The call

Media utenti
Titolo originale: Call
Anno: 2020
Genere: fantastico (colore)
Numero commenti presenti: 4
Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 2/12/20 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Capannelle 14/12/20 00:02 - 3855 commenti

I gusti di Capannelle

E' quasi un buon film, che si regge su un'ottima impalcatura tecnica ma che dà il meglio di sè stesso nella prima parte quando ancora i ruoli si devono delineare. Poi il progredire degli eventi propone varie svolte in cui ogni tanto si può finire fuori strada, ma il regista dimostra una certa capacità nel non abusare di troppi cliché e nel saper canalizzare le emozioni sul confronto tra le due protagoniste. Efficace anche la gestione del sonoro.

Daniela 2/12/20 07:35 - 10199 commenti

I gusti di Daniela

Due giovani donne entrano in contatto telefonico: hanno la stessa età ed abitano nella stessa casa, ma a separarle sono 20 anni di distanza.... Fanta-thriller sudcoreano che ricorda all'inizio Frequency nel mostrare le conseguenze sul presente delle modifiche apportate ad eventi del passato, per poi prendere una strada quasi horror dopo che una delle due parti in gioco ha rivelato la sua vera natura. La trama complessa con poche sbavature, l'ottima prova delle protagoniste e la tenuta ansiogena in crescendo ne fanno un film imperdibile per gli amanti dei paradossi temporali. 
MEMORABILE: I sacchi di spazzatura che grondano sangue. 

Kinodrop 6/12/20 18:28 - 1825 commenti

I gusti di Kinodrop

In una villetta di campagna "convivono" due ragazze ma "a distanza di 20 anni"; l'unico tramite tra una vita vissuta e una vita da vivere, un cordless in grado di modificare secondo il celebrato paradosso temporale gli eventi di entrambe. Una nuova versione in chiave horror-thriller di Frequency, che regge bene finché il contatto tra le due è solo virtuale; quando invece progressivamente diventa fisico, la magia "dell'impossibile" perde la sua ragion d'essere. Spettacolare dal punto di vista scenografico - location, montaggio, riprese - tiene per le performance delle due attrici.
MEMORABILE: Lo scambio di favori tra presente e passato; Il sotterraneo della villa; Lo "sgretolarsi" del presente ad ogni mutazione nel passato.

Minitina80 12/04/21 17:17 - 2512 commenti

I gusti di Minitina80

Ambizioso plot sudcoreano il cui intreccio si basa sull’assunto di una dislocazione temporale che risulta la pietra angolare attorno al quale ruota ogni cosa. Non sempre è facile tenere il passo, soprattutto all’inizio quando le sfumature sono ancora tutte da comprendere. Dura qualche minuto troppo e lo si nota in quei frangenti in cui ripete situazioni pressoché identiche. Quando si parla di paradossi temporali è opportuno garantire una certa snellezza, onde evitare di perdersi in passaggi che potrebbero sfilacciare la comprensione della trama.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Daniela • 3/12/20 05:03
    Gran Burattinaio - 5473 interventi
    Disponibile su Netflix in originale con sub italiani.