Starship troopers - Fanteria dello spazio

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Starship troopers
Anno: 1997
Genere: fantascienza (colore)
Note: Tratto dal romanzo di Robert Heinlein.
Numero commenti presenti: 36
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Uno dei più noti romanzi della fantascienza classica, scritto dal bravo Robert Heinlein (che però ha avuto mano più felice in altre occasioni), viene portato sul grande schermo da Paul Verhoeven, specialista in fantascienza d'azione (suoi ROBOCOP e ATTO DI FORZA) e uno dei pochi in grado di rivaleggiare con i titani del genere Roland Emmerich e James Cameron. Ne è uscito come si poteva prevedere un film anacronistico nella storia e futuristico per gli effetti speciali (quasi tutti realizzati in computer graphic). Anacronistico perché ci si accorge subito che la concezione manichea della struttura narrativa è figlia...Leggi tutto di un'epoca ormai remota per la fantascienza (pur se tornata prepotentemente alla ribalta con lavori quali INDEPENDENCE DAY e MARS ATTACKS!), futuristico perché la perfezione tecnica con cui sono stati ricreati i terribili aracnidi ha dell'incredibile: i loro movimenti sembrano naturali quanto quelli dei protagonisti in carne e ossa! Purtroppo il difetto sta nella sceneggiatura che, poggiando su un soggetto chiaramente reazionario (colpa del romanzo di Heinlein, che si salvava solo grazie al senso dell'umorismo dell'autore e alla sua capacità di saper scrivere in modo piacevole), risulta immancabilmente sorpassato e tristanzuolo. Verhoeven inizialmente cerca la via della satira e della critica sociale, ma poi deve sottostare alle logiche puerili del romanzo per non snaturarlo completamente. La prima cosa che comunque salta agli occhi è l’altissimo e inaspettato tasso splatter del film; era dai tempi gloriosi degli horror anni 80 che non si vedeva tanto sangue: decapitazioni multiple, succhiamenti di cervello, sventramenti a catena, uomini dilaniati dagli aculei mortali dei ragni, amputazioni sistematiche di ogni arto, lanci di fiamme incenerenti, paesaggi di morte con torme di cadaveri ridotti a brandelli di carne putrefatta, fucilate a sangue freddo e via di questo passo. Un ritorno così smaccato allo spargimento gratuito di frattaglie non era sicuramente atteso e alla fine risulta il vero punto di forza del film, assieme alla grande abilità di Verhoeven di creare spazi inusuali e sequenze visionarie di grande effetto, come le battaglie stellari combattute dalle flotte di supporto. La prima mezz'ora è insopportabile, così come le scene di raccordo tra un'azione e l'altra. I protagonisti sembrano usciti da MELROSE PLACE, più finti di Barbie e Ken. Ma in fondo è anche questo che ci fa capire quanto Verhoeven voglia avvicinare quanto più possibile la parodia.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 3/02/07 17:21 - 4765 commenti

I gusti di Puppigallo

Gli insetti giganti di un lontano pianeta minacciano la Terra scagliando meteoriti. La guerra è inevitabile. Entra in azione la fanteria dello spazio. Due ore di sano divertimento condito con una certa ironia. (gli spot contro gli insetti, o i servizi del TG per spiegare ai militari come eliminarli). Gli effetti sono di tutto rispetto (gli insettoni mantide sono notevoli e i mega scarabei che sparano plasma nello spazio fantastici) e vengono accompagnati da una buona dose di splatter. I dialoghi qua e là scivolano troppo nel puerile, ma ci può stare, visti i protagonisti e la situazione.
MEMORABILE: L'insetto volante all'attacco; L'assalto all'avamposto; L'insetto cervellone con il pungiglione aspirante; Centinaia di colpi per abbatterne solo uno.

Stubby 22/02/07 00:19 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Mi sovviene una sola esclamazione per descrivere questo film: BLASTAZIONE TOTALE! Sicuramente uno dei migliori film di fantascienza degli ultimi anni, nonostante la storia estremamente semplice. Verhoeven ha voluto attori sconosciuti e si capisce subito il perchè... chiunque può morire da un momento all'altro, non ci sono primedonne ma solo uomini da mandare al macello. Nota di merito per Clancy Brown, il sergente di ferro Zim e per il generale Raszack (Michael Ironside).

