Spring breakers - Una vacanza da sballo

Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Un film che inganna; che parte come un teen-movie qualsiasi, pur se di qualità tecniche superiori, ed evolve in direzione di un noir dai toni molto particolari, senza tuttavia tradire completamente la sua natura legata all'evasione, alla ricerca della felicità da parte di quattro ragazze che coi soldi ottenuti da una rapina semi-improvvisata in un fast-food se ne partono per una settimana da sballo in Florida. E' il cosiddetto spring-break, breve periodo in cui ci si dedica ad ogni tipo di divertimento senza limiti tra spiaggia, party, bella gioventù, alcool e droga. Harmony Korine punta tutto sullo stile: grande attenzione riservata a regia e montaggio, dialoghi che si sovrappongono volutamente fuori sincrono, frasi tormentone che ritornano...Leggi tutto più e più volte; e sopra ogni cosa il desiderio da parte delle quattro di uscire dalla monotonia della vita di ogni giorno a qualsiasi prezzo. Certo non con la medesima volontà: Faith ad esempio, cattolica convinta, ad un certo punto lascia, ma nel frattempo è subentrato uno strano pigmalione (James Franco) attratto dalla spregiudicatezza delle quattro, rapper/animatore ricco sfondato e dedito a traffici ben poco legali che decide di modellare a suo modo il loro carattere. Sempre in nome di una frivolezza pericolosa e poco attenta al domani la vita delle ragazze cambia, e ciò che era iniziato per gioco si fa dannatamente più serio. Siamo dalle parti di Danny Boyle o Gregg Araki, di quel cinema cioè che sfrutta la fetta più incontrollata del mondo giovanile per restituirne l'incostanza e la volubilità attraverso una narrazione frammentaria, lavorando pesantemente sull'immagine e mettendo in questo modo a frutto la propria visionarietà, restituendo tuttavia la sensazione che essa prevalga un po' troppo spesso sul gusto per il racconto, che diventa così secondario e accessorio. Subentra inevitabile una forte ripetitività, e a questo punto o si accetta di lasciarsi avvolgere da musica e colori, da una danza di forme e sensazioni costruita ad arte, o il rischio è quello di disamorarsi presto del film soppesandone l'inconsistenza, notandone i difetti e la modestia delle basi su cui poggia. Da parte sua il cast fa quel che deve, la professionalità della confezione è indiscutibile e si registra una lodevole volontà di rifuggire i facili eccessi da parte di Korine. Luci ed ombre di un film sicuramente non per tutti, a dispetto delle prime impressioni.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/09/12 DAL BENEMERITO FORD POI DAVINOTTATO IL GIORNO 21/08/13
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ford 6/09/12 12:55 - 582 commenti

I gusti di Ford

Come se Malick dirigesse Faster Pussycat! o un Porky's. Una sceneggiatura esile fatta di orge, droga e sparatorie sostenuta dalla presenza iconoclasta di tre teen idol, da un caricaturale James Franco e da un montaggio onirico, dalle voci fuori campo e dalle inquadrature perfette degne di un Tree of life abbattuto per far posto a un sexy shop. Un po' videogioco, un po' Jersey Shore, non si sa se si è visto un capolavoro o una stilosa boiata; certo, ci sono scene cult come se piovesse e nessuna morale. Penso che Korine gradirà la monopalla.
MEMORABILE: Alien (Franco) si mette al piano e canta un pezzo di Britney Spears.

Mickes2 14/03/13 14:48 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

È un 8 marzo votato al nero, è un Gummo tutto rosa moltiplicato per cinque, è un viaggio sensoriale sospeso, violento e romantico che riprende le fattezze del sogno prediligendo una “liquidità” del racconto che antepone la suggestione dell’immagine/sonoro. È una mirabolante e malinconica parentesi lisergica che associa sensazioni poggiandosi sui frammenti mnemonici omettendo i dialoghi. È una sorta di elegia del “bisogno di evadere” da un mondo svezzato dalla tv, sovraccaricato da stimoli mediali e che tra dinamiche di sfrenato edonismo e una ferrea logica dell’”apparire” costringe all’assidua ricerca di un piacere vitale che rivela solo grandi e profondi istinti di base.

