LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/10/10 DAL BENEMERITO SCHRAMM
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Schramm 8/10/10 13:26 - 2884 commenti

I gusti di Schramm

Vai a spiegare a Boll e ai suoi ierofanti (che da questo gingillo in poi gli attribuiranno addirittura maestria) che nel giocare in crescendo con l'eccesso sarebbe bene avere nella manica destra l'asso della sfumatura e nella sinistra il jolly dell'ambiguità, onde evitare il ruzzolone nella pozzanghera dell'artificiosità e della vuota coazione a ripetere: invece zero carbonella, Boll non recepisce la lezione di un Girl next door e si tiene unilaterale e di diafano spessore (e con lui il quintetto attoriale monoespressivo) nel gestire un andazzo proporzionalmente tedioso agli eccessi scodellati

Gestarsh99 30/10/10 13:33 - 1392 commenti

I gusti di Gestarsh99

All'interno di una cella carceraria una innocua partita a poker tra 4 detenuti degenera in un folle incubo di violenza. Boll si lascia definitivamente alle spalle le impresentabili video-sconcezze degli esordi e con questo claustrofobico esercizio di stile scandaglia, in modo programmatico, le reazioni umane alle restrizioni di spazio e libertà, incollando la camera su corpi percossi, frustrazioni represse ed istinti ingabbiati. L'escalation è sin troppo ostentata ma il gioco a rimpiattino delle confessioni mette a nudo tutto l'auto-inganno animale.
MEMORABILE: La vittima sacrificale costretta a mangiare da terra il proprio vomito.

Greymouser 1/12/10 23:40 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Il complimento migliore che si può fare a Boll per questo film è che non sembra roba sua! Non è poco, considerando la filmografia del nostro ineffabile regista. Qui almeno la sceneggiatura ha un senso, gli attori sono iscritti all'albo, la vicenda si lascia seguire, e si può anche assistere a qualche spunto efficace, nonostante la regia da sit-com televisiva. Boll vuole a tutti i costi colpire allo stomaco, disturbare, scandalizzare. Non ci riesce, ovvio, ma almeno fa il compitino da sei.

Daniela 11/12/10 11:32 - 11417 commenti

I gusti di Daniela

Quattro uomini rinchiusi fra le quattro pareti di una cella, una scommessa stupida ed ecco l'inferno. Passo falso di Uwe Boll, se aspira all'ambito titolo di peggior regista del mondo. Perchè Stoic è "cattivo" ma non mediocre ed il suo limite maggiore - il non lasciare alcuno spazio all'immaginazione - coincide col suo maggiore pregio: mostra tutto il peggio che si possa immaginare in quella situazione e date quelle premesse, ma senza indurre alcun compiacimento, con umiliazioni e violenze ripugnanti in modo insostenibile. Discreto il cast, con Furlong sadico e carogna da competizione.
MEMORABILE: Furlong trentenne ha la faccia di chi non pensa proprio a salvare il mondo (John Connor è un lontano ricordo), piuttosto a dargli fuoco

Pasolini 8/01/11 00:10 - 10 commenti

I gusti di Pasolini

Boll, che ultimamente sta rivelandosi un regista valido, dirige bene questo crudo dramma carcerario che non lascia di certo indifferenti per la sua brutalità. Ambientazione quasi claustrofobica: per tutta la durata del film i protagonisti son rinchiusi in una cella e Boll sa farci avvertire i loro stati d'animo, anche grazie alla telecamera sempre puntata sui loro corpi. Un lavoro molto ben svolto che consiglio, un po' pesante ma riuscito. Il fatto che sia tratto da una storia vera shocka ancor di più...

Jena 3/04/11 11:26 - 1372 commenti

I gusti di Jena

Forse inferiore a Rampage rimane un altro colpo a segno dell ex peggior regista del mondo. Boll come sempre si spinge a filmare l'insostenibile (quando ad esempio Sipos viene costretto a mangiare il proprio vomito) ma rimane indubbiamente bravo nell'aumentare la tensione passo dopo passo fino alla riuscita trovata finale; insomma, se la cava egregiamente anche in zona sceneggiatura. Rimane nella memoria lo sguardo porcino di Furlong, di rara perversione e il suo disfacimento fisico. Solo il finale risulta un po' tirato per le lunghe...
MEMORABILE: Per brutalità: Sipos che deve bere l'acqua del water, che mangia il suo vomito, che viene sodomizzato prima "dal vivo" poi con un bastone.

Pinhead80 12/01/12 15:41 - 4276 commenti

I gusti di Pinhead80

Arrivare alla fine del film senza aver avuto almeno una volta un rigurgito sembra essere un'impresa alquanto ardua. Più di una scena arriva diretta allo spettatore come un secco pugno nello stomaco. Boll finalmente trova un guizzo registico non da poco e trasmette per quasi un'ora e mezza un distillato di violenza al limite dell'accettabile. Furioso.

Capannelle 18/01/12 10:57 - 4040 commenti

I gusti di Capannelle

Il senso del disgusto scorre copioso lungo il filo e va dato atto a Boll di non risparmiarsi nulla e gestire il tutto con gelida efficacia. Ripetitivo, ostentativo, confinato in certi ambiti ma efficace. Con una personalità, quella interpretata da un redivivo Furlong, degna del miglior Canaro (senza averne le attenuanti) e capace di tirarsi dietro gli altri due compagni di cella in un girone dantesco che, inevitabilmente, riguarderà anche loro. Tutto accaduto veramente in un carcere tedesco nel novembre 2006.

Werebadger 18/07/12 12:13 - 270 commenti

I gusti di Werebadger

Da una storia vera: nella minuscola cella di un carcere, un giovane detenuto si rifiuta di pagar pegno per una scommessa persa; i suoi compagni di cella gliela faranno pagar cara. Una vera sorpresa, questo Stoic, da parte del discusso Boll (famoso per l'infima qualità delle sue pellicole), che confeziona un dignitoso prodotto di denuncia nei confronti della ferocia che l'uomo può manifestare in determinate situazioni. Zero sangue, ma tanta brutalità e disgusto, nonchè una tensione palpabilissima. Un colpo allo stomaco che non vi lascerà indifferenti.
MEMORABILE: Lo stupro con il manico di scopa (probabilmente mutuato da Lado e Prosperi).

Daniel Boileau HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Gestarsh99 • 4/04/11 12:15
    Scrivano - 19934 interventi
    Vedere qui Edward Furlong, l'ex ragazzino mingherlino di Brainscan ed American History X, così ingrassato ed imbalordito mi ha fatto davvero pena (e senso)...
  • Discussione Zender • 4/04/11 13:25
    Pianificazione e progetti - 45715 interventi
    Però bravo dev'essere, se lo chiamano ancora molto spesso.
  • Discussione Didda23 • 4/04/11 13:32
    Comunicazione esterna - 5772 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Però bravo dev'essere, se lo chiamano ancora molto spesso.

    Soprattutto ha molti progetti quest'anno e negli anni a venire.
    L'ho visto fare una piccola parte in The Green Hornet e colpisce parecchio per come è diventato.
  • Discussione Gestarsh99 • 4/04/11 13:37
    Scrivano - 19934 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Però bravo dev'essere, se lo chiamano ancora molto spesso.

    Bravo è bravo ma il suo disfacimento fisico è pesante. Non immagini nemmeno in che maniera stomachevole riesce ad imbruttirsi in questo film.
  • Discussione Didda23 • 4/04/11 13:42
    Comunicazione esterna - 5772 interventi
    Con tutti i problemi di alcool e droga che ha avuto è normale che il fisico ne abbia risentito.Anche in The Green Hornet è osceno.