Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/09/08 DAL BENEMERITO PUPPIGALLO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 27/09/08 00:26 - 4858 commenti

I gusti di Puppigallo

Se non fosse per il colpetto di scena finale e per la presenza dei due attoroni (un De Niro e un Pacino comunque un po' alla frutta), questo sarebbe un giallucolo di rara inutilità, dove tutto, dialoghi compresi, è scontato e i personaggi sono così incisivi che si dimenticano già un'ora dopo. Ma dico io, hai due vecchie glorie che, anche se un po' brasate, possono ancora dare qualcosa e gli sottoponi una simile sceneggiatura senza guizzi, che procede sempre uguale, fino all'unica, vera svolta (subito rovinata dall'inevitabile scena madre). E l'"ideona" delle poesie poi... Peccato.
MEMORABILE: Prete accoppato con pantaloni abbassati e poesia arrotolata e infilata nel retto.

Paolog. 27/09/08 16:58 - 10 commenti

I gusti di Paolog.

Il film di Avnet, oltre a presentare il primo e vero proprio incontro articolato tra i due "mostri sacri" De Niro e Pacino (in Heat si incontrano solo alla fine), è un poliziesco tutt'altro che banale, forse un po' di maniera ma sicuramente indegno delle critiche di molta carta stampata. Tutt'altro che sottotono la recitazione dei due attori che passano dall'ironia alla drammaticità con una facilità sbalorditiva; bastano gli sguardi e i silenzi per rendere l'incontro tra i due memorabile.
MEMORABILE: Il dialogo "tarantiniano" all'interno del Salernòs Restaurant.

Elsup 2/10/08 08:25 - 140 commenti

I gusti di Elsup

Vedere finalmente due mostri sacri come De Niro e Al Pacino condividere la scena rende questo poliziesco molto più bello di quanto potrebbe esserlo con altri attori. Il film comunque è tosto, con una propria morale (giusta o sbagliata che sia) e con una regia buona. Il finale è forse un po' troppo scontato.
MEMORABILE: La maggior parte della gente rispetta il distintivo. Tutti rispettano la pistola.

Mascherato 3/10/08 17:02 - 583 commenti

I gusti di Mascherato

I poliziotti, sul finire della loro carriera, cercano di stare tranquilli ed in prossimità della pensione non rischiano di sputtanare la carriera. Gli Attori no. Gli ATTORI, sebbene insigniti più volte del premio Oscar, nonostante abbiano interpretato capolavori indimenticabili, non rischiano di, ma sicuramente sputtanano la loro carriera partecipando ad abomini come questo scaturito dal pc di Russell Gewirtz (per lui, dopo Inside Man, propongo il prepensionamento immediato). Bob & Al Goes to Postal.
MEMORABILE: La poesia nel retto del prete!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

G.Godardi 8/10/08 12:38 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Primo vero duetto per i due grandi attori, dopo essersi sfiorati un paio di volte parallelamente (Il Padrino II) e virtualmente (Heat). Ed è praticamente l'unico motivo per seguire questo film, pasticciato più che mai, con una sceneggiatura piena di incongruenze, false piste e buchi. Peccato perché la confezione è molto curata (ottimo i montaggio) e un paio di battute vanno davvero a segno (soprattutto perché riguardano la realtà dei due attori. Anche la recitazione dei due non fa faville, è più una gara di gigioneria che sfocia in una fastidiosa caricatura.
MEMORABILE: "Sono come Lennon e McCartney!" "Sai tu, sei il mio modello.. avrei sempre voluto essere come te."

Hackett 12/10/08 19:01 - 1830 commenti

I gusti di Hackett

È bello vedere i due mostri a confronto, talmente bello che passano in secondo piano una trama piena di buchi ed una vicenda tutto sommato abbastanza prevedibile. Certo il dipartimento di polizia appare un po' gerontologico (forse segno della crisi finanziaria) con Brian Dennehy che riesce a sembrare più vecchio di tutti. Ma il duo Pacino-De Niro vale il biglietto.