Rebis 14/03/13 12:26 - 2121 commenti

I gusti di Rebis

Salteranno in aria le coronarie dei maschi etero. S'infiammerà l'indignazione degli spettatori dominati da triste ideologie. Eppure, questo è cinema, dolcezza. Korine non giudica l'amorfismo videoludico della Mtv generation, la colonizzazione transmediatica di Youtube, le derive demagogiche dell'estetica rap. Le usa per raccontare. Il Nulla. E lo fa con lirismo, seduzione e coerenza. Si torna a casa con l'irresistibile desiderio di dare fuoco al televisore, demolire il router a martellate e immergersi nella lettura di Dostoevskij. O del Signore degli anelli. Non male come effetto collaterale.

Nancy 15/03/13 15:12 - 774 commenti

I gusti di Nancy

Korine esalta tutto l'anticinema da videoclip in questa film che è una sorta di resa, una bandiera bianca alla degerazione dell'essere umano di oggi, all'edonismo culturale, un film tanto teso e pessimistico da diventare ottimistico, dove una canzone "tenera" fa da sfondo a violenza e orge. L'assenza di uno spazio morale che torna alla ribalta violentemente attraverso i cappucci rosa, che si fa presente solo quando si rimane fuori dall'azione. L'esaltazione della pop culture come una discesa agli inferi che si redime nel capovolgimento finale.

Saintjust 2/07/13 01:19 - 116 commenti

I gusti di Saintjust

Se le generazioni moderne sono di questa pasta (e credo lo siano), allora siamo messi male. Ho inteso il tentativo di Korine, sempre pronto a dissacrare, a colpire duro lo spettatore, però la sceneggiatura è mero pretesto per parlare d’altro e, perdonatemi, quando vado al cinema vorrei vedere qualcosa con un minimo di logica. Gli ultimi quindici minuti sono pleonastici. Le attricette fan quello che devono, Franco porta a casa la sua miglior interpretazione di sempre. Con linguaggio e situazioni tanto esplicite non è proprio un film per tutti.
MEMORABILE: "Everytime" cantata da Franco e dalle ragazze; Selena Gomez e la moglie di Korine, Rachel.

Deepred89 12/07/13 01:13 - 3385 commenti

I gusti di Deepred89

Scatenare un attacco di nausea da overdose di Mtv mettendone in scena l'estetica, i volti e il linguaggio: non male come obiettivo, ma l'idea in sé non possiede il fiato per ricoprire l'intera durata, ed ecco così che giungono (fortunatamente) in soccorso gli eccessi da teen movie, gli intermezzi psichedelici e l'ampia parentesi noir del secondo tempo. Certo, quando si colpiscono stereotipi noti (i ritorni in pullman, i pianti sotto la doccia) la risata sarcastica scatta, ma il disagio di una prima serata Mtv (o Mediaset) rimane ben lontano.

Puppigallo 21/07/13 16:07 - 4613 commenti

I gusti di Puppigallo

Ragazze perdute, immature, strafottenti e calpestaregole con la scusa delle vacanze di primavera; e che proprio grazie alla libertà e all'obbligo di sballo di questo breve periodo finiranno in una spirale di sesso, droga e gangster dalla quale sarà difficile uscirne (o almeno lo sarebbe nella vita reale. Ma qui persino il loro iniziale "salvatore" si lascia scappare un "Sembra un sogno"). A frenare la pellicola è una certa, anche inevitabile ripetitività, visto che i tasti su cui batte son poi sempre quelli. Ma bisogna ammettere che, nel suo genere, è comunque particolare. Non male, dopotutto.
MEMORABILE: Franco, con denti d'oro e simbolo dei soldi sul collo: "Il mio nome è Alieno, non vengo da questo pianeta"; La giusta colonna sonora; Le telefonate.