Galbo 20/05/07 07:21 - 11769 commenti

I gusti di Galbo

Riuscita satira dei regimi dittatoriali e parafascisti in salsa fantascentifica, questo film di Verhoven riesce nell'intento di proporre un film nel contempo action e di critica sociale. Gli effetti speciali sono di tutto rispetto e (volutemente credo) la psicologia dei personaggi è assolutamente inesistente: il regista li dipinge come delle specie di fotomodelli pronti alla guerra in nome della salvezza della specie superiore (la loro ovviamente).

G.Godardi 12/06/07 20:32 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Paul Verhoeven finalmente di nuovo in forma con un fanta-action avvincente. Tratto da un noto romanzo sci-fi, è una sorprendente satira sui totalitarismi e la mistificazione dei media. Molti punti in comune con Robocop (specie nella parte dedicata appunto alle informazioni trasmesse dai mass-media, che se nel film precedente erano trasmesse dalla tv qui sono invece appannaggio di internet). Nettamente diviso in due parti, di cui la prima è la più riuscita. Protagonisti un po' anonimi, si riscatta coi comprimari (Brown e Ironside). Bello ma frainteso.

Caesars 11/06/07 10:26 - 3146 commenti

I gusti di Caesars

Filmettino senza pretese che può anche divertire, se si sta al gioco. La trama è inesistente, la psicologia dei personaggi pure, contano solo l'azione e gli effetti speciali. Gli interpreti principali sono anonimi e sembrano usciti da un qualunque programma stile "Beautiful"; meglio di loro fanno i più esperti Michael Ironside (nella parte del professore/tenente) e Clancy Brown (lo stereopatissimo sergente). Trascurabile.

Tomslick 2/01/08 23:17 - 205 commenti

I gusti di Tomslick

Praticamente un cartone animato violento e crudele. Girato benissimo da Paul Verhoeven, che muove la macchina da presa con sicurezza invidiabile, è un film che prende in giro e smitizza la guerra ed il machismo senza però riuscire (malgrado tutto?) a ridicolizzarle, visto che la realtà non è (e non è stata) poi tanto diversa. Gli effetti speciali sono straordinari, i cattivi (cioè gli insetti) sono cattivissimi, ed alcune scene sono davvero per stomaci forti. Da rivalutare, se non altro per quel che riguarda la pura regia.

Capannelle 25/01/08 12:28 - 3994 commenti

I gusti di Capannelle

A metà tra il film tv (come trama e sviluppo dei personaggi) e il fumetto. Salverei qualche effetto speciale che vede protagoniste le cattivissime cavallette, ma la trama è abbastanza inconsistente e soprattutto i personaggi sembrano usciti da un concorso di bellezza californiano sponsorizzato dalla Mattel e dalla Colgate. Sergente di ferro a parte, gli altri attori meriterebbero veramente lo spazio profondo.

MAOraNza 30/08/08 19:21 - 204 commenti

I gusti di MAOraNza

Misurarsi con un caposaldo della letteratura di fantascienza non è facile ma in "Starship Troopers" Paul Verhoeven mostra tutta la sua grande versatilità realizzando una pellicola sarcastica, tecnicamente ineccepibile, crudele e cruenta. Ottima la scelta del cast e della sceneggiatura, dove Verhoeven riprende alcune idee avute nel primo Robocop (il bombardamento mediatico e propagandistico del "regime") e in Atto di Forza. Adrenalinico.
MEMORABILE: Spot: dei bambini schiacciano degli scarafaggi con i piedi e urlano "Anch'io faccio la mia parte!"

Cif 8/01/09 19:26 - 272 commenti

I gusti di Cif

La cosa che più fa apprezzare questo film è il ritmo. Non ha infatti alcuna pretesa di essere un capolavoro della fantascienza, ma si lascia vedere con piacere. Tutto scorre come un cartoon: dai mostri ai personaggi quasi da sit-com americana, con un sottofondo classicheggiante di musica alla Guerre stellari. Insomma, intrattiene piacevolmente. Gli attori appaiono affiatati e rendono il film corale. Simpatico. Tre pallini.

