Stephane, una moglie infedele

Media utenti
Titolo originale: La Femme infidèle
Anno: 1969
Genere: drammatico (colore)
Note: Aka "Stephane, la moglie infedele", "Stephane una moglie infedele".
Numero commenti presenti: 17

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 23/03/07 DAL BENEMERITO FLAZICH
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Flazich 23/03/07 12:24 - 658 commenti

I gusti di Flazich

Stupendo Chabrol, forse nel suo momento migliore. L'interpretazione della protagonista è affidata alla bravissima Stéphane Audran (sua moglie) e all'ottimo e sorprendente Michel Bouquet. Quello che colpisce è il contrasto reale che esiste tra i due coniugi, seppur sempre indiretto, e l'apparente tranquillità che invece, fintamente, si instaura quando c'è il figlio. Ma è debole e si manifesta nella scena del pezzo mancante del puzzle. Il finale, crudo, ricorda incredibilmente History of Violence.

Cotola 26/08/08 13:53 - 7517 commenti

I gusti di Cotola

Splendido film di Chabrol che ancora una volta mostra in questa pellicola tutte le sue indiscusse ed eccelse qualità. Quel che colpisce non è tanto la storia (non certo particolarmente originale), quanto piuttosto la magistrale capacità nel descrivere l'ambiente e la mentalità borghese (spesso splendidamente satireggiate nei suoi film), oltre che nel tratteggiare in maniera impeccabile i tre personaggi che animano l'intreccio. Bello e violento il finale. Da non mancare soprattutto per chi ama questo grandissimo regista francese.

Giacomovie 22/05/11 13:39 - 1347 commenti

I gusti di Giacomovie

La partenza è dimessa, con sequenze frammentarie, poi la trama ha uno sviluppo interessante. L'uso di musiche tetre crea il necessario clima drammatico. Grande la prova delgi attori, con la moglie enigmatica e ammaliante ed il marito all'inizio spaesato ma poi in parte. Il finale sul momento appare sospeso, ma pensandoci qualche secondo si rivela coerente nella sua asprezza. Rifatto nel 2002 (Unfaithful).

Ronax 21/12/11 20:22 - 906 commenti

I gusti di Ronax

Grande Chabrol d'annata che riesce nell'ardua impresa di far lievitare a livelli autoriali la più frusta delle trame: il classico triangolo (marito, moglie e amante) con delitto. Evitando accuratamente le scene madri, lasciando che la storia parli da sè senza forzature, Chabrol accompagna lievemente verso il baratro i suoi personaggi senza pedanti spiegazioni del loro agire, ma portando freddamente alla luce il legame inestricabile fra la banalità del male e i riti della famiglia borghese. Bouquet, la Audran e Ronet recitano in stato di grazia.
MEMORABILE: Anche Chabrol cede all'autocitazione: Bouquet passa in auto davanti a un cinema che annuncia la riapertura con Les biches, il suo film precedente.

Daidae 16/04/12 03:26 - 2738 commenti

I gusti di Daidae

Il valido regista francese Chabrol, autore discontinuo ma dotato, ci offre un altro thriller alla francese. Ambientazioni raffinate e borghesi, una sorta di denuncia della suddetta borghesia e un thriller che certo non è tra i migliori ma neppure sfigura. Direi che la sufficienza la strappa e una occhiata la merita sicuramente, anche se Chabrol farà poi di meglio.
MEMORABILE: Il trasporto del cadavere.

Mickes2 31/03/14 00:40 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Hitchcockiano nei toni e alienato nei comportamenti; un thriller drammatico che, attraverso un meccanismo a orologeria, sonda le dinamiche comportamentali della vita di coppia spogliando i personaggi dei propri valori fino a una resa dei conti interiore che implode distruggendo possibilità e futuro. Potente schiaffo in pieno volto alla borghesia, così succube dei propri tabù, così incatenata da retaggi etici, così insoddisfatta e frustrata da schivare ogni pensiero di verità per nascondersi dietro a maschere tanto invisibili quanto intrinseche.
MEMORABILE: La visita di Charles a Victor; L’incipit; Il bellissimo finale.

Deepred89 7/05/14 00:27 - 3282 commenti

I gusti di Deepred89

Vista la semplicità della trama e la sobrietà della regia, colpisce la capacità di questa pellicola (dramma su possibili corna nel primo tempo, thriller hitchcockiano nel secondo) di catturare l'attenzione dello spettatore dal primo all'ultimo fotogramma; merito forse del montaggio serrato, di una sceneggiatura che non si perde in lungaggini o del carisma degli interpreti. Il coinvolgimento resta altissimo fino a un finale maturo e sotto le righe, quasi improvviso, messo in scena con classe (che bella l'ultima inquadratura!). Da non perdere.
MEMORABILE: Lo sguardo della Audran mentre brucia il foglio compromettente: tracce di misoginia latente?