Galbo 18/12/08 05:59 - 11854 commenti

I gusti di Galbo

Il molto atteso nuovo incontro cinematografico tra due dei piuù grandi attori americani di tutti i tempi, atteso dai tempi di Heat, è un film purtroppo tutt'altro che memorabile. Si tratta di un poliziesco di pura routine, diretto da un regista non particolarmente dotato che il limite maggiore nella prevedibilità che riguarda anche il finale. I due mostri sacri si impegnano per il minimo sindacale e tuttavia la loro presenza rappresenta l'unico valido motivo per la visione.

Herrkinski 15/01/09 19:44 - 6610 commenti

I gusti di Herrkinski

Il tanto atteso incontro delle due megastar si rivela un mezzo flop. Infatti nel film di Avnet regna una certa inettitudine registica e persino due mostri sacri come De Niro e Pacino (specialmente il secondo) talvolta sembrano svogliati, come se stessero semplicemente timbrando il cartellino. Simpatico il colpo di scena, ma in compenso il finale non lascia nulla e il resto del film scorre piacevolmente ma senza pathos. In parole povere avrebbero potuto interpretarlo due attori qualunque e sarebbe comunque stato un poliziesco di basso profilo..
MEMORABILE: Il colpo di scena.

Cangaceiro 31/05/09 14:36 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Senza dubbio, per il loro primo vero film in coppia questi due miti viventi del cinema avrebbero meritato un progetto migliore. Qui troviamo solo una regia anonima e una sceneggiatura banale, salvata dal piattume solo dall'espediente del filmato di De Niro, preparatorio al prevedibile capovolgimento finale. Entrambi sembrano invecchiati, sottotono, il grosso ormai lo hanno già dato ma qualche zampata alla vecchia maniera ancora la regalano. Se a doppiarli fossero stati il compianto Amendola e Giannini sarebbe stato molto meglio. Promosso solo per quei due.

Cotola 1/07/09 21:03 - 8313 commenti

I gusti di Cotola

A dire la verità il film si lascia anche seguire senza troppi problemi, nonostante la sceneggiatura sia infarcita di luoghi comuni e di scelte viste e riviste fatta eccezione per il colpo di scena finale che però non convince appieno. Forse un po' di inventiva in più e una regia e uno stile più personale avrebbero giovato al risultato finale. Pacino e De Niro recitano per la terza volta insieme fornendo delle prove "buone" ma non certo eccezionali. Di sicuro due mostri sacri come loro meritano pellicole migliori.

Jon Avnet HA DIRETTO ANCHE...

Rambo90 3/02/10 02:13 - 7064 commenti

I gusti di Rambo90

A 13 anni di distanza dal mitico Heat, De Niro e Pacino tornano a recitare insieme, questa volta sono sempre fianco a fianco dalla prima all'ultima inquadratura. La storia non è granchè ma vedere recitare questi due miti insieme per la seconda (e ultima?) volta in un thriller regala non pochi brividi e dà al film tutto il necessario per essere ottimo. Buono anche il cast di contorno dal ritrovato Dennehy alla coppia Leguizamo/Whalberg, pessimo 50 Cent, per fortuna relegato in un piccolo ruolo. Da vedere assolutamente.

Capannelle 3/03/10 09:04 - 4043 commenti

I gusti di Capannelle

Film discreto, una specie di Seven applicato ai tutori della legge, ma sotto le aspettative che la coppia di mostri sacri poteva creare. La regia di Avnet non è male e sufficientemente di personalità però tende a soffermarsi troppo sui due attoroni e non sempre dà mordente alla storia. Trama e prove attoriali rimangono così nella media, il finale è deludente anche perché De Niro in tuta da jogging extralarge... nun se pò vede.

Lovejoy 17/08/10 15:30 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Pessimo thriller prevedibile dal primo all'ultimo minuto. Mai un brivido, mai un colpo di scena realizzato come Dio comanda, con dialoghi di una banalità sconfortante e con personaggi a dir poco ridicoli. Spiace vedere coinvolti in simile bassa operazione due divi come Pacino e De Niro (per non parlare di Brian Dennehy...), ma evidentemente non avevano niente di meglio da fare. Evitare.