Onion1973 2/01/09 16:50 - 157 commenti

I gusti di Onion1973

Un film di fantascienza pieno di azione e mostri del tipo "Kill'em all". Se non si prende troppo sul serio, guardabile. La caricatura di una società para-fascista, basata su competizione estrema, ordine e disciplina, coglie nel segno e risulta adeguatamente fastidiosa, tanto da rendere i personaggi (belli e bravi) antipatici al punto giusto per vederli massacrarsi con degli insettoni ripugnanti. Film zanzaresco.

Paul Verhoeven HA DIRETTO ANCHE...

Rebis 4/09/09 01:24 - 2164 commenti

I gusti di Rebis

Piuttosto che una parodia del cinema reazionario, Starship Troopers è una visione fantascientifica strutturata – senza sublimazioni – a partire dagli istinti primari, ludici e guerrafondai, che riesce a mettere in chiaro almeno una cosa: la rabbia del genere umano nell’economia dell’Universo ha l’incidenza di un virus influenzale. Verhoeven manipola tutti i codici e gli stereotipi del cinema reaganiano elaborati a partire dagli anni ’80 e, slanciandoli verso la loro massima iperbole, dà vita a uno spettacolo rutilante, sarcastico e di viscerale divertimento. Persuasivo.

Daniela 15/03/09 14:24 - 11075 commenti

I gusti di Daniela

Ispirandosi ad un romanzo minore di Heinlein, Verhoeven arruola un esercito di Ken e Barbie, ipervitaminizzati e plasticosi, e li manda allegramente a massacrarsi contro orde di insettoni giganti alieni, condendo il tutto con robuste dosi di ironia (i maestri sono tutti mutilati, i filmati tv danno consigli spassosi su come affrontare il nemico) e altrettante dosi di splatter. La satira antimilitarista però passa in secondo piano, o addirittura rischia di essere dimenticata, di fronte al ritmo forsennato dell'azione. Disgustosamente divertente.
MEMORABILE: Lo slogan "L'unico insetto buono è un insetto morto!" - L'assalto al fortino, con gli insetti alieni al posto dei tradizionali indiani

Undying 22/02/10 18:07 - 3816 commenti

I gusti di Undying

Nel futuro la democrazia è costretta a ceder posto ad un governo militare e la Terra, nel suo complesso, deve difendersi da forme (aracnidi) aliene. Il potere dell'uomo - (solito egocentrico e) soprattutto quello lìgio ai dettàmi militari - è imbattibile, tanto più se fan parte della combriccola supermen dotati di poteri E.S.P. Robert Heinlein, autore del testo ispiratore, vinse nel 1981 il premio Hugo. Paul Verhoeven, bontà del pubblico, intascò un bel gruzzolo e la (mega)produzione non si fece scappare la gallina dalle uova d'oro dando al film ben due sfacciati sequel. Effettacci a iosa...

Mdmaster 17/11/10 17:09 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Il grande ritorno alla fantascienza di Verhoeven non poteva essere più clamoroso che con Starship Troopers, pellicola che unisce rapporti umani a livello di soap opera con masse di insettacci schifosi arrabbiati come non mai. Insomma, non è certo qualcosa da prendere sul serio, per fortuna, ma semplicemente per divertirsi e godersi un trip davvero unico. Girato davvero bene, la frecciatina alla guerra e alla sua inutilità non va a segno, ma il resto è pura fantascienza godereccia grondante melma aliena. Bon appétit.

Greymouser 3/05/10 16:41 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Verhoeven firma un incredibile e inaspettato capolavoro tra fantascienza ed horror, ma usando i generi solo per proiettarsi in una sarabanda di sottotesti che vanno dalla critica al militarismo alla denuncia della manipolazione mediatica o della massificazione sociale. E tutto questo senza mai abbandonare il filo di una narrazione coinvolgente, sostenuta da un'ottima sceneggiatura, da grandi effetti speciali, da una brillante fantasia visionaria e da un senso del ritmo ineguagliabile. Stupisce e fa riflettere, fra cinismo e poesia.

