The astronaut's wife - La moglie dell'astronauta

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

L'idea è quella di fare una sorta di ROSEMARY’S BABY in chiave fantascientifica. L'autore Rand Ravish fa pettinare l’ex modella Charlize Theron proprio come Mia Farrow (sminuendone la bellezza, che le fa perdere il confronto con la più genuina collega), punta su di lei i riflettori e tenta di dare a Johnny Depp un ruolo un po' più “attivo” rispetto a quello che fu di John Cassavetes. Ma Ravish non è Polanski e THE ASTRONAUT’S WIFE, benché riesca a creare nella prima mezz'ora un bel clima d'angoscia e sospetto, non procede: si arena in un nulla di fatto, continuando a montare, montare senza mai concludere. Così, inevitabilmente, lo spettatore si...Leggi tutto stanca di attendere per nulla e non si accontenta più di vedere la bella faccia della Theron (un po' ingrassata, così come il buon Johnny Depp). Lo stile ricorda vagamente quello altrettanto inconcludente ma almeno originale del sopravvalutato M. Night Shyamalan, con belle immagini e un sonoro ricercato, ottimamente fuso nelle musiche. Dovizia di mezzi sprecati, con una coppia di attori brava ma diretta maldestramente. E mentre i richiami ai meccanismi polanskiani aumentano, aumenta anche il rimpianto di vederli ripresi senza il giusto feeling. Il finale lascia con l'amaro in bocca, ma è la degna conclusione di un film banale, vuoto, nato per affascinare e invece giustamente stroncato da critica e pubblico. Pure troppo, forse, perché in fondo c'è un discreto ritmo, la professionalità della confezione è apprezzabile. Se solo la sceneggiatura avesse deciso di scavare un po' più in profondità tra le pieghe fanta-horror dell'idea di base, forse il film avrebbe trovato un senso.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Sadako 27/05/07 18:29 - 177 commenti

I gusti di Sadako

Una via di mezzo tra Rosemary's baby e L'invasione degli ultracorpi, ma senza la carica giusta per potere arrivare ai loro livelli. L'idea di base è abbastanza buona, così come il tentativo di creare il solito complotto ai danni della protagonista. Molti buoni spunti sprecati in una sorta di duello tra l'entità aliena e la bella protagonista, fino ad un finale per nulla soprendente e che ricorda molto un "I figli dell'invasione" di Wyndham a lieto fine (per gli invasori, ovviamente). Un film adatto per occupare una tranquilla serata.

Galbo 1/12/07 13:25 - 11876 commenti

I gusti di Galbo

Film difficilmente catalogabile (quasi una via di mezzo tra science-fiction e thriller paranormale), è piuttosto azzeccato nelle premesse; purtroppo la realizzazione non è altrettanto felice. I due (bravi) protagonisti non sono supportati da una sceneggiatura all'altezza ed anche la regia appare particolarmente anonima, limitandosi ad un didascalico e apersonale racconto della storia.

Undying 6/05/08 18:00 - 3814 commenti

I gusti di Undying

Riuscito film di fantascienza, che gioca molto sulla "supposizione" data sul cosa sia accaduto (in un paio di minuti mancanti) nella vita di due astronauti, quando un satellite per le telecomunicazioni li taglia fuori dallo spazio (e dal tempo) "umanamente" concepito. Il rientro sul Pianeta Terra rende felice la moglie di uno dei due... ma... Rand Ravich ha il pregio di non puntare solo, ed esclusivamente, sugli effetti speciali, quanto invece approfondire la psicologia dei personaggi, posti di fronte al mistero della "vita" extra-terrestre.

Redeyes 5/05/08 10:36 - 2295 commenti

I gusti di Redeyes

Imperfetto. Se le premesse erano gustose, lo svolgimento cade ben presto nella noia, nel già visto, nel banale, e a poco serve aver a disposizione Depp e la Theron. La fotografia è bella ed è, a mio giudizio, l'unico elemento che potremmo salvare di questa pellicola altrimenti scialba.

Ciavazzaro 7/05/08 14:27 - 4774 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Fantahorror abbastanza prevedibile. Molto brava Charlize Theron, sottotono Johnny Depp. Finale telefonatissimo, confezione discreta. Interessante l'idea di base, ma lo svolgimento della vicenda non è niente di entusiasmante. Evitare, prego.

