Shin Godzilla

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Shin Gojira
Anno: 2016
Genere: fantastico (colore)
Note: Aka "Godzilla Resurgence".
Numero commenti presenti: 7
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Ritorno in grande stile per il mostro giapponese, che ciclicamente fa la sua ricomparsa nella terra d'origine aggiornando di volta in volta qualche aspetto (in gran parte relativo agli effetti speciali). Il desiderio di produrre un film d'impatto che convinca anche nella storia porta tuttavia ad appesantire in modo esagerato le fasi senza la presenza del mostro, da sempre (specialmente nelle versioni giapponesi) le più deboli. Una sceneggiatura che arranca affidata ad attori che poco incidono non sfrutta le basi di un soggetto che poteva anche avere qualche freccia al suo arco, pur riciclando tematiche e spunti consueti. Le origini del mostro, cioè, son sempre le stesse: si è cibato di rifiuti radioattivi e ha acquisito dimensioni gigantesche...Leggi tutto destinate (a sorpresa) a raddoppiare dopo il primo “timido” attacco. Si è lavorato molto, sulla resa grafica di Godzilla, che a dire il vero quando compare in tutta la sua possanza la prima volta tra i grattacieli lascia abbastanza stupefatti per le sembianze quasi carnevalesche. Sono soprattutto gli occhi fissi, a far cascare le braccia; poi, fortunatamente, ci accorgiamo delle finezze: le branchie che quando si aprono grondano sangue, le membrane che circondano la bocca, la forma insolita del corpo prima della mutazione... Ma è a livello tecnico cinematografico che il film colpisce: campi lunghissimi e panorami con la sagoma di Godzilla che si erge lontana, movimenti sinuosi della cinepresa che seguono quelli della coda, riprese che riescono a riempire l'inquadratura con il mostro ripreso dal basso o obliquamente... Gli effetti meno comuni comprendono proiettili, razzi e bombe che scalfiscono la corazza con eccellente resa grafica, una paralisi improvvisa di Godzilla che sospende quasi il tempo, meravigliose lingue di fuoco dalla bocca e raggi multipli dalla schiena, laser che segano in due i grattacieli... Il tutto esaltato da una fotografia eccellente e musiche che variano spaziando dalla classica all'industrial fino a sprazzi degni dei Carmina Burana che conferiscono ad alcune scene un'impronta apocalittica del tutto inusuale. Dal punto di vista degli effetti, quindi, un lavoro nei limiti del possibile innovativo e maestoso; che purtroppo non trova altrettanta qualità quando si torna alle dimensioni umane, con il coinvolgimento degli Stati Uniti (vorrebbero impiegare una bomba termonucleare, cosa che invece Tokyo desidera scongiurare a ogni costo) e un mucchio di farraginosi dialoghi che poco aggiungono e, anzi, spesso complicano inutilmente una trama che non ne avrebbe bisogno rovesciandoci addosso una quantità di termini tecnici e di ipotesi di abbattimento che vorremmo solo veder realizzate senza tanti preamboli... Un difetto che considerata la durata di quasi due ore si fa sentire e che si aggiunge a un finale ahinoi meno spettacolare del previsto. Ad ogni modo un remake per molti versi riuscito e che sfrutta bene l'imponenza dell'immortale icona giapponese.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/04/17 DAL BENEMERITO DANIELA POI DAVINOTTATO IL GIORNO 22/01/18
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 7/04/17 10:32 - 9536 commenti

I gusti di Daniela

Anche se torna a far danni nel suo paese natio, questo è un reboot, tanto che quando appare la creatura devono trovarle un nome adatto. L'Evangelion Anno mette due immani mostri a confronto: mentre Godzilla distrugge Tokyo, l'ipertrofico apparato burocratico si rivela incapace di affrontare l'emergenza ed annaspa in un mare di chiacchiere (Fukushima docet) dovendo oltretutto sottostare alla tutela degli USA. La parte riguardante la critica politica sovrasta quella spettacolare, certo d'impatto (il raggio sega/palazzi) ma inferiore alle attese a causa di una certa staticità della messa in scena.
MEMORABILE: Attenzione all'ultima immagine del mostro, che rivela qualcosa sulla sua vera natura

