LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Eclatante ritorno di Dario Argento al thriller dopo l’ammirata incursione horror con SUSPIRIA e INFERNO. Forte di un soggetto complicato e terribilmente affascinante (nonché geniale nella soluzione), Argento scrive una delle sue migliori sceneggiature, con dialoghi efficaci e caratterizzazioni eccellenti cui un cast ottimamente assemblato dà ulteriore vigore. Tecnicamente TENEBRE è un film rivoluzionario (l'uso della mdp Louma lanciata sui tetti è magistrale), così come lo è nell'esser riuscito a mostrare il terrore in piena luce solare (anche di notte certi ambienti sono illuminati a giorno) e a trovare in una Roma inedita (principalmente...Leggi tutto i moderni quartiere dell'EUR e Casal Palocco) un'ambientazione perfetta. Un film spigoloso, stilizzato, coraggioso (nonché tremendamente violento, con alcune trovate splatter da infarto!), ulteriormente valorizzato da una colonna sonora fenomenale: Simonetti, Pignatelli e Morante (in pratica i Goblin, che hanno dovuto rinunciare al nome per motivi contingenti) mescolano il loro stile inconfondibile con suggestioni techno-pop creando un suono magnifico, parte integrante di un thriller diretto da Argento con rara maestria. L'azione si sposta da un luogo all'altro, da Franciosa e Daria Nicolodi a John Steiner, da John Saxon a Veronica Lario (futura signora Berlusconi) o Lara Wendel passando per Giuliano Gemma e i flashback con Eva Robin's. Tutte tessere di un mosaico che si incastrano intelligentemente senza mai perdere d'importanza. TENEBRE è composto da storie e microstorie tutte sviluppate con coerenza e precisione. L'unico limite del film è rappresentato da una certa superficialità generale, spesso tipica in Argento. Ma la quantità di invenzioni sceniche, la qualità indubbia della regia innalzano TENEBRE tra i classici.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 7/04/07 19:00 - 4564 commenti

I gusti di Puppigallo

La voce di Argento che legge è proprio fuori posto, ma per fortuna dura poco e la splendida colonna sonora giunge in soccorso. Detto questo, il film ha buon ritmo, dialoghi frizzanti e una solida sceneggiatura. La tensione sale all’improvviso, con omicidi (quelli senza l’ascia) che, pur non essendo particolarmente efferati, sono comunque assai violenti (la coltellata alla schiena sembra di sentirla). Bravo Franciosa, ma anche la Nicolodi. Ottima colonna sonora. Segnalo: il tacco della Robin’s, muro rosso sangue. Finale devastante. Grande!

Undying 25/04/07 23:39 - 3836 commenti

I gusti di Undying

Capolavoro di Argento, sia in veste formale sia in veste di contenuto, Tenebre è un film giallo dalla forte coloritura splatter. Cronologicamente si colloca a seguito della trilogia iniziata con Suspiria e proseguita con Inferno, ed in realtà si rifà, nella sua titolazione, alle oscure "tenebre" dell'animo umano che, con l'occulto misterico, ben poco ha da spartire. Eppure i meandri della psicologia umana mostrano di essere, a volte, più spaventosi di qualsivoglia stregoneria. Perverso.
MEMORABILE: Dal libro Tenebrae: "Aveva infranto il più profondo tabù e non si sentiva colpevole, nè provava ansia o paura, ma libertà."

Fabbiu 13/06/07 10:39 - 1989 commenti

I gusti di Fabbiu

Forse oggi una visione di questo film induce ad un superficiale trattamento del tema dell'omicidio, in realtà concepito nell'83 il film riesce ad assegnare alla morte e soprattutto alla violenza un aspetto estetico fondamentale. Pieno di tecniche notevoli (bellissime scene splatter e la telecamera tipo personaggio che cammina e insegue la vittima), con ritmi incerti ma efficaci. Luminosità evidente e musica synth-pop non male. Il solito flashback che diventerà d'obbligo nel thriller. Ai giorni d'oggi, però, può benissimo non colpire.

Caesars 21/06/07 10:53 - 2869 commenti

I gusti di Caesars

Dopo le parentesi horror di Suspiria e Inferno Dario Argento torna al thrilling, genere che lo consacrato come uno degli autori più innovativi in Italia. Il film va detto è buono anche se, a giudizio dello scrivente, inferiore sia a Profondo rosso che ad almeno 2 zoologici (L'uccello dalle piume di cristallo e Quattro mosche di velluto grigio). La tecnica è ancora eccezionale, l'uso della macchina da presa fatto regista è più unico che raro e gli omicidi sono ben rappresentati. Un Argento ancora in forma, da vedere.

Zender 22/06/07 12:23 - 289 commenti

I gusti di Zender

Tenebre è il magnifico, manieratissimo ritorno di Argento al thriller. Accantonate streghe, zombi e inferni, il nostro horror-maker più talentuoso torna all'antico amore e confeziona un thriller feroce e affascinante riprendendo i temi a lui cari (a cominciare dal flashback rivelatore). Il risultato fece storcere la bocca ai critici del tempo, ma è un autentico saggio di come si possa gestire al meglio una storia di orrori senza per questo soggiacere alle logiche americane del maniaco assassino senza ragione. Finale livido, agghiacciante, indimenticabile.

Il Gobbo 17/07/07 13:04 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

A rivederlo con occhio critico si possono forse sentire, remotamente, i primi scricchiolii, ma è pur vero che dopo la tripletta 75-80 non si poteva che peggiorare. Saggio, dopo Inferno, tornare al testo (anche se come sempre non tutto torna) e in canna ci sono ancora colpi da maestro (la soggettiva impossibile sulla facciata del palazzo, l'omicidio en plein air), in più un cast (fra gli ultimi?) ben assortito e di resa professionale. Molto buono. Particine per il portafortuna Mingozzi, Lamberto Bava e Soavi.

B. Legnani 25/08/07 01:01 - 4864 commenti

I gusti di B. Legnani

È un film non grandissimo che contiene cose grandissime: i rutilanti flashback, lo splendido finale, l'intatto talento visionario, l'armonia fra immagini e musica. La trama, però, infrange una regola fondamentale e ciò è difficilmente perdonabile per lo spettatore che vuole attivamente ragionare.
MEMORABILE: Le scarpe rosse (come in Oz...)

Lercio 14/10/07 23:02 - 232 commenti

I gusti di Lercio

Thriller horror anni '80. Le musiche non sono il massimo ma figlie dei tempi, l'intreccio e i paralleli con Il Mastino Dei Baskerville sono argute e avvincenti, il finale è avvincente, quasi spiazzante sebbene tutto il film sia demolizione delle aspettative. Una sorta di giallo all'ennesima potenza. Ottimi gli effetti gore che non stonano affatto nella storia e crano un contorno esplicativo dell'epilogo distruttivo.

Stubby 26/11/07 00:30 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Grandissimo film, accompagnato da belle musiche. Il cast è straordinario e Argento lo sfrutta al massimo. Non mancano mai i momenti di alta tensione pura durante gli omicidi. Ottime anche le sequenze gore, eseguite con buoni effetti visivi. Tornando alla trama del film, il tutto risulta essere scorrevole e si incastra perfettamente. E poi che finale ragazzi, veramente spiazzante!

Cotola 7/12/07 10:54 - 7749 commenti

I gusti di Cotola

Colpi di scena a ripetizione per un giallo argentiano dall'alto tasso di splatter che coinvolge e diverte lo spettatore sino all'ultimo fotogramma. Certo la sceneggiatura non è priva di difetti e gli attori non sono il massimo, tuttavia il ritmo è molto alto e poi c'è tanta, pregevole, tecnica soprattutto nelle scene degli omicidi coreografate come solo Argento sapeva fare a quel tempo. Finale al cardiopalma. Insomma, chi ama il genere non resterà assolutamente deluso e si divertirà di sicuro.

Dario Argento HA DIRETTO ANCHE...

Gugly 1/01/08 19:22 - 1023 commenti

I gusti di Gugly

Gran bel thriller che però, a mio modesto parere, si colloca come un Profondo Rosso degli anni 80 (finale escluso). Le premesse sono simili: qualcuno gira intorno al protagonista con delitti orribili, qualcosa è accaduto molti anni fa... perfino il tema dei flashback ricorda musiche per bambini. Detto questo, è comunque un bel film per chi voglia passare un'ora e mezzo di suspense. Veramente curiose le apparizioni di Eva Robin's e Veronica Lario.

