Stop making sense

Media utenti
Titolo originale: Stop Making Sense
Anno: 1984
Genere: documentario (colore)
Note: Ripresa di tre concerti dei Talking Heads.
Numero commenti presenti: 4

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/12/10 DAL BENEMERITO ZIOVANIA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ziovania 20/12/10 13:23 - 337 commenti

I gusti di Ziovania

All'inizio c'è solo una scenografia scarna e David Byrne che con la sola chitarra esegue "Psycho killer". Un po' alla volta il palco si riempie, in un crescendo sonoro e visivo che va di pari passo con l'eccitazione ritmica. Quello dei Talking Heads è un sound selvaggio, primordiale e il film diventa coinvolgente.

Paulaster 12/05/17 10:39 - 2787 commenti

I gusti di Paulaster

Documentario sullo spettacolo dei Talking Heads (con parentesi dei Tom Tom Club, nati all’interno del gruppo) in cui oltre all’invettiva di Byrne viene aggiunto il tocco nelle riprese di Demme. Spettacolo che monta pian piano (anche per le scenografie): si passa da una radiolina iniziale fino a giungere al vestito gigante. Coinvolgente anche per la fisicità espressa dai musicisti, si concentra molto sulle loro espressioni con primi piani. Alta la qualità audio.
MEMORABILE: “This must be the place” cantata solo sotto una lampada.

Caesars 21/03/19 10:57 - 2698 commenti

I gusti di Caesars

Jonathan Demme ci porta ad assistere a un concerto (in realtà le riprese si svolgono in tre serate diverse) dei Talking Heads e cerca di far sì che la mdp interferisca il meno possibile con quanto avviene sul palco. Ovviamente a dominare la scena è il cantante/leader del gruppo: David Byrne. Ottima l'idea di "montare" pian piano la scenografia dello spettacolo, che parte col solo Byrne che interpreta "Psycho Killer" accompagnato dalla sua chitarra e (scenograficamente) da un mangianastri, per poi affiancarlo, via via, con tutti i musicisti.

Kinodrop 4/08/20 18:54 - 1506 commenti

I gusti di Kinodrop

Attraverso una scenografia in progress, dal a-solo (+ stereo) iniziale alla band al completo, Demme "ricuce" tre concerti dei Talking Heads catturandone le parti più coreografiche ed emozionanti, tenendosi quasi "in disparte" lasciando fluire la performance dei musicisti sul palco. In primo piano l'ego e il talento accentratore di Byrne che via via si estende al resto della band in un mix di ritmi e sonorità che pesca dall'afro al country, dalla new wave al gospel. Una visione quasi geometrica per una festa iperdinamica che si trasmette ancora intatta nonostante il tempo trascorso.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Caesars • 21/03/19 11:14
    Scrivano - 10760 interventi
    Nelle edizioni per l'home video (non so se in tutte) sono state reintegrate le esecuzioni delle canzoni "I Zimbra", "Big Business", e "Cities", escluse nel film originale. La durata totale passa così da 88 a 100 minuti. [fonte: Imdb e Wikipedia]