Sherlock Holmes: soluzione settepercento

Media utenti
Titolo originale: The Seven-Per-Cent Solution
Anno: 1976
Genere: poliziesco (colore)
Note: Aka: "Sherlock Holmes e la soluzione settepercento" o "Sherlock Holmes soluzione 7%". Tratto dall'omonimo romanzo di Nicholas Meyer.
Numero commenti presenti: 11

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/03/07 DAL BENEMERITO B. LEGNANI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 19/03/07 00:43 - 4994 commenti

I gusti di B. Legnani

Ottimo inizio, ma prosecuzione assai altalenante (Vita privata di Sherlock Holmes di Wilder gli è decisamente superiore). Rivedere il genio di Baker Street è sempre un piacere e questa volta non fa eccezione: la lunga deduzione che Holmes fa nello studio di Freud è la scena più divertente del film (oltre ad andare trionfalmente incontro al desiderio dello spettatore). Il resto, pur nella grande cura formale, sta sotto, talora di poco, talora di molto. Non molto convincente, stavolta, il grande Alan Arkin (Freud).

Cotola 21/01/09 21:19 - 8048 commenti

I gusti di Cotola

Divertente e godibile pellicola che ha per protagonista il celebre investigatore di Baker Street che viene coinvolto, suo malgrado, in un'avventura abbastanza complicata che in parte lo riguarda personalmente. Non tutto funziona alla perfezione, ma in ogni caso piacevole.

Cif 1/03/09 13:39 - 272 commenti

I gusti di Cif

Si conferma una tendenza di diverse trasposizioni cinematografiche del personaggio più celebre di Conan Doyle: grande cura per la ricostruzione storica, ottimi costumi, aplomb inglese, recitazione classica e teatrale, ma anche una certa banalità di fondo nella storia. Certo, si tratta di una trasposizione dall'omonimo romanzo di Meyer, però per gli amanti del grande investigatore anche questa trasposizione cinematografica appare insufficiente. Attori poco in parte, se si eccettua la Redgrave, bella e dal volto spigoloso.

Lovejoy 21/12/09 18:59 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Divertente rilettura del Mito di Sherlock Holmes, dove viene coinvolto anche il celebre Freud. In pratica, si mantiene fedele al libro da cui è tratto (autore Nicholas Meyer autore, tre anni dopo, del bel L'uomo venuto dall'impossibile), con un buon ritmo e con un cast azzeccato nei rispettivi personaggi. I migliori: Duvall e Olivier. Merita quanto meno una visione.

Daniela 8/01/10 23:10 - 10766 commenti

I gusti di Daniela

Fra le avventure spurie, non ha l'eleganza malinconica della Vita privata di Wilder, nè lo spirito di Senza indizio con l'impagabile coppia Caine/Kingsley. La responsabilità non è tanto della trama, intrigata come d'obbligo e con uno spunto curioso (l'incontro fra l'investigatore del crimine e l'investigatore della psiche), quanto di un cast molto promettente sulla carta ma poco ispirato, per cui, dopo un inizio brillante, risulta solo mediamente godibile ed inferiore alle aspettative, al di là di una certa cura nella ricostruzione ambientale.

Galbo 12/01/10 13:58 - 11698 commenti

I gusti di Galbo

Da un romanzo apocrifo scritto da Nicholas Meyer un film che ha per protagonista uno Sherlock Holmes che in trasferta in Austria incontra Freud e affronta un caso complicato. Il film sulla carta promettente non è molto riuscito; la sceneggiatura ingarbugliata e lo scarso carisma degli interpreti ne fanno opera pretenziosa e noiosa. Si può evitare.

Il Dandi 23/02/10 23:37 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Essendo Holmes un paradigma dell'ideologia razionalista e "sospettosa" dei suoi tempi appare naturale (oltre che affascinante e divertente) farlo incontrare ad uno dei protagonisti reali di tale mondo: Sigmud Freud. Trama gialla in secondo piano, mentre la vera verve della pellicola sta nel confronto tra il metodo deduttivo di Sherlock e quello analitico di Freud e ognuno dei due impara qualcosa dall'altro. Grande il Watson di Robert Duvall, che finalmente non è una caricatura e rende giustizia allo spirito di Doyle.
MEMORABILE: Freud: "Quando ha iniziato a drogarsi?" Holmes: "All'università... ero molto infelice". Cento anni prima o cento dopo la storia è sempre la stessa...

Saintgifts 6/11/11 16:56 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Credo che il vero protagonista in questo caso non sia il celebre investigatore (non per questo non fa la sua parte, in deduzioni e acute osservazioni, ed anche in azione) ma Sigmund Freud (un ottimo Alan Arkin, ma anche il resto del cast non scherza). È il celebre psicanalista che mette in grado tutti di muoversi e di muoversi al meglio. Ogni personaggio ha comunque il suo spazio e dà il suo apporto per far scorrere la vicenda, ricca di risvolti, in cui non mancano neppure rigurgiti antisemiti. Forse troppe le visioni di Holmes.

