The dead don't talk

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 23/11/20 DAL BENEMERITO SCHRAMM
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Schramm 23/11/20 17:02 - 2484 commenti

I gusti di Schramm

Com'era nel 1970 l'horror turco? Sbadato, sgasato ma completamente fuso. Come l'Hammer prematurato, l'inespressionismo che stupisce con difetti speciali o il neogotico che diventa neozotico. Se avete presente la solfa del pendolo guasto che batte almeno due volte l'ora esatta, quest'horrorlogio la smentisce in una carica rotta del 101%. Plot che danzamacabreggia inciampa e sbatte vagando bendato in alcun dove, metraggio sorteggiato da un orbo e montato da un monco, attori e situazioni che dovrebbero impaurire e sono risoterapia al top. Notevolissimo? Suo e nostro malgrado, beninteso.

Rufus68 27/12/20 21:05 - 3223 commenti

I gusti di Rufus68

Horror disastrosamente sgangherato, alieno da qualsiasi tentativo di isolare uno straccio di trama logica e fitto di episodi sospesi fra il delirante e il ridicolo (esempio: lo sconosciuto che, nella casa infestata, appare improvvisamente a servire la cena e poi sbotta a piangere come una fontana sotto un ritratto di donna: così, senza un perché). Micidiale il revenant che sghignazza a quattro ganasce per interminabili minuti. Cast allo sbando. Più che un film è una Vergine di Norimberga che si chiude lentamente anche sullo spettatore più bendisposto.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Schramm • 9/12/20 17:27
    Risorse umane - 6749 interventi
    vi segnalo quest'ennesima follia anatolica più grande delle due americhe e della russia sommate perché ci sono tutti gli ingordi e devastanti buchi neri di certo cinema turco che sappiamo ma una tantum con tagli, cesure e atmosfere peculiari. Per iniziare questo non è un remake, non è un reboot. Non pesca a strascico in acque americane (se mai più mittleeuropee). Di quando in quando si sporge spericolato su certa hammer o riecheggia ora steccando di brutto ora quasi eccendendolo danza macabra, ripercorsi alla luce del muto anni 20-30 (nosferatu, caligari: e qui atmosfericamente centra alcuni bersagli), ma ha un suo carattere (accio), una sua personalità (multipla), una sua andatura (da ubriaco impazzito) e tratti somatici e comportamentali tutti suoi, di quelli a cui non servono caricature perché lo è perfettamente di suo così come è (anche a un livello molto consapevole: si veda il curioso slapstick finale da comica anni 30).  

    Vorrebbe essere un horror, e ci prova, ma vi sfido a rabbrividire davanti ad apparizioni continue da tunnel degli orrori annunciate dalla ost di 2001 (dislocata praticamente una scena ogni due, assieme a quella di psycho e a una terza non riconosciuta tutta ansiti e gemiti che -se originale- sembra anticipare di molti caselli autostradali i goblin di suspiria) che ridono per mezzo minuto come certi mostri dei mame anni 80 quando ti facevano secco la terza e ultima volta decretando il game over; o al tentativo di creare suspense e climax ripetendo per minuti e minuti fino a perdere il conto che il 15 di ogni mese in quella casa ci scappa il morto. Nel solo incipit. per capire, non si ribadisce altro. A suggello dei cultori più incalliti, il protagonista è lo stesso interprete di captain america in 3dev, ma senza scudo a proteggerlo da un delirio sintattico già allora tsunamico.

    Fascino e risate cingono assieme le mura gericali di un cinema che ne sa sempre una più della maria rossa ammoniacata e che se anche può annoiare o indispettire, certamente non può non stupefare. Anche chi questo filone lo abiura con ogni sua forza potrà forse trovarci qualche motivo di interesse e chissà, godimento. Tentare nuoce, ed è questo il suo bello.
  • Discussione Mco • 21/12/20 12:49
    Scrivano - 9687 interventi
    Schramm ebbe a dire:
    vi segnalo quest'ennesima follia anatolica più grande delle due americhe e della russia sommate perché ci sono tutti gli ingordi e devastanti buchi neri di certo cinema turco che sappiamo ma una tantum con tagli, cesure e atmosfere peculiari. Per iniziare questo non è un remake, non è un reboot. Non pesca a strascico in acque americane (se mai più mittleeuropee). Di quando in quando si sporge spericolato su certa hammer o riecheggia ora steccando di brutto ora quasi eccendendolo danza macabra, ripercorsi alla luce del muto anni 20-30 (nosferatu, caligari: e qui atmosfericamente centra alcuni bersagli), ma ha un suo carattere (accio), una sua personalità (multipla), una sua andatura (da ubriaco impazzito) e tratti somatici e comportamentali tutti suoi, di quelli a cui non servono caricature perché lo è perfettamente di suo così come è (anche a un livello molto consapevole: si veda il curioso slapstick finale da comica anni 30).  

    Vorrebbe essere un horror, e ci prova, ma vi sfido a rabbrividire davanti ad apparizioni continue da tunnel degli orrori annunciate dalla ost di 2001 (dislocata praticamente una scena ogni due, assieme a quella di psycho e a una terza non riconosciuta tutta ansiti e gemiti che -se originale- sembra anticipare di molti caselli autostradali i goblin di suspiria) che ridono per mezzo minuto come certi mostri dei mame anni 80 quando ti facevano secco la terza e ultima volta decretando il game over; o al tentativo di creare suspense e climax ripetendo per minuti e minuti fino a perdere il conto che il 15 di ogni mese in quella casa ci scappa il morto. Nel solo incipit. per capire, non si ribadisce altro. A suggello dei cultori più incalliti, il protagonista è lo stesso interprete di captain america in 3dev, ma senza scudo a proteggerlo da un delirio sintattico già allora tsunamico.

    Fascino e risate cingono assieme le mura gericali di un cinema che ne sa sempre una più della maria rossa ammoniacata e che se anche può annoiare o indispettire, certamente non può non stupefare. Anche chi questo filone lo abiura con ogni sua forza potrà forse trovarci qualche motivo di interesse e chissà, godimento. Tentare nuoce, ed è questo il suo bello.
    Amico mio, aggiungo il film in lista... Grazie!