Belfagor 28/05/10 13:23 - 2647 commenti

I gusti di Belfagor

Visto con gli occhi di un bambino potrebbe sembrare un clone in versione splatter di Independence Day, ma i più grandicelli potranno apprezzare in pieno questa grottesca parodia di certe ottuse pellicole reaganiane. Verhoeven strizza l'occhio ora alla Riefenstahl, ora allo sci-fi anni '50, prendendo di mira quel fascismo a stelle e strisce sempre latente nella glorificazione militarista e nella propaganda manichea. Sarcasticamente, morbosamente patinato fino all'esagerazione: un'ottima ammenda dopo Showgirls.
MEMORABILE: Gli spot propagandistici.

Trivex 16/11/10 12:26 - 1607 commenti

I gusti di Trivex

Ci sono davvero buoni e strani elementi, tra insetti e divise scure (anche troppo buie e simboliche), splatter e adeguati mezzi che rendono serio un azzardo cinematografico. Inquadrato e marziale, esagerato (come i film di Verhoeven), si può dire anche autoritario, forse. Ma sdrammatizzato dal nemico, incredibile nella sua struttura e nella multiformità (insetti di dimensioni variabili, dal piccolo elementare a quello gigantesco che distrugge le astronavi). Comunque un film divertente, a tratti giovanilistico, altrove guerrafondaio, mai noioso.
MEMORABILE: L'attacco al fortino; gli insetti giganti che sparano alle astronavi; l'addestramento dirompente.

Supercruel 23/01/11 03:01 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Paul Verhoeven, ovvero uno dei registi meno compresi e riconosciuti degli ultimi decenni. Starship Troopers si inserisce in maniera esemplare nella carriera americana del regista. L'abilità è tutta nella mediazione: il film è un giocattolone bombastico e divertente, pompato, veloce e ricco di effetti speciali di prim'ordine dove, però, non si lesina tagliente critica sociale e politica (universo orwelliano, i tg, etc ...). Cast perfetto: Barbie e Ken, belli, perfetti, di plastica, al massacro. Da rivalutare.

Mickes2 30/04/11 13:59 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Gran bel film fin troppo sottovalutato. Pecca senza dubbio nelle fasi più attoriali (alcuni scambi e dialoghi sono piuttosto impacciati e forzati), ma la verve che sa mantenere la pellicola è davvero molto buona. Un film muscoloso, coinvolge grazie anche ad un bel montaggio, grandi effetti speciali (non fini a se stessi), con un’ottima motivazione di fondo: la dittatura militare che concede pieni diritti civili solamente a che combatte. Gli spot propagandistici sono un’altra sottile critica all’organizzazione militare USA. Buono.
MEMORABILE: "Medico!!!". "Io ho una regola: tutti fanno il loro dovere, nessuno molla. Se non fate il vostro dovere vi ammazzo io stesso!"

Ishiwara 24/05/11 22:12 - 214 commenti

I gusti di Ishiwara

Sembra pura fantascienza di serie B, ma Verhoeven ha spinto molto sull'aspetto satirico. Falangi di marines di ambo i sessi con facce da soap opera in uniformi simil-wehrmacht si lanciano a testa bassa contro l'insettiforme nemico salvo prendere una sonora batosta e dover passare ad una più prudente strategia: diverse analogie con la politica estera della destra made in USA. Molto splatter ed abbastanza divertente. L'aspetto drammatico non funziona. Resta un mistero il perché tra le mega-astronavi e i poveri fanti non ci siano vie di mezzo: Tank?!

Denise Richards HA RECITATO ANCHE IN...

Kekkomereq 14/12/11 21:16 - 359 commenti

I gusti di Kekkomereq

Dopo il periodo erotico, terminato con il flop del mio cult Showgirls, Paul Verhoeven ritorna alle origini. Infatti "Starship Troopers" è come RoboCop: il livello di testoterone è a mille. Gli attori non sono niente di speciale, mentre la sceneggiatura è veramente superba. Ottimi anche gli effetti visivi e quel tocco di splatter che non guasta mai. "Starship Troopers" dimostra ancora una volta che Verhoeven è un ottimo regista di film di fantascienza e non di film erotici.

