Stanno tutti bene

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Everybody's Fine
Anno: 2009
Genere: sentimentale (colore)
Regia: Kirk Jones
Note: Remake di "Stanno tutti bene" di Giuseppe Tornatore (1990).
Numero commenti presenti: 18
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/11/10 DAL BENEMERITO GALBO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 24/03/16
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Tyus23 29/11/10 23:59 - 220 commenti

I gusti di Tyus23

De Niro trova finalmente un ruolo da protagonista nelle sue corde in questo riuscito remake di un film italiano del 1990. Jones fortunatamente non punta alla lacrima facile e, anzi, si affida proprio all'istrionico attore per qualche scena che regala un sorriso, nonostante la malinconia di fondo. Il tocco registico è leggero e grande spazio è dato alla recitazione degli attori, tutti ottimi e in parte. Buono.

Giapo 22/11/10 17:49 - 232 commenti

I gusti di Giapo

Un bel tema sviluppato in modo un po' banale e maldestro, con importanti spunti di riflessione ridimensionati dal carattere un po' ruffiano dei buoni sentimenti. Nel complesso il film comunque si segue gradevolmente e le flessioni della sceneggiatura sono ben compensate dalla convincente prova del bellissimo cast (De Niro in primis), che emoziona e commuove.

Galbo 16/11/10 07:17 - 11343 commenti

I gusti di Galbo

Giunto alla pensione, un vedovo intraprende un viaggio per andare a trovare i quattro figli che non vede da tempo. Remake americano di uno dei primi film di Giuseppe Tornatore, è il raro esempio di un rifacimento che supera l'originale. La storia di Frank è raccontata con grazia, per fare emergere al meglio la figura di un padre che va gradualmente incontro alle sue disillusioni. Si tratta inoltre di una delle migliori performances di De Niro da parecchi anni a questa parte con il grande attore peraltro circondato da un buon cast.

Markus 20/11/10 00:15 - 3254 commenti

I gusti di Markus

Remake assolutamente superiore all'omonimo film di Tornatore con Mastroianni: l'originale è infatti infarcito d’immagini stucchevoli ed improbabili che lo rendono nel complesso abbastanza irritante, malgrado sia il modello. Il pezzo forte è evidentemente la grande interpretazione di un De Niro che finalmente, dopo alcuni anni, trova un film consono alla sua età e che gli ha permesso di rinnovare - ce ne fosse ancora bisogno - il suo talento. Molto convincenti i tre figli. Il film è anche un involontario spaccato d'America.

Jorge 28/11/10 11:18 - 164 commenti

I gusti di Jorge

Sinceramente non ho visto l'originale di Tornatore, quindi non mi avventuro nel dire che questo remake sia superiore o inferiore rispetto al suo precedente; considerando il film per ciò che è, posso solo valutarlo positivamente: grande De Niro, ottimo il cast di contorno; una storia delicata, allegra e triste, commovente e comica come solo la vita può essere. A fine visione qualche lacrimuccia mi è pure caduta... Lo consiglio vivamente, è proprio un film piacevole e ben fatto.

Giacomovie 13/03/11 11:31 - 1341 commenti

I gusti di Giacomovie

Dovrebbe essere motivo di vanto per il cinema italiano che un nostro film sia stato oggetto di remake in America, invece l'occasione è stata utilizzata da diversi commentatori sparsi sul web per declassare ulteriormente il film di Tornatore a vantaggio di questo. Per me i due film si equivalgono, ma la differenza sta nell'approccio più ironico del personaggio di Mastroianni contro quello più concentrato di un bravissimo De Niro, che lo rende più concreto. Per il resto entrambi i film trasmettono bene il messaggio nostalgico di una tappa della vita.

Ilcassiere 19/04/11 15:16 - 283 commenti

I gusti di Ilcassiere

Un pensionato, rimasto vedovo, decide di intraprendere un lungo viaggio per andare a trovare uno per uno i quattro figli che non riesce mai a riunire tutti insieme intorno ad un tavolo. Il protagonista è uno splendido De Niro che interpreta magnificamente il ruolo del vecchio padre che, rendendosi conto pian piano di non aver mai avuto un dialogo sincero e profondo con i propri figli, va inevitabilmente incontro alle sue disillusioni. Un buon film.

