppo spazio fornito alle performance teatrali dei protagonisti: c'è persino il tempo per un paio di momenti musicali. Buono il colpo di scena finale, intuibile solo pochissimo prima del suo disvelamento. Più misterioso l'ultimo accadimento che però può avere un suo perché. Non male.

Taxius 7/03/18 18:01 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Nella Londra vittoriana una nota attrice viene accusata dell'omicidio del marito, a sua volta accusato di essere un pericoloso serial killer e tra sospetti e indizi il nostro investigatore deve scagionare la donna prima che venga impiccata. Interessante giallo/thriller dalle atmosfere molto cupe e misteriose con uno svolgimento scorrevole e diversi colpi di scena niente male. Bellissimi i costumi e la ricostruzione della Londra dell'epoca. Nel complesso un buon film.

Von Leppe 19/06/18 12:33 - 1086 commenti

I gusti di Von Leppe

Allettante l'idea, anche se già vista, di un giallo inglese che si rifà a tematiche simili alla vicenda di Jack lo Squartatore. E in effetti la trama non sarebbe male, ma è messa in scena in modo piuttosto scadente, smorzando il mistero con troppi antefatti e con soluzioni che creano confusione nell'indagine. Bill Nighy ha l'aspetto adatto per apparire in questi film ambientati nel passato - qui nella parte di un ispettore non molto scaltro - e la confezione non è affatto male.

Pumpkh75 20/07/18 20:51 - 1387 commenti

I gusti di Pumpkh75

Si bazzicano i dintorni già battuti di Jack lo squartatore ma i motivi per rallegrarsi non mancano, dall'esaltazione del teatro popolare dell’epoca alla raffigurazione con colpevoli diversi dei vari omicidi, dalla constatazione che la ricerca a tutti i costi della fama non conosce periodo storico alla prova uniformemente soddisfacente dei tre protagonisti. Non si lesina con il sangue e il doppio finale dapprima è inatteso, poi si lascia interpretare senza seccature: sicuramente un buon film.

Gugly 8/08/18 19:26 - 1029 commenti

I gusti di Gugly

Sulle orme di Jack lo Squartatore ma con più pretenziosità: il giallo si incrocia con il racconto sul teatro di vaudeville (o meglio, il famoso Grand Guignol, che ha dato vita a un modo di dire); a volte gli incastri e i flashback sono troppi e l'inserimento di Marx appare forzato, ma il gore non manca e il colpo di scena non è (troppo) telefonato. Rieccoci di nuovo qui, con un film godibile!
MEMORABILE: Carl Marx può essere un serial killer?

Lupus73 1/02/20 12:27 - 878 commenti

I gusti di Lupus73

Il gothic (il Golem, Jack lo Squartatore) come involucro formale per un giallo dalle valenze metaspettacolari: il cinema che inscena il teatro, o il teatro che diventa cinema, lo spettacolo come "mattatoio" per un pubblico morboso che vuole "il sacrificio" e l'attore che sacrifica "ipotetiche vite" (o la propria). Sceneggiatura a volte farraginosa, ma confezione visiva e montaggio sobri e migliori di alcuni film simili in cui il tutto viene esasperato (Sherlock Holmes di Ritchie). Troppe pretese non raggiunte a pieno, ma si lascia guardare.

Bill Nighy HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.