Taverna Paradiso

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Paradise Alley
Anno: 1978
Genere: drammatico (colore)
Numero commenti presenti: 8
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
PAPIRO DAVINOTTICO INSERITO IL GIORNO 25/01/07
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 13/12/07 08:48 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Onesto, ingenuo, a tratti arraffazzonato ma non male questa prova registica di Sly, che ripercorre sentieri familiari e rassicutranti, per sè e per il pubblico. Una buona scelta degli interpreti assicura quella creedibilità necessaria (anche somatica!), e questa dolceamara esplorazione dei bassifondi del wrestling (con qualche atleta del ramo) si lascia guardare senza patemi. O meglio si lascerebbe, perchè l'ultima volta che s'è intravista su un palinsesto eravamo ancora alla scuola dell'obbligo.

Silversix 18/03/10 16:20 - 16 commenti

I gusti di Silversix

La prima volta che ho visto il film ero poco più che bambino e ho portato con me il ricordo di Kid Salami per tutti questi anni. Come dimenticarsi del gigante buono, del furbo, del bravo e del cattivo. Personaggi ben caratterizzati che creano un mix tutto da godere. Peccato che il film non abbia avuto il seguito che meritava.

Belfagor 29/07/12 10:57 - 2623 commenti

I gusti di Belfagor

Nel secondo dopoguerra, tre fratelli entrano nel mondo degli incontri di catch. Al suo esordio registico, Stallone mostra di aver assimilato la lezione di Rocky ma anche di non volerla seguire pedissequamente. Sebbene frammentaria e non troppo profonda, la descrizione dei bassifondi violenti è efficace. I personaggi sono un po' rifiniti con l'accetta, ma i tre protagonisti mostrano una certa caratterizzazione. Insomma, come primo tentativo in cabina di regia non è affatto male.

Galbo 30/07/13 17:35 - 11382 commenti

I gusti di Galbo

Passato piuttosto inosservato, non è male questo esordio registico di Stallone. Un film certamente imperfetto ma tutto sommato godibile per la riuscita caratterizzazione ambientale (la New York del dopoguerra) e per i personaggi ben tratteggiati. Buona anche la prova degli attori. Di contro, la storia non è molto originale oltre che piuttosto prevedibile.

Almicione 20/07/15 01:15 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Che Stallone non sia nato regista lo si nota da alcune regole fondamentali della regia trascurate, nonché da un montaggio che lascia alquanto a desiderare. Tuttavia il film si riesce a seguire, in questa fredda New York del secondo dopoguerra che inizia a colorarsi per contrastare la grigia atmosfera, in questa New York povera dove ci si arrangia come si può per sbarcare il lunario e dove bisogna anche tener conto della mafia di quartiere. Il cast non è dei migliori e il finale è piuttosto brutto, o almeno mal sfruttato. Non male, però.
MEMORABILE: Il lancio della lastra di ghiaccio per le scale; Le scene dell'ultimo match al rallentatore.

Minitina80 8/03/17 17:27 - 2336 commenti

I gusti di Minitina80

L’esordio registico di Stallone racchiude l’essenza della prima parte della sua carriera. La tenacia nel combattere le avversità della vita, il riscatto sociale da un contesto difficile di stenti e umiliazioni, l’importanza della famiglia, sono argomenti che vengono rappresentati senza quella patina artefatta che caratterizzerà suoi lavori futuri. Meriterebbe una maggiore considerazione, se non altro per la semplicità che gli appartiene. Non male nemmeno come voce nell’avvolgente "Too Close Too Paradise" di Bill Conti.

Maxx g 25/03/20 23:08 - 492 commenti

I gusti di Maxx g

Prima prova registica di Stallone datata 1978, è un film godibile, che racconta una New York post-bellica e la classica arte di arrangiarsi. Tre fratelli, di cui uno solo (Assante) svolge un lavoro regolare. Buona prova attoriale di Stallone che duetta in maniera efficace con Armand Assante. Valide le scenografie. Da vedere. Canzone finale dello stesso Stallone. Tra i lottatori Ted DiBiase, futuro "Million dollar man".
MEMORABILE: L'uscita col camioncino di Stallone con l'amico alla Vigilia di Natale; Le sequenze di lotta sott'acqua.

Rigoletto 27/02/20 18:35 - 1559 commenti

I gusti di Rigoletto

L'esordio registico di Stallone, già celebrità per Rocky, è un film poco gettonato e passato inosservato ai più, ma dimostra come il tuttofare Sly possa cambiare pelle recitativa non meno velocemente di come incassa cazzotti, offrendo con bravura un personaggio torbido che mancava in repertorio. Ottimo Assante, avido fratello in cerca di rivincite personali a costo di passare su famiglia e affetti privati. Canalito ci mette i muscoli, McRae e Funk qualcosa in più. Nel complesso, avvalendosi anche di una buona ricostruzione storica, rimane un buon film.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Digital • 22/10/11 14:48
    Segretario - 3035 interventi
    Dvd della Pulp Video disponibile dal 13/12/2011.



    Dati Tecnici :

    Audio : Italiano, Inglese Dolby Digital 2.0 Mono
    Rapporto Schermo : 1.85:1