S.Y.N.A.P.S.E. - Pericolo in rete

Media utenti
Titolo originale: Antitrust
Anno: 2001
Genere: thriller (colore)
Note: Aka "Synapse - Pericolo in rete".
Numero commenti presenti: 6

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/11/08 DAL BENEMERITO PIGRO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pigro 15/11/08 10:48 - 7789 commenti

I gusti di Pigro

Mega-imprenditore di internet progetta un'invenzione informatica che può rivoluzionare la comunicazione ma anche mettere in pericolo la libertà. Filmetto per ragazzi (sarà proprio il ragazzo genietto a scoprire i loschi affari del boss) con qualche vaga ambizione, ma che non riesce ad appassionare nonostante deboli guizzi. Decisamente superficiale e prevedibile, con tanta estrosa e strampalata tecnologia per strizzare l'occhio agli internettari. Perdibile.

Ciavazzaro 15/03/09 12:57 - 4763 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Pessimo thriller telematico. Che la rete sia utilissima e al tempo stesso pericolosa è un fatto assodato e quindi questo film non offre nulla di nuovo. Zero azione, zero tensione, zero nella recitazione (Phillipe è particolarmente cane) per un film davvvero insulso.

Supercruel 25/05/10 00:17 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Thriller tecnologico dalle discrete premesse (lo spunto è scontato ma attuale e fornisce un possibile ottimo terreno di gioco) ma sviluppato in maniera troppo piatta. Il film di Howitt difetta sotto troppi punti di vista: manca la tensione, manca la giusta dose di azione/adrenalina, gli attori sono insufficienti e lo spunto narrativo di cui sopra è abbozzato senza alcuna riflessione degna di nota. Si salva giusto qualche simpatico ambiente hi-tech. Da evitare.

Redeyes 17/03/15 11:09 - 2144 commenti

I gusti di Redeyes

Robbins non è nuovo a partecipazioni a capolavori alternate a sciocchezze (purtroppo qui ci siamo di fronte). La trama è piuttosto superficiale e infarcita dai cliché del caso, gli stessi protagonisti non toccano i 30 anni se si eccettua Robbins in versione sosia di Gates e pochi altri. Synapse rivoluzionerà il mondo delle comunicazioni ma sopratutto annienterà chiunque si trova sul suo cammino, ed è inutile dire che sarà il figo-genietto (una rarità) a smascherare i cattivoni. Il ruolo della Forlani aggiunge faciloneria (semmai servisse).

Darkknight 3/03/16 15:21 - 352 commenti

I gusti di Darkknight

Se fai interpretare una sorta di Gates/Jobs a un radical chic sfegatato come Robbins è chiaro che salta fuori un Signore del Male da romanzo fantasy. La sceneggiatura lo asseconda in toto, con personaggi talmente esagerati e stilizzati (sia i buoni sia i cattivi) da compromettere la credibilità. E se l'apologo contro il business è esagerato, quello contro lo strapotere della tecnologia resta in superficie. E la componente “impegnata” toglie spazio quella thriller. Fiacco.
MEMORABILE: Unico motivo d'interesse: può essere visto come una profezia di social networks, wi-fi e altre diavolerie.

Piero68 6/03/20 09:37 - 2758 commenti

I gusti di Piero68

Se per un attimo si dimentica la bassa qualità del prodotto, non si può che dire chapeau a questo film che vent'anni fa aveva previsto pari pari lo sviluppo reale della rete e delle moderne comunicazioni in tempo reale. Profetico davvero, anche nell'idea di villaggio globale. È chiaro che il film ha una infinità di difetti e lascia molto a desiderare, soprattutto per le caratterizzazioni tagliate con l'accetta e per l'eccessiva enfasi assegnata al personaggio interpretato da Phillippe. Anche il finale lascia molto a desiderare.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Xtron • 27/03/12 17:35
    Servizio caffè - 1831 interventi
    C'è il dvd Medusa

    1h44m56s