LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 30/03/09 DAL BENEMERITO SCHRAMM
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Schramm 31/03/09 00:04 - 2412 commenti

I gusti di Schramm

Fiat lux: quello del flash termonucleare di una testata che senza preavviso interrompe il day by day di un paese di provincia americano. Non vedremo funghi, né città spazzate via: solo il lento stillicidio della radioattività che un brivido ci dà. La cittadina si spopola, e una madre riscopre la vita e cerca di trasmetterla come meglio può ai superstiti. Un the day after da camera, para-bergmaniano, che visto allora -si era in piena guerra fredda- poteva turbare, oggi appare televisivo, retorico, tedioso.

Ishiwara 15/05/11 18:45 - 214 commenti

I gusti di Ishiwara

Contemporaneo a The Day After, punta più sul lento spegnersi della vita e delle speranze dei sopravvissuti al conflitto atomico, ma segue un approccio al tema molto meno spettacolare, come evidenzia anche la mancanza di commento musicale in alcuni momenti salienti. Il disastro avviene senza preavviso e si segue solo l'aspetto locale della vicenda, in una comunità piombata nell'isolamento pressochè totale che si ritrova a fare i conti con il suo lato peggiore. Non troppo avvincente, ma piuttosto riflessivo. Desolante.

Daniela 13/12/19 22:59 - 9227 commenti

I gusti di Daniela

Un lampo di luce accecante, le comunicazioni interrotte, gli assenti che non fatto ritorno: sono i primi segni dell'apocalisse nucleare avvertiti dagli abitanti di una cittadina della Costa occidentale che progressivamente verranno colpiti dagli effetti delle radiazioni... Un The Day After in formato intimista, coraggioso nella scelta antispettacolare di privilegiare il punto di vista di una donna semplice, madre di tre figli, che cerca di andare avanti nonostante tutto. Film non del tutto riuscito per la modestia della confezione ed alcuni snodi poco riusciti, ma realistico e commovente.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Buiomega71 • 15/02/12 01:38
    Pianificazione e progetti - 21767 interventi
    Schramm ebbe a dire:
    per me il contraltare di the day after resterà sempre threads. IL nukemovie per eccellenza. un'esperienza che ti regala un largo anticipo su una guerra nucleare, e che non vuoi ripetere più di una volta.

    Il film di Jackson non l'ho visto, ma ci metterei pure Quando soffia il vento, strazia l'anima e il cuore.
  • Discussione Schramm • 15/02/12 01:41
    Risorse umane - 6703 interventi
    il film di Jackson ti neutralizza. è un cinegiornale di come finiremmo nel caso di un attacco atomico. ha un taglio televisivo, più povero rispetto a TDA, ma antispettacolare e di estremo rigore scientifico/documentaristico. mostra come andrebbe a sbobinarsi tutto, anche la tradizione, il tramandarsi del linguaggio. è di una desolazione e di una verità che ti mette davvero in ginocchio l'anima. anche se forse, riletto oggi, trovo anch'esso ottimistico, con le testate che ci ritroviamo dubito che ci sarebbero superstiti...
    Ultima modifica: 15/02/12 01:43 da Schramm
  • Discussione Buiomega71 • 15/02/12 01:46
    Pianificazione e progetti - 21767 interventi
    Schramm ebbe a dire:
    il film di Jackson ti neutralizza. è un cinegiornale di come finiremmo nel caso di un attacco atomico. ha un taglio televisivo, più povero rispetto a TDA, ma antispettacolare e di estremo rigore scientifico/documentaristico. mostra come andrebbe a sbobinarsi tutto, anche la tradizione, il tramandarsi del linguaggio. è di una desolazione e di una verità che ti mette davvero in ginocchio l'anima. anche se forse, riletto oggi, trovo anch'esso ottimistico, con le testate che ci ritroviamo dubito che ci sarebbero superstiti...

    Interessante, adoro questo tipo di cinema (che tipo di cinema non amo devo ancora capirlo), chissà perchè mi viene alla mente pure Malevil.

    Ok, grazie Schramm, segnato sulla lista "wanted".
  • Discussione Schramm • 15/02/12 01:52
    Risorse umane - 6703 interventi
    anche malevil non è un granché. mentre quando soffia il vento è splendido, una mazzata. threads rimane comunque l'ultima parola in merito. non a caso la BBC (e anche mamma rai) ne hanno rifiutato una seconda messa in onda...non oso immaginare come sarebbe rifatto oggi.
    Ultima modifica: 15/02/12 01:52 da Schramm
  • Discussione Zender • 15/02/12 08:25
    Consigliere - 43439 interventi
    Sostituita locandina, grazie (non mi dire che non la vedi, Schrammy, devi aggiornare un po' con Ctrl+f5).
  • Discussione Schramm • 15/02/12 12:24
    Risorse umane - 6703 interventi
    sì sì la vedo!

    ricordo che all'epoca quella locandina dava ai miei occhi un'aura di assoluto mistero sul film. non capivo che fosse giocata sul fulgore gessoso della detonazione atomica e ignoravo si trattasse di un film sul dopobomba (incredibilmente non esisteva un trailer in merito, sebbene avesse ricevuto una candidatura all'oscar), per cui le taglines mi facevano fantasticare a mille sul contenuto catastrofico
  • Discussione Zender • 15/02/12 19:10
    Consigliere - 43439 interventi
    Credo che nessuno lo potesse capire, tranne forse Oppenheimer (che però purtroppo era morto 16 anni prima e non ha potuto quindi passare di fronte e dire "ragazzi, che locandina! Davvero centrata!").
  • Homevideo Buiomega71 • 23/10/13 11:07
    Pianificazione e progetti - 21767 interventi
    Direttamente dalla collezione privata di Buiomega71, la vhs Cic Video

    Ultima modifica: 23/10/13 11:37 da Zender
  • Curiosità Buiomega71 • 25/11/14 16:59
    Pianificazione e progetti - 21767 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (Ciclo:" Schegge di futuro", 28 ottobre 1986) di Testament:

  • Curiosità Schramm • 24/07/17 12:56
    Risorse umane - 6703 interventi
    * Inizialmente concepito come fim per la tv, venne successivamente circuitato nelle sale sotto pressione della Paramount, che restò impressionata dai risultati conseguiti. Il cast fece in quella causa alla produzione per ottenere un salario equipollente alle produzioni cinematografiche, più alto di quelle televisive.

    * Poco prima che vengano bruscamente interrotte le trasmissioni, quel che stanno guardando i bambini è una puntata di Sesamo apriti, sorta di antesignano della Melevisione e programma costola del Muppet Show, che in Italia veniva perlopiù trasmesso il sabato, nel primo pomeriggio.

    * Le riprese hanno avuto luogo in Sierra Madre, stessa location de L'invasione degli ultracorpi

    * Le frasi di lancio del film furono tre:

    1) Immaginate un giorno come gli altri. Le autostrade intasate, i campi da gioco sono pieni, tutto perfettamente normale. Per l'ultimissima volta.
    2) Accadde in un attimo. Le tv si spensero, le radio ammutolirono. Le città erano andate, il futuro dimenticato. La sola cosa rimasta da abbracciare erano le persone amate.
    3) Non ebbero chance di veder crescere i propri figli, di vedersi invecchiare, di coprire il mutuo delle case, di tornare in vacanza. Perché è bastato un istante a demolire i loro sogni.

    Di queste tre, la seconda è stata, con qualche adattamento e reimpasto delle altre due, quella scelta dalla distribuzione nostrana.

    Fonte: Imdb