Deepred89 18/02/12 04:06 - 3458 commenti

I gusti di Deepred89

Tra fanta-horror, satira antibellica e commedia adolescenziale, una pellicola brillante e ritmata, arricchita da buoni effetti speciali (molto ben realizzato il trucco "anatomico" del capo degli insetti) e gustosi tocchi splatter. Personaggi volutamente sgradevoli e superficiali (interpretati - scelta azzeccatissima - con attori con volti da telefilm) rendono difficile l'immedesimazione: da ciò deriva una certa latenza di vere emozioni, anche se il divertimento rimane costante dall'inizio alla fine, così come il cinismo del messaggio.

Gaussiana 6/05/12 23:49 - 121 commenti

I gusti di Gaussiana

Per fortuna a un certo punto mi sono convinto che questo film fantascientifico contenga anche una critica sociale a certe potenze politiche, ai regimi militari in generale e alla loro ottusità. Questo perché i personaggi ostentano ottusità a ogni parola e dunque ben presto i dialoghi sono quelli di persone prive di un vero cervello. Gran quantità di effetti speciali, gente inutile e devota al massacro contro insettoni giganti per concedere anche una buona dose di splatter allo spettatore, che non guasta mai. Sfottò per gli eroi tutti muscoli.

Darkknight 16/07/12 10:25 - 353 commenti

I gusti di Darkknight

Verhoeven lascia tra le righe la vera forza del romanzo (la descrizione di un’ipotetica società fascista e giusta al tempo stesso) prediligendo la spettacolarità dei combattimenti. Ma calca talmente la mano sull’eroismo dei soldati machi che finisce per fare una parodia di quei valori militari (disciplina, spirito di sacrificio, senso del dovere ecc.) che il libro esaltava. Un intento ironico comunque non colto dai più, che l’hanno preso sul serio e vi hanno letto un elogio del nazismo. Ben gli sta.
MEMORABILE: Le scene d'azione e gli effetti speciali (che non risentono dei quindici anni trascorsi).

Zardoz35 2/11/14 10:54 - 270 commenti

I gusti di Zardoz35

Buon film diretto da un ritrovato Verhoeven. Una Terra del futuro governata da un regime fascistoide in guerra con ferocissimi alieni aracnidi, mostri metallici che non prendono prigionieri. La pellicola è tutta un massacro indiscriminato, da una parte e dall'altra, ma importante è il tono satirico e di condanna verso i regimi dittatoriali. Attori inguardabili, bambocci che sembrano fotomodelli mandati al massacro. Si salvano solo Busey jr e il veterano Ironside.
MEMORABILE: Il sergente Zim, unico personaggio vero del film.

Schramm 10/01/15 17:40 - 2726 commenti

I gusti di Schramm

Alla vexata questio “Siamo soli?” Verhoeven non ha dubbi: siamo male accompagnati. Per panspermia, aracnidi evoluti inceneriscono 3/4 del pianeta ed è guerra interplanetaria senza esclusione di colpi. Senza esclusione di colpi è anche il cinema del vecchio lupo Verhoeven: il colpo d’occhio del maestoso entertainment va a mischiarsi senza sbavature con quello al cerchio della retorica militarista e della metafora neocolonialista (arbitrato da uno splatter assai generoso e inusitato per un blockbuster), e quello alla botte di una parodia di tutto il cinema vessillifero dell'orgoglio bellico Usa.

Bizzu 30/01/15 14:39 - 210 commenti

I gusti di Bizzu

Un film multiforme come pochi altri, tamarro ma sotto sotto preciso e senza un elemento fuori posto: ottimi i volti usati, l'estetica da space marines, gli scontri con gli alieni. Non c'è una sola scena inutile o ripetitiva, non c'è mai la sensazione che si vada avanti col pilota automatico, tutto ha un senso nell'economia del film. Un film di contrasti: alla fotografia luminosa e alle facce pulite si contrappone la disperazione (chiunque può morire in qualsiasi momento, non ci sono sconti), a cui a sua volta fa da contrasto il grottesco humour.

Furetto60 24/07/15 10:08 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Fantascientifico antimilitarista che fa dell’ironia e di varie citazioni il punto forte. I fanti spaziali sono mandati allo sbaraglio, senza tattiche e armi adeguate, contro insettoni giganti individuati come nemico, nemico che coagula gli interessi e gli ideali di una generazione. Tra evidenti e volute esagerazioni, storielle rosa intrecciate ed effetti speciali niente male, il tempo trascorre piacevolmente e resta anche tempo per chiedersi chi siano i “buoni”.
MEMORABILE: Volete sapere di più?

