LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/11/18 DAL BENEMERITO HERRKINSKI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Herrkinski 26/11/18 12:09 - 6608 commenti

I gusti di Herrkinski

La storia americana è ricca di serial-killer all'apparenza perfettamente inseriti nel tessuto sociale; in questo film un ottimo McDermott interpreta un personaggio alla Gacy/Bundy, casualmente scoperto nelle malefatte dal figlio (il convincente Plummer). Una sorta di crossover tra il classico The stepfather e il recente Summer of 84, punta però su uno svolgimento slow-burn da dramma autoriale piuttosto che su elementi tipicamente thriller o di stampo '80s, risultando più realistico della media ed esaminando con cura le dinamiche padre/figlio.

Schramm 15/01/22 14:31 - 2895 commenti

I gusti di Schramm

E se l'integerrimo babboyscout tutto chiesa patria e famiglia fosse un serial killer? Essere figli di qualcuno significa dovergli tutto a prescindere? Banalità del male o male della banalità? Lasciando galleggianti per aria le risposte fino a un inatteso finale, il film è più drammaturgicamente interessante (specie quando cala il jolly-drama del “io so che tu sai che io so”) che tensivamente azzeccato nelle sue stropicciate vestigia thrilleroidi e soffre acutamente dii una totale mancanza di brio e di quella perversione coca-zero che tipizza le più imbambolate produzioni pomeridiane.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Daniela • 27/11/18 21:40
    Gran Burattinaio - 5803 interventi
    x Herr

    ammesso che si tratta nel complesso di un film dignitoso e riconosciuta la buona prova dell'ex manzo McDermott, non mi ha convinto la sceneggiatura troppo didascalica unita ad una messa in scena para-televisiva nel senso più convenzionale del termine ed un ritmo latitante che azzera la tensione (vedi la scena del sequestro).

    SPOILER

    in particolare, la scelta di far intuire fin dall'inizio l'identità del killer seriale andava gestita a mio parere con maggior ambiguità: mentre il giovane protagonista è roso dai dubbi, lo spettatore non è mai portato a dubitare: la falsa pista dello zio invalido che poteva servire a confondere le acque viene buttata lì senza alcuna convinzione - questo senza tener conto di altre incongruenze sparse, tipo il fatto che tutte le vittime sono state incaprettate con nodi di tipo particolare, oppure il tizio che tali nodi insegna a farli non pare essere mai stato neppure sfiorato dalle indagini, anche se i delitti sono avvenuti in un piccolo paese di provincia dove tutti conoscono tutti.

    FINE SPOILER

    insomma, certo c'è molto di peggio in giro ma il bicchiere mi sembra più mezzo vuoto che mezzo pieno
    Ultima modifica: 27/11/18 21:41 da Daniela
  • Discussione Herrkinski • 28/11/18 04:43
    Consigliere - 2445 interventi
    Capisco le tue perplessità Daniela, anche se credo che il regista volesse perlopiù basare il film sull'aspetto psicologico tra padre/figlio e famiglia; e alla fine a me è piaciuta la vena drammatica e il messaggio di fondo del finale, quasi a voler essere una storia formativa col ragazzo che passa suo malgrado all'età adulta.
    Riguardo all'ambiguità, in effetti è stata gestita meglio dal similare Summer of 84 (che se non hai visto ti consiglio); comunque in entrambi i casi, forse per l'ambientazione nella bigotta provincia Usa - e per i ragazzini che si scontrano con gli orrori che vi si nascondono - mi hanno riportato alla mente certe atmosfere kinghiane. In questo senso, penso che alcuni dettagli prettamente legati alla verosimiglianza delle cose (indagini, sospetti) siano stati un po' tralasciati a favore della storia formativa, dato che il protagonista di base non è tanto il killer quanto il ragazzo e il film è di fatto più un dramma che un thriller/horror.
  • Discussione Brainiac • 28/11/18 13:46
    Call center Davinotti - 1470 interventi
    Herrkinski ebbe a dire:
    forse per l'ambientazione nella bigotta provincia Usa - e per i ragazzini che si scontrano con gli orrori che vi si nascondono - mi hanno riportato alla mente certe atmosfere kinghiane
    E ci credo è un plagio di An Ideal Husband del buon Sthephenone!
    Tra l'altro anche quello un piccolo buon thriller. Mi sono piaciucchiati entrambi al fin della fiera. Non è affatto originale ma l'idea dell'uomo-medio con le foto di bondage ultraestremo appizzate nel garage è sempre creepy.
    Ultima modifica: 28/11/18 13:52 da Brainiac
  • Discussione Daniela • 28/11/18 19:42
    Gran Burattinaio - 5803 interventi
    è vero, una certa atmosfera kinghiana c'è (la trama ricorda palesemente A good mariage, che ha avuto purtroppo una trasposizione cinematografica mediocre). Il film è dignitoso ma, ripeto, a mio parere non sfrutta adeguatamente le potenzialità offerte dal soggetto e anche dalla buona prova di McDermott.