Von Leppe 14/11/17 15:24 - 1034 commenti

I gusti di Von Leppe

Il soggetto di questo nuovo Godzilla giapponese è sempre lo stesso riproposto più volte, anche di recente da produzioni americane (la creatura che emerge dal mare e semina il panico in città). Ma il mostro è veramente ben fatto e la parte di film che lo vede in azione è notevole; riesce persino a essere inquietante per il suo aspetto e per come si comporta, a differenza di come ci avevano abituato nel corso degli anni. Peccato che la parte che riguarda i personaggi umani e i dialoghi sia meno convincente.

Puppigallo 15/11/17 20:59 - 4515 commenti

I gusti di Puppigallo

Ecco l'evoluzione terrestre di Godzilla, che già al primo stadio fa disastri; figurarsi al quarto. Detto ciò, la pellicola è eccessivamente martoriata da discussioni, previsioni, piani d'attacco e spiegazioni, che possono anche starci, ma che minano il ritmo, finendo per ridurre il bestione quasi a comparsa. Fortunatamente, quando appare fa del suo meglio per ravvivare l'ambiente, distruggendo e facendosi crivellare da tutte le armi disponibili. Nota di merito per la spiegazione su Godzilla. "E' una creatura mixotrofica, ad alimentazione mista, con un organo di trasformazione termonucleare".
MEMORABILE: Il liquido rosso dalle branchie; Il cambio di postura; La quarta evoluzione (praticamente, una montagna che cammina); Raggi da bocca, schiena e coda.

Jena 31/03/18 16:56 - 1207 commenti

I gusti di Jena

I Japan si riprendono il loro mostrone per eccellenza e dopo le fiacche (Emmerich) e buoniste (Edwards) versioni americane ci restituiscono un cattivone che muove alla distruzione dell'intera umanità. Se le parti delle discussioni tra scienziati e politici sono piuttosto lunghe, noiose e più aduse ai film anni 50, le parti con Godzilla in campo sono ottime, con un giusto equilibrio di CGI ed effetti speciali tradizionali. Palesi i richiami ai disastri radiottivi recenti e passati del Giappone. Più che godibile.
MEMORABILE: La prima versione di Godzilla tipo mostro ridicolo alla Big man Japan; Il respiro radioattivo infuocato su Tokyo; I raggi emanati dalla schiena.

Minitina80 24/05/19 07:54 - 2368 commenti

I gusti di Minitina80

Andando a stringere si tratta di un rifacimento dell’originale del ’54 di Ishiro Honda. Da segnalare il ritorno preponderante della questione nucleare, anche se non si percepisce una critica aspra a riguardo. Con Godzilla in scena l’intrattenimento è garantito, diversamente dialoghi fiume la fanno da padrone, stancando presto. Insopportabile la figlia dell’ambasciatore americano, allo stesso modo la contaminazione storiografica con gli americani stona non poco. È un disaster movie appena sufficiente.
MEMORABILE: L’ira di Godzilla dopo il bombardamento americano.

Fabbiu 2/06/19 01:05 - 1950 commenti

I gusti di Fabbiu

Nuova versione giapponese di Godzilla, dallo stile insolito. Qui non è da subito l'esercito a fronteggiare direttamente la minaccia ma un gruppo di studiosi e ricercatori che a suon di burocrazia e grazie alla collaborazione con le forze armate americane elaborano il piano di attacco finale. Il protagonista e vicecapo segretario Rando ha in sé la forza dell'intraprendenza giapponese, di contorno o inutili gli altri personaggi (vedi la figlia dell'ambasciatore Usa): la vera star in fondo è Godzilla, con le sue metamorfosi evolutive.