Enzus79 26/10/11 15:39 - 2285 commenti

I gusti di Enzus79

Al Pacino e Robert De Niro insieme: sarà un capolavoro? No. Trama con un finale che già si capisce a metà del film ma che nonostante tutto coinvolge abbastanza. Meglio Al che Robert (interprete di un personaggio proprio antipatico).

Siregon 16/07/11 17:45 - 353 commenti

I gusti di Siregon

Operazione prostituzione per l'accoppiata De Niro/Pacino che dovevano fermarsi all'incontro in Heat di Michael Mann. Colpi di scena telefonati, regia piatta, musiche pessime, fotografia da noir stereotipato. Non salvo niente di questo prodotto banale il cui unico scopo è mostrare i due mostri sacri nelle stesse inquadrature. Si dimentica in fretta, fortunatamente.

Tarabas 1/02/13 23:07 - 1843 commenti

I gusti di Tarabas

INPS - La sfida. Dopo il capolavoro di Michael Mann, De Niro e Pacino si ritrovano sul set per problemi di contributi previdenziali. Tirare avanti fino alla pensione è dura per loro come per i loro personaggi, due sbirri vecchi e incattiviti. Tremendo film alimentare, caratterizzato da un colpo di scena "preparato" dalla peggior falsa pista mai vista su uno schermo di serie A. Sceneggiatura al macero, recitazione fasulla (e doppiaggio di De Niro inascoltabile) e due stelle che fa male al cuore vedere invecchiare così male. Sciagura.

Almicione 30/06/13 01:30 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Non bastano De Niro e (un non eccezionale) Al Pacino per fare un buon film. Già il principio è deludente e la confessione all'inizio illude per tutta la durata del film finché non si ha la sorpresa finale, la quale però non sorprende l'ormai assopito spettatore annoiato dall'assenza di colpi di scena. A ciò va ad aggiungersi una regia non impeccabile e una storia per niente credibile. L'unico pregio è la sceneggiatura, che poteva essere sfruttata molto meglio al fine di creare maggiore suspense. Inadatti i due protagonisti nei loro ruoli.

Saintgifts 6/09/13 00:01 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Prodotto stanco, come stanchi sembrano i due celebri protagonisti, grandi nomi di richiamo (avrebbero dovuto essere) per attirare pubblico in cerca di sicurezze per quello che concerne la qualità. La qualità però latita in tutti i settori (sceneggiatura, regia, interpretazioni) e ne vien fuori un film che sembra basare tutto sul finale (a dire il vero la parte meglio recitata); finale che si può benissimo prevedere, annullando così l'unica carta che poteva sollevare un po' il giudizio generale. Collage di idee e scene prese da film precedenti.
MEMORABILE: La tenda della doccia strappata, con gli anelli che saltano; citazione, omaggio o copia?

Rigoletto 5/11/13 15:27 - 1714 commenti

I gusti di Rigoletto

Quando si mettono insieme due attori come Pacino e De Niro, l'attesa che si crea prevede un prezzo altissimo; tutti (me compreso) si aspettano il "filmone" se non addirittura il capolavoro. Resta un discreto thriller poliziesco, non brutto ma certo non memorabile, con grandi nomi e buchi di regia altrettanto grandi. La domanda, che può sembrare volutamente provocatoria, è: riusciremo mai a trovare un regista capace di rendere realmente compatibili Al & Bob? La speranza è l'ultima a morire. Sfruttato poco e male Brian Dennehy. **!

Nando 8/02/14 09:43 - 3629 commenti

I gusti di Nando

Thriller convenzionale che annovera due mostri sacri alquanto imbolsiti. De Niro è impresentabile in un ruolo antipatico mentre Pacino se la cava con mestiere; tuttavia è la vicenda a non entusiasmare, con una trama confusamente concatenata. Il finale è scontato, un'occasione persa inesorabilmente.

Robert De Niro HA RECITATO ANCHE IN...

