Settimo potere

Media utenti
Titolo originale: The Resurrection of Zachary Wheeler
Anno: 1971
Genere: fantascienza (colore)
Regia: Bob Wynn
Note: Aka "The Resurrection of Clayton Zachary Wheeler".
Numero commenti presenti: 3

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/04/20 DAL BENEMERITO HERRKINSKI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Herrkinski 21/04/20 14:59 - 5125 commenti

I gusti di Herrkinski

Il soggetto dei cloni e degli esperimenti sulle cellule staminali ricorda certe cose di Michael Crichton, così come le implicazioni politiche; per l'epoca può quindi dirsi un lavoro avanti sui tempi, anche considerando che è un tema tuttora discusso. La realizzazione è decorosa e presenta un cast di un certo valore, però il film ha il principale difetto, tipico di molte opere settantiane, di basarsi troppo sugli estenuanti dialoghi scientifici ed etici dimenticando d'intrattenere lo spettatore; a parte qualche scena di tensione si sbadiglia.

Renato 3/08/20 12:42 - 1556 commenti

I gusti di Renato

Mediocre thriller fantascientifico che sembra quasi un film-tv. Nielsen viene licenziato dal giornale in cui lavora come reporter e decide di mettersi a indagare per conto suo su quanto di misterioso e inspiegabile ha visto: è solo una delle tante, troppe convenzioni che il film rispetta. Compresa la solita, improbabile love story tra il senatore ricoverato all'ospedale e la dottoressa sexy. Dialogatissimo, regala un paio di belle sequenze, ma lo sbadigliometro registra picchi notevoli in diversi punti.

Mco 12/09/20 11:52 - 2150 commenti

I gusti di Mco

La voglia di seguire le orme di Prometeo è un chiodo fisso dell’essere umano. E questo film di Bob Wynn ne è conferma, con un James Daly che si muove con padronanza nelle vesti di (quasi) novello Victor Frankenstein. Si parla di "soma" e non di involucri o peggio ancora di zombi, ma la sostanza cambia poco, vista la scarsa vitalità (e durata) che hanno queste creature di laboratorio. Deliziosa la Dickinson nei panni di una dottoressa dal cuore tenero e simpatico Leslie Nielsen in quelli di un giornalista alla ricerca della scomoda verità sul caso Wheeler. Godibilissimo.
MEMORABILE: "Una ragione valida c'è sempre per tenere vivo chiunque sia, se non altro perché già esiste" dice Dillman / Wheeler.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.