Galbo 29/02/08 17:29 - 11546 commenti

I gusti di Galbo

Con Tenebre il regista Argento torna alle atmosfere del thriller dopo alcune parentesi squisitamente horror; il risultato è a luci e ombre. Inferiore ai suoi capolavori l'impianto generale e il meccanismo stesso del giallo con alcuni passaggi decisamente macchinosi; dall'altro lato la costruzione della tensione e alcune riprese sono debitrici all'Argento migliore; suggestiva la fotografia, discreta la colonna sonora.

Magnetti 12/03/08 09:56 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Il Dario Argento di cui tutti noi sentiamo la mancanza. Ai tempi non sbagliava un colpo grazie alla sua perversa sensibilità e a un senso estetico personale e raffinato ravvisabile nella qualità delle immagini, nell'uso dei colori e nelle ricercate ambientazioni e location. Non riesco ad assegnare a questo film il massimo dei voti solo per la trama un po' troppo pasticciata. È comunque una grande variazione sul tema del giallo, con parentesi sanguinolente piuttosto impressionanti, ma con un loro preciso senso. Davvero notevole!
MEMORABILE: Eva Robin's con le scarpe rosse.

Ciavazzaro 17/03/08 05:54 - 4768 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Il miglior giallo di Dario Argento, superiore anche a Profondo Rosso. Delitti sanguinosissimi e un'ottima costruzione della tensione, uniti a un movente bello concreto, lo rendono indimenticabile. A rifinire il tutto un eterogeneo cast: a partire dallo scrittore interpretato da Anthony Franciosa che ispira i delitti, sino all'inusuale (per il genere) Giuliano Gemma e poi la Nicolodi, la Lario, la Robin's, Borromeo, Saxon e Fulvio Mingozzi. Ottima la soundtrack di Simonetti, Pignatelli e Morante (in pratica i Goblin).

Hackett 5/05/08 18:56 - 1797 commenti

I gusti di Hackett

Ottimo thriller di Argento. La trama è avvincente, morbosa e si lega al classico gioco del ritorno di un trauma giovanile. L'intreccio è davvero notevole con una storia dalla doppia faccia che cambia pelle fino all'ultima sequenza. Omicidi efferati e location molto azzeccate. Bravi tutti gli attori.

Cangaceiro 4/05/08 14:41 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

L'ho visionato dopo averne sentito tessere le lodi da più parti e mi ha un po' deluso. È un giallo classico, senza grandi sussulti, eccetto qualche bel momento splatter (l'assassinio con un'accettata in testa e Veronica Lario mutilata) e con Dario Argento che si dimostra un virtuoso della macchina da presa (le riprese aeree fuori della casa delle prostitute ed il particolare dell'orecchio dell'ottimo Giuliano Gemma in una delle scene finali). Inquietante la colonna sonora.

Ghostship 7/06/08 13:06 - 394 commenti

I gusti di Ghostship

Forse la summa thriller di Argento. Iperviolento, iperbolico nei movimenti di camera con soluzioni tecniche sempre arditissime, rigoroso nella creazione di una costante suspance e, come al solito, basato sul trauma. Da qui in poi Argento non sarà più lo stesso, pur sfornando qualche altro film di tutto rispetto.

Herrkinski 23/06/08 22:46 - 5510 commenti

I gusti di Herrkinski

Buon thriller argentiano Anni Ottanta che si situa a parità di voto con l'altro suo thriller del decennio (Opera). Anche qui troviamo una notevole maestria tecnica nell'uso della m.d.p., una sceneggiatura macchinosa ma coinvolgente, un tasso decisamente alto di crudeltà e splatter, un ottimo cast con alcuni interpreti sopra le righe (fa piacere vedere Gemma in un film "serio", una volta tanto; inoltre vedere la futura moglie di Berlusconi presa a colpi d'accetta non ha prezzo). Tanti i colpi di scena e gli stravolgimenti della trama e grandi musiche.

Markus 14/01/15 12:40 - 3378 commenti

I gusti di Markus

Dopo la cupa parentesi horror-gotica di fine anni Settanta, Argento ritorna con un thriller che capta la ventata di ottimismo del Belpaese anni Ottanta: gli schizzi di sangue non sporcano più antiche abitazioni e anonimi vestiti, bensì moderne case e abiti dell’italian style; i pensieri di morte dell’assassino non sono più concepiti nell'oscurità di una stanza ma in un asettico shopping mall. Il sintetizzato e stupefacente score dei Goblin sposa appieno il pensiero del regista romano. Semplicemente un capolavoro.

Matalo! 28/08/08 11:26 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Che dire? Argento torna al giallo ma non realizza nulla di appassionante a parte cavare un braccio a Miriam Bartolini/Veronica Lario. Anche gli attori più capaci, in mano sua, recitano sotto gli standard; restano alcuni momenti madre ma son solo camei in un film esile e dall'estetica così anni 80 da risultare quasi inguardabile. Musiche terrificanti.

John Saxon HA RECITATO ANCHE IN...

Capannelle 16/09/08 12:03 - 3806 commenti

I gusti di Capannelle

Ricordi da adolescente: l'immagine finale di Franciosa emblema di un thriller avvincente. Riguardando il film però mi accorgo che la storia procede a scatti, che le contorsioni della trama e tanto splatter non servono a creare vera tensione. Rimangono alcune scene ben fatte (l'inseguimento dei dobermann, lo studio, la casa delle lesbiche). Attori nella media, niente di eccezionale. Musica? Funzionale ma viene presto a noia. Voto complessivo bassino.

Rebis 15/11/08 15:38 - 2100 commenti

I gusti di Rebis

Il film che stabilisce una volta per tutte la cortina di ferro tra pregi e difetti del regista, scisso tra virtuosismi e infantilismi, ingegnosità e approssimazione. Le scene di morte sono immense, ma fuori d'esse non c'è tensione alcuna, solo aspettativa. A fronte di un cast internazionale capace di centrare i personaggi con professionalità (Franciosa, Saxon) i comprimari sono impacciati e buffi, e la sceneggiatura non soddisfa il minimo di plausibilità richiesto. È l'avvisaglia di un cinema che presto non saprà come delineare una zona franca in cui far convivere le sue esorbitanti antinomie.

Cif 22/01/09 01:22 - 272 commenti

I gusti di Cif

Argento affina la sua arte e raggiunge un precario quanto efficace equilibrio. Questo film è un classico, ma al contempo non appare invecchiato e ha un senso del ritmo (abbinato anche alle ottime musiche di Simonetti & co.) ancora insuperato. Un cast quanto mai vasto: azzeccatissimo Gemma, bravissimo Franciosa, la Nicolodi sempre in parte. Ottimo l'approfondimento psicologico della prima parte, un po' affrettati invece gli eventi finali. Comunque magistrale il modo di costruire i sospetti, sempre originalissime le soluzioni visive. Tre palle.

Daidae 21/03/09 22:32 - 2804 commenti

I gusti di Daidae

Quando Argento era Argento (ovvero prima del 1993) ci regalava ottimi thriller come questo. Non importa se ci fossero attori bravi come Franciosa e Saxon insieme ad altri non proprio eccezionali come Mirella Banti e Borromeo; il giallo-thriller in questione è di ottima fattura: ci sono tensione, scene violente (alcune un po' esagerate)... ma nel complesso è ancora un grande Argento.

Bruce 30/03/09 15:48 - 1006 commenti

I gusti di Bruce

Soggetto e sceneggiatura questa volta sono validissimi, per quasi due ore di giallo thriller serrato, senza cedimenti e pause e con diversi colpi di scena. Argento cambia e anche nelle riprese adotta uno stile meno preciso, elegante e raffinato, più realistico e diretto. Meno forma e più contenuto. Gran ritmo contrassegnato dalla efficace soundtrack di Simonetti e soci. Buono il cast degli interpreti.

Lucius 7/06/09 18:06 - 2862 commenti

I gusti di Lucius

Inquietante moderno vibrante con omicidi consumati velocemente ed una storia da brivido: questo è Tenebre, ottimo esempio di grande thriller ambientato in una capitale solare e al contempo pericolosa. Un film prezioso nella filmografia di Argento e non solo. Ottima colonna sonora che unita ad un montaggio frenetico spaventa lo spettatore. Superbi i flashback.

