The last days on Mars

Media utenti
Titolo originale: The Last Days on Mars
Anno: 2013
Genere: fantascienza (colore)
Numero commenti presenti: 9

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/11/13 DAL BENEMERITO GREYMOUSER
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Greymouser 24/11/13 18:57 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Se dovessi fare un esempio del "film mediocre perfetto" proporrei questa pellicola sci-fi, piena di buoni propositi ma impotente sul piano della tensione narrativa e dell'immaginazione visuale. Smorto come il rosso sbiadito dei panorami marziani, è un film che si fa seguire con la stessa attenzione con cui seguiremmo il quinto telegiornale di giornata. Il vuoto d'idee porta a numerosi copia-incolla da altri film di genere anche recenti. Noioso.

Myvincent 28/04/14 15:54 - 2546 commenti

I gusti di Myvincent

Ultimi giorni per davvero sul pianeta rosso per un gruppo di terrestri a caccia di scoperte che si riveleranno perniciosissime. Nasce come scientific e si trasforma nell'ennesimo infection-movie, bolso e scolorito. Difficile capire la motivazione di operazioni così insipide, dove la carenza di mezzi questa volta è un ulteriore elemento a sfavore.

Gestarsh99 6/06/14 17:03 - 1321 commenti

I gusti di Gestarsh99

La Universal finanzia al risparmio una specie di risposta anglo-irlandese al Gravity della Warner, rimettendosi alle facce non proprio lusinghevoli di Koteas e Schreiber, entrambi imbucati in un survival-horror spaziale semplicisticamente eretto sulle fondamenta di Alien, La cosa, Mission to Mars e tutto il cinema virale d'assedio. Pagato lo scotto invalidante della nulla originalità, il film riesce se non altro a ottimizzare oppressivamente la "marzianità" delle desertiche location giordane, ottenendone il massimo rendimento sia climatico che estetico.
MEMORABILE: La visibilità zero nel buio pesto notturno e durante le sferzanti tempeste di sabbia.

Capannelle 7/03/17 23:42 - 3719 commenti

I gusti di Capannelle

C'è qualcosa nella parte iniziale e in quella finale, qualche minima empatia con i personaggi e spazio da apprezzare. Ma il resto è noioso e risaputo, non riesce a distinguersi come tensione, coreografie di lotta o senso del ritmo. Da una parte sai che segui strade già battute ed è inutile cercare confronti impietosi, dall'altra però non riesci a proporre novità di rilievo sia come trama che come protagonisti.

Daniela 21/04/17 23:04 - 9374 commenti

I gusti di Daniela

Alla vigilia del rientro sulla Terra dopo una missione di sei mesi sul Pianeta rosso, un gruppo di astronauti si imbatte in una forma di vita: un batterio infettivo che trasforma i morti in simil-zombi aggressivi. Originalità prossima allo zero per un film di ordinaria amministrazione marziana (al risparmio), che spreca due buone chances: una ambientazione naturale piuttosto suggestiva e la presenza di un bravo attore come Liev Schreiber nel solito equipaggio di psicolabili assemblato in simili occasioni (il più squilibrato ed inaffidabile del gruppo? lo psicologo).

Il ferrini 3/05/17 00:40 - 1680 commenti

I gusti di Il ferrini

Non esente da cliché ma tuttavia divertente. La commistione fra la fantascienza spaziale alla Martian e un virus zombie alla World war Z è interessante e il regista ha l'accortezza di non mostrarci troppo, lasciando più spazio alle dinamiche interne del gruppo. Il più grosso debito è senz'altro quello verso Alien, ma vi si possono cogliere un mare di altri riferimenti e forse questo è anche il suo limite, perché dopo una prima parte tesa e dinamica si procede su binari piuttosto consueti. Location suggestive e attori in parte. Buono.
MEMORABILE: L'infezione di Koteas (migliore attore del film), legato sul lettino.

Puppigallo 1/06/17 10:36 - 4508 commenti

I gusti di Puppigallo

Il lato positivo è che vederlo si può, senza eccessivi malesseri dovuti alla pochezza della sceneggiatura. Quello negativo, però, è che evitarlo risulta un'opzione altrettanto praticabile. Lo zombatterio Marziano mancava alla ormai sconfinata lista di intrusi da un altro mondo (anche se qui i veri intrusi sono gli esseri umani). Comunque, gli attori sono potabili; e può almeno contare su un inizio e una chiusa dignitosi, pur restando mediocre nella sua totalità.
MEMORABILE: La tempesta in arrivo; Ecco le due frasi che portano alla catastrofe "Andrà tutto bene". "Starai bene"; "Non ricordo più il nome di mia figlia".

Black hole 13/10/17 00:58 - 138 commenti

I gusti di Black hole

Sulla falsariga di Fantasmi da Marte ecco un altro zombie-movie marziano. Questa volta è un batterio malefico a far rivivere degli sventurati astronauti morti, proprio a poche ore dal rientro in orbita dopo mesi di missione. La graduale distruzione di base e componenti della squadra sarà inevitabile fino al prevedibile finale. Oltre a una discreta fotografia e un decoroso cast c'è davvero poco da salvare, in questo film privo di originalità.

Taxius 14/10/18 23:52 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Un misterioso virus alieno comincia a diffondersi tra un gruppo di astronauti in missione su Marte trasformandoli in feroci zombi assetati di sangue. L'idea di girare uno zombie movie su Marte con un pugno di attori non era male e quindi lascia l'amaro in bocca vedere come l'idea sia stata mal gestita dal regista; il film infatti, oltre a essere girato al risparmio, è piattissimo e noioso e con un cast sprecato quanto mal gestito. Pellicola mediocre che si fa si vedere, ma anche dimenticare piuttosto in fretta.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.