Strategia del ragno

Media utenti
Anno: 1970
Genere: drammatico (colore)
Note: Non "La strategia del ragno". Film per la tv presentato al Festival di Venezia e di New York.
Numero commenti presenti: 13

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/10/10 DAL BENEMERITO HACKETT
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Hackett 19/10/10 06:56 - 1818 commenti

I gusti di Hackett

Interessante giallo della memoria, il film di Bertolucci alterna una narrazione lineare a scene oniriche e di personale interpretazione. La ricerca di verità del protagonista farà riemergere antichi rancori mai sopiti lungo le sonnolente e isolate campagne che accompagnano il grande fiume al mare. Bravi gli interpreti, sontuose le musiche, intrigante l'ambientazione. Da scoprire.

Homesick 22/10/10 09:18 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Psicanalitico e metafisico, filtra con le coordinate surreali del racconto di Borges “Tema del traditore e dell’eroe” il genuino folklore della Bassa Padana e una verità storica inaccessibile in quanto confusa nell’incontrollabilità del Mito o artatamente annebbiata dalla memoria di sopravvissuti ostili e omertosi. I titoli di testa appaiono lungo una collezione di quadri di Ligabue e la stessa fotografia di Vittorio Storaro segue questa linea immortalando piazze, cortili, campi e paesaggi alla maniera dei più importanti pittori del secolo scorso.
MEMORABILE: Il ballo all’aperto sulle note di “Giovinezza”.

B. Legnani 5/11/10 00:46 - 5063 commenti

I gusti di B. Legnani

Il comunista Bertolucci prende uno straordinario racconto (quattro pagine) del conservatore Borges, per il quale la vicenda (con geniale finale a teatro) può svolgersi ovunque: "Polonia, Irlanda, la repubblica di Venezia...". Lo porta a Sabbioneta, ci mette Verdi (nel teatro e nel film), conserva le citazioni dal "Macbeth" e dal "Giulio Cesare"! Lo colora di simbolismi non pesanti (il bimbo che serve Draifa non è quel che sembra, l'erba sui binari è inestricabile), lascia indizi e aggiunge addirittura il borgesiano tema del doppio. Gran bel film. Grande Tino Scotti.
MEMORABILE: I Fascisti fan suonare "Giovinezza". Athos senior (sempre Brogi) prende la ragazza più bella e con lei volteggia, ballando. Nessuna reazione. Mmmmh...

Pigro 8/11/10 15:09 - 8628 commenti

I gusti di Pigro

Il racconto di Borges del traditore e dell'eroe (con eco dell'Uomo che mente) è calato in una Padania terrigna, custode misteriosa di indicibili storie dove finzione e realtà (restituite anche grazie a un ritmo sfilacciato e interpretazioni straniate) si intrecciano suggestivamente sullo sfondo di un'eterna lotta antifascista. Bertolucci riesce così a comporre una vibrante e metafisica descrizione della sua terra e al contempo a riflettere sulle ambiguità dell'ideologia, senza dimenticare il tema strisciante delle sue opere: il rapporto filiale con genitori ingombranti.

Saintgifts 12/11/10 10:18 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Eroe o traditore? O doppiamente eroe per aver martirizzato se stesso, piuttosto che rendere un favore al dittatore martirizzandolo? Non mi sembra siano questi gli interrogativi che si è posto Bertolucci. Piuttosto è la descrizione di luoghi (con il profilo di Sabbioneta perennemente incombente) e di personaggi ormai fuori tempo e di una cultura contadina, vera, che travalica ogni avvenimento politico. Il teatro è la vera piazza dove c'è chi fa e dove c'è chi guarda. La MDP si sposta lateralmente seguendo binari di una storia coperta di erbacce.
MEMORABILE: I due bambini, lui con il bianco coniglio e lei nascosta sotto il bianco cappello, sono la speranza, forse vana, di un paese vecchio.

Daidae 30/10/11 22:17 - 2891 commenti

I gusti di Daidae

Non mi è davvero sembrato un capolavoro. Nonostante il buon cast si tratta di un film alquanto pesante e dal taglio eccessivamente teatrale. Bertolucci l'ho sempre considerato un regista sopravvalutato, e questo film lo vedo con alti e bassi. Come detto un po' pesante, ma tutto sommato si può guardare.

Giùan 31/10/11 13:28 - 3558 commenti

I gusti di Giùan

Ovvero L'uomo che uccise Liberty Valance in salsa padana. Rispetto all'intellettualistico Partner, Bertolucci scandaglia qui le opportunità metaforico-semiologiche del racconto Borgesiano, impiantandone il seme in una realtà rurale che nella sua inveterata tradizione nasconde misteri e non detti insondabili. Il viaggio di Athos nel passato ha poi evidenti connotazioni psicanalitiche, con l'impossibiltà atavica di uscir dall'ombra paterna. Memorabili: il soundtrack che mescola Verdi e Natura, lo sguardo atarassico di Brogi e quello mitico di Alida Valli.
MEMORABILE: Il carrello che "segue" l'arrivo a Tara di Athos con il passato che già incombe: il busto del padre, i discorsi dei vecchi, il circolo.

