The Eagle and the Hawk

Media utenti
Titolo originale: The Eagle and the Hawk
Anno: 1933
Genere: guerra (bianco e nero)
Note: Pur avendo diretto buona parte del film,  Mitchell Leisen - che non aveva un contratto con la Paramont a differenza di Stuart Walker -  è stato accreditato come co-regista solo a partire dalla riedizione nel 1939.

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/08/22 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 5/08/22 14:05 - 11655 commenti

I gusti di Daniela

Durante la Prima guerra mondiale, la rivalità tra due aviatori statunitensi che compiono rischiose ricognizioni sul fronte francese è destinata a concludersi con un evento tragico... La parte iniziale, che dedica ampio spazio al cameratismo e al desiderio dei volontari di essere impegnati sul campo di battaglia, può trarre in inganno sul tono del film, antimilitarista e sempre più amaro, parallelamente all'atteggiamento del pilota impersonato da March, eroe di guerra che finisce per disprezzare se stesso e le medaglie conquistate. Opera non priva di difetti ma valida, da riscoprire.
MEMORABILE: Nell'epilogo, il discorso del protagonista al brindisi durante la festa a lui dedicata, scambiato per il vaneggiamento di un ubriaco.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Daniela • 5/08/22 14:28
    Gran Burattinaio - 5823 interventi
    SPOILER
    Nella seconda parte del film, il pilota impersonato da Fredric March ha uno scontro aereo con un veicolo tedesco e lo colpisce facendolo precipitare al suolo. Una volta atterrato vicino al rottame, scopre l'identità del pilota da lui abbattuto: Werner Voss, asso dell'aviazione tedesca.
    FINE SPOILER

    Werner Voss 

    Werner Voss è un personaggio realmente esistito. Benchè molto giovane e senza alcuna preparazione militare, allo scoppio della prima guerra mondiale si mise ben presto in luce come uno dei piloti più talentuosi e audaci dell'aviazione tedesca, tanto che Il Barone Manfred von Richthofen, noto come il "Barone rosso", lo volle come compagno nel "Circo Volante", una formazione d'élite di cui facevano parte solo piloti di riconosciuto valore.
    Nel settembre 1917,  Werner Voss decise di decollare in solitaria con l'obiettivo di raggiungere il numero di 50 vittorie, ma si scontrò con una squadra aerea inglese composta da sette veicoli. Voss riuscì a colpire tutti i velivoli inglesi ma venne infine abbattuto, morendo all'età di 20 anni.
    Qui (lingua italiana) si possono leggere notizie su Voss e vedere le illustrazioni degli aerei da lui pilotati e di cui disegnava personalmente la livrea, mentre qui (lingua inglese) viene descrita la battaglia aerea in cui trovò la morte.
    Ultima modifica: 5/08/22 14:40 da Zender