LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/03/09 DAL BENEMERITO ELSUP
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Elsup 24/03/09 12:57 - 140 commenti

I gusti di Elsup

Thriller politico sulle attività bancarie. La sceneggiatura è interessante, anche se poi il risultato finale è abbastanza modesto. Clive Owen sembra spaesato per l'intera durata del film, Naomi Watts è come se non ci fosse; c'è persino il nostro Barbareschi (tra l'altro doppiato malissimo). Guardabile, ma poteva essere sicuramente meglio con un po' di adrenalina in più.
MEMORABILE: Tu non hai l'autorità per arrestarmi… E chi ha detto che voglio arrestarti?

Straffuori 3/04/09 13:45 - 175 commenti

I gusti di Straffuori

Poco ritmo (scena del Guggenheim a parte), meno azione di quanta se ne aspetti quando servirebbe e una parte finale a carte invariate e amaro in bocca che definire soporifera è dire poco. E peccato perché parte molto bene. Clive Owen, comunque, è sempre perfetto nella parte del trasandato di turno perennemente in fissa, contro il sistema e a caccia di gustizia. Naomi Watts sfoggia pelle invecchiata ed interpreta un personaggio secondario. Piacevole sorpresa Luca Barbareschi in una particina. Sono rimasto ben impressionato da musiche e location. Ingannevole il trailer.

Galbo 5/04/09 08:03 - 11644 commenti

I gusti di Galbo

Thriller fantapolitico quanto mai attuale considerato l'argomento (i loschi traffici delle grandi corporazioni bancarie) ma dalla resa non ottimale. Nonostante il film non si risparmi in quanto ad ambientazioni (praticamente mezza Europa) ed a cast impegnato (Clive Owen e Naomi Watts ma anche bravi caratteristi come Armin Mueller-Stahl) il regista non riesce, salvo che in rare occasioni, a trovare il giusto ritmo del racconto e la noia è sempre in agguato. Modesto.

Bruce 31/03/10 15:15 - 1006 commenti

I gusti di Bruce

Coinvolgente thriller politico-finanziario sulle operazioni illecite nel mondo bancario, di grande attualità e di notevole valore, molto ben studiato e realizzato, in grado di mantenere per le due ore di durata la stessa forte carica di tensione, grazie anche ad un commento sonoro davvero adeguato ed originale. Location internazionali curatissime a Berlino, Milano, New York ed Instanbul, con l'evidente ricerca da parte del regista di una perfezione anche stilistica ed architettonica delle riprese. Bravo e convincente Clive Owen, meno forse la Watts.

Puppigallo 17/04/10 16:20 - 4630 commenti

I gusti di Puppigallo

Ecco la super banca (I.B.B.C.), covo di avvoltoi e di marciume intrallazzante con i peggio individui, pronta a sfruttare le guerre per arricchirsi, dando una spintarella nella direzione giusta (finanziamenti per armi leggere) perchè scoppino il più in fretta possibile (sai che novità). La pellicola alterna discreti momenti (soprattutto alcuni scambi verbali tra il grande vecchio marcio, i colleghi e il protagonista), a un'indagine che, col passare del tempo, appassiona sempre meno, anche perchè si sa più o meno già tutto. Il materiale per un buon film c'era, ma è stato mal sfruttato.
MEMORABILE: "Le banche non vogliono controllare il conflitto, ma il debito che produrrà"; La Borsa Grigia, dove il leone uccide e lo sciacallo ci guadagna.

Cangaceiro 28/04/10 20:37 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Thriller di medio livello con un intrigo piuttosto plausibile e ben orchestrato, anche se alla convincente fase preparatoria fa da contraltare un epilogo frettoloso da spedire nel dimenticatoio: evidentemente le idee per chiudere il tutto in maniera migliore latitavano. Esteticamente un po' troppo leccato con la regia che indugia in modo eccessivo sull'architettura dei palazzi del potere. Ben gradite le schegge di pulp nelle sparatorie col sangue che scorre copioso. Owen bravo nel dar corpo al suo personaggio, un mastino di quelli parecchio tosti.