Pigro 13/10/09 09:41 - 8798 commenti

I gusti di Pigro

L'astronauta torna dalla missione cambiato e ingravida la moglie che sospetta qualcosa. Interessante ibrido fra il più classico dei temi s/f (l'invasione aliena) e il tema horror delle presenze demoniache, ben spruzzato con inquietudini psicologiche e qualche tocco thriller. Insomma, uno strano mix che riesce a raggiungere un buon livello rinunciando agli effetti speciali (o quasi) e basandosi sulla recitazione (tesa e convincente) dei due protagonisti. Ogni tanto sembra perdersi, ma poi scopri che è un altro modo per inchiodarti.

Stefania 20/08/10 16:20 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Incapsulata in una plumbea atmosfera di sospetti o (forse) di paranoie, la Theron si muove in maniera convincente, tra acuti di disperazione e cadute nella catatonia. Dopo l'Avvocato del diavolo, recita nuovamente il ruolo della moglie che assiste impotente all'inspiegabile sconvolgimento della personalità del consorte! Poco riuscito, questo esperimento di ibridazione tra fantascienza e thriller, non sorprende e sa molto di "già visto", è una storia alla "X Files" che manca di veri colpi di scena. Un incubo dal quale ci siamo già svegliati!

Capannelle 6/06/11 16:05 - 4053 commenti

I gusti di Capannelle

Il film è girato con un minimo di mestiere e di base non è malvagio sia come costruzione dell'atmosfera iniziale che come attori. Però paga un certo piattume generale, una mancanza di incisività dovuta anche al fatto che tende ad appiattirsi sui canoni del celeberrimo Rosemary's baby. E guarda caso c'è la Theron che già aveva fatto le prove del ruolo con L'avvocato del diavolo.

Pinhead80 22/01/12 12:15 - 4301 commenti

I gusti di Pinhead80

Mi ha deluso parecchio non riuscendo a soddisfare le buone premesse che aveva creato nei primi venti minuti. Manca un vero e proprio colpo di scena o comunque qualcosa che possa renderlo differente da film del genere già visti in precedenza. Peccato perché le basi per buttare giù una sceneggiatura decente c'erano, ma il risultato è un prodotto che non si discosta molto dalla mediocrità. Non bastano nel cast Depp e la Theron per salvarlo.

Piero68 10/07/12 09:51 - 2877 commenti

I gusti di Piero68

Se l'idea di partenza poteva essere buona lo sviluppo narrativo spreca tutto deviando addirittura nella noia e irritazione soprattutto quando al montare della tensione non seguono i risultati sperati. Giustamente stroncato da critica e pubblico, rimane un film inclassificabile e abbastanza incomprensibile nelle sue finalità. Senza nulla togliere a Depp, malizioso quanto basta, alla fine il film sarà solo uno spottone per reclamizzare la bellezza della Theron.

Nick Cassavetes HA RECITATO ANCHE IN...

Myvincent 4/07/12 08:06 - 3220 commenti

I gusti di Myvincent

Charlize Theron versione Mia Farrow, ma molto più top-model, in un film dagli ambienti leccati altolocati ma dalla consistenza complessivamente fiacca. Snervante quanto basta, non eccita gli animi come dovrebbe e annoia quanto basta. Aumenta solo la sudorazione per il clima finto-thriller che aleggia. Da evitare con cura.

Nando 11/07/12 00:42 - 3641 commenti

I gusti di Nando

Fantathriller abbastanza originale nonostante qualche piattezza narrativa. La tensione, soprattutto nella seconda parte, è abbastanza evidente e rende la narrazione avvincente; certo il finale appare telefonato, ma gli istanti precedenti ad esso sono coinvolgenti. La Theron vince il confronto con il monocorde Depp.

Daniela 30/09/12 14:09 - 11529 commenti

I gusti di Daniela

Torna dallo spazio bello come è partito ma un pò troppo freddino, per cui la moglie comincia a sospettare sia di lui che dei pargoli che porta in grembo... Sfacciati i riferimenti a Rosemary's Baby, a cominciare dal look di Theron, ma questa volta Satana lascia il posto agli alieni. Rispetto al capolavoro di Polanski, manca di ambiguità e sottigliezza, e sconta una prestazione modesta del resto del cast, a cominciare da Depp versione bionda, assai monocorde. Andamento prevedibile, con scontro acquatik-woltaico poco esaltante e finale telefonato.