Didda23 23/07/13 13:40 - 2317 commenti

I gusti di Didda23

Spring breakers, ovvero la quintessenza del contrasto. Korine gioca con pesi e contrappesi, stuzzica la riflessione e con sana furbizia indora la pillola (dal sapore amarissimo). Il quadro complessivo è sovraccarico di rassegnazione e di decadenza culturale, figlia di un degrado sociale imputabile a molteplici fattori (new media, reality ecc.). L'effetto è visivamente straniante, con un'estetica tipica da mtv, con contenuti tipici di un droga/gangster movie con implicazioni psico-sociali dalla forte connotazione amorale. Sorprendentemente riuscito.
MEMORABILE: Indelebile James Franco che canta la dolce "Everytime" di Britney Spears.

124c 10/09/13 15:42 - 2809 commenti

I gusti di 124c

È un film dove gira parecchio "fumo", con belle donne in bikini, rapper strafatti e James Franco che fa il gangster Alien, il cui look è tutto da vedere. Fra un'orgia e una fumata di pipa c'è anche il tempo per rapine e sparatorie con il rivale afro di Franco. L'ex-attore di Spider-man propone un'interpretazione davvero acida, circondato da bellissime ragazze che, però, sono solo decorative. È, nel suo genere, anche un film vacanziero, con giovani che si divertono e che invitano lo spettatore a tuffarsi nel loro mondo. Franco bravissimo.

Schramm 13/09/13 23:31 - 2562 commenti

I gusti di Schramm

Come un Clark che rivisita grandi bellezze (con vite al massimo al posto della stupida Roma post-tutto) e quel pizzico di Clip, Porky's e Thirteen in chiave gangsta-rap frullati alla bona de dio e veicolati dalla più balorda e indigesta kitscherie. Certo, è interessante il gioco delle 13 sedie -che alla lunga stufa, però- dei codici linguistici rivestenti di forme zuccherose i contenuti acidi (e viceversa), così come è un bel colpo polarizzare starlettes votate a carriere bon-bon. Ma l'epater più ingenuotto e la vis da prosseneta fanno pessima comunella e non si salvano capra né cavoli. No grazie.

Harmony Korine HA DIRETTO ANCHE...

Galbo 10/01/14 19:30 - 11613 commenti

I gusti di Galbo

Tra una scena di "sballo" e un'altra, Korine inserisce immagini di abbacinanti tramonti della Florida. Basta questo a fare un'autore ? No, ovviamente ma purtroppo per il suo regista il film non va molto oltre questo, anche se effettivamente la performance di James Franco conferisce un valore aggiunto, così come il montaggio. Tra un messaggio in segreteria alla nonna e un altro avanza il nulla. Sopravvalutato oltre misura.

Luchi78 31/01/14 13:29 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Come ti trasformo il clippino tamarro gangsta-rap in un film di classe e ricercato. Fondamentalmente Korine fa questo e ne sfrutta tutte le metodologie più tipiche: riprese a rallentatore, scene di delirio in festini da spiaggia, primi piani dell'anatomia femminile, luci colorate, frasi a effetto. Interpretazioni non pervenute perché non funzionali al film, tutto immagini e sensazioni. L'esperimento si può dire riuscito, ma l'inconsistenza rimane palpabile nonostante un abbozzo interpretativo nel finale.

Redeyes 31/01/14 08:24 - 2261 commenti

I gusti di Redeyes

Excursus simil documentaristico sullo Spring Break a far da apripista a una pellicola che di grazioso ha solo i tramonti e tanta passera barely legal (mi si permetta il termine). Allo scoccare del 60° minuto si ha l'impellenza di sperare in uno stupro di gruppo di risiana memoria, in una strage, un cataclisma... niente, imperterrito il tutto scorre. Un Alien Franco macchiettistico, due lady in effetto bitchslap e un finale dove ne mancava una per troneggiare alla Charlie's angels. Tedioso.

Simpe 19/02/14 12:55 - 4 commenti

I gusti di Simpe

Con un taglio registico che ricorda certi programmacci a eliminazione di MTV, più qualche virtuosismo nel montaggio, vengono raccontati i party, lo sballo, i valori e i disvalori di una generazione superficiale. Se all'inizio sembra che il film voglia documentare gli eccessi di questa generazione e stimolare l'indignazione, la vicenda procedendo si fa sempre più improbabile, per finire nel paradosso e nell'ironia. Il voltafaccia è disorientante e suona un po' come una presa in giro.