Piero68 17/05/10 09:08 - 2836 commenti

I gusti di Piero68

Il film parte con il piglio giusto. Ma poi con il passare dei minuti la noia cresce fino a diventare vero e proprio torpore. Ci si desta solo per dieci minuti, nella scena del Guggenheim Museum, per poi sprofondare nuovamente in coma. Film meno che modesto da cui ci si aspettava molto di più. Owen fuori dal ruolo per tutto il film. Cameo di Barbareschi pietoso come un po' tutte le comparse made in Italy. Inolte la sceneggiatura è troppo complicata da seguire e, causa forse il montaggio, alla fine non si riesce nemmeno a capire bene il tutto.

Domino86 30/03/10 12:08 - 571 commenti

I gusti di Domino86

Un thriller politico, trama intricata, spostamenti nelle principali città, corruzione e inefficienza: tutto questo è presente nella pellicola. Si segue con interesse per poter giungere a un punto d'arrivo (che in realtà non è così esplicito). Guardabile ma niente di che.
MEMORABILE: A volte il nostro destino ce lo ritroviamo sulla strada che avevamo scelto per evitarlo.

Magnetti 30/03/10 15:08 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

The international è il classico film (thriller con cospirazione) che sa di dejavu: trama, personaggi etc rimandano a precedenti film mettendoci poca originalità. Pensavo a un pallino e mezzo ma due cose tirano su il giudizio: la bella sparatoria (molto spettacolare e cruda quanto basta) al Guggenhaim di New York e la ambientazione milanese dove fa capolino Barbareschi (un pò imbarazzato nella recitazione) come capitano di industria delle armi e in campagna elettorale alla Berlusconi (il partito? Futuro Italiano che richiama Forza Italia).

Rambo90 31/03/10 22:14 - 6766 commenti

I gusti di Rambo90

Thriller di spionaggio che non aggiunge nulla di nuovo al genere: trama ai limiti del comprensibile e due protagonisti abbastanza in parte che sono al centro di un rapporto amichevole che ci risparmia almeno la solita storia d'amore. Durata veramente eccessiva, tanti punti morti e una sola vera grande scena d'azione, che arriva però troppo tardi per riscattare un film già visto e abbastanza lento.

Tom Tykwer HA DIRETTO ANCHE...

Renato 28/04/10 10:17 - 1648 commenti

I gusti di Renato

Fanta-thriller all'americana, cioè un aggiornamento dei vecchi spy italiani girati in giro per il mondo ma ovviamente con una vagonata di soldi in più. E quello che mi è piaciuto è proprio il lato cartolinesco, vista la grande attenzione ai luoghi; la storia invece non regala emozioni, ed alcuni momenti sono didascalici come non mai. Devo solo aggiungere che vedere Luca Barbareschi come grosso industriale a capo di un suo partito personale che viene freddato da un killer mi ha strappato un sorriso speranzoso.

Nando 3/05/13 13:20 - 3565 commenti

I gusti di Nando

Thriller fantapolitico con l'egemonia bancaria in primo piano. Scene d'azione con ambientazioni in giro per l'Europa abbastanza consuete ma realizzate con dignità. Owen e la Watts svolgono il compitìno con sufficiente impegno. Barbareschi appare come un clone berlusconiano e fa una brutta fine. Nella media.

Alex1988 8/11/18 18:44 - 725 commenti

I gusti di Alex1988

Thriller spionistico che strizza l'occhio a Alan J. Pakula e Oliver Stone, seppur si mantenga nei canoni dell'action movie (anche se, in realtà, di "action" ce n'è ben poca). Certo, in storie come questa non ci si può aspettare una gran dose di ritmo, ma trattando un argomento sempre di grande attualità, se ben confezionato, il prodotto sa farsi seguire dallo spettatore. Male Barbareschi, anche se "recita" in inglese.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Puppigallo • 17/04/10 16:30
    Scrivano - 503 interventi
    Silvio...pardon, Luca Barbareschi e Futuro Italia
    E' una di quelle immagini che ti restano nella mente. Barbareschi (alias Calvini), a Milano, parla come leader del partito...Futuro Italia, con tricolori sventolanti (ricorda qualcosa?).
  • Discussione Cangaceiro • 28/04/10 20:44
    Call center Davinotti - 742 interventi
    Il vincitore dell'Isola dei famosi di qualche anno addietro Luca Calvani fa un cameo brevissimo ed insignificante mentre Barbareschi sembra molto ingessato ed in difficoltà nel ridoppiare in italiano la sua parte recitata in inglese.
    Mi piace segnalare la presenza di un altro attore italiano, Luigi Di Fiore, capo dei Carabinieri a Milano (probabilmente non accreditato).