Buiomega71 29/11/13 00:39 - 2634 commenti

I gusti di Buiomega71

Stupefacente fantathriller dalle venature paranoiche condite con schizofrenia femminea. Un mix coinvolgente tra il complottistico settantiano e la sf anni 50 alla Ho sposato un mostro venuto dallo spazio. Ravich ha la stoffa del regista sopraffino, monta la tensione, regala sprazzi di grande regia (la festa sulle note di "My Way" dei Sex Pistols) mette più di un brivido (le pillole per abortire) e chiude con un finale raggelante. Inquietudine e angoscia suggellano il tutto. Magnifica la fotografia dell'ex spielberghiano Allen Daviau. A dir poco sottostimato.
MEMORABILE: La Theron che balla il mambo a piedi nudi; La "folgorazione" suicida nella doccia; La vhs rivelatrice; La Theron, chiusa in bagno, cerca di abortire.

Metuant 9/12/14 08:58 - 455 commenti

I gusti di Metuant

Le premesse non mancavano per poter tirare fuori un film ricco di tensione e magari con qualche buona scena di vera paura; invece quella che ne è risultata è un'opera piuttosto scialba e priva di suspense che si trascina abbastanza stancamente fino alla fine, dove avviene un confronto abbastanza standard rispetto alle aspettative. Peccato, perchè con un cast del genere si poteva arrivare in alto. Non da buttare, ma comunque non del tutto da promuovere.
MEMORABILE: "Io vivo lì".

Saintgifts 20/08/15 16:40 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

All'inizio l'alone di mistero è molto forzato, le mogli sono troppo intuitive e la sceneggiatura spinge a far considerare da subito, senza un urgente motivo, i due minuti di perdita di contatto con gli astronauti. Il prosieguo non è meglio e tenta di stupire con strani amplessi, di cui si saprà poi il motivo. La bravura e la bellezza della Theron e un Depp biondo come un giovane nazista sembrano sprecati, anche se le scenografie sono di un certo rilievo; tuttavia la sceneggiatura non è ficcante e punta su un finale da brividi (ma non quelli giusti).

Taxius 19/08/15 23:29 - 1652 commenti

I gusti di Taxius

Un mix tra Rosemary's baby e Visitors, il cui risultato è un fanta-thriller non del tutto riuscito. La storia è banale e il finale troppo prevedibile; un peccato perché le basi per un buon film c'erano tutte; buone colpe le ha il regista, che non è stato in grado di dare un minimo di ritmo al film, ma parte della colpa ce l'hanno anche le due star, Depp e Theron, che sembrano due mummie. Film comunque dignitoso.

Gabigol 15/06/17 08:32 - 477 commenti

I gusti di Gabigol

Una premessa niente male non fa, purtroppo, da apripista per uno sviluppo narrativo soddisfacente. La storia, poco aiutata da regia e attori, risulta monocorde e mai capace di risvegliarsi dal torpore con qualche guizzo. Pensare che da un canovaccio derivativo come questo (Rosemary's baby e "I figli dell'invasione") si potessero elaborare moltissime tematiche interessanti, ecco, lascia un po' di amaro in bocca. Il finale è la degna coronazione di un film che si poteva tranquillamente evitare.

Rambo90 3/12/17 01:04 - 7111 commenti

I gusti di Rambo90

Idea molto allettante, con una partenza riuscita e una prima metà davvero ben girata, con un'atmosfera sospesa a metà tra il morboso e l'inquietante. Poi però il film non decolla mai del tutto, affidandosi a un ottimo Depp (agghiacciante il suo sguardo) e a una perennemente spaventata Theron (anche troppo, a volte). Il dubbio instillato nella protagonista e nello spettatore regge, ma il finale lascia molto a desiderare, sciupando quello di buono che la regia aveva saputo costruire fino ad allora. Non male, ma sa di occasione sprecata.

