Sul far della notte

Media utenti
Titolo originale: Juste avant la nuit
Anno: 1971
Genere: drammatico (colore)
Note: Aka: "Just Before Nightfall"; "Al anochecer"; "Remorso"; "Vor Einbruch der Nacht". Coproduzione italo-francese.
Numero commenti presenti: 3

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/04/09 DAL BENEMERITO UNDYING
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 13/04/09 10:38 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Laura Tellier (Anna Douking) ha una relazione con Charles Masson (Michel Bouquet) nonostante quest'ultimo sia felicemente coniugato. L'omicidio di Laura potrebbe intaccare la rispettabilità della famiglia e sarà dunque la moglie a punire il "reo confesso", in virtù dell'apparenza (il decoro civile) che surclassa la sostanza (la relazione extraconiugale e il delitto). Notevole dramma dai risvolti tragici, orientato alla denuncia sociale. Chabrol rifugge dal sensazionalismo per concentrarsi invece sui pensieri di una mente borghese (la moglie) adagiata sulla rispettabilità e sull'appar(ten)enza.

Giùan 17/06/14 14:28 - 2991 commenti

I gusti di Giùan

Dolosamente misconosciuto, è tra i più sadicamente crudeli "studi" borghesi di Chabrol, capace di toccar fredde vette fassbinderiane nella costruzione di un livido dramma giallo, dove la coscienza è totalmente soggiogata all'esteriorità, alla figura, alla forma. Charles, prima traditore incallito (del miglior amico e della moglie) poi imperturbabile assassino dell'amante e vittima infine (ancor prima che dei suoi rimorsi) dell'ottuso "perdono" di chi dovrebbe condannarlo, è una marionetta di insipida tragicità. Di raggelante bravura Bouquet, Perrier, Audran.
MEMORABILE: Le due scene in cui Bouquet confessa alla moglie (Audran) e all'amico (Perier) di aver ucciso, "subendone" l'impietoso perdono; Il vecchio dipendente ladro.

Aborym 3/01/19 14:35 - 28 commenti

I gusti di Aborym

Uno dei migliori Chabrol, con un insuperabile Michel Bouquet nell'interpetrazione definitiva dell'adultero, assassino e "onesto uomo perbene" tanto cara al regista francese. Il tema della rispettabilità, delle buone maniere e delle apparenze, quali "valori" essenziali e fondanti della piccola borghesia - maschera di un'essenza totalmente insensibile e capace di qualunque mostruosità - raggiungono in questo film una sintesi praticamente perfetta, almeno quanto nel precedente e più celebre Stéphane, una moglie infedele.
MEMORABILE: Il prologo; La villa della famiglia Masson.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Undying • 13/04/09 10:47
    Scrivano - 7630 interventi
    Curiosa presenza nel cast di quell'Antonio Passalia che, al fianco di Bruno Mattei, sarà dietro la M.d.P. per curare la regia di Caligola e Messalina (1981) e Nerone e Poppea (1982).

    La poliedrica figura di Passalia, pur essendo riscontrabile principalmente in ruolo di attore, appare anche nella produzione di un film interpretato da Alberto Sordi: Una botta di vita (1988).