Modo 15/08/15 18:55 - 877 commenti

I gusti di Modo

Partiamo dicendo che per essere un film oramai datato gli effetti speciali sono notevoli. La storia invece è di una banalità assoluta. Le battaglie sono spettacolari mentre i personaggi insulsi, forse volutamente per deriderne le qualità da "macho-marines". Fra scene splatter, zanzaroni schifosi, mitragliate infinite, non ci resta che aspettare la fine incuriositi di come andrà a finire. Nonostante tutto passabile.

Pinhead80 18/10/15 18:29 - 4198 commenti

I gusti di Pinhead80

Paul Verhoeven è senza ombra di dubbio uno dei registi più versatili che si possa incontrare al cinema e questo lavoro ne è la conferma. La truppa all'assalto degli insettoni cattivi è degna di un qualsiasi spot pubblicitario che farebbe felice le donne di Stepford e i telegiornali proposti sono la riprova della solenne prese in giro a un sistema assurdo e guerrafondaio. Capisco che possa anche non piacere ma è evidente come il messaggio del regista arrivi forte e chiaro al suo pubblico.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Jurgen77 2/03/16 13:27 - 630 commenti

I gusti di Jurgen77

Bella visione futuristica di una civiltà nazi-oriented. Film minimale che inventa questa civiltà futura tutta ariana-guerriera-culto del corpo e di bassissima cultura. Molto ben fatti e a tratti molto splatter gli effetti speciali. Storia fondamentalmente semplice ma che intrattiene. Messaggio buonista finale come da copione.
MEMORABILE: L'attacco degli aracnidi.

Jena 28/11/16 17:45 - 1367 commenti

I gusti di Jena

Uno dei migliori film di Verhoeven. Si parte dal già celebre romanzo di Henlein dipingendo una società militarista e paranazista, asettica e violenta, che però rimanda ironicamente alla nostra, o perlomeno a quella Usa (vedi i divertentissimi inserti pubblicitari). Ottimi gli effetti speciali e gli scontri con le creature, con rissvolti splatter. Comparto di giovani attori abbastanza buono, ma poi spiccano i veterani Ironside e Clancy Brown. Da non perdere per chi ama la fantascienza dura e pura.

Homesick 24/12/16 14:06 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Battaglie spaziali contro aracnidi alieni. Verhoeven recupera l'estetica della fantascienza anni Cinquanta e Sessanta e lo spirito del cinema bellico-avventuroso classico - azione muscolare, sparatorie, rivalità, onore, amicizia, eroismo, missioni a prova di morte -, con la gradita variante di un cameratismo promiscuo che vede reclute maschi e femmine dormire e fare la doccia tutti insieme senza problemi. Mano decisa su uno splatter di tipo fumettistico. Grandi Ironside e la Mayer.
MEMORABILE: Il capo degli aracnidi alieni con la bocca a forma di vagina.

Piero68 14/04/17 09:47 - 2851 commenti

I gusti di Piero68

Nonostante gli effetti del grande Tippet e il lavoro di quello che era un signor regista il film, appena uscito, suscitò non poche perplessità visto che poteva tranquillamente passare per un B-movie; sia per un cast assolutamente anonimo, sia per alcune scelte tecniche e di narrazione. In realtà lo scopo di Verhoeven era quello di creare una sorta di ibrido in cui la critica al sistema militaristico e imperialista Usa, doveva essere la trama portante. Divenuto una sorta di cult ancora oggi mi chiedo cosa sarebbe stato con attori più capaci.

Taxius 5/09/17 19:21 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Divertente film di fantascienza anni 90 in cui un Paul Verhoeven in grande spolvero si diverte a mandare al macello un esercito di ragazzi e ragazze; a compierlo saranno un'orda di insettoni inferociti. Innumerevoli i messaggi antimilitaristi che fanno sembrare tutto il film una satira nonché una critica verso l'America e il suo rapporto con la guerra. Effetti speciali spettacolari per l'epoca e un ritmo davvero incalzante.