Schramm 1/09/19 18:57 - 2418 commenti

I gusti di Schramm

Ogni jolly è dichiarato: la deità dell'eco-vendetta è la regina di cuori, il crugifige al mondo moderno schiavo di se stesso è il re di denari, l'incarnato di tutte le centrali difettate e rifiuto che non si lascia rifiutare se non in senso inalativo è l'asso di bastoni – e che bastonate con mazza chiodata: per il Giappone è ancora scala (richter) irreale, karma espiativo, onore riscattabile a prezzo esorbitante; si pecca di doppiopesismo, tra kyrie polemos sulle nemesi atomiche e popcornrama, si canta onda su Honda facendo del baraccone ipertrofia. Ma è un double coding che non guasta.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Daniela • 7/04/17 13:26
    Consigliere massimo - 5233 interventi
    I filo-godzilliani non possono perderselo questo Shin Godzilla, che vorrebbe dire "Il vero Godzilla" oppure "Il Dio Godzilla".

    A me ha spiazzato alquanto per via del regista che è l'ideatore della serie Evangelion.
    Mi aspettavo tante mazzate e distruzioni e certo ci sono - soprattutto in una lunga sequenza centrale - ma molto meno del previsto. La maggior parte della pellicola è dedicata infatti - anche al di là del necessario per far capire il concetto - a sedute di governo, incontri inter-ministeriali, gabinetti di crisi, dibattiti fra esperti, rimpalli decisionali e cose del genere.
    E una cosa salta agli occhi: l'incapacità di prendere decisioni rapide e la riluttanza ad assumersi responsabilità dirette, anche al di là delle buone intenzioni individuali.
    Qui si vede in azione il radioattivo Godzilla ma il pensiero corre inevitabilmente ad un'altra emergenza radioattiva, questa reale, con la quale il Giappone ha dovuto fare i conti solo cinque anni fa e che tuttora è in corso.
    Il risultato è un film d'azione curiosamente statico - anche Godzilla sembra muoversi al rallentatore, al pari degli umani - a parte le sequenze finali in cui giocoforza bisogna darsi una smossa per chiudere la storia (anche se in modo provvisorio, come lascia intendere la bella inquadratura della coda della creatura, che è poi la cosa più suggestiva di tutta la pellicola).

    E' un film molto ideologico, in cui non trovano spazio parentesi di alleggerimento e neppure divagazioni romantiche - cosa che lo differenzia nettamente dai due blockbuster americani ed anche dalla maggior parte dei fanciulleschi epigoni nipponici del primo Godzilla del 1954, anche questo serissimo e con chiari riferimenti politici.
    Ultima modifica: 9/05/17 08:51 da Daniela
  • Discussione Daniela • 6/07/17 16:38
    Consigliere massimo - 5233 interventi
    Passaggio lampo nei cinema italiani per Shin Godzilla, campione d'incassi in Giappone e non solo. La proiezione in un numero ristretto di sale è stata programmata per soli tre giorni: 3, 4 e 5 luglio.
    Che commentare? complimenti ai distributori!
    :o(
  • Discussione Raremirko • 9/07/17 00:24
    Addetto riparazione hardware - 3484 interventi
    Credo sia il terzo Godzilla moderno, contando Emmerich e l'altro...
  • Discussione Puppigallo • 15/11/17 21:12
    Scrivano - 502 interventi
    Vero Daniela, ciò che fa parte della coda mi ha spiazzato.
  • Discussione Daniela • 15/11/17 21:29
    Consigliere massimo - 5233 interventi
    Puppigallo ebbe a dire:
    Vero Daniela, ciò che fa parte della coda mi ha spiazzato.

    La coda è... un colpo di coda geniale, a mio parere ;o)
  • Discussione Puppigallo • 15/11/17 22:24
    Scrivano - 502 interventi
    Mi accodo
  • Discussione Poppo • 4/12/17 13:53
    Galoppino - 422 interventi
    In coda dico che è stato il mio primo Godzilla!
  • Discussione Daniela • 4/12/17 14:26
    Consigliere massimo - 5233 interventi
    Poppo ebbe a dire:
    In coda dico che è stato il mio primo Godzilla!

    Chissà se il primo Godzilla e' come il primo amore che non si scorda mai...
    Io ho perso il conto fra godzilli nippo doc, compresi figli e mostri confratelli, e godzilli made in Usa.
  • Discussione Poppo • 6/12/17 11:38
    Galoppino - 422 interventi
    Io, al contrario, stavo pensando di ripercorrere la storia risalendo passo passo fino alle origini.