Lo trovi su

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 27/06/18 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Herrkinski 28/06/18 22:40 - 6709 commenti

I gusti di Herrkinski

La memoria non m'ingannava: trattasi di uno spin-off di Resolution, esordio della coppia di registi, che riprendono addirittura alcuni degli interpreti e citano in toto in una scena la situazione scatenante del film pregresso. Detto questo, il ritornare ai temi del prototipo - ampliandoli - è stata una buona idea; se la sensazione di deja-vu è inevitabile, dall'altro lato il film apre nuove prospettive sul delirio para-lovecraftiano e riesce a mantenere alta l'attenzione in un fantahorror mai sanguinoso ma comunque abbastanza allucinato.

Daniela 27/06/18 12:04 - 11533 commenti

I gusti di Daniela

Due fratelli sono fuggiti da una setta in previsione di un suicidio di massa che non ha avuto luogo. A dieci anni di distanza, tornano nella comunità in cui sono cresciuti: sembra un oasi di pace ma... Film indipendente a basso costo, con effetti speciali minimalisti, che riesce ad intrigare con un senso di minaccia incombente per tutta la sua durata. Il pregio maggiore è l'originalità, di cui la coppia di registi - qui anche attori - aveva già dato prova pochi anni fa con Spring, anche se non si era trattato di un'opera del tutto convincente. Da tenere d'occhio per auspicabili prove future.
MEMORABILE: Il tizio dentro la tenda bianca: un inferno in miniatura

Siska80 31/03/21 08:02 - 2252 commenti

I gusti di Siska80

Da salvare solamente l'atmosfera straniante e il sottofondo musicale martellante. Per il resto ci troviamo di fronte a un film dalla trama sconnessa non giustificata nemmeno dal genere fantasy cui è ascrivibile: improvvise distorsioni spazio-temporali sembrano legate a una setta dalla quale due fratelli sono fuggiti anni prima... Peccato che questa congrega (di aspiranti suicidi) sia composta da giovani che, pur vivendo in un luogo fatiscente, girano ben curati, amano la lettura e si dedicano alla produzione di birra (!). Cast modesto, doppiaggio italiano svogliato. Risibile.

Gabigol 15/08/21 22:06 - 477 commenti

I gusti di Gabigol

Fa piacere scoprire che due individui facciano da registi, sceneggiatori e attori principali di un loro film; il tutto con l'ausilio di un budget sicuramente non gargantuesco. Il fatto è che il film coniuga, sapientemente, una personale rielaborazione lovecraftiana con le deformazioni spazio-temporali della fantascienza classica: il risultato è una pellicola dalle buone soluzioni visive, arricchita da una gestione della tensione ragguardevole. Gli spezzoni tonitruanti di chiusura rientrano nel pacchetto e non compromettono quanto visto in precedenza.
MEMORABILE: Il tiro alla fune con l'oscurità; Le due lune; L'uomo impiccato nella cascina; Il tendone bianco; I disegni dell'artista; I totem; Le cupole multiple.

Jena 21/09/21 15:19 - 1379 commenti

I gusti di Jena

La coppia Moorhead/Benson, qui anche protagonisti, sfornano dopo Spring un altro film indie a basso costo vagamente lovecraftiano e ancora una volta non centrano il bersaglio. Si parte bene con i due sopravvissuti di una presunta setta suicida e un certo alone di mistero rimane fino a quando i due ritornano alla suddetta setta. Poi però si finisce in un gorgo di sbalzi spazio - temporali piuttosto confusionario e astruso, per arrivare a un finale pseudo apocalittico che la povertà di mezzi rende ridicolo. Qualche spunto visivo qua e là; attori "amatoriali" protagonisti compresi
MEMORABILE: Il gioco della corda con l'Essere; Le tre lune; Il tipo imprigionato in un minuto.

Galbo 29/03/22 12:23 - 11878 commenti

I gusti di Galbo

Un’opera di fantascienza che funziona più sul versante delle atmosfere che sulla trama in sé. La storia presenta infatti non poche incongruenze, a partire dalla rappresentazione del campo sede della presunta setta e che culminano in una seconda parte piuttosto confusa e dalla trama poco comprensibile. Meglio invece il modo in cui i registi e interpreti, complice verosimilmente il limitato budget a disposizione, “gestiscono” la tensione, legata alle personalità dei protagonisti, uno dei quali in particolare, ancora evidentemente condizionato dalle esperienze precedenti. Incompleto.

Callie Hernandez HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Daniela • 27/06/18 12:22
    Gran Burattinaio - 5810 interventi
    Segnalazione: The Endless è girato con due lire, con effetti speciali che sono tanto poco speciali da poter essere realizzati da chiunque, oppure tiene con il fiato sospeso.
    Arcadia (questo il nome della comunità) sembra la realizzazione di un sogno sessantottino: pace, fratellanza, auto-sostentamento, amore libero, fumo pure, canzoni attorno ad un fuoco...
    Eppure, come uno dei due fratelli protagonisti, avvertiamo un senso di minaccia incombente.
    Un film imperfetto che talvolta dà quasi l'impressione di non andare da nessuna parte e che si affida molto (troppo?) all'immaginazione dello spettatore, ma che ha il pregio dell'originalità, preziosissima in quest'epoca di film fatti con lo stampino.

    Lo consiglio soprattutto a chi ha apprezzato il precedente lavoro della coppia di registi: Spring.
  • Discussione Herrkinski • 28/06/18 22:43
    Consigliere - 2477 interventi
    Grazie della segnalazione Daniela.
    Come detto in sede di rece, la memoria mi suggeriva qualcosa: e infatti il film è una reprise dell'esordio dei due registi, Resolution, di cui riprende addirittura i due protagonisti nella scena della capanna nel bosco, che era la location del precedente film. In pratica uno spin-off quindi, che comunque offre interessanti evoluzioni in questa vicenda tra il lovecraftiano e il fantahorror soprannaturale.
  • Discussione Daniela • 28/06/18 23:09
    Gran Burattinaio - 5810 interventi
    Non ho visto Resolution, a questo punto cercherò di recuperarlo.

    SPOILER

    Anche a te ha fatto effetto il mini-loop dell'uomo dentro la tenda bianca? L'ho trovata una efficace rappresentazione dell'inferno: la coazione a ripetere sempre gli stessi gesti, giorno dopo giorno, anno dopo anno... cosa che succede anche con certi lavori impiegatizi ;o)

    FINE SPOILER

    PS: Molto pertinente il tuo richiamo a Lovecraft
    Ultima modifica: 28/06/18 23:09 da Daniela
  • Discussione Schramm • 29/06/18 15:10
    Scrivano - 7263 interventi
    come sempre, annoto riconoscente ma con un profondo sospiro che sembra un guaito...
  • Discussione Herrkinski • 29/06/18 17:31
    Consigliere - 2477 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Non ho visto Resolution, a questo punto cercherò di recuperarlo.

    SPOILER

    Anche a te ha fatto effetto il mini-loop dell'uomo dentro la tenda bianca? L'ho trovata una efficace rappresentazione dell'inferno: la coazione a ripetere sempre gli stessi gesti, giorno dopo giorno, anno dopo anno... cosa che succede anche con certi lavori impiegatizi ;o)

    FINE SPOILER



    Sì, scena interessante...