Tomastich 1/07/09 14:43 - 1218 commenti

I gusti di Tomastich

Tenebre, un guanto nero, una voce narrante... PAURA!!! Claudio Simonetti deve averla pensata giusta per il suo Main Theme, un esempio musicale più calzante di quello non poteva trovarlo. Dopo la casa delle bambole e delle streghe (Suspiria) e dopo gli eccessi di Inferno, Argento doveva in qualche modo tornare al thriller: e lo fa nel migliore dei modi possibili. Violento come non mai, la psicologia è solo un lontano ricordo. Buono il cast (Franciosa è abbastanza credibile, così come la flotta di screaming queen e poi Saxon, Gemma, Pieroni).

Fidelio 6/07/09 11:55 - 11 commenti

I gusti di Fidelio

Insomma: questo film non mi convince del tutto. Le tantissime scene splatter di omicidio curiosamente finiscono per penalizzarne la carica visionaria e disturbante, che pure è ampiamente presente (vedi le scene del flashback, che ricordano 4 mosche). Le pecche sono le solite di Argento (trama zoppicante, dialoghi deboli), con in più una recitazione stavolta ancora peggiore che in passato (e in futuro). Però è ancora l'Argento dei tempi migliori.
MEMORABILE: La morte dell'agente letterario, in pieno sole in una piazza affollata.

Deepred89 19/07/09 14:01 - 3343 commenti

I gusti di Deepred89

Non un capolavoro, ma senza dubbio tra i thriller più importanti e rappresentativi del cinema italiano. Una certa macchinosità della sceneggiatura impedisce al film di raggiungere i massimi livelli; il resto è ormai storia: le musiche dei Goblin, il cast ottimo ed eterogeneo, le strabilianti invenzioni registiche, la solare fotografia, almeno una dozzina di scene da antologia, il grande colpo di scena finale, Peter Neal, Jane McKerrow, l'assassino del rasoio, l'impulso che "era diventato irresistibile". Un cult imperdibile.

Ellerre 30/07/09 10:48 - 89 commenti

I gusti di Ellerre

Thriller ben congegnato con tanto di colpi di scena, che ha i suoi momenti migliori nelle scene truculente e di grande suspense. Una certa approssimazione nei dialoghi e la scelta di alcuni attori secondari non all'altezza tendono a ridimensionare quello che sarebbe potuto essere un piccolo capolavoro. Eccellenti location in una Roma razionalista e postmodernista. Musiche modeste anche per le pessime timbriche usate. Un ottimo Argento che però non ha saputo scrollarsi di dosso più di tanto i limiti contenutistici e di costume degli Anni Ottanta.
MEMORABILE: "Quando hai eliminato l'impossibile, quello che rimane, per quanto improbabile, è la verità"

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Funesto 26/11/09 00:41 - 525 commenti

I gusti di Funesto

Argento torna al giallo dopo Suspiria e Inferno e sforna un film interessante, psicologico e feroce, con un'impostazione misogina e cinica verso il sesso. Lo stile argentiano c'è tutto, quindi aspettatevi belle inquadrature (realizzate con la Louma Crane) e una buona estetica (la fotografia dai toni spesso cupi è decisamente intrigante). Non mancano cadute di stile (dialoghi deliranti, forzature), ma di fronte a tanta professionalità si può tacere. Ottime la musica, la sceneggiatura e gli effetti speciali di Giovanni Corridori. Davvero un ottimo film.
MEMORABILE: Gli omicidi (decisamente sanguinari... sono una dozzina) e l'inizio, col libro "Tenebrae" tirato nel camino acceso.

Fauno 2/12/09 16:02 - 1970 commenti

I gusti di Fauno

Indubbiamente buono, è forse il film di Argento più ricco di colpi di scena con notevole sorpresa finale, con un bel trio maschile di attori quale Gemma, Saxon e Franciosa (mentre per le donne almeno stavolta lasciamo perdere). In più, dopo due film sulle forze occulte, il regista si è rilanciato con coraggio e con esito più che positivo nel thriller e anche qualche scena di splatter almeno qui non guasta. Non ha la magia dei primi tre film dello stesso regista, ma merita un voto più che buono.
MEMORABILE: Ancora più del doberman, le incursioni nella villa di Franciosa e Borromeo, come anche l'omicidio nella piazza.

Stefania 24/12/09 17:13 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Delitti spettacolari che però sono come sassi gettati in uno stagno: mai come in questo Argento l'azione - tra un omicidio e l'altro - latita, mai i personaggi sono (e saranno) così statici. E lo sfondo un po' asettico dell'Eur, tra residence e villoni lussuosi ma freddi, rafforza questa impressione. Eppure, conquistano i luccicanti e perversi flash back con Eva Robins, l'incredibile delitto sotto il sole, l'estenuante piano-sequenza dell'inseguimento e del massacro dell'acerba Lara Wendel...

Enricottta 28/12/09 18:41 - 507 commenti

I gusti di Enricottta

Attesissimo ritorno al giallo, per Argento la prova d'appello molto complicata. Complicata come tutte le trovate, le novità tecniche e soprattutto il cuore che Argento, come fosse esso stesso un effetto, riesce a buttare oltre l'ostacolo. Location, cast, musiche tutte perfette. Unico neo: risente del periodo da edonismo reganiano molto in voga in quegli anni. Non si possono vedere altri difetti e l'accostamento al capolavoro Profondo rosso non è irriverente. Elegantissimo, mai splatter.
MEMORABILE: Una "accettata" alle spalle, una amputazione e tutto un mondo di orrorifici delitti.

Metuant 2/01/10 09:59 - 455 commenti

I gusti di Metuant

Il primo ritorno all'italian giallo da parte di Argento avviene con questo film, che stravolge quelli che erano i canoni di allora: la violenza è aumentata a dismisura, gli omicidi anche e l'atmosfera è malata come mai prima. Combinando gli elementi dello slasher americano col meccanismo del giallo, ne esce un autentico viaggio nella follia che, pur non essendo paragonabile a Profondo Rosso in quanto ad angoscia, riesce comunque a turbare e a rimanere impresso a lungo nella memoria.
MEMORABILE: I ricordi dell'assassino, accompagnati da una terrificante cantilena.

Jorge 24/01/10 11:46 - 164 commenti

I gusti di Jorge

Un pelo al di sotto dei film argentiani dell'epoca, Tenebre è comunque degno di nota; i temi musicali sono fenomenali ed accompagnano ottimamente lo svolgersi della vicenda ,che si sviluppa in maniera non troppo riuscit, ma che vede un cast coralmente all'altezza. Con una novità sostanziale, rispetto ai soggetti argentiani - per quanto riguarda l'assassino: "Tenebre" consta di molto sangue e di molta violenza, ma di un immenso stile nella rappresentazione degli omicidi: considero questo film un prodotto riuscito, una delle ultime gemme argentiane.

Siregon 20/03/10 11:16 - 353 commenti

I gusti di Siregon

Il film più violento di Argento, quello che lo separa defnitivamente dal genere Giallo come una sorta di addio a quello che è il suo vero amore. Tecnicamente straordinario, con dialoghi spesso banali (solita pecca di Argento) e musiche azzeccatissime, Tenebre porta gli omicidi alla luce del giorno, proprio per esaltarne la coreografia e l'estetica del dettaglio la cui componente sessuale qui è fortissima (l'omicidio delle lesbiche, Eva Robin's). Ottimo Giuliano Gemma. Da vedere in versione integrale.

Il Dandi 21/07/10 14:52 - 1905 commenti

I gusti di Il Dandi

Uno dei thriller più compatti di Argento e non solo, in cui un meccanismo giallo geniale e sorprendente si sposa a uno splatter senza pietà: nessun deus ex-machina, come spiega la citazione da Arthur Conan Doyle, ma il puro orrore di un iperrealismo modernista. Tutto, dalle location, alla musica, agli omicidi, alla fotografia, ci grida a gran voce che gli anni ottanta sono iniziati e non c'è scampo. Attori non proprio eccezionali (come sempre) ma nel complesso un cast affascinante. Un capolavoro, con sprazzi di grandiosità felliniana.
MEMORABILE: Il piano sequenza sul tetto della villa; l'omicidio alla piazza delle Terrazze; i flashback onirici con le scarpe rosse.

