Stonewall

Media utenti
Titolo originale: Stonewall
Anno: 2015
Genere: drammatico (colore)
Note: Ricostruzione della rivolta di Stonewall, dal nome del locale "Stonewall Inn", un bar gay nel Greenwich Village, in cui nel giugno 1969 l'ennesima retata dalla polizia scatenò violenti scontri fra gruppi di omosessuali ed agenti. La rivolta è considerata il momento di nascita del movimento di rivendicazione dei diritti gay ed è commomerata con il Gay Pride.
Numero commenti presenti: 3

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/09/16 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 6/09/16 08:39 - 9623 commenti

I gusti di Daniela

Provinciale cacciato di casa una volta giunto a New York si unisce alla comunità gay che gravita attorno al locale Stonewall... Omosessuale dichiarato, E. tenta la carta dell'impegno, senza rinunciare alla dimensione spettacolare, fallendo su entrambi i fronti: come ricostruzione storica, il film è troppo approssimativo e pieno di stereotipi, come racconto di formazione di una coscienza civile non coinvolge, come non convince la troppo rapida trasformazione del protagonista da timida mammoletta a contestatore convinto. Ancora una volta, le buone intenzioni non bastano a fare un buon film.

Pigro 1/07/19 08:16 - 7897 commenti

I gusti di Pigro

Come racconto di un ragazzo gay della provincia anni 60 che si scontra contro i pregiudizi, ha le caratteristiche dell’innocuo film hollywoodiano dal prevedibile plot seriale, ma comunque discretamente narrato e utile a ricordare un’epoca (e a confrontarla con la nostra, nel bene e nel male). Come epopea di un movimento lgbt è invece carente, sia per le alterazioni storiche che mettono in secondo piano le trans (vere iniziatrici della lotta di Stonewall), sia per una certa approssimatività. Interessante soprattutto per un pubblico non lgbt.

Galbo 18/10/20 18:37 - 11445 commenti

I gusti di Galbo

Evento epocale nella lotta per il riconoscimento dei diritti dei gay, la dimostrazione di Stonewall viene raccontata da Roland Emmerich che ne trae un film a tratti godibile e ben realizzato ma eccessivamente “patinato“, nel quale la caratterizzazione dei personaggi non è sempre credibile; il protagonista infatti compie una svolta troppo repentina da ragazzo timido e represso a leader delle barricate e altri personaggi sono rappresentati con troppi cliché. Il film è comunque ben ambientato e interpretato con professionalità.  
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.