Il ferrini 30/08/18 23:46 - 1954 commenti

I gusti di Il ferrini

Fanta-thriller esteticamente piacevole ma dalla sceneggiatura un po'stiracchiata; peccato perché l'idea di partenza è buona e in principio il regista riesce a creare una certa tensione che poi però sperpera tirandola troppo per le lunghe. Theron molto espressiva, Depp molto meno, il resto del cast è abbastanza accessorio. Nella seconda parte il ritmo ricomincia a salire per giungere al colpo di scena conclusivo, che non è malaccio (ma esiste un finale alternativo che forse funziona ancora meglio). Potabile.
MEMORABILE: I due cuori nell'ecografia.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Faggi 9/11/18 22:30 - 1528 commenti

I gusti di Faggi

Lui (Depp che fa un ambiguo Depp) torna dallo spazio dopo un misterioso incidente e non è più lo stesso: per sua moglie saranno guai; infine una bella sorpresa l'aspetta. Fantascienza paranoica, innestata sul tema della possessione aliena dell'umano (qui in figura di forza elettromagnetica); non eccezionale, non totalmente indegna; ha spiccate movenze da thriller, superficie lucidata e passaggi blandamente ansiogeni. Si arriva in fondo senza catastrofici inciampi, tra rare suggestioni e un epilogo non da buttare.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Buiomega71 • 29/11/13 10:12
    Pianificazione e progetti - 24014 interventi
    Una vera sorpresa, uno dei fantathriller paranoici più penetranti (in tutti i sensi) degli anni '90 (ridicole le recensioni che ho letto su alcune riviste "in" di cinema, da gettare via!).

    Il cinema complottistico degli anni '70 si sposa con la sci fi anni 50 (Ho sposato un mostro venuto dallo spazio, gli ultracorpi siegeliani), con sprazzi del Rosemary's Baby polanskiano (già a partire dal look alla Vidal della Theron), schegge del Progeny yuzniano e una chiusa finale raggelante, che stà tra Il Villaggio dei Dannati e gli ultracorpi ferrariani.

    Impreziosito dalla straordinaria fotografia dell'ex spielberghiano Allen Daviau, da una tensione montante, da un angoscia e da un inquietudine che non lascia respiro, di un terrore sottopelle in crescendo e da alcuni momenti davvero terrifici (il suono della "cosa" aliena nello spazio, le pillole abortive, la "folgorazione" suicida nella doccia, lo sguardo di ghiaccio della Theron nel pre-finale a base di acqua e scosse elettriche, le crisi di Nick Cassavetes), fanno entrare questo piccolo gioiellino (davvero sottostimato) nel rango dei miei nuovi cult movie.

    Rand Ravich, poi, regala momenti registici da antologia (la festa sulle note di May Way cantata dai Sex Pistols, la Theron e le allucinazioni perverse in metropolitana, la Theron che balla il mambo a piedi nudi mangiando panna spry, la vhs rivelatrice, la Theron-in preda a schizofrenia femminea e divorata dalla paronoia-che, chiusa in bagno, tenta di fagocitare le pillole per abortire, lo scontro tra un luciferino Deep dal vago sentor alla Shining), con soluzioni visive non banali (le telecamere dell'ascensore, la Theron, quando sopre di essere incinta, nei corridoi della scuola circondata dai ragazzini che si muovono in velocità), anche se non del tutto riuscito (e a rischio ridicolo) il mostrare i gemelli nel pancione (stile Citizen Toxie), creati da Kevin Yagher.

    Il gran finale mozzafiato suggella questo piccolo cult, purtoppo-a oggi-unica prova registica di uno sceneggiatore di film non memorabili, che di stoffa narrativa ne ha da vendere

    Di culto un Johnny Deep ingrifato, che sente il battito sanguigno della Theron, in una scena di sesso all'impiedi notevole (non disdegnando un linguaggio quasi da film porno), e le visioni televisive dello stevensiano Ho Sognato Un Angelo

    Attorialmente e un piacere ritrovare (anche se in ruoli marginali) la Blair Brown di Stati di Allucinazione e la Samantha Eggar di Brood

    Per il sottoscritto una vero e proprio gioiellino sottovalutato.
    Ultima modifica: 29/11/13 14:15 da Buiomega71
  • Curiosità Buiomega71 • 29/11/13 10:16
    Pianificazione e progetti - 24014 interventi
    * Rand Ravich girò un finale alternativo, poi non montato.

    * La Theron, dopo aver ucciso il marito, apre le finestre di casa e lascia che il gelo invernale newyorkese congeli la scena. Tempo dopo la si ritrovava in una fattoria di campagna, col pancione, mentre si sintonizzava su una stazione radio e scrutava il cielo notturno stellato.

    Fonte: Nocturno Book-Alienerotica. Davide Pulici, pg.35, scheda del film.