Vanadio 27/04/10 21:27 - 105 commenti

I gusti di Vanadio

Buon lavoro di Dario Argento che si diverte a prendere in giro lo spettatore cambiando le carte in tavola riguardo l'identità dell'omicida; un film dall'aspetto solare, marcatamente anni '80, con un favoloso virtuosismo di ripresa con la Louma (vidi la sequenza alle scuole medie in un corso di cinema e me ne innamorai); ottime le musiche dei Goblin "in borghese" per questioni legali. Come recitazione Nicolodi batte Franciosa 1:0, una volta tanto. La versione originale è VM18 causa troppo sangue.
MEMORABILE: La lunga inquadratura del tetto; il finale.

John trent 14/05/10 16:41 - 326 commenti

I gusti di John trent

Dopo la parentesi di Suspiria e Inferno Argento firma una delle sue opere migliori e torna al genere giallo a lui tanto caro portandosi dietro tuttavia una scia horror che si traduce in omicidi ad alto tasso di splatter. Teso, vibrante, energico: "Tenebre" conquista lo spettatore e lo inchioda alla poltrona dall'inizio alla fine. L'ultimo quarto d'ora è da antologia. Ottime musiche di Morante, Pignatelli e Simonetti orfani di batterista ma in grado di regalare una soundtrack in stile dance tipicamente anni '80 con sapiente uso del Vocoder.
MEMORABILE: Il commissario Giuliano Gemma si china a raccogliere un rasoio insanguinato e...

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Greymouser 15/05/10 19:15 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Un Dario Argento ancora sugli scudi, torna al thriller dopo i grandi capolavori horror e centra il bersaglio facendo lievitare col suo innegabile talento visionario uno script non originalissimo, e dagli sviluppi abbastanza prevedibili. Ma, appunto, i virtuosismi di regia dell'autore romano, i suoi spericolati movimenti di macchina, i suoi consueti cromatismi allucinati, fanno di questo film un altro caposaldo del genere.

Trivex 24/06/10 21:39 - 1530 commenti

I gusti di Trivex

Scrivo il commento ascoltando l'original soundtrack, e tutto appare più chiaro, tra le tenebre. Si tratta di una nuova forza, emerge con chiarezza lo spirito innovativo, forse meno affascinante e poco epico, rispetto ad altre opere del regista, ma non si può dormire sugli allori. La ricerca della dimensione moderna, con le forme e gli spiriti alternativi, sono collocati con disinvolura tra le pieghe della storia. E quest'ultima è una potenza, sbriciola la realtà e la ricompone sotto il rosso segno della follia. In più, è anche tecnicamente ineccepibile!
MEMORABILE: La geniale scena finale!

Myvincent 26/11/10 15:16 - 2713 commenti

I gusti di Myvincent

Ritorno al giallo, ma con una nuova veste anni '80, per il maestro del brivido che fa di questo genere, particolarmente in questo caso, un'opera dove l'estetica si sposa all'horror e al brivido. Trama ad incastro, virtuosismi stilistici, molti personaggi femminili dalle svariate tipologie, uno sguardo ad Hitchcock. Un film felice, violento, luminoso. Si uccide anche en plein air...

Silenzio 7/12/10 02:06 - 59 commenti

I gusti di Silenzio

Tra dialoghi di scemenza inusitata e interpreti di imbarazzante pochezza (si salva a malapena Gemma), Argento si limita a riproporre stancamente i luoghi comuni del thriller italico da lui precedentemente portati a stato d'arte: le soggettive, gli omicidi coreografici, l'assassino con guanti e impermeabile, le telefonate minatorie... Tutto puzza di stravisto lontano cento miglia. Merita dopotutto un'occhiata solo per il finalone sanguinario. Penosa la colonna sonora del trio Simonetti-Pignatelli-Morante.

Tarabas 12/01/11 10:14 - 1749 commenti

I gusti di Tarabas

Ricapitolando, traumi infantili come in Profondo Rosso, investigatori dilettanti come nel Gatto a nove code, virtuosismi tecnici fini a se stessi come nelle Quattro Mosche, delitti splatter come nei film futuri. Rivisto dopo tanti anni, ho capito perché non me lo ricordavo: non c'è molto da ricordare. Rispetto ad altri titoli c'è una trama (per quanto modesta) e un cast non male. Ma se l'unico motivo d'interesse sono i movimenti di mdp e le gag metacinematografiche, siamo messi male. Solo per fan del regista e amanti e del genere.

Disorder 30/03/11 16:23 - 1412 commenti

I gusti di Disorder

Dopo la parentesi soprannaturale Argento ritorna in qualche modo alle origini, al giallo della trilogia animalesca e in sostanza ad assassini in carne ed ossa. In realtà in certi momenti pare di tornare ai tempi di Bava, vista la sovrabbondanza di omicidi (peraltro tutti molto ben coreografati e di grande impatto), ma anche per l'uso strategico dei colori. Nel complesso un buon lavoro, impreziosito anche dalla presenza insolita e azzeccata di Gemma come poliziotto.
MEMORABILE: La ragazza inseguita dal cane, di notte...

Buiomega71 22/05/11 18:19 - 2356 commenti

I gusti di Buiomega71

Argento, dopo i suoi deliri visivi gotici, torna al thriller realizzando un capolavoro assoluto di tensione e momenti visivi eccellenti. La panoramica sulle pareti della villa delle lesbiche ("pervertita, lurida pervertita"), la Pieroni che si ritrova con la gola squarciata. Feticismo, scarpine rosse con tacchi infilati in bocca, la Robin's creatura eterea, bracci amputati con geyser di sangue, la straordinaria partitura simonettiana, lo straordinario finale tremendamente violento e delirante. Le Tenebre di Argento si illuminano d'immenso.
MEMORABILE: I flashback con Eva Robbin's sulla spiaggia; il dobermann che attacca la Wendel; la Lario col braccio amputato; saxon in piazza; il finale.

Piero68 5/07/11 13:51 - 2802 commenti

I gusti di Piero68

Francamente, dopo tanti anni di mestiere, da Argento ci si aspetta qualcosa in più dei soliti clichè: guanti di pelle nera, l'impermeabile, il solito rasoio e la solita inquadratura vecchia come il mondo sulle mani dell'assassino. Lento, noioso, a tratti addirittura infantile nello svolgimento. Il cast c'è ma per la maggior parte delle volte è completamente avulso dal contesto: Saxon e Franciosa sembrano quasi prendere in giro lo spettatore. Solo Gemma cerca di metterci del mestiere. Effetti speciali completamente da dimenticare! Il peggiore di Argento.

Ryo 10/08/11 12:02 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Un capolavoro del giallo thriller nostrano. Argento sperimenta uno stile nuovo, tralasciando talvolta i toni cupi e bui e mostrandoci, ad esempio, omicidi ben illuminati in pieno giorno, come a stravolgere un'abitudine. Un cast d'eccezione fa da cornice ad una storia convincente e a uno dei finali più inaspettati del regista. Il tutto accompagnato dalle splendide musiche di Claudio Simonetti.

Von Leppe 20/02/12 15:29 - 1070 commenti

I gusti di Von Leppe

Dopo i tre precedenti film dalle vetuste ambientazioni gotico-liberty, Dario gira un giallo in una Roma iper moderna, con atmosfere molto diverse e scenografie geometriche tra ville e quartieri non centrali della capitale. I risultati sono interessanti e avranno un seguito, in particolar modo nei thriller di Lamberto Bava. Grande cast di attori e ottime musiche. Forse lo spiegone finale è una forzatura, ma nel film ci sono delitti cruenti e sequenze come il flashback che danno una sensazione malata al film, nel classico stile Argento.
MEMORABILE: Il tacco in bocca.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Rambo90 17/07/12 01:30 - 6603 commenti

I gusti di Rambo90

Un grandissimo thriller firmato Dario Argento: tanta tensione, omicidi splatter ben congegnati e dotati di ottimi effetti, colonna sonora perfetta e una volta tanto un colpo di scena per nulla prevedibile. Il cast è molto assortito: Franciosa è bravissimo, ma anche la Nicolodi, Gemma, Saxon, Steiner e tutti gli altri sono al loro posto con classe. Mai visto un bodycount così alto in un film del maestro: eccezionale.