Daniela 3/10/15 14:30 - 9381 commenti

I gusti di Daniela

Coppia altoborghese vive in una villa dei sobborghi parigini insieme al figlioletto decenne, in apparente armonia ma mentre lui sembra aver raggiunto la pace dei sensi, lei cerca altrove chi le plachi i fremiti... Inizio in sordina per una "banale" storia di tradimento coniugale, che, dal fattaccio in poi, intriga e suscita interesse grazie alla sapienza della regia e alla classe degli interpreti. La colonna sonora accentua la tensione fino ad un bel finale sospeso. Nella sua raffinata semplicità, uno dei migliori film hitchockiani di Chabrol.
MEMORABILE: Nel prefinale, il volto enigmatico di Audran richiama quello, altrettanto misterioso, dell'"arma" del delitto

Liv 9/12/16 10:04 - 237 commenti

I gusti di Liv

Un "bourgeois" ha la mala sorte di trovarsi nel 1968 con un bel lavoro, una bella casa, un bel figlioletto biondo e una moglie attraente e più giovane di lui, che naturalmente lo tradisce. Farà una brutta fine (ma la moglie se la caverà egregiamente). La banale storia è raccontata con maestria da Chabrol, con grande accuratezza e deliziando lo spettatore, che sa già che finirà male, con l'immancabile senso di angoscia, con delicatezza, senza alcuna fretta.
MEMORABILE: Il simbolismo del "jig-saw" con il quale il bambino si intrattiene.

Saintgifts 6/09/17 11:13 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Asciutto, senza fronzoli, sottolineato da una musica inquietante, diretto con vera maestria. Chabrol riempie di dettagli, apparentemente insignificanti, una storia "di tutti i giorni" rapportandola ai suoi veri significati universali: la società, la famiglia, le diverse sfaccettature dell'amore, il "benessere" della borghesia e la zeppa (im)prevista che blocca il perfetto ingranaggio. È il marito a subire una profonda trasformazione: in un attimo viene riportato ai suoi istinti primordiali sepolti, ma non sopiti, sotto cortine di vuote apparenze.
MEMORABILE: Il mini tv portatile.

Kinodrop 24/01/19 17:24 - 1496 commenti

I gusti di Kinodrop

La vicenda ha l'andamento di un thriller quasi tradizionale, ma l'originalità e la classe del regista si rivelano nel ritrarre, quasi solo attraverso sguardi e allusioni, i risvolti psicologici di una coppia borghese in latente crisi affettiva. Si riscopre il carattere di un film trattato con quella cura delle riprese e del montaggio proprie della "grande stagione francese". Un gioco a tre, con tre protagonisti che hanno saputo dare volto all'inquietudine di un'inespressa connivenza. Il finale resta sospeso nei fatti ma non nell'intento drammatico.
MEMORABILE: Il trasporto del cadavere e l'incidente; L'interrogatorio della coppia; La foto bruciata; La confessione reciproca senza dire.

Rocchiola 8/11/19 16:56 - 864 commenti

I gusti di Rocchiola

Classico tradimento coniugale che va a finir male. Uno degli Chabrol più celebrati è una clamorosa bufala. Un thriller, se così vogliamo definirlo, noioso e poco scenografico che non punge nemmeno come critica dell’ambiente alto-borghese. Anche gli attori appaiono piuttosto spenti con qualche momento brillante giusto nel confronto tra il marito tradito (e si capisce anche il perché visto il soggetto molliccio oltre ogni limite) e l’amante della moglie. Improponibile poi l’accostamento con Hitchcock che era un gran virtuoso della cinepresa.
MEMORABILE: La visita all’amante della moglie; "La maggior parte delle donne crede di aver inventato il sesso, ma all’atto pratico sono tutte una delusione".

Myvincent 15/10/19 07:59 - 2549 commenti

I gusti di Myvincent

Una moglie infedele, un delitto (e il suo occultamento) in piena luce. Due coniugi, entrambi colpevoli di qualcosa, si confrontano l'uno di fronte all'altro, in questo dramma in cui Chabrol come al solito riesce a scavare nelle pieghe dell'ordinario quotidiano con la capacità di sempre. Attenzione ai gesti e alle espressioni a tutto campo, rivelatori molto più che tante parole superflue.

Nicola81 29/10/19 10:00 - 1952 commenti

I gusti di Nicola81

Uno dei film più emblematici di Chabrol, che ha il merito di rendere abbastanza piacevole una storia di ordinaria banalità e infedeltà coniugale. Ovviamente non dobbiamo attenderci suspense e colpi di scena, perché anche le concessioni al thriller (che emergono nella seconda parte) fungono da pretesto per rinfacciare alla borghesia i suoi vizi privati e la sua ipocrisia. Ottima direzione degli attori, da una Audran di sfuggente sensualità a un Bouquet dimesso solo in apparenza, passando per un Ronet efficace nel breve ruolo di terzo incomodo.
MEMORABILE: L'incontro tra Bouquet e Ronet; L'omicidio e l'occultamento del cadavere.

Faggi 6/01/20 16:22 - 1502 commenti

I gusti di Faggi

Con la complicità della bella musica dagli strani colori sonori (utilizzata in modo scientifico) e con l'inesorabile movimento di attori baciati dalla grazia, Chabrol materializza sin dai primi fotogrammi (la telefonata, per esempio) un ambiguo e subdolo clima di tensione, a metà strada tra il dramma borghese smaltato di giallo e le spirali della paranoia hitchcockiana. Implacabile e oliatissima la sceneggiatura; magia nelle soluzioni registiche; il bel finale in sospensione emotiva chiude con vaghezza - e precisione - il cerchio.