Vito 22/04/18 17:50 - 686 commenti

I gusti di Vito

Verhoeven sforna al solito un grandioso film di fantascienza. I corpi scolpiti e plastificati di attori da telefilm per teenager americani come Van Dien o la Richards vengono messi in divise alla Hitler-Jugend e mandati alla guerra intergalattica come fosse un videogame. Gli scontri dei soldati con gli insettoni giganti sono ultra-splatter tra carne, sangue, budella e frattaglie ben esposte, le scene d'azione violentissime dall'inizio alla fine. Una tragica satira al vetriolo sul sistema xenofobo e sul patriottismo guerrafondaio americano.
MEMORABILE: Il mostro finale che ricorda una vagina gigantesca!
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Mco • 13/12/11 12:21
    Scrivano - 9906 interventi
    Pensate che al museo Kunsthistorisches museum di Vienna "la Pelliccetta" di Rubens aveva i capezzoli coperti e solamente in seconda serata la si poteva vedere integra... Ah ah ah ah
  • Homevideo Rebis • 13/12/11 16:59
    Contatti col mondo - 4326 interventi
    Il film comunque è stato trasmesso in tv anche in versione integrale: ho controllato la mia registrazione da Rai 3 di qualche anno fa (direi, a memoria, in seconda serata) è non manca nulla, a parte i titoli di coda un po' segati :)
    Ultima modifica: 13/12/11 16:59 da Rebis
  • Discussione Buiomega71 • 13/12/11 17:14
    Pianificazione e progetti - 23507 interventi
    Che fosse stato tagliato in seconda serata non sapevo, credevo fosse stato dato in prime time.

    Mha, mi sembra strano che il divieto al film sia stato revocato, perchè il dvd a noleggio presentava ancora il divieto ai 14.
  • Discussione Rebis • 13/12/11 17:22
    Contatti col mondo - 4326 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Che fosse stato tagliato in seconda serata non sapevo, credevo fosse stato dato in prime time.

    Mha, mi sembra strano che il divieto al film sia stato revocato, perchè il dvd a noleggio presentava ancora il divieto ai 14.


    Sì, infatti, anche le ristampe e le varie riedizioni (tipo il blue ray e la collector's) presentano il divieto ai minori di 14.
    Ultima modifica: 13/12/11 17:23 da Rebis
  • Discussione Buiomega71 • 13/12/11 17:24
    Pianificazione e progetti - 23507 interventi
    Quindi NON è stato revocato, ma rimane il divieto ai 14
  • Discussione Daniela • 13/12/11 23:11
    Gran Burattinaio - 5728 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Quindi NON è stato revocato, ma rimane il divieto ai 14
    La notizia della revoca, disposta con revisione ministeriale nel 2007, si trova in rete, come qui:
    http://www.avvangelogreco.it/wp/censura-addio-controllo-preventivo/
  • Discussione Buiomega71 • 14/12/11 03:40
    Pianificazione e progetti - 23507 interventi
    Strano Daniela, allora non si spiega il perchè circoli ancora in home video con il divieto ai 14(confermato pure da Rebis).
  • Discussione Caesars • 14/12/11 09:38
    Scrivano - 14388 interventi
    Secondo me i divieti che compaiono su VHS, dvd e blu-ray sono da prendere con le molle, non credo siano sempre esatti.
  • Discussione Rebis • 14/12/11 16:32
    Contatti col mondo - 4326 interventi
    Mah, a me pare che in rete ci sia solo una gran confusione in merito...

    Il film dopo il 22 maggio 2007 (data della presunta revoca) è stato trasmesso in tv CENSURATO altre due volte: 6 settembre 2010 e il 25 giugno 2011 da Rai Movie, sia in prima che in seconda serata...

    Pare anche che la Rai abbia ricevuto da BIM una versione del film "con visto di censura per la trasmissione senza vincoli di orario" (cioè ripulita, e forse la revoca si riferisce a tale versione) al posto di quella integrale e l'abbia messa in onda in seconda serata come tale, ignara di tutto... salvo poi scatenare il putiferio che sappiamo...

    http://affaritaliani.libero.it/cronache/gay-brockback-mountain-091208.html
    Ultima modifica: 14/12/11 17:03 da Rebis
  • Homevideo Raremirko • 18/01/13 22:20
    Addetto riparazione hardware - 3806 interventi
    Ma in dvd c'è solo la special edition 1 disco?

    è l'unica esistente?