Chimera70 22/05/12 16:27 - 34 commenti

I gusti di Chimera70

Inferno finiva con le fiamme del palazzo e dalle fiamme (del caminetto in cui brucia il libro che intitola il film) riparte questo ottimo thriller, stavolta senza l'ingrediente soprannaturale. Tenebre evocherebbe come minimo ambientazioni tetre e oscure, qui invece c'è luce a go go e bianchissime pareti domestiche pronte per essere inondate di sangue. La trama è ingegnosa, molti i colpi di scena. Resta la solita pecca della direzione degli attori, che con Argento non danno mai il massimo (anche se Franciosa mi è piaciuto molto).

Homesick 2/10/12 18:28 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Post-moderno. Uscito dagli antri delle streghe di Suspiria e Inferno, Argento torna al giallo, perfezionando le tecniche che lo hanno reso un maestro del genere, ovvero le inquadrature ricercate ed acrobatiche, lo stretto connubio tra immagine e musica (i Goblin in veste wave-rock) e l’inclinazione grandguignolesca del lunghissimo body-count, con il sangue schizzato copiosamente su una fotografia limpida e abbacinante; le fughe visionarie si ritrovano nei flashbacks del trauma. Opera apripista, con Fulci, del thriller italiano degli anni Ottanta più ardito e sanguinoso.
MEMORABILE: Il barbone che insegue la cleptomane Pieroni; gli esterni della villa delle lesbiche, esplorate in dettaglio dalla mdp; la Wendel inseguita dal cane.

Jax 22/12/12 10:04 - 5 commenti

I gusti di Jax

Probabilmente il film più violento di Dario Argento, in linea con la tendenza splatter dei primi anni Ottanta. Si tratta di un film dai molti risvolti affascinanti, dall'ambientazione EUR e le geometrie architettoniche di Casalpalocco, agli interni bianchi che fungono da contrasto visivo al rosso del sangue, alla (bellissima) ripresa in piano sequenza con la Louma. Un film assolutamente da vedere.
MEMORABILE: Il piano sequenza acrobatico; L'omicidio delle lesbiche; Il finale.

Ale nkf 23/12/12 14:24 - 803 commenti

I gusti di Ale nkf

Argento torna al thriller con una pellicola affascinante, di poco inferiore al capolavoro per eccellenza Profondo rosso, che in termini di tensione non ha eguali. Fin dalle primissime scene Argento riesce nell'intento di catturare l'attenzione facendo presagire la straordinarietà del film. Molte le scene splatter che accompagnano buona parte dei dodici delitti, le musiche sono azzeccate e il cast non è niente male. Indimenticabili il colpo di scena finale e la telecamera che si alza pian piano inquadrando l'assassino.
MEMORABILE: La giovane donna rincorsa dal cane.

Giordani 8/01/13 00:08 - 39 commenti

I gusti di Giordani

Ottimo ritorno al thriller per Dario Argento, con un film che riprende e rivede i tratti salienti delle sue prime opere. Trama discreta e buonissimo cast, anche se quello che colpisce è l'efficacia visiva del film: Argento si dimostra ancora grandioso nell'uso delle location e della fotografia. Score tipicamente ottantiano ma comunque memorabile dei Goblin.

Jdelarge 13/10/13 01:33 - 897 commenti

I gusti di Jdelarge

Thriller capolavoro, il cui valore deriva principalmente dalla capacità di Argento di creare scene fantastiche: il merito va anche ai Goblin (in incogito), autori, in questo film, di una colonna sonora eccezionale ai livelli dei precedenti capolavori argentiani. La trama è ben sviluppata e viene sorretta da un cast decisamente in forma. Oltre a questi pregi, il film si presenta come vero e proprio capolavoro anche grazie alla scelta delle location. La tensione cresce vertiginosamente e culmina in un finale che solo Dario Argento poteva girare. Fantastico.
MEMORABILE: La telecamera che "cerca" uno spiraglio per entrare nella casa delle due lesbiche, con la musica dei Goblin in sottofondo.

Nicola81 1/12/13 11:47 - 2068 commenti

I gusti di Nicola81

Colpisce soprattutto per il notevole tasso di violenza e la grande tecnica registica, ma vanta anche una trama affascinante che culmina in un finale degno dei capolavori argentiani. Fotografia e musiche all'altezza, cast maschile che batte alla grande quello femminile (per la futura signora Berlusconi la recitazione era un optional) e location troppo asettiche e luminose. Comunque è il miglior thriller italiano degli anni '80 e anche nel decennio precedente si sarebbe piazzato piuttosto bene. ***!
MEMORABILE: Tutti gli omicidi; La Wendel inseguita dal dobermann; Il finale.

Bergelmir 11/05/14 03:21 - 160 commenti

I gusti di Bergelmir

Thriller moderno, violento e ricco di colpi di scena che proseguono fino alla fine, in cui Argento si cimenta in virtuosismi quali la celebre sequenza girata con la Louma e gli efferati omicidi che si svolgono anche in pieno giorno. Ottima la scelta del quartiere romano dell'EUR, da cui si ricava un'ambientazione inedita e affascinante come poche, presentata con una fotografia stupenda, commentata da musiche all'avanguardia. Argento è attentissimo all'estetica ma assai meno alla recitazione, che resta uno dei pochi difetti del film.

Mrzerol 23/03/14 17:26 - 1 commenti

I gusti di Mrzerol

Uno dei gialli più significativi della storia del cinema italiano di genere. Dario Argento ha saputo creare un film perfetto: il cast è composto da artisti emergenti o talentuosi come Franciosa, la trama è classica con un tocco di genialità maniacale. Inoltre affascina il fatto che il personaggio dell'assassino sia frutto di un'esperienza avuta dal Maestro durante il soggiorno a Los Angeles. Le location sono spettacolari, come lo è l'uso delle luci. Per me il film numero uno di Argento e del genere. Un capolavoro che sarà visto per secoli!

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Didda23 7/04/14 10:05 - 2307 commenti

I gusti di Didda23

Colpisce, sine dubio, la voglia di Argento di dimostrare di essere imbattibile in quanto a tecnica (basti pensare solo al mirabolante piano sequenza sul tetto), offrendo allo spettatore una sequela di scene indimenticabili. La fotografia calda di Tovoli è la ciliegina sulla torta di un'opera visivamente irraggiungibile. La sceneggiatura più curata che in altre occasioni poggia su un finale fantastico che manda letteralmente in estasi l'appassionato. Sangue, violenza e morbosità difficile chiedere di più. Peccato per l'orrenda Ost, altrimenti il massimo dei voti era assicurato!

Escape1 25/05/14 00:14 - 12 commenti

I gusti di Escape1

Il film, chiaramente argentiano, evidenzia l'impotenza dell uomo rispetto agli eventi (la matrice è di certo greco classica). Illuminante deve considerarsi la lettura iniziale (la voce è di Dario). Il pezzo di Claudio Simonetti sembra generato con il film. Ciò posto, la trama è sublime per la capacità di aver crato una serie di monadi foriere di accadimenti diversi ancorché riconducibili a una unica matrice. In realtà il significato del film è socratico; gnosi se auton!

Ultimo 7/08/14 18:59 - 1427 commenti

I gusti di Ultimo

Nei primi anni 80 Argento decide di tornare al thriller dopo due parentesi squisitamente horror: il risultato è ottimo. Tenebre è costruito su una gran sceneggiatura recitata magnificamente da tutti gli attori. Le scene focali con gli omicidi sono molto splatter, come da tradizione. Belle e congeniali le musiche, in stile tipicamente argentiano. E' il film di Dario in cui vengono uccise più persone.

Maik271 24/11/14 17:26 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Non il migliore dei lavori di Argento ma comunque valido considerando il buon soggetto, l'ottima colonna sonora e il cast internazionale almeno nella sua componente maschile. Le scene forti e la tensione non mancano, accetta e rasoio la fanno da padroni, i colpi di scena continui del finale anche se un po' forzati sono riusciti. Si merita i tre pallini.
MEMORABILE: La fuga dal cane; L'accettata sul cranio; Il finale.