Daniela 25/04/11 10:49 - 9206 commenti

I gusti di Daniela

Remake del film di Tornatore, generalmente considerato superiore all'originale, viziato da inattendibilità e forzature che finivano per compromettere anche la prova di Mastroianni, oltretutto costretto a recitare sotto-vetro. Però anche questo, nonostante la cura formale ed il cast prestigioso, convince poco, troppo lusso (la villa di Beckinsale, il mega appartamento di Barrymore sono eccessivi), troppa facilità nell'elaborare il lutto (un piantino e via), un finale natalizio che più conciliante non si può. Non ho pianto, il che è tutto dire...

Cif 9/08/11 12:44 - 272 commenti

I gusti di Cif

Film crudo, essenziale, privo di orpelli, che arriva dritto allo stomaco e al cuore. De Niro è un padre che, un giorno, cerca di capire tante cose di cui in precedenza non si era mai occupato. Con la cocciutaggine, mista ad ingenuità, dell’uomo medio americano, continua a sbattere contro i tanti universi (le vite dei propri figli) che aveva rifiutato di comprendere. Commovente, lirico e con una recitazione del grande Bob “minima” quanto ingombrante. 3 palle e 1/2.
MEMORABILE: I cavi telefonici e il quadro finale del figlio.

Piero68 11/11/11 11:46 - 2754 commenti

I gusti di Piero68

Bellissimo e commovente film con una sceneggiatura davvero di spessore. Quello che sorprende in positivo è ritrovare un De Niro che non ti aspetti. Rispetto al grigiore degli ultimi tempi (tipo Stone), eccolo regalarci un'altra delle sue interpretazioni magistrali che sa un po' di canto del cigno. Tutto il resto è solo contorno anche se la Barrymore e Rockwell ce la mettono tutta. Ma è ovvio che i riflettori sono tutti per Bob. Maluccio e pesce fuor d'acqua invece la Beckinsale che, come al solito, si limita ad una interpretazione troppo patinata.
MEMORABILE: De Niro parla sulla tomba della moglie: "I ragazzi hanno promesso di passare il Natale con me. Spero che tu lo possa passare con David".

Nancy 22/11/11 02:13 - 774 commenti

I gusti di Nancy

Un buonissimo film che vede il ritorno ai fasti attoriali di De Niro, qui nei panni di un vedovo (meno duro e meno vecchio di quello di Gran Torino, dell'anno precedente) che cerca di fare i conti con quello che si è perso "stando in giardino". Emozionante grazie a una buona sceneggiatura che fa ruotare sul protagonista le storie di tutti i suoi quattro figli. Peccato per il finale, ruffiano e buonista nel suo clima natalizio. Meritano gli episodi del quadro finale del figlio e quello delle bugie rivelate dai bambini, bugie di loro stessi, adulti.
MEMORABILE: I cavi telefonici.

Didda23 11/05/12 23:05 - 2282 commenti

I gusti di Didda23

Riempie il cuore di gioia vedere De Niro tornare ad ottimi livelli di recitazione: in effetti dona al proprio personaggio uno spessore umano invidiabile, evitando le smorfiette sceme che avevano caratterizzato l'ultimo periodo. Jones scrive una stupenda sceneggiatura, mantenendo sempre il giusto equilibrio fra emozione e riflessione. Gli altri elementi da ricordare sono la prova del resto del cast (Rockwell su tutti) e la canzone di Sir Paul McCartney.

Saintgifts 27/08/12 23:20 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

L'urgano Alice (verità) sta per abbattersi sull'America, un uragano di verità si abbatte sulla vita di Frank, vedovo e anche ammalato. Un grande De Niro è il protagonista di questo remake targato Italia, una storia che corre sui cavi del telefono, protetti dal Pvc e su cuori protetti solo da Love, un materiale sempre più difficile da reperire, ma che Frank, più o meno consciamente, riesce a riportare nelle vite dei suoi figli. Sceneggiato molto bene, evitando cadute nel sentimento patetico, riservato ad un finale, preparato però molto bene.
MEMORABILE: Frank, infartuato, che sogna di essere a tavola con i suoi figli bambini, sotto una nube nera e minacciosa.