Anthonyvm 9/03/20 22:32 - 1922 commenti

I gusti di Anthonyvm

Classica storia di infedeltà e di trionfo dell'istinto sulle convenzioni e sulle ipocrisie di facciata, che nel contesto borghese in cui Chabrol opera assume toni provocatori. Nonostante lo sguardo freddo della mdp e la rinuncia alla spettacolarizzazione (al contrario del remake di Lyne), la tensione è sottile e costante (con punte hitchcockiane nella sequenza crime), il dramma subdolamente intenso. Ottima la tranche conclusiva, con la rottura degli equilibri familiari e i tentativi di risanarli (emblematica la scena del puzzle). Finale amaro.
MEMORABILE: La spiacevolissima formalità del dialogo fra il marito e l'amante; Il bagagliaio contenente il cadavere viene urtato; La Audran piange sul letto.

Giùan 18/03/20 14:52 - 2987 commenti

I gusti di Giùan

Deliziosamente chabroliano. Opera in cui un inquieto cinismo pervade ogni fotogramma e che il balzachiano regista francese gira in una sorta di stato di sospensione trasmessa come in trance ai personaggi, ai loro interpreti e offerta al voyeuristico occhio di chi guarda. Lo slittamento dalla fredda, ovattata routine del mènage familiare al glaciale palpitare post omicidio risulta quasi invisibile nella clamorosa meccanica stilistico/narrativa. Unica pecca certa ridondanza nell'occultamento del cadavere. Stephane al suo apogeo e Bouquet da non credere.
MEMORABILE: Le musiche rabdomantiche di Jansen; La fotografia livida di Rabier; La Audran ritrova l'indirizzo dell'amante nell'impermeabile; Il puzzle del figlio.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Cotola • 12/09/10 20:24
    Consigliere avanzato - 3627 interventi
    Ci ha lasciato un maestro del cinema mondiale, uno dei papà della Nouvelle Vague: Claude Chabrol.

    Mi mancherà l'appuntamento quasi annuale (lavorava con vigore nonostante l'età) con le sue pellicole, quasi sempre interessanti e quasi mai banali. Peccato: ormai gli "autori"
    sono sempre meno. Il mondo del cinema è più povero. Che la terra gli sia lieve.
  • Discussione Zender • 13/09/10 07:56
    Consigliere - 43509 interventi
    Eh già, ho sentito. Un nome importante che se ne va.
  • Curiosità Daniela • 3/10/15 14:33
    Consigliere massimo - 5124 interventi
    Il film di Chabrol ha avuto un remake nel 2002: Unfaithful - L'amore infedele, diretto da Adrian Lyne, con Richard Gere, Diane Lane e Olivier Martinez.
  • Homevideo Xtron • 15/10/17 15:21
    Servizio caffè - 1831 interventi
    Il dvd RAROVIDEO / MUSTANG / CECCHI GORI

    Audio italiano e francese
    Sottotitoli italiano e inglese
    Formato video 1.66:1 anamorfico
    Durata 1h33m58s
    Extra: Trailer, intervista a Claude Chabrol e Andrè Labarthe, "La genesi di Stephane", booklet di 16 pagine

    Il master utilizzato è di qualità medio-bassa. I titoli di coda sono tagliati.

    immagine a 10:08

    Ultima modifica: 15/10/17 16:51 da Zender
  • Homevideo Rocchiola • 8/11/19 16:59
    Call center Davinotti - 1133 interventi
    C'è poco da aggiungere, questa volta la Raro Video ha toppato. Immagine scadente a livello di definizione, sbiadita e appannata. In più c'è anche qualche difettuccio sparso (macchie, graffietti). La durata sulla cover è indicato come 98 minuti ed il formato video come 1.78 anche se poi sul televisore si adatta perfettamente allo schermo 16:9 cioè un classico 1.85. Audio italiano accettabile ma anch'esso non eccelso. Sconsigliato.
  • Homevideo Caesars • 8/11/19 17:23
    Scrivano - 10682 interventi
    Ciao Rocchiola,
    una precisazione: dici che il film si adatta perfettamente al televisore 16:9. Ma quello è proprio il formato 1.78:1, non 1.85:1. Quindi il dato riportato sulla cover è corretto.
  • Homevideo Rocchiola • 8/11/19 20:06
    Call center Davinotti - 1133 interventi
    Si scusa ho fatto un pò di confusione, volevo dire che l'1.66 riportato in copertina si adatta in verità perfettamente alle dimensioni del televisore 16/9 corrispondente al formato 1.78. Quindi l'informazione di copertina è errata.
    Ultima modifica: 8/11/19 20:30 da Rocchiola
  • Homevideo Caesars • 11/11/19 08:50
    Scrivano - 10682 interventi
    Grazie per la delucidazione, Rocchiola. Ora tutto chiaro.