Rigoletto 3/05/15 14:20 - 1626 commenti

I gusti di Rigoletto

È un thriller coi fiocchi, quello uscito dalla mente di Dario Argento, che dimostra come la sua fantasia riesca a tenere testa sia nell'horror di impronta supernaturale quanto nel più pragmatico thriller; e qui, circondato da gente come Franciosa, Saxon, Gemma e tanti altri, fa il pieno di artisticità con uma macchina capace di generare una tensione (non paura) costante, strategemma indispensabile per coprire eventuali magagne di sceneggiatura. Nel panorama italiano, in un genere avaro, fa la sua figura.

Victorvega 29/05/15 21:54 - 353 commenti

I gusti di Victorvega

Argento si riappropria del thrilling agli inizi degli anni '80 dopo la parentesi horror demoniaca. Lo fa con questo film che coinvolge, spaventa e affascina. Manca ovviamente ai miei occhi di tutto il fascino anni '70 (e non poteva essere altrimenti), ma la tensione la crea, unita a un buon cast e una serie di virtuosismi tecnici. Buona la colonna sonora. Avvincente e spiazzante il finale.
MEMORABILE: La Lario e il suo braccio; Il finale.

Samdalmas 6/09/15 18:16 - 302 commenti

I gusti di Samdalmas

Grande ritorno di Dario Argento al thriller dopo i visionari horror, con omicidi sempre piu efferati e numerosi. Un tripudio di sangue e pulsioni sessuali come nel finale o nel flashback con Eva Robin's. Estetica patinata anni '80 con luci asettiche e i grattacieli dell’Eur sullo sfondo. Cast variegato con volti famosi nel genere come John Saxon e Steiner, ma c'è anche Veronica Lario. Gli ex Goblin Simonetti Pignatelli Morante sono autori della soundtrack.
MEMORABILE: Lara Wendel inseguita dal dobermann finisce nella villa sbagliata...

Fulcanelli 26/08/15 14:09 - 135 commenti

I gusti di Fulcanelli

Tenebre... di nome e di fatto. Film asettico, facce anonime e il solito assassino che minaccia per telefono trito e ritrito come anche il tema del film, già trattato in 4 mosche di velluto grigio. Fotografia e musiche che talvolta risultano totalmente inappropriate. Questo è Tenebre, un film che si dimentica molto facilmente. Cosa rimane? Scene da grand guignol e John Saxon in atteggiamenti pagliacceschi. Evitabilissimo.

Alex75 27/08/15 09:25 - 703 commenti

I gusti di Alex75

A dispetto del titolo, il ritorno di Argento al thriller dopo due opere di horror soprannaturale è un film dalle luci e dai colori abbacinanti, atipici per il genere; le rimarchevoli qualità tecniche compensano solo in parte una costruzione macchinosa e non sempre coinvolgente e la modestia complessiva degli attori (malgrado la presenza di Gemma, Saxon e Franciosa). Musiche ansiogene, ma mediocri.
MEMORABILE: Le scarpe rosse; La Wendel inseguita dal cane; La villa delle lesbiche; L’omicidio in piazza.

Pinhead80 14/09/15 18:37 - 4042 commenti

I gusti di Pinhead80

Uno scrittore di libri gialli viene coinvolto in una serie di omicidi ispirati alle pagine del suo ultimo libro, Tenebrae. La storia non è molto avvincente e si attorciglia su se stessa. Moltissime le uccisioni, ma piuttosto simili una all'altra. L'utilizzo dei flashback per andare a scoprire ciò che ha portato il killer a comportarsi in un certo modo è una delle poche scelte felici. Argento ha fatto di meglio.
MEMORABILE: La scena in cui la ragazza è inseguita dal cane.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Franz 25/10/15 13:28 - 110 commenti

I gusti di Franz

Decoroso, ma solo per la forma, la fotografia, il "glamour". Non soddisfacente l'intreccio, personaggi superficiali, tensione che latita in tutti gli omicidi, movente degli stessi esilissimo. Abbastanza coraggiosa e innovativa la scelta di collocare la storia nel contemporaneo, in piena luce, questo sì. Giuliano Gemma, a ben vedere, è l'attore migliore (benché doppiato), bravo a rendere l'idea della scoperta sconvolgente dell'ispettore (sconvolgente per lui, non per lo spettatore).
MEMORABILE: Tutte le architetture avveniristiche e minimal (ma opulente al tempo stesso) delle ville e degli appartamenti.

Paulaster 30/10/15 11:47 - 2996 commenti

I gusti di Paulaster

Numerosi colpi di scena che man mano tolgono di mezzo il cast servono per tenere alta l’attenzione e riflettere sul colpevole. Positivi anche gli intervalli e gli ottimi flashback, ma forse è la trama nel complesso a difettare. L’idea è di tanti felici momenti singoli e poco scavo nei personaggi. Doppiaggio non esaltante, fotografia negli interni poco efficace e musiche sotto la media. I maschi surclassano le donne, quanto a recitazione.

Andypanda 16/12/15 20:58 - 29 commenti

I gusti di Andypanda

Uno dei thriller più riusciti di Dario Argento, per me superiore anche a Profondo rosso. Non importa che la sceneggiatura non sia perfetta e che non tutto torni, lo spettatore rimane comunque avvinto dall’inizio alla fine. Del resto, Argento da sempre dirige i film molto meglio di come li scrive e questo ne è un plastico esempio. Splatter in dosi massicce ma mai gratuito, cast di buon livello e ben diretto, macchina da presa usata magistralmente, tensione alle stelle. Cosa pretendere di più?
MEMORABILE: La ragazza inseguita dal cane.

Minitina80 13/12/15 10:54 - 2468 commenti

I gusti di Minitina80

Tra i migliori gialli diretti da Argento; la sceneggiatura funziona ed è sorretta ottimamente da dialoghi non banali. Decisamente violenti, ma ben congegnati gli omicidi con quel fascino macabro che solo il miglior Argento sapeva creare. Particolare la scelta delle luci che illuminano la città di notte donandole uno strano fascino artificiale. Molto efficace il finale, di grande impatto visivo e notevole carica emotiva.

Tojo72 14/06/16 23:27 - 53 commenti

I gusti di Tojo72

Chiariamolo subito... Tenebre non è il capolavoro di Dario Argento. Il maestro si è concentrato molto nella direzione dei protagonisti ed è stato molto poco attento alla recitazione dei comprimari, che fanno scadere la qualità totale della pellicola. A parte questa (purtroppo) vistosa lacuna, resta un buon thriller, sebbene parecchio lontano dai classici del decennio precedente. A scapito del titolo è protagonista la luce abbagliante nei delitti, forse più adatta ai gusti dei primi anni '80.
MEMORABILE: Il braccio spruzza-sangue della ex sig.ra Berlusconi; L'omicidio in piazza in pieno giorno.

Rufus68 3/07/16 20:19 - 3266 commenti

I gusti di Rufus68

Il film, che risente in parte degli afrori degli anni Ottanta, è in realtà un testamento spirituale. Argento ricapitola il precedente, meraviglioso decennio e si accomiata da esso in modo commovente richiamando attorno a sé un cast eccezionale nella sua forza simbolica. Non conta la trama, l'eccellenza del girato, la forza cruenta delle immagini: da qui (anche da qui: ci sono altri esempi coevi) data il progressivo declino del cinema d'autore; da allora l'Italia languirà in terra mediocritatis, sino all'avvilimento attuale. Ottimi i Goblin.

Vito 9/10/16 08:41 - 686 commenti

I gusti di Vito

A dispetto del titolo Argento dona a questo thriller una illuminazione fortissima e ambienta l'azione tra i palazzi e le architetture asettiche e moderne dell'Eur. Questo perché le tenebre del titolo sono quelle dei meandri dell'animo umano; è infatti uno dei film più perversi e sadici del regista romano: l'omicidio della cleptomane, quello delle due lesbiche, l'ambiguo flashback del trauma scatenante, l'assassinio come liberazione sessuale. Grande cast: Franciosa, Gemma, la Nicolodi, la Wendel, Saxon, Steiner, la Pieroni, sono tutti ottimi.
MEMORABILE: L'omicidio della Lario.

Almanot 28/12/16 15:50 - 39 commenti

I gusti di Almanot

Ecco il miglior thriller argentiano, nel quale la ferocia dell'assassino del rasoio si inserisce a meraviglia in una trama molto ben costruita. Alcuni ingredienti già sperimentati (il trauma di gioventù, la trasferta del detective, l'uso della mdp), ma il loro insieme non era mai stato tanto efficace. Nella parte femminile del cast un paio di prove lasciano a desiderare, ma si tratta di limiti che pesano poco sull'economia del film. Argento al massimo in fatto di energia e concretezza.