Von Leppe 12/11/17 15:01 - 1110 commenti

I gusti di Von Leppe

Era già successo in pellicole precedenti che Holmes incontrasse personaggi famosi della sua epoca come Jack lo Squartatore. In questa produzione fa coppia con Sigmund Freud, l'indagatore della mente, ma i risultati sono altalenanti, malgrado l'idea interessante. Il punto più debole è proprio Holmes psicoanalizzato: il trauma infantile per spiegare la sua personalità è semplicistico e forzato. Comunque per buona parte del film ci si diverte.

Nicola81 3/09/18 22:23 - 2207 commenti

I gusti di Nicola81

Uno Sherlock Holmes assai diverso da quello creato da Conan Doyle (e infatti la fonte è un romanzo apocrifo) viene messo a confronto nientemeno che con Sigmund Freud. Bel ritmo, elegante ricostruzione d'epoca e cast di lusso in cui spiccano Arkin e soprattutto Duvall (un Watson davvero credibile), senza dimenticare i piccoli ma incisivi ruoli per Olivier, la Redgrave e la Eggar, mentre Williamson cresce con il passare dei minuti. La trama, alla fine, non è niente di che, ma questo è il classico film in cui ci si affeziona ai personaggi.
MEMORABILE: Le deduzioni di Holmes nello studio di Freud; L'inseguimento sui treni.

Vanessa Redgrave HA RECITATO ANCHE IN...

Aal 22/12/19 15:27 - 322 commenti

I gusti di Aal

Solido, divertente e forse uno dei migliori fra gli innumerevoli film dedicati al personaggio creato da Conan-Doyle. Merito di una trama vivace (per gli standard del 1976), non convenzionale e di una riuscita ambientazione viennese con incluso un giovane e dinamicissimo (forse perfino troppo) Sigmund Freud. Ma il punto focale del film è Nicol Williamson (l'iconico Merlino di Excalibur), attore superbo che dona a Holmes un'umanità del tutto inedita per il personaggio. Non male neanche lo Watson di Robert Duval.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Il Dandi • 28/07/12 04:10
    Contratto a progetto - 1491 interventi
    La voce di Robert Duvall è di Nando Gazzolo.

    Curioso dunque che l'unico attore italiano ad aver interpretato Sherlock Holmes si sia poi invece ritrovato a doppiare... il dottor Watson.
  • Homevideo Buiomega71 • 19/08/13 10:22
    Pianificazione e progetti - 23188 interventi
    In dvd per Cult Media, disponibile dal 15/10/2013

    http://www.amazon.it/Sherlock-Holmes-%C2%96-Soluzione-Settepercento/dp/B00E9GRJXC/ref=sr_1_414?s=dvd&ie=UTF8&qid=1376900432&sr=1-414
  • Discussione Caesars • 17/10/13 15:30
    Scrivano - 13803 interventi
    A me risulta (vedere anche Imdb) che il film sia uscito nelle sale col titolo "Sherlock Holmes: soluzione settepercento" (come riportato negli aka.
    Non ho mai visto invece "Sherlock Holmes e la soluzione settepercento". Pertanto, salvo smentita, metterei la titolazione attuale nelle note, preceduta da: "e non" (oppure come aka, se esistesse anche questo titolo). Chiamo comunque anche B.Legnani, che credo abbia inserito la scheda, per sapere che ne pensa.



    Ultima modifica: 17/10/13 15:33 da Caesars
  • Discussione B. Legnani • 17/10/13 15:45
    Consigliere - 14326 interventi
    Caesars ha ragione su tutta la linea.

    Credo che i messaggi di 4 anni fa siano eliminabili.
    Ultima modifica: 17/10/13 15:45 da B. Legnani
  • Discussione Zender • 17/10/13 16:46
    Consigliere - 44921 interventi
    Ok, cambiato titolo, grazie Caesars. Quanto all'aka preferisco non essere perentorio con gli "E non". Meglio un aka non certo. Magari in tv è stato trasmesso così.
  • Homevideo Xtron • 17/08/15 21:12
    Servizio caffè - 1902 interventi
    Ecco il dvd CULT MEDIA

    Audio italiano e inglese
    Sottotitoli in italiano
    Formato video 1.85:1 anamorfico
    Durata 1h48m52s
    Extra: Galleria fotografica

    Immagine a 47:34

    Ultima modifica: 18/08/15 08:27 da Zender
  • Discussione Xtron • 17/08/15 21:18
    Servizio caffè - 1902 interventi
    A circa metà film Freud gioca una partita di "real tennis" o pallacorda. Qualcuno può confermare?