Medicinema 23/03/14 20:34 - 96 commenti

I gusti di Medicinema

Non convince del tutto questo film del controverso Korine. L'overdose di colori caldi, tramonti, trasgressioni e sguardi maliziosi non si associa a un plot originale: la crisi dei valori adolescenziale che sfocia nella depravazione è già stata affrontata meglio e diffusamente altrove; semmai è interessante il personaggio interpretato da James Franco, un cattivo debole che viene alla fine sopraffatto dalle sue stesse vittime. Poco incisive le giovani protagoniste, forse ancora immature. Deludente.
MEMORABILE: La fellatio di James Franco alla canna del fucile.

Homesick 6/05/14 11:28 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

La morale è scontata, il modo di girare di Korine meno. Mentre parte in quarta verso un teen-movie della peggior risma – bagordi animaleschi tra nudi senz’anima, sesso, droga, superalcolici -, introduce allarmanti sospensioni e ralenti che, insieme al montaggio prolettico e ai dialoghi iterati, iniettano malessere e precarietà esistenziale, preludendo ad un finale noir avvolto in luci da discoteca. E non si dimentichi la bella idea di far uscire di scena un personaggio chiave senza più farne sapere nulla. Gangster fricchettone, James Franco si scatena come uno Scarface in erba. **/**!
MEMORABILE: «Non lo dimenticherò mai questo viaggio...»; l’arsenale di James Franco.

Rullo 12/05/14 19:59 - 388 commenti

I gusti di Rullo

Korine mostra con maestria prima lo sballo delle feste americane dello Spring Break e poi il lato più oscuro di una Florida che oltre alle feste a base di marijuana e cocaina ha anche morte e assuefazione. Il montaggio è frenetico e le inquadrature estremamente ricercate, quasi a ricordo del Dogma 95 di cui il regista ha fatto parte. Discrete le interpretazioni (bravo Franco a fare il rastaman sballato), basate su un copione interessante. Sviluppo improbabile, ma comunque attinente alla filosofia della pellicola quindi per niente fuori luogo.
MEMORABILE: Franco al piano che suona "Everytime" di Britney Spears; Il bacio finale tra le due ragazze e Franco.

Pinhead80 31/07/14 18:46 - 4089 commenti

I gusti di Pinhead80

Non so mai cosa aspettarmi da Korine e questo per me è quasi sempre un bene, perché mi lascia un po' di pathos. Invece Una vacanza da sballo l'ho trovato prevedibile e un po' furbetto e questo non mi è piaciuto per niente. Molto bella la colonna sonora (soprattutto quella iniziale) e bravo James Franco (attore che non apprezzo particolarmente), che mi ha stupito.
MEMORABILE: La fellatio di James Franco alle pistole delle due scatenate ragazze.

Giùan 19/04/15 15:25 - 3298 commenti

I gusti di Giùan

Gli va riconosciuto il merito storiografico di essere il primo film ad affrontare con consapevolezza cinematografica ma senza moralistici salamelecchi certa perturbante e anomica deriva giovanilistica a stelle e strisce (e chissà, forse, del mondo, occidentale, che verrà). Certo non tutto torna, epperò i rischi legati all'ovvio cortocircuito tra forma e contenuto, soggetto e punto di vista sono, se non calcolati, necessari, mentre la dimensione malata creata da Korine (aiutato dal soundtrack e dalla fotografia di Debie) pervade e perturba anche post visione.

Almicione 19/12/15 01:25 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Quattro ragazze che sognano una vacanza sfrenata, il divertimento più estremo, il brivido più spinto. Pellicola drammatica che indaga la situazione di una gioventù licenziosa che calpesta i valori del passato – indossando spesso una maschera – e non costruisce alcun futuro. Il punto è proprio questo: l'assenza di una presa di coscienza delle situazioni e l'incapacità di comprendere i rapporti di causa-effetto e le conseguenze dei rischi. Tuttavia poco vale come analisi sociologica. Colori forti e intensi, un bravo Franco, tette, culi, lusso.

James Franco HA RECITATO ANCHE IN...