Marcolino1 24/01/17 19:52 - 527 commenti

I gusti di Marcolino1

Il titolo è un ossimoro con la fotografia del film che privilegia il bianco e la luce, teatro di gran parte del body-count. Le tenebre sono i labirinti contorti della mente, tra masochismo feticista e ambiguità sessuale (la Robbins), che disegnano una sceneggiatura ingarbugliata. Originali sono l'autoironia sulla (presunta) misoginia argentiana, la musica synthpop all'avanguardia e lo sbugiardamento di un effetto speciale. La Wendel è perseguitata come nel film di Murgia e la Nicolodi sottotono si riscatta in una sequenza da scream queen encomiabile.
MEMORABILE: Gli omicidi della ladra, delle due amanti e della Lario; La scena con la Robbins sulla spiaggia.

124c 9/04/17 01:28 - 2796 commenti

I gusti di 124c

Un misterioso assassino ucccide delle ragazze basandosi su di un libro giallo scritto da un autore americano in visita a Roma per promuoverlo. Dario Argento, dopo una felice parentesi horror-splatter, torna al poliziesco a tinte macabre dei suoi esordi affidandosi a un cast italo-americano ben assortito. Perfettamente calato nel ruolo di scrittore di gialli l'attore americano Anthony Franciosa, ottimi i suoi duetti con il poliziotto Giuliano Gemma e con Daria Nicolodi, che qui fa la sua segretaria. Da ricordare le morte di Veronica Lario.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Magi94 12/09/17 14:10 - 736 commenti

I gusti di Magi94

Anni fa non mi piacque per niente, rivisto ora ho imparato ad apprezzarlo. Argento si concentra ancora sul puro virtuosismo, che aveva già portato nell'horror con Inferno, ma questa volta è aiutato da attori validi, dai Goblin in stato di grazia e da una composizione degli omicidi che è forse la migliore della sua carriera (l'omicidio delle lesbiche è esteticamente estasiante). Certo l'assenza di una trama intrigante smorza tensione e mistero, ma tutto il resto è geniale, con in prima linea la fotografia freddissima e i giochi della mdp.
MEMORABILE: La fotografia glaciale: nel cemento dell'eur, nell'acqua delle piscine, nei vestiti degli attori e perfino nella musica dei Goblin.

Viccrowley 14/12/17 10:08 - 804 commenti

I gusti di Viccrowley

Basterebbe il pretestuoso segmento con la ragazza inspiegabilmente e fantozzianamente rincorsa dal dobermann per capire che aria si respira nelle tenebre argentiane. Certo, i virtuosismi sono sempre eleganti e gli omicidi magnificamente orchestrati, con punte gore da leccarsi i baffi, ma è tutto il resto a funzionare poco. A partire dalla solita recitazione pessima, con righe di dialogo puerili e alcuni attori al limite del dilettantesco, la storia è un pasticcio poco interessante e con parecchi giri a vuoto che appesantiscono la narrazione. Sopravvalutato.
MEMORABILE: L'omicidio del giornalista e quello della Lario.

Pesten 25/01/18 09:41 - 650 commenti

I gusti di Pesten

Stupendo giallo che Argento personalizza in primis con il suo grandioso stile per le inquadrature e con la ricercatezza del connubio immagini/musica. Il classicismo giallo della storia viene imbastardito da un body count e da una quantità di sangue decisamente atipica che però ben si amalgama con le riprese di Argento, che sfrutta una Roma soleggiata e luminosa come sfondo di una storia violentissima. Poco e niente stona in un lavoro diverso da quelli che lo hanno reso famoso ovunque ma dotato di equal bellezza.
MEMORABILE: L'omicidio di Saxon a Casal Palocco.

Gabigol 13/06/18 07:52 - 422 commenti

I gusti di Gabigol

Ottima prova di Argento, regista che nel giallo riesce a dare il meglio di sé. La sceneggiatura, non priva di forzatura per raccordare prima e seconda parte, si fregia di flashback rivelatori e di una violenza squarciante che nasce dall'atavica necessità di metabolizzare un trauma nascosto negli anfratti del passato. Coesistono momenti nonsense di matrice argentiana controbilanciati da inaspettati lampi d'autoironia molto gradevoli. Chiosa rapida sul finale: agghiacciante e indimenticabile.
MEMORABILE: L'infinito inseguimento del cane (trash!); I conturbanti flashback; L'omicidio alla luce del sole di Saxon; Il capitano Germani che si abbassa.

Jena 7/07/18 12:42 - 1256 commenti

I gusti di Jena

Non si ha più la perfetta geometrica concatenazione thriller di Profondo rosso, né lo spirito magico-visionario di Inferno e Suspiria, eppure è sempre un Argento su alti livelli quello di Tenebre. Cerca di stare maggiormente sul "giallo", e almeno fino a due terzi il mistero intriga non poco (anche se poi ci si arriva...). Non mancano i consueti risvolti splatter soprattutto quando il killer passa dal rasoio all'accetta, talvolta al limite del ridicolo (l'amputazione della Lario con geyser di sangue). Discreto Franciosa, poco diretti gli altri.
MEMORABILE: La lettura del libro all'inizio in puro stile argentiano; L'accetta sul capoccione; La lunga sequenza del dobermann; Il finale.

Alexpi94 7/08/18 02:05 - 186 commenti

I gusti di Alexpi94

Dopo le (due) precedenti opere orrorifiche Argento torna a dirige un thriller, con risultati davvero sensazionali. Ciò che ne esce è un prodotto ricco di suspense e colpi di scena imprevisti, che fanno di quest'opera una delle più interessanti dell'intera filmografia del regista. Interpretazioni più che accettabili, musiche prepotenti (in pieno stile anni 80) e buon livello estetico accrescono maggiormente il livello del film. Validissimo!

Ira72 12/08/18 18:22 - 996 commenti

I gusti di Ira72

Un film straordinario, quasi perfetto (negli anni 80 poi!), impregnato del suo stile inconfondibile. Dove persino le forzature hanno un sapore unico e si amalgamano impeccabilmente con le atmosfere ricercate ma veraci e con gli attori dalle interpretazioni candide, quasi ingenue, eppur nel thriller giusto, al momento giusto. La tensione è costante, il ritmo incalzante e l’ironia del “non prendiamoci troppo sul serio” argentiana aleggia nell’aria, rendendo l’insieme scanzonato ma credibile.

Alex1988 10/10/18 17:44 - 695 commenti

I gusti di Alex1988

Gli anni Ottanta per Dario Argento hanno segnato la svolta definitiva, nel suo cinema; attraverso l'horror puro, il regista romano ha estremizzato il suo stile. Questa nuova parentesi thriller ne è l'esempio: il grado di "splatter" presente è piuttosto alto. La padronanza nell'uso della macchina da presa è immutata (vedasi il piano sequenza prima del secondo omicidio). Anche le musiche dei Goblin contribuiscono ad accentuare la tensione, seppur non lascino il segno come nei film precedenti. Più che buono.

Siska80 4/04/20 16:40 - 1054 commenti

I gusti di Siska80

La perfezione non esiste, ma Argento ci è andato vicino con questo film in cui tutto risulta consono: cast, musiche, fotografia, sceneggiatura. Non mancano i riferimenti a Schock, l'ultima fatica del maestro Bava (riguarda Steiner) né un finale che è il più bello tra quelli girati dal regista romano. Praticamente impossibile scoprire l'identità dell'assassino. In questa pellicola la paura e la morte si fronteggiano alla luce del sole.
MEMORABILE: Le urla durante i titoli di coda.

Noodles 5/04/20 23:06 - 1037 commenti

I gusti di Noodles

Forse il giallo più efferato e sanguinario di Dario Argento. Ma ciò finisce per essere un'arma a doppio taglio: da una parte infatti abbiamo due grandi colpi di scena, una splendida fotografia, un sapiente uso della luce e dei movimenti di mdp da maestro. Dall'altra una musica ripetitiva, un numero esagerato di omicidi e una quantità di sangue così elevata che alla fine risulta quasi comica. Anche il cast non brilla. La storia invece è buona. Discreto ma poteva essere migliore.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Maurizio98 23/07/20 01:11 - 23 commenti

I gusti di Maurizio98

Il gioco dei numeri è matematica applicata al thriller: dodici scene di omicidi con catarsi finale. Un eccellente giallo; rivisto a distanza di anni certifica un valore inalterato, con dettagli magistrali di Argento e la musica dei Goblin che segue l'assassino come ulteriore ombra, in particolare nel duplice omicidio delle due ragazze nel palazzo ultramoderno, con il suono che si arrampica sui muri. Situazioni implicitamente torbide ma nitidissime: l'ambiguità della ragazza della spiaggia, il feticismo, la lolita (Lara Wendel) uccisa in un girone infernale nella notte.

Peter neal 10/11/20 00:44 - 23 commenti

I gusti di Peter neal

Scrittore americano in trasferta a Roma viene perseguitato da un copycat killer che uccide ispirandosi a "Tenebrae", suo ultimo romanzo. Aggiornando la propria classica formula gialla con rimandi a De Palma (che a sua volta citerà questo film) e allo slasher, Argento firma il proprio sottovalutato capolavoro, un concentrato di misoginia, tecnica mai fine a se stessa e tanto sangue. I difetti non mancano, ma è il classico caso in cui a chiudere un occhio e a stare al gioco si ha molto da guadagnare. Perfetta la fotografia di Tovoli ed eccellenti le musiche dei Goblin "in incognito".
MEMORABILE: Il pianosequenza girato con la Louma; I flashback coi dolorosi ricordi; Il brano tratto dal romanzo; La citazione da Conan Doyle; "Lurida pervertita!".

Il ferrini 18/12/20 06:19 - 1782 commenti

I gusti di Il ferrini

Dopo due film dai risvolti fantastici (Suspiria e Inferno) il regista torna momentaneamente al giallo e il risultato è decisamente buono. Certo la sceneggiatura non è impermeabile (ma raramente lo è con Argento), tuttavia a livello visivo è davvero notevole, soprattutto per ciò che concerne gli omicidi (memorabile quello di Veronica Lario). Originale anche la (doppia) soluzione del caso, con un Gemma genuinamente spiazzato. Musica divenuta iconica, sebbene ogni tanto sparata inopportunamente alta. Non impeccabile ma nell'insieme un buon film.

Fedeerra 21/01/21 04:34 - 550 commenti

I gusti di Fedeerra

In “Tenebre” l’uomo è asettico e “vittima” dei propri istinti; la donna invece è una creatura sfacciata e ipersessualizzata, visione maschilista in un mondo femmineo e androceo. Argento, con queste premesse, sfodera un iperbole di omicidi tra i suoi più morbosi e sanguinosi. Deliziose le faccette di Saxon, iconica la poco più che comparsata della Pieroni. Eur, complesso architettonico romano, assoluto protagonista.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Didda23 • 13/02/20 22:18
    Comunicazione esterna - 5749 interventi
    Ciao Siska. Colgo l'occasione per dirti benvenuta.
    Non sei l'unica ad adorare le musiche del film.
    Sono io, in netta minoranza, ad odiare quel genere di musica ( come la quasi totalità di tutto ciò che è anni 80). Secondo me non si sposano bene con le magnifiche sequenze girate da Argento, però posso capire pure il contrario...
  • Discussione Kanon • 13/02/20 23:04
    Fotocopista - 820 interventi
    Non so se ne abbiate mai parlato, ma di questa fantomatica ambientazione post-atomica vagheggiata da Argento ci ha mai fatto caso qualcuno, guardando il film ? Io se non lo avessi letto non ci avrei mai pensato (né tanto meno accorto).
  • Discussione Caesars • 14/02/20 08:42
    Scrivano - 12048 interventi
    Ambientazione post-atomica? Ma proprio non mi è mai passata per l'anticamera del cervello...
    Non sapevo di questa dichiarazione di Argento.
  • Discussione Siska80 • 14/02/20 19:11
    Call center Davinotti - 442 interventi
    Didda23 ebbe a dire:
    Ciao Siska. Colgo l'occasione per dirti benvenuta.
    Non sei l'unica ad adorare le musiche del film.
    Sono io, in netta minoranza, ad odiare quel genere di musica ( come la quasi totalità di tutto ciò che è anni 80). Secondo me non si sposano bene con le magnifiche sequenze girate da Argento, però posso capire pure il contrario...

    Grazie, Didda, per il benvenuto. Anche io capisco il contrario, i gusti non si discutono. -)
  • Discussione Siska80 • 14/02/20 19:15
    Call center Davinotti - 442 interventi
    Kanon ebbe a dire:
    Non so se ne abbiate mai parlato, ma di questa fantomatica ambientazione post-atomica vagheggiata da Argento ci ha mai fatto caso qualcuno, guardando il film ? Io se non lo avessi letto non ci avrei mai pensato (né tanto meno accorto).

    In che senso? Cosa avrebbe detto Argento? Non ho mai visto nulla di particolare..
  • Discussione Kanon • 14/02/20 19:39
    Fotocopista - 820 interventi
    Siska80 ebbe a dire:
    Kanon ebbe a dire:
    Non so se ne abbiate mai parlato, ma di questa fantomatica ambientazione post-atomica vagheggiata da Argento ci ha mai fatto caso qualcuno, guardando il film ? Io se non lo avessi letto non ci avrei mai pensato (né tanto meno accorto).

    In che senso? Cosa avrebbe detto Argento? Non ho mai visto nulla di particolare..


    https://en.wikipedia.org/wiki/Tenebrae_(film)#An_imaginary_city
  • Discussione Siska80 • 14/02/20 20:52
    Call center Davinotti - 442 interventi
    Kanon ebbe a dire:
    Siska80 ebbe a dire:
    Kanon ebbe a dire:
    Non so se ne abbiate mai parlato, ma di questa fantomatica ambientazione post-atomica vagheggiata da Argento ci ha mai fatto caso qualcuno, guardando il film ? Io se non lo avessi letto non ci avrei mai pensato (né tanto meno accorto).

    In che senso? Cosa avrebbe detto Argento? Non ho mai visto nulla di particolare..


    https://en.wikipedia.org/wiki/Tenebrae_(film)#An_imaginary_city

    Stento a credere che Argento parli sul serio:sarebbe futuristico perchè mostra poca gente in giro? Io credevo fosse così per creare suspence, pensa un pò!
  • Discussione B. Legnani • 27/07/20 18:34
    Consigliere - 14129 interventi
    Tutto il cast!
    https://www.youtube.com/watch?v=0CT95yPs3F8 
  • Curiosità Allan • 24/12/20 13:32
    Disoccupato - 1124 interventi
    Nella scena dell'omicidio della Pieroni, mentre l'assassino strappa le pagine del libro "Tenebre" di Peter Neal è possibile leggerne qualche stralcio (grazie a Huck Finn per i fotogrammi e per aver riportato come si capisca che due dei personaggi si chiamano Toby Stark e Peter Brook):

    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images55/teny1.jpg[/img]

    Incrociando i dati il libro risulta essere Indovina chi viene a ucciderti, un romanzo di spionaggio a firma, apocrifa, Ellery Queen, pubblicato da Mondadori nella collana Segretissimo. L'edizione doveva essere quella uscita nel 1980 ne I capolavori di Segretissimo, con il testo a colonna singola e non a due come la collana madre.
    Per arrivare a capire di che libro si trattasse ho tentato con chiavi in lingua inglese (es. spy novel o spy story), più i due nomi, e confrontando i dati in lingua originale sono poi risalito alle pubblicazioni italiane.
    Aggiunge Huck Finn che in questa pagina si riporta a firma di Dario Argento un testo (che si dice tratto dal catalogo del Mystfest 1981) in cui l'autore dice: "Da molti lettori e critici Ellery Queen veniva considerato un romanziere innocuo e adatto a tutti i palati. Questo per via di alcune popolari riduzioni televisive e cinematografiche dei suoi racconti. Ma al contrario io venni attratto dai suoi romanzi per una vena di ferocia e di perversità che egli mostrava spesso, pur nascondendola abilmente tra fatti e dialoghi innocenti o non inquietanti. Insomma, un autore complesso e interessantissimo".

    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images55/teni2.jpg[/img]
  • Discussione Zender • 24/12/20 16:48
    Consigliere - 44123 interventi
    Se sei d'accordo la metterei a nome Allan la curiosità, Huck (ovviamente citandoti).