Pigro 26/08/14 10:11 - 8756 commenti

I gusti di Pigro

Il classico tema del poliziotto giustiziere lascia qui gli aspetti più psicologici, sociali o cruento-sensazionalistici per dar spazio alle ricercatezze modaiole di un montaggio narrativo frenetico e intricato, che oltretutto mette a segno un bel colpo di scena finale. Ma di fatto il film non ha veri spunti di originalità e una vera necessità. Il reale punto di interesse è semmai la coppia Pacino-De Niro che, anche recitando in automatico, dà sempre grandi soddisfazioni. Al solito, il titolo italiano banalizza quello originale.

Jandileida 19/06/15 11:37 - 1385 commenti

I gusti di Jandileida

Mandare la gente in pensione troppo tardi causa non solo l'intasamento del mercato del lavoro ma anche la base per questo filmetto abbastanza insipido, con una storia vista e rivista in cui i tentativi di "fare il giovane" di Avnet dietro la MDP sono decisamente tristi, con tutti quei ralenti inutili. Capitolo a parte meritano Bob e Al, due mostri sacri del cinema di cui resta ormai solo un simulacro, un'idea di quello che furono. Certo, il mestiere non gli fa difetto, ma l'aria che si respira non è tanto diversa da quella del Blue Gay. Stanco.

Piero68 7/09/15 10:32 - 2866 commenti

I gusti di Piero68

Non credo sia un caso che nel titolo ci sia la parola "sfida". Sicuramente una sorta di memo per ricordare il più quotato film di Mann che vedeva contrapposti, per la prima volta, i due mosti sacri De Niro/Pacino. Quanto a questa pellicola non c'è tanto da dire. Anche se può contare su una buona confezione e un ottimo cast, la storia si incanala su binari noti e non offre molti spunti. Qualche buon momento e nulla più. Anche perché è abbastanza evidente che non poteva certo essere Avnet il regista che il film richiedeva.

Fulcanelli 5/10/15 13:46 - 135 commenti

I gusti di Fulcanelli

Essenzialmente realizzato solo per rivedere Pacino e De Niro recitare di nuovo insieme. Il risultato è misero. Entrambi gli attori sono poco credibili nei ruoli di detective vecchio stampo: Pacino è super scanzonato, De Niro appare con i soliti atteggiamenti da psicopatico. La storia è banale e anche lasciandosi leggermente seguire non cattura mai l'attenzione dello spettatore. Da dimenticare.

Minitina80 5/01/16 09:33 - 2740 commenti

I gusti di Minitina80

Il difetto maggiore è la presenza di De Niro e Pacino, i cui cognomi alzano notevolmente le aspettative nei confronti di un thriller che non riscrive la storia del genere e non riserva alcuna sorpresa memorabile, ma che in fin dei conti non demerita eccessivamente. La narrazione è abbastanza lineare e la soluzione finale si comincia a intuire in anticipo sui tempi; non per questo merita di essere buttato giù dalla torre senza avergli dato fiducia almeno una volta.

Vito 13/01/17 08:34 - 687 commenti

I gusti di Vito

Secondo incontro tra i due mostri sacri del cinema americano dopo Heat. De Niro e Al Pacino di nuovo insieme in questo poliziesco forse un po' banalotto ma con un ritmo serrato, buoni dialoghi, una regia funzionale e una certa crudezza, in alcune sequenze. Ottimo anche Leguizamo e sempre gradita la presenza del mitico Brian Dennehy.

Il ferrini 11/06/17 22:45 - 1950 commenti

I gusti di Il ferrini

Avere a disposizione De Niro e Pacino e girarci praticamente una puntata di CSI. Lo script è di quelli stravisti, quello che dovrebbe essere il colpo di scena finale lo si intuisce dopo la prima mezz'ora e a completare il quadro abbiamo una regia e una fotografia che più televisive non si può (in Heat almeno quelle si salvavano). Certo la coppia regala qualche buon momento e ci mancherebbe, ma 50 Cent è pessimo e la Gugino che si eccita per i racconti di pestaggi è piuttosto imbarazzante. Un'occasione sprecata.