Cotola 26/08/12 22:43 - 8190 commenti

I gusti di Cotola

Il bel racconto di Borges viene riletto da Bertolucci con tante, forse troppe, complicazioni psicanalitiche che fortunatamente non appesantiscono più di tanto la pellicola. Il film è, infatti, interessante, intrigante e godibile nonostante un qualcosa di sfuggente che forse lo rende più fascinoso e meritevole di una seconda visione. La rivelazione finale non arriva poi così imprevista ma non è quel che conta in un film del genere. Belle le location in quel di Sabbioneta e notevole la fotografia di Storaro.

Vitgar 6/09/14 11:34 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Signor film del 1970 da un Bertolucci ispirato. Prodotto dalla Rai. Talvolta è meglio non sapere la verità dei fatti. Nello specifico la caduta di un padre eroe antifascista nel fango del tradimento. Sceneggiatura di grande livello, come pure la fotografia e le ambientazioni a Sabbioneta. Atmosfere misteriose e personaggi conflittuali. Film da vedere almeno due volte, pena il perdersi nelle grande quantità di materiale da cui si viene stimolati. Musiche difficili di Schonberg.

Myvincent 31/01/16 08:44 - 3050 commenti

I gusti di Myvincent

Introdotto dai dipinti del pittore Ligabue, il film è un interessante esperimento per capire la storia vera, quella che vibra nelle corde della vulnerabilità di ciascuno di noi, al di là delle "bugie ufficiali" che vengono trasmesse. Il figlio di un eroe antifascista torna nei luoghi del padre per trovare una traccia anche di sé. Il ritmo lentissimo e asfissiante ne pregiudica, però, la resa finale.

Bernardo Bertolucci HA DIRETTO ANCHE...

Kinodrop 8/05/18 17:46 - 2091 commenti

I gusti di Kinodrop

Troppo intellettualistico e citazionistico (filmicamente e letterariamente), vorrebbe indagare con ideologia incerta su un periodo della nostra storia di per sé ambiguo e oggetto di rimozioni. Bertolucci sceglie un impianto teatrale di natura speculare (figlio-padre) che rappresenta, ma non spiega, oscurando sotto il velo mitologico e psicanalitico l'ovvietà del fatto che nessuna verità è univoca. Resta a noi la pesantezza e la noia di un qualcosa di non risolto, ma con pretese metacinematografiche. Qualche bella immagine, certo (grazie a Storaro).

Magi94 22/02/19 00:28 - 793 commenti

I gusti di Magi94

Film molto bertolucciano, dalla straordinaria caratterizzazione ambientale in una campagna parmense vivissima, veritiera in ogni inquadratura, in ogni modo di parlare dei personaggi. La storia, d'ispirazione borgesiana, si attorciglia in un mistero all'apparenza molto semplice ma via via sempre più inestricabile (tanto che nel finale si fatica a mettere tutti i pezzi a posto), nel racconto di un "delitto di paese" d'epoca fascista che è solo una scusa per parlare di realtà e menzogna, di eroi e codardi. Forse eccessivamente criptico.

Reeves 5/10/20 00:02 - 860 commenti

I gusti di Reeves

Bertolucci racconta a modo suo il tema della Resistenza tradita e al tempo stesso riempie il suo racconto con la psicanalisi e il dibattito tipico del post Sessantotto. Ma il racconto è veramente affascinante, l'uso della musica lirica (in particolare il Trovatore) è centrato, gli attori fantastici. Il doppio della Resistenza, sembra dire Bertolucci, può essere considerato il tenere fede agli ideali, anche e soprattutto nei riguardi di chi li ha traditi.
MEMORABILE: Il Trovatore cantato mentre vengono portate le pietanze.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione B. Legnani • 5/11/10 16:36
    Consigliere - 14457 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    Sì, drammatico. Fantastico o giallo sarebbe inopportuno. Sono curioso di rivederlo comunque. Il mio ricordo è assai tenue. Magari rileggo prima il racconto di Borges, che male non mi fa :)

    Già che ci sei, nello stesso libro, rileggiti LA MORTE E LA BUSSOLA.
    Il titolo è splendido, ma il racconto riesce ad esserlo anche di più...

    Qui ci sono entrambi, oltre la metà. http://bibliotecario.splinder.com/post/15443298
    Ultima modifica: 5/11/10 16:41 da B. Legnani
  • Discussione B. Legnani • 5/11/10 16:41
    Consigliere - 14457 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    Sì, drammatico. Fantastico o giallo sarebbe inopportuno. Sono curioso di rivederlo comunque. Il mio ricordo è assai tenue. Magari rileggo prima il racconto di Borges, che male non mi fa :)


    Già che ci sei, nello stesso libro, rileggiti LA MORTE E LA BUSSOLA.
    Il titolo è splendido, ma il racconto riesce ad esserlo anche di più...

