LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/10/16 DAL BENEMERITO DIGITAL
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Digital 18/10/16 09:50 - 1123 commenti

I gusti di Digital

In concomitanza con una vacanza nel Grand Canyon, una famiglia americana, tornata a casa, inizia a essere perseguitata da presenze sovrannaturali. Pur riciclando situazioni e dialoghi di dozzine di horror, il film risulta piuttosto godibile per il buon cast implicato nell'operazione: Kevin Bacon è una garanzia, la Mitchell è sempre piacente mentre il giovane Mazouz è davvero bravo come bambino inquietante. La regia non presenta sbavature centellinando sapientemente la tensione; il finale è un po' troppo baracconesco, ma nel suo insieme non dispiace.

Hackett 26/03/17 15:49 - 1747 commenti

I gusti di Hackett

Visivamente ben fatto e interpretato da un sempre carismatico Kevin Bacon, questo horror di spiritismo perde colpi per il fatto di intraprendere una strada già ricalcata troppe volte. Sorta di Poltergeist contemporaneo, il plot non riserva alcuna sorpresa allo spettatore, che fin dall'inizio può immaginare come andrà a finire. La parte finale poi, con il manifestarsi degli spiriti, ricorda più un Jumanji dark che un film dell'orrore. Scarso.

Rambo90 25/05/17 02:42 - 6437 commenti

I gusti di Rambo90

Non male, anche se la sceneggiatura pesca a piene mani dai luoghi comuni del genere ed è avara di vere sorprese. La regia è buona e il ritmo scorre bene, la tensione inoltre c'è davvero e il film non vivacchia solo di spaventi calcolati e prevedibili. Bacon e la Mitchell funzionano, ma anche i figli sono azzeccati fisicamente e danno la giusta emotività. Un po' fracassone il finale (con tanto di classico esorcismo della casa) ma un'occhiata la merita.

Pumpkh75 4/10/17 13:53 - 1336 commenti

I gusti di Pumpkh75

Fantasmi mainstream davanti al camino e sotto le coperte: Bacon e il resto del cast sono decisamente convincenti e aiutano come il Gaviscon la digestione di un plot più volte ripassato in padella, con un cedimento acido nel finale quando una novella Zelda Rubinstein in odor di santèria ci rammenta che di Poltergeist ce ne può essere uno solo. McLean è bravo come suo solito ma stavolta le spire del PG13 lo limitano più del dovuto. Con il finale alternativo (cattivello) sarebbe stato nettamente più sapido, così è solo commestibile.

Taxius 5/11/17 18:49 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Dopo una vacanza nel Grand Canyon un'allegra famiglia torna a casa con qualche amico in più, ovvero con un gruppo di antichi demoni indiani piuttosto dispettosi. E' un po' la sagra del già visto, con innumerevoli cliché del genere e diverse scopiazzature da altri film più famosi (impossibile non pensare al Poltergeist di Tobe Hooper). Il film è confezionato piuttosto bene e in parte funziona, come detto, ma sa di già visto e si fa dimenticare quasi subito. Insignificante.

Galbo 9/01/19 05:55 - 11452 commenti

I gusti di Galbo

Tornano i poltergeist e sono più “imbufaliti” che mai nel tentare di destabilizzare una famiglia che ha già problemi di suo ! Benché regista e autori si rivolgano ampiamente agli archetipi narrativi del genere, bisogna ammettere che The Darkness è un film godibile, a partire dalle suggestive riprese iniziali nel canyon. Convince il cast, con particolare riferimento a Bacon e al giovane protagonista, che interpreta il ragazzo autistico in modo credibile. Buoni gli effetti speciali e la prova del regista che sa come spaventare lo spettatore.

Daniela 4/04/20 11:48 - 9646 commenti

I gusti di Daniela

In gita al Grand Canyon, un bimbo autistico trova in una caverna alcune pietre incise e se le porta a casa, liberando così degli spiriti ancestrali malefici che causeranno guai alla sua famiglia... A parte le sequenze iniziali, rese pregevoli dalla bellissima ambientazione naturale, per il resto siamo dalle parti dall'ennesima riproposizione poltergeistica povera di idee, in cui anche lo spunto più promettente (gli animali sotto la cui forma si palesano gli spiriti) è sfruttato in modo maldestro. Brutto il momento clou inficiato dall'umorismo involontario, floscio l'epilogo, film perdibile.
MEMORABILE: Se avessi una macchia tanto grande e brutta nella camera del figliolo, non perderei tanto tempo prima di mettere mano al pennello, spiriti o no

Minitina80 12/10/20 21:49 - 2400 commenti

I gusti di Minitina80

Pare abbiano usato la carta carbone per copiare da altri contesti, blasonati o meno, che esprimono le stesse identiche cose. Appare inevitabile che il gradimento ne risenta in maniera determinante perché gli stimoli per una visione scompaiono immediatamente. Tutto risulta già visto altrove e la noia affiora in quanto non è difficile presagire gli sviluppi e l’esito della storia. Poco importa che ci sia Kevin Bacon di mezzo perché non smuove alcunché. Nulla da eccepire sulla confezione che tanto onesta pare, ma non basta a salvare il film dall’oblio a cui è destinato.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.