Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONCineprospettive

TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/04/10 DAL BENEMERITO ENRICOTTTA
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Enricottta 15/04/10 17:33 - 506 commenti

I gusti di Enricottta

Deve essere stata proprio la sceneggiatura di Lino Jannuzzi a decretarne il mezzo flop. L' esordio alla regia di Giannini, non è dei migliori, tranne alcuni momenti che avrebbero meritato più fortuna, un cast di caratteristi e una colonna sonora "demenziale". Il solo Franco Angrisano si salva, anche se a volte, sembra di assistere ad un commedia di Eduardo De Filippo. Giannini attore si deve assolutamente assolvere, da regista no! Attenderà vent'anni per dirigere un altro film.

Il Gobbo 23/04/10 08:42 - 3015 commenti

I gusti di Il Gobbo

Tra giallo napoletano e allegoria, una sarabanda barocca e divertente. Il mitico Lino Jannuzzi non si nega nulla quanto a grottesco, e Giannini nell'elemento sguazza da par suo. Non tutto è registrato perfettamente, qualche scelta di cast è straniante (il comandante Lassard di Scuola di polizia nei panni del mega-boss Don Salvatore?!), ma alla fine il terno esce. Da rivalutare.
MEMORABILE: "Lassa fuottere a Jean Gabin!"

Cotola 17/06/11 21:02 - 9176 commenti

I gusti di Cotola

L’esordio registico di Giannini è un film dal taglio (troppo) grottesco che non riesce però a divertire se non in sporadici frangenti. Colpa non solo dell’inesperienza ma anche e soprattutto di una sceneggiatura debole che spreca male i pochi spunti buoni contenuti in essa. Così si ride poco ed in gran parte ci si annoia. Peccato per aver sprecato l’interessante cast di caratteristi.

Galbo 15/04/13 16:55 - 12462 commenti

I gusti di Galbo

Giancarlo Giannini dirige ed interpreta un film nel quale impersona uno strano personaggio dedito all'interpretazione dei sogni altrui. Lo spunto non è malvagio ma il limite del film è una sceneggiatura incerta tra i toni ironici e il grottesco. Alcuni momenti godibili si alternano a parti decisamente fiacche che la professionalità degli attori non riesce a risollevare. Mediocre.

Maxx g 12/06/24 21:26 - 647 commenti

I gusti di Maxx g

Esordio alla regia di Giancarlo Giannini, "Ternosecco" dovrebbe essere una commedia surreale in cui si muove Mimì (Giannini stesso), noto per sognare i numeri da giocare. Caso vuole che venga accusato dell'omicidio del suocero e condotto in carcere, dove entra nelle grazie di Don Salvatore (Gaynes). Si ride poco, la trama risulta (apposta?) un po' confusa e non si capisce davvero dove Giannini voglia andare a parare. Si può evitare.

Franco Angrisano HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina In nome del popolo italianoSpazio vuotoLocandina Piedone lo sbirroSpazio vuotoLocandina Anastasia mio fratelloSpazio vuotoLocandina Il consigliori
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Discussione Cotola • 18/04/10 10:48
    Consigliere avanzato - 3861 interventi
    "Terno secco" è un racconto della Serao in cui si parla di gioco del lotto (da cui poi trasse anche un romanzo "Il paese della cuccagna"). Magari gli autori del film si sono ispirati alle pagine della scrittrice napoletana.
    Ultima modifica: 1/03/20 10:38 da Zender
  • Curiosità Gestarsh99 • 29/02/20 15:53
    Vice capo scrivano - 21546 interventi
    Nessuna filmografia corrente ne fa menzione ma questa pellicola anticipa la prima comparsa ufficiale di Antonio Zequila, che avverrà nel damatiano Delizia, del 1986: nel film diretto da Giannini, l'attore campàno è l'amante della vedova del defunto Enrico Alfano e viene decapitato assieme alla propria concubina dagli sgherri del boss Don Salvatore (qui interpretato da George Gaynes); entrambe le teste recise vengono poi deposte sulla tomba del trapassato cornuto. Si tratta di una fugacissima comparsata, essendo la sequenza molto breve e concitata.

    Eccone due frame identificativi:


  • Discussione Panza • 5/05/20 13:39
    Contratto a progetto - 5240 interventi
    È morto Mimmo Sepe.
  • Curiosità Buiomega71 • 13/01/22 19:12
    Consigliere - 26292 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (sabato 16 marzo 1991) di Ternosecco:

    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images59/ternose.jpg[/img]