Caesars 24/01/14 10:21 - 2672 commenti

I gusti di Caesars

Bentornato Bob! Finalmente De Niro, dopo anni di appannamento, ci regala una prova attoriale convincente in un film che merita di essere visto. Non posso confrontare la pellicola con quella originale diretta da Tornatore (non avendola vista), ma questo remake è ben sceneggiato e interpretato con la giusta misura da tutti gli interpreti. Il regista Kirk Jones si era segnalato già alla fine degli anni ’90 con il bel Svegliati Ned e qui si conferma buon direttore di attori. ***

Paulaster 11/12/14 10:36 - 2729 commenti

I gusti di Paulaster

Sorta di viaggio on the road e nei sentimenti familiari per puntare al volemose bene in chiave americana. Partenza edulcorata nel recupero dal post-funerale per svicolare poi tra le pieghe di situazioni incollate senza ritmo (i lunghi trasferimenti) o con forzature (il trolley a teatro, la Barrymore col figlio). Si sfrutta al massimo un De Niro che surclassa l'impalpabile resto del cast. La regia è poco originale per i continui richiami ai bambini, ai fili, a frasi a effetto che telefonano il finale senza commuovere.

Almicione 18/08/15 02:29 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Nella società moderna, la società liquida, i legami familiari tendono ad allentarsi, diminuire, scomparire sebbene la famiglia sia (anzi, possa essere) un elemento di fondamentale necessità anche in età adulta. Jones si muove bene – notevole qualche sua scena – e sebbene inscatoli la pellicola nel tipico contenitore standard americano, la storia coinvolge lo spettatore, il quale potrebbe persino commuoversi (le ultime sequenze sono spudoratamente strappalacrime). De Niro grande come sempre nel ruolo drammatico. Barrymore non delude.

Belfagor 24/03/16 14:21 - 2621 commenti

I gusti di Belfagor

Remake dell'omonimo film di Tornatore, con De Niro nel ruolo di un padre di famiglia rimasto vedovo che attraversa il paese per far visita ai figli. Nonostante la prova del protagonista (una delle sue migliori negli ultimi anni) e il valido messaggio di fondo sulle difficoltà di comunicazione all'interno della famiglia, il film fatica a convincere a livello emotivo: attori capaci ma poco coinvolti, eccessiva freddezza nella fotografia e nelle ambientazioni, un ricongiungimento finale che risulta facile e sbrigativo.

Rambo90 16/12/17 20:12 - 6317 commenti

I gusti di Rambo90

Un De Niro ispirato traghetta un film ben fatto, delicato, che riesce ad affrontare i suoi temi (anche molto drammatici) senza pesantezze inutili ma anzi con uno stile leggero e rilassato. Molto azzeccati i vari dialoghi, naturali e privi dei classici artifici melò di Hollywood. Oltre al protagonista si apprezzano i tre figli: le deliziose Beckinsale e Barrymore e un Rockwell nel suo ruolo ideale. Non male la colonna sonora. Da vedere.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Galbo • 2/06/11 08:49
    Gran Burattinaio - 3746 interventi
    Disponibile in DVD e BR con queste specifiche
    (fonte dvd-store.it)

    Formato video 2,35:1 Anamorfico 1080p
    Formato audio 5.1 DTS HD: Italiano Inglese
    extra
    "Robert De Niro - L'arte della recitazione" a cura di Mario Sesti
    Making of del video musicale
    Scene tagliate ed estese
    Trailer
  • Homevideo Didda23 • 11/05/12 20:09
    Comunicazione esterna - 5712 interventi
    Componenti tecniche del Blu-ray Medusa:

    Video: Alta definizione 1080p 24 frame/sec
    Formato: 2.35:1
    Audio: DTS Master Audio 5.1 (Italiano e Inglese)
    Sottotitoli: Italiano per non udenti
    Extra: " Robert De Niro L'arte della recitazione" a cura di Mario Sesti (non in HD)
    - Making of di "(I Want To) Come Home" di Paul McCartney (HD)
    - Scene Tagliate ed estese
    - Trailer


    Video: Veramente sorprendente la qualità video che evidenzia la prevalenza dei toni caldi della fotografia. La colorometria è ben rispettata. L'unico neo è rappresentato da qualche sabbiatura di troppo nelle sequenze notturne ( ma il totale non supera i 45 secondi)

    Audio: L'audio è ben calibrato e i dialoghi sono sempre puliti e chiari. Le belle canzoni della soundtrack si sentono egregiamente. La traccia non presenta alcun tipo di difetto.

    Credo che per un'opera del genere ( che non richiede chissà che qualità video/audio) il dvd può andare più che bene. Però, con tutta onestà, ritengo il Blu-ray un eccellente prodotto.
    Ultima modifica: 12/05/12 09:39 da Zender