    Qui ci sono entrambi, l'uno dietro l'altro, poco oltre la metà. http://bibliotecario.splinder.com/post/15443298]
    Ultima modifica: 5/11/10 16:42 da B. Legnani
  • Discussione Pigro • 7/11/10 22:06
    Consigliere avanzato - 1552 interventi
    Film visto (bello: a giorni il commento), e in effetti ricchissimo di ambientazioni stimolanti! Ci sono tanti scorci sia in paese che fuori: insomma, si prospetta un'altra piacevole incursione come quella per la Mazurka... L'importante è fare un accurato screening e portarsi dietro quante più immagini possibili anche dello stesso luogo, perché - a naso - mi sembra che una stessa location abbia avuto molti punti di vista diversi, al contrario di quanto fece Avati a Cento (mi sembra).
    Piuttosto, vedo che il film ha avuto pochissimi spettatori (perlomeno commentanti): se si riuscisse ad essere un numero un pochino più cospicuo, ci sarebbe più gusto, no?
  • Discussione B. Legnani • 17/11/10 19:07
    Consigliere - 14457 interventi
    Pigro ebbe a dire:
    Film visto (bello: a giorni il commento), e in effetti ricchissimo di ambientazioni stimolanti! Ci sono tanti scorci sia in paese che fuori: insomma, si prospetta un'altra piacevole incursione come quella per la Mazurka... L'importante è fare un accurato screening e portarsi dietro quante più immagini possibili anche dello stesso luogo, perché - a naso - mi sembra che una stessa location abbia avuto molti punti di vista diversi, al contrario di quanto fece Avati a Cento (mi sembra).
    Piuttosto, vedo che il film ha avuto pochissimi spettatori (perlomeno commentanti): se si riuscisse ad essere un numero un pochino più cospicuo, ci sarebbe più gusto, no?



    Rivisto il film e catturate immagini.
    Devo dire che - come sempre càpita nel rivedere i bei film - ho visto ora cose che mi erano sfuggite la prima volta. Il busto del padre che si sovrappone a lui che cammina, lui che si specchia nel palco...
  • Discussione Rebis • 1/12/10 15:08
    Contatti col mondo - 4326 interventi
    ... ieri sera aspettando il sonno mi sono portato avanti con un po' di letture a debito: così ho rimesso mano a Borges! IL TEMA DEL TRADITORE non ricordavo di averlo già letto ma è stata comunque una piacevollissima riscoperta. A breve riguarderò anche l'adattamento di Bertolucci. Ma la vera sorpresa è stata LA MORTE E LA BUSSOLA: inesorabile! Un giallo metafisico. L'idea del labirinto lineare (praticamente uno smarrimento concettuale alla Zenone di Elea!) è fantastica... Grazie Legnani per il suggerimento!
  • Discussione Zender • 6/12/10 12:57
    Consigliere - 45271 interventi
    Traseferito come previsto la news del viaggio iniziatico della banda dei 6 negli aprofondimenti. Eventualmente lì i commenti.
  • Discussione B. Legnani • 6/12/10 20:43
    Consigliere - 14457 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    L'idea del labirinto lineare (praticamente uno smarrimento concettuale alla Zenone di Elea!) è fantastica... Grazie Legnani per il suggerimento!


    per REBIS
    Quando Lönnrot, finito di ascoltare Scharlach, pur conscio di quanto sta per accadere, argomenta Zenone, io provo i brividi.
    *********
    Ti segnalo che il "grido inutile di un uccello", sentito da Lönnrot, viene ripreso - declinato in modo diverso, - da Borges, anche stavolta nel finale, ne "Il Vangelo secondo San Marco", racconto contenuto ne IL MANOSCRITTO DI BRODIE. Se non lo hai già letto, lèggilo rigorosamente dall'inizio...
    Ultima modifica: 7/12/10 11:11 da B. Legnani
  • Discussione Rebis • 7/12/10 08:13
    Contatti col mondo - 4326 interventi
    La narrativa di Borges è una rete mastodontica... Bene, allora procedo nell'affondo!
  • Discussione B. Legnani • 7/12/10 11:11
    Consigliere - 14457 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:


    per REBIS
    ... ne "Il Vangelo secondo San Marco", racconto contenuto ne IL MANOSCRITTO DI BRODIE. Se non lo hai già letto, lèggilo rigorosamente dall'inizio...


    Preciso che quel "lèggilo" è riferito al racconto, non al libro...
  • Discussione Rebis • 7/12/10 12:12
    Contatti col mondo - 4326 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:
    B. Legnani ebbe a dire:


    per REBIS
    ... ne "Il Vangelo secondo San Marco", racconto contenuto ne IL MANOSCRITTO DI BRODIE. Se non lo hai già letto, lèggilo rigorosamente dall'inizio...


    Preciso che quel "lèggilo" è riferito al racconto, non al libro...


    Ma certo ;)