Bubobubo 12/08/18 14:24 - 1446 commenti

I gusti di Bubobubo

La metafora narrativa è solare, l'autentico intento critico dietro lo shock da due soldi parimenti palese. Eppure Korine non può mai rinunciare a fare Korine, neanche per un attimo, ed ecco che riparte la solita, insistente, irritante tiritera su vizi (moltissimi) e virtù (assai discutibile) di una gioventù americana sempre uguale a sé stessa, ripresa voluttuosamente allo sbando. Parziali elementi eterodossi, il personaggio grottesco di James Franco e quello cristallino, tormentato di Selena Gomez (che a due terzi sparisce per non tornare).

Taxius 28/01/19 18:28 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Un film davvero particolare perché a prima vista potrebbe apparire come il classico film stile American Pie zeppo di sesso, alcool e divertimento, mentre alla fine si rivela essere un vero e proprio film d'autore. Protagoniste sono quattro universitarie sbandate e il loro lento scivolare in un vortice di violenza e follia. Il film non vuole essere verosimile; al contrari,o la regista vuole portare al massimo dell'inverosimiglianza la storia, proprio come se si trattasse di una vera e propria allucinazione. Straordinaria la fotografia.

Thedude94 23/01/21 00:39 - 703 commenti

I gusti di Thedude94

Un film non facile da inquadrare, diretto forse con qualche esagerazione manieristica di troppo da Korine ma che comunque alla fine lascia un qualcosa che resta difficile da comprendere a fondo; e non è certo la complessità della storia a rendere il tutto quasi surreale, quanto piuttosto i personaggi principali: sono loro i veri protagonisti, sui quali spiccano l'inaspettato Franco in un ruolo inedito e la fuggevole Gomez in una piccola ma importante parte. Nonostante qualche fluorescenza di troppo e alcuni momenti kitsch, resta da vedere lasciandosi un po' trasportare dagli eventi.

Giufox 5/05/21 07:47 - 147 commenti

I gusti di Giufox

Senza girarci intorno: un ambizioso trailer/videoclip di 90'. Se l'intento era dipingere i vacui orizzonti morali di una generazione annichilita, usando per denunciarli la stesso linguaggio effimero che la contraddistingue, allora può avere un senso. Non sembra il caso di Korine; tra ralenti, spogliarelli e tutto l'arsenale (anche bellico) rap/trap, mira a conquistare quella frangia, non a raccontarla. Una gran delusione, per chi lo stima dai tempi di Kids - e fortunato chi ci ha visto un capolavoro - ma forse il talento si è spento negli abusi che vuole raccontare (triste bio).
MEMORABILE: Alcuni elementi fotografici nelle scene d'interno; James Franco.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Dusso • 26/06/13 17:56
    Segretario - 1633 interventi
    Bene cosi finalmente lo potrò vedere
  • Discussione Dusso • 10/07/13 08:45
    Segretario - 1633 interventi
    Ho mollato dopo mezzoretta... adesso lo metto da parte e magari piu' avanti provo a rivederlo (chiaramente dal principio) ma lo stile di regia non è proprio per i miei gusti ed anche come procede la vicenda viene espresso proprio male secondo me, c'è una ripetitività ed un montaggio che sono proprio odiosi
    Ultima modifica: 10/07/13 08:48 da Dusso
  • Discussione Schramm • 14/09/13 11:19
    Controllo di gestione - 6844 interventi
    korine come clark e come certo araki. cerchiobottismo estetico e concettuale. un occhio allo scandaletto e uno alla più ruffiana pacchianeria. commento a brevissimo.
  • Discussione Buiomega71 • 14/09/13 11:51
    Pianificazione e progetti - 22753 interventi
    Schramm ebbe a dire:
    korine come clark e come certo araki. cerchiobottismo estetico e concettuale. un occhio allo scandaletto e uno alla più ruffiana pacchianeria. commento a brevissimo.