    PS: Brainiac, riguardo An Ideal Husband: con quel titolo io conosco solo la commedia di Oscar Wilde, non ho trovato in rete un romanzo o racconto di King. Intendevi forse A good mariage?
  • Discussione Herrkinski • 28/11/18 21:31
    Consigliere - 2445 interventi
    Brainiac ebbe a dire:
    Herrkinski ebbe a dire:
    forse per l'ambientazione nella bigotta provincia Usa - e per i ragazzini che si scontrano con gli orrori che vi si nascondono - mi hanno riportato alla mente certe atmosfere kinghiane
    E ci credo è un plagio di An Ideal Husband del buon Sthephenone!
    Tra l'altro anche quello un piccolo buon thriller. Mi sono piaciucchiati entrambi al fin della fiera. Non è affatto originale ma l'idea dell'uomo-medio con le foto di bondage ultraestremo appizzate nel garage è sempre creepy.

    Ah ecco haha, l'atmosfera era un po' troppo kinghiana in effetti... Non conosco però l'opera di riferimento, anche se sul titolo forse ha ragione Daniela (A Good Marriage).

    Daniela ebbe a dire:
    Il film è dignitoso ma, ripeto, a mio parere non sfrutta adeguatamente le potenzialità offerte dal soggetto e anche dalla buona prova di McDermott.

    Sì, si poteva fare anche di meglio, però alla tripalla considerando vari fattori ci sono arrivato senza troppi problemi. Mi sembra tutto sommato un prodotto che non eccelle ma comunque buono.
    Ultima modifica: 28/11/18 21:32 da Herrkinski
  • Discussione Brainiac • 28/11/18 21:33
    Call center Davinotti - 1470 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    è vero, una certa atmosfera kinghiana c'è (la trama ricorda palesemente A good mariage, che ha avuto purtroppo una trasposizione cinematografica mediocre). Il film è dignitoso ma, ripeto, a mio parere non sfrutta adeguatamente le potenzialità offerte dal soggetto e anche dalla buona prova di McDermott.

    PS: Brainiac, riguardo An Ideal Husband: con quel titolo io conosco solo la commedia di Oscar Wilde, non ho trovato in rete un romanzo o racconto di King. Intendevi forse A good mariage?

    Sì Herr e Daniela, è come dite voi! Mi ricordavo una cosa tipo "un marito ideale" e l'ho googlato insieme a "king". Su cosa sia ora "An ideal husband" che mi ha trovato il motore di ricerca ho paura di indagare!
    ;-)
    Ultima modifica: 28/11/18 21:36 da Brainiac
  • Discussione Daniela • 29/11/18 13:15
    Gran Burattinaio - 5803 interventi
    "An ideal husband" è una commedia di Oscar Wilde, garbatamente pungente, che ha avuto anche due o tre trasposizioni cinematografiche, la più recente con Rupert Everett indomabile single infin domato: Stephen King non ci azzecca manco di striscio ;o)
  • Discussione Schramm • 15/01/22 13:37
    Scrivano - 7243 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    x Herr

    ammesso che si tratta nel complesso di un film dignitoso e riconosciuta la buona prova dell'ex manzo McDermott, non mi ha convinto la sceneggiatura troppo didascalica unita ad una messa in scena para-televisiva nel senso più convenzionale del termine ed un ritmo latitante che azzera la tensione (vedi la scena del sequestro).

    SPOILER

    in particolare, la scelta di far intuire fin dall'inizio l'identità del killer seriale andava gestita a mio parere con maggior ambiguità: mentre il giovane protagonista è roso dai dubbi, lo spettatore non è mai portato a dubitare: la falsa pista dello zio invalido che poteva servire a confondere le acque viene buttata lì senza alcuna convinzione - questo senza tener conto di altre incongruenze sparse, tipo il fatto che tutte le vittime sono state incaprettate con nodi di tipo particolare, oppure il tizio che tali nodi insegna a farli non pare essere mai stato neppure sfiorato dalle indagini, anche se i delitti sono avvenuti in un piccolo paese di provincia dove tutti conoscono tutti.

    FINE SPOILER

    insomma, certo c'è molto di peggio in giro ma il bicchiere mi sembra più mezzo vuoto che mezzo pieno
    pienamente d'accordo su tutto. non che ci sia da disperarsi ma in altre mani sarebbe stato una più che discreta bombetta. ma coi sarebbe potrebbe dovrebbe non si fa il cinema, e così come è di mani ci mangiamo le nostre. anche se l'architrave è buona.