Reeves 21/11/20 07:42 - 1018 commenti

I gusti di Reeves

E' ovvio che chi ha prodotto questo film ha pensato che l'aver messo insieme Robert De Niro e Al Pacino fosse motivo sufficiente per catturare il pubblico di tutto il mondo. E infatti si rimane quasi storditi da quanto siano bravi i due quando si dividono la scena. Ma poi si pensa che la storia è davvero banale (poesie comprese) e che la realizzazione è piatta e di maniera. E allora si ripensa a quanto fosse bello il film di Mann e si termina la visione insoddisfatti. Però, quei due....

Camibella 26/12/20 22:44 - 277 commenti

I gusti di Camibella

Per il ritorno sulle scene della coppia hollywoodiana per antonomasia Pacino-De Niro ci si aspettava qualcosa di diverso e, soprattutto, di migliore. Invece i due mostri sacri della cinematografia americana si cimentano in una trama convenzionale che fa acqua da tutte le parti. Colpa sicuramente di una sceneggiatura ricca di sciocchezze sin dalle prime battute e di un susseguirsi di situazioni che si fatica a seguire.

Daniela 1/02/21 02:34 - 11451 commenti

I gusti di Daniela

Una coppia di detective in età pensionabile indaga su un serial killer le cui vittime sono criminali che per un motivo o l'altro l'hanno fatta franca... Poliziesco che in apparenza mette subito le carte in tavola per poi puntare su un colpo di scena nel finale, spiazzante nelle intenzioni ma in realtà facilmente intuibile già a metà film. Poco o nulla da salvare: la messa in scena è ordinaria,  i personaggi sono un campionario di stereotipi, i dialoghi suonano forzati e/o fasulli, i due divi sembrano la caricatura di loro stessi, sprecati gli altri attori. Film bolso, stantio. 

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Cangaceiro • 27/09/08 14:30
    Call center Davinotti - 742 interventi
    Purtroppo ho sentito dal trailer che Pacino non è doppiato da Giancarlo Giannini.Peccato perchè,dopo i film "People I know" e "Rischio a due" in cui fu Diego Reggente a prestargli la voce,la coppia si era ricostituita in Ocean's Thirteen,nel 2007.Così su due piedi non riesco a spiegarmi questa mancanza...
  • Discussione Zender • 28/09/08 09:56
    Pianificazione e progetti - 45714 interventi
    Sarebbe interessante capire se "si sente" che la voce di Pacino è molto diversa o no.
  • Discussione Gugly • 28/09/08 10:17
    Portaborse - 4666 interventi
    Cangaceiro ebbe a dire:
    Purtroppo ho sentito dal trailer che Pacino non è doppiato da Giancarlo Giannini.Peccato perchè,dopo i film "People I know" e "Rischio a due" in cui fu Diego Reggente a prestargli la voce,la coppia si era ricostituita in Ocean's Thirteen,nel 2007.Così su due piedi non riesco a spiegarmi questa mancanza...


    mah...credo siano problemi di produzione, di organizzazione, di impegni...Giannini è sempre presissimo tra fiction , film di James Bond, ospitate, e bisogna vedere per cosa ha firmato prima!
  • Discussione Cangaceiro • 28/09/08 14:02
    Call center Davinotti - 742 interventi
    Tra l'altro ho appena letto su internet che nel film Pacino è doppiato da Massimo Corvo,doppiatore ufficiale di Stallone dopo la prematura scomparsa di Ferruccio Amendola,ma nel trailer è tale Paolo Marchese a prestargli la voce...
  • Discussione Zender • 28/09/08 19:39
    Pianificazione e progetti - 45714 interventi
    Cangaceiro ebbe a dire:
    Tra l'altro ho appena letto su internet che nel film Pacino è doppiato da Massimo Corvo,doppiatore ufficiale di Stallone dopo la prematura scomparsa di Ferruccio Amendola,ma nel trailer è tale Paolo Marchese a prestargli la voce...
    Questa è bella, Cangaceiro! Quindi nel trailer Pacino ha una voce diversa rispetto al film... Solo in Italia! Quindi Corvo sta seguendo le tracce di Amendola, a quanto pare, che aveva proprio (anche) i due divi in carniere!