    Thò, l'avevo appena acquistato da Amazon

    Vado in brodo di giuggiole per il trio Araki/Korine/Clark e li piglio sempre a scatola chiusa

    E poi quì c'è gnocca, che sarebbe irrilevante ma per il sottoscritto interessante...Quando vedrò, riferirò...
    Ultima modifica: 14/09/13 13:32 da Buiomega71
  • Discussione Schramm • 14/09/13 14:34
    Controllo di gestione - 6844 interventi
    di clark salvo solo bully, che ritengo un miracoloso bug di sistema nella sua filmografia sempre fastidiosamente volta all'epater. di araki riuscì a colpirmi solo mysterious skin. korine per diversi motivi di film in film non mi è mai piaciuto, qua adotta il kitsch più stomachevole e sembra compendiare il peggio dei primi due. se l'hai acquistato per quella cosa che tira più di un carro di buoi, qua ne hai da rivedere il film fino alla consunzione del disco. ma interessante è l'orbita à la grande bellezza misto una vita al massimo in cui la fa gravitare. però anche il rovesciamento segnico tra stili adottati e contenuti finisce col rivelarsi un vuoto a perdere che stanca abbastanza in fretta.
    Ultima modifica: 14/09/13 14:35 da Schramm
  • Discussione Buiomega71 • 14/09/13 14:43
    Pianificazione e progetti - 22753 interventi
    Schramm ebbe a dire:
    di clark salvo solo bully, che ritengo un miracoloso bug di sistema nella sua filmografia sempre fastidiosamente volta all'epater. di araki riuscì a colpirmi solo mysterious skin. korine per diversi motivi di film in film non mi è mai piaciuto, qua adotta il kitsch più stomachevole e sembra compendiare il peggio dei primi due. se l'hai acquistato per quella cosa che tira più di un carro di buoi, qua ne hai da rivedere il film fino alla consunzione del disco. ma interessante è l'orbita à la grande bellezza misto una vita al massimo in cui la fa gravitare. però anche il rovesciamento segnico tra stili adottati e contenuti finisce col rivelarsi un vuoto a perdere che stanca abbastanza in fretta.

    In realtà, Schramm, l'acquisto e stato perchè diretto da Korine (che adoro), poi la gnocca se c'è tanto meglio...

    Interessante, comunque...Quando mi tufferò nel mondo kitsh/koriniano ti saprò dire le mie impressioni...Per il momento leggo curioso e taccio...
    Ultima modifica: 14/09/13 15:12 da Buiomega71
  • Discussione Didda23 • 14/09/13 14:51
    Comunicazione esterna - 5754 interventi
    A parte che per me è un gran film, in aggiunta non è così stupido e superficiale come molti credono. I contrasti messi in essere, hanno un fascino misterioso e riflessivo che mi hanno colpito molto.
  • Discussione Rebis • 14/09/13 15:24
    Contatti col mondo - 4311 interventi
    io entrato in sala con la stizza e uscito che gongolavo :)
  • Discussione Schramm • 14/09/13 17:01
    Controllo di gestione - 6844 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    io entrato in sala con la stizza e uscito che gongolavo :)

    per me l'esatto contrario: ho gongolato la prima mezzora (il perché nel commento a breve) e arrivato ai titoli di coda con un'irritazione alle stelle.
  • Homevideo Silverstar • 12/10/13 12:02
    Galoppino - 48 interventi
    Dati DvD BIM:
    Runtime: 1h 30' 20'';
    Suddivisione Capitoli DvD: 12;
    Lingua: italiano, inglese con sottotitoli in ita forzati;
    Sottotitoli: italiano forzato nella versione in lingua inglese;
    Extra: scena eliminata in lingua inglese con sott. ita, prove sul set in lingua inglese con sott. ita, dietro le quinte (viene spiegato il film in generale) in lingua inglese con sott. ita, la musica di spring breakers (viene spiegata la scelta della composizione musicale del film) in lingua inglese con sott. ita, trailer del film in lingua italiana, trailers in italiano di: Kaboom,Promised Land,L'ipnotista,il Sospetto,A Royal Weekend;
    Dati Tecnici DvD:
    DvD9;
    Video: 16:9 colore; formato 2.35:1;
    bitrate 7.50 Mbps; Comparto Video ottimo;
    Audio: ita dolby digital ac-3/6, eng dolby digital ac-3/6; Frequenza Campionamento 48Khz;
    Bitrate 448Kbps; Canale: 5.1; Comparto Audio ottimo;
    Ultima modifica: